La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi di Pisa Valerio Cutini insegnamento di Tecnica Urbanistica Corso di laurea triennale in Ing. Edile Ingegneria del Territorio Corso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi di Pisa Valerio Cutini insegnamento di Tecnica Urbanistica Corso di laurea triennale in Ing. Edile Ingegneria del Territorio Corso."— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi di Pisa Valerio Cutini insegnamento di Tecnica Urbanistica Corso di laurea triennale in Ing. Edile Ingegneria del Territorio Corso di laurea magistrale in Ing. Idraulica,Trasporti e Territorio Lezione n° 8. L’approccio percettivo a.a. 2013 / 2014

2 valerio cutini a.a. 2013-2014 L’approccio percettivo all’analisi urbana I modelli fui qui esaminati presentano una logica di tipo razionale, fondata su un approccio deterministico Intorno alle metà degli anni ‘60, conobbe un periodo di grande successo un approccio di tipo diverso, fondato sul riconoscimento dell’importanza di aspetti di natura intuitiva, legati al modo di percepire la scena urbana Come si percepisce la città?

3 valerio cutini a.a. 2013-2014 L’approccio percettivo L’affermazione della teoria della percezione corrisponde ad una radicale alterazione nello schema dell’analisi territoriale, che si è affermata negli anni ‘60 Da una visione deterministica e binaria … … ad una visione più articolata territorio comportamento spaziale territorio comportamento spaziale osservatore

4 valerio cutini a.a. 2013-2014 L’approccio percettivo L’uomo non è più assunto come una black box, un elemento sconosciuto, una costante inerte e irrilevante nei fenomeni territoriali Tramonta la considerazione dell’uomo come perfettamente informato, infinitamente sensibile e tale da comportarsi sempre in modo razionale Si passa da una visione deterministica ad una visione probabilistica dei fenomeni territoriali L’uomo viene assunto come una variabile la cui presenza ed il cui comportamento sono determinanti nei fenomeni territoriali Ciò comporta una trasformazione radicale nella modellistica territoriale

5 valerio cutini a.a. 2013-2014 L’approccio percettivo Secondo tale visione, il comportamento spaziale dipende dalla comprensione e dalla valutazione individuale del contesto insediativo il modo in cui il mondo reale viene trasformato nell’immagine mentale dell’individuo gli effetti dell’immagine mentale sulle decisioni ed i comportamenti individuali e collettivi Tale processo cognitivo dipende naturalmente dal modo in cui l’individuo percepisce l’ambiente in cui opera Diventa quindi essenziale studiare:

6 valerio cutini a.a. 2013-2014 L’approccio percettivo Nasce la disciplina finalizzata a indagare il modo in cui il mondo reale viene trasformato nell’immagine mentale dell’individuo Gestaltpsychology Nel 1960 Kevin Lynch pubblica The image of the City, destinato a diventare un riferimento nella teoria della percezione dello spazio urbano

7 valerio cutini a.a. 2013-2014 Lynch: l’immagine della città L’immagine della città è il risultato di un processo di interazione fra la scena urbana e l’osservatore, che elabora la sua percezione in base alla propria esperienza, alla propria disposizione alla propria cultura L’immagine urbana può variare notevolmente da un osservatore all’altro Lynch si interessa dell’immagine collettiva della città, ossia del quadro mentale che un largo strato della popolazione porta con sé

8 valerio cutini a.a. 2013-2014 La figurabilità (imageability) È la figurabilità a guidare l’orientamento di un individuo, determinando le condizioni per l’assunzione di scelte e comportamenti nello spazio urbano Lynch: le qualità percettive dell’ambiente urbano capacità di evocare in un osservatore una immagine vigorosa della realtà sinonimi: leggibilità, appariscenza, visibilità La figurabilità della forma urbana è al centro della teoria di Lynch

9 valerio cutini a.a. 2013-2014 Per determinare i fattori della figurabilità, Lynch studiò la comparazione dell’immagine collettiva della città di alcune città americane con la loro struttura effettiva Boston Lynch: le componenti della figurabilità Strumento per il rilievo dell’immagine collettiva delle città fu l’intervista di un esteso campione di osservatori Jersey CityLos Angeles Richiesta di descrizioni Richiesta di localizzazioni Richiesta di schizzi Richiesta di percorsi

10 valerio cutini a.a. 2013-2014 Da tale confronto emergono vivide molte differenze, che deformano nella visione collettiva la struttura della città Lynch: i risultati della comparazione Sistematizzando tali differenze, Lynch riconosce gli elementi principali che costituiscono l’immagine della città, determinando la figurabilità della sua forma È su tali elementi che, per Lynch, l’individuo costruisce la mappa mentale dello spazio urbano percorsi margini quartieri nodi riferimenti

11 valerio cutini a.a. 2013-2014 I percorsi (paths) Lynch: gli elementi dell’immagine urbana I percorsi sono i canali lungo i quali l’osservatore si muove (abitualmente oppure occasionalmente) Per molti individui, i percorsi sono gli elementi preminenti della propria immagine urbana strade vie pedonali vie d’acqua ferrovie linee di trasporto collettivo La gente osserva la città muovendosi lungo di essi, e ne relaziona l’immagine ai percorsi che utilizza

12 valerio cutini a.a. 2013-2014 I margini (edges) Lynch: gli elementi dell’immagine urbana I margini sono gli elementi lineari che l’osservatore non percepisce come percorsi I margini sono interruzioni lineari di continuità, elementi di separazione fra aree, zone, contesti rive di fiumi rilevati ferroviari mura urbane filari di alberi limiti dell’edificato Talvolta i margini sono percepiti come elementi di continuità, sutura, collegamento fra aree

13 valerio cutini a.a. 2013-2014 I quartieri (districts) Lynch: gli elementi dell’immagine urbana I quartieri sono le zone della città, concepite come elementi bidimensionali in cui è possibile entrare, definiti da alcune caratteristiche individuanti La maggior parte degli osservatori struttura la propria mappa mentale della città in quartieri, spesso non coincidenti con le distinzioni storiche, toponomastiche o amministrative riconosciute

14 valerio cutini a.a. 2013-2014 I nodi (nodes) Lynch: gli elementi dell’immagine urbana I nodi sono i luoghi strategici puntiformi della città, i fuochi dai quali e verso i quali l’osservatore si muove I nodi sono legati al percorso, in quanto ne costituiscono i terminali incroci di strade piazze o luoghi di relazione terminali di linee di trasporto I nodi sono legati al quartiere, in quanto ne costituiscono il punto focale

15 valerio cutini a.a. 2013-2014 I riferimenti (landmarks) Lynch: gli elementi dell’immagine urbana I riferimenti sono gli elementi puntiformi ai quali l’osservatore non ha accesso, ma che gli rimangono esterni edifici insegne negozi I riferimenti sono frequentemente utilizzati come indizi di identità di un quartiere, o come elementi di identificazione di un percorso campanili alture

16 valerio cutini a.a. 2013-2014 Lynch: la struttura dell’immagine urbana Tramite i 5 elementi ora definiti, è possibile costruire la struttura dell’immagine urbana, ovvero la mappa mentale collettiva di un insediamento Quanto più numerosi sono gli elementi dell’immagine urbana, tanto più la struttura della città risulta dotata di figurabilità Un insediamento altamente figurabile è in grado di evocare una vivida immagine nella percezione della collettività

17 valerio cutini a.a. 2013-2014 Lynch: gli effetti della figurabilità Dalla vividezza dell’immagine urbana assicurata dalla figurabilità scaturiscono nell’osservatore sentimenti di piacere, di soddisfazione, di partecipazione Gli elementi dell’immagine urbana hanno la funzione non secondaria di aiutare l’orientamento, guidando le scelte comportamentali degli individui negli spostamenti La diversa percettibilità degli spazi urbani deforma l’impedenza spaziale fra due luoghi, non più risultante in modo deterministico dalla loro distanza geometrica


Scaricare ppt "Università degli Studi di Pisa Valerio Cutini insegnamento di Tecnica Urbanistica Corso di laurea triennale in Ing. Edile Ingegneria del Territorio Corso."

Presentazioni simili


Annunci Google