La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CALCAGNO1 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO La Sicurezza della Scuola… o la Scuola della Sicurezza? Corso per Dirigenti Scolastici Torino 17.1.2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CALCAGNO1 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO La Sicurezza della Scuola… o la Scuola della Sicurezza? Corso per Dirigenti Scolastici Torino 17.1.2011."— Transcript della presentazione:

1 CALCAGNO1 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO La Sicurezza della Scuola… o la Scuola della Sicurezza? Corso per Dirigenti Scolastici Torino

2 CALCAGNO2 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Assegnare un’alta priorità all’esame del “dossier sicurezza”

3 CALCAGNO3 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Le strutture e gli impianti devono essere sicuri Non è sufficiente osservare - anche se va fatto - solo le prescrizioni e le formalità di carattere procedurale

4 CALCAGNO4 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Un duplice rischio per il dirigente  come datore di lavoro  come persona fisica esposta ai rischi per l’incolumità

5 CALCAGNO5 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Il dirigente è individuato come datore di lavoro  dalle norme su sicurezza e privacy  dalla giurisprudenza della Cassazione

6 CALCAGNO6 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO La sicurezza delle scuole dipende quasi esclusivamente dalla struttura in cui il lavoro scolastico si svolge. Occorre pertanto concentrarsi prioritariamente sull'edificio e sui suoi impianti.

7 CALCAGNO7 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Importanza del sopralluogo diretto degli edifici (con l’assistenza di RSPP–Responsabile del Ser-vizio di Prevensione e Protezione-e RLS – Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza):  da effettuare nei primissimi giorni e in tutti i plessi;  da documentare (appunti personali, foto). Immaginare le possibili situazioni di pericolo e valutare le eventuali contromisure

8 CALCAGNO8 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Analisi delle principali criticità  Edificio non idoneo (p.es., mancanza di scala antincendio e/o uscite di sicurezza);  Illuminazione insufficiente/adeguata;  Sedie non ergonomiche;  Mancanza di personale formato;  Ruoli e funzioni non ben definite;

9 CALCAGNO9 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Analisi delle principali criticità  Orario di servizio che non garantisce la presenza costante di personale formato, se presente nell’istituto, nelle varie emergenze;  Mancanza di segnaletica o segnaletica non adeguata e ben visibile;  Mancanza /Inadeguatezza di mezzi per la prevenzione e il Pronto intervento;  Mancanza o non aggiornamento del Piano di evacuazione; controllare svolgimento esercitazioni  Planimetrie poco leggibili o non presenti in tutti i locali.

10 CALCAGNO10 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Ogni utilizzo di risorse comporta l’assunzione di rischi Il rischio è la probabilità che si verifichino eventi che producano danni a persone o cose per effetto di una fonte (pericolo)

11 CALCAGNO11 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO I rischi che danno luogo a responsabilità civile (p.es. i danni cagionati a terzi da comportamenti illeciti degli alunni) possono essere trasferiti mediante stipula di un contratto di assicurazione della RCT.

12 CALCAGNO12 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO La gestione dei rischi (risk management)  i rischi vanno individuati e gestiti  possibilmente evitati  o trasferiti a terze parti (assicurazione)  quanto meno, vanno ridotti i loro effetti negativi

13 CALCAGNO13 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO In caso di evento dannoso si ha responsabilità dell’amministrazione scolastica e del personale (soprattutto dirigenti e docenti) il medesimo evento può dare origine a più forme di responsabilità, che si sovrappongono:  penale  da illecito amministrativo  civile  amministrativa e contabile  disciplinare

14 CALCAGNO14 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO “Il Codice della privacy e le scuole” Decreto legislativo n. 196/2003 in relazione agli adempimenti delle scuole

15 CALCAGNO15 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Il Dirigente dell’istituzione Scolastica Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196 recante il Codice in materia di protezione di dati personali, e segnatamente gli artt. 34 ss., nonché l’allegato B del suddetto d.lgs., contenente il Disciplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza. Considerato che l’Istituzione Scolastica…., con sede in Via…., città…. in quanto dotata di un autonomo potere decisionale, ai sensi dell’art.28 del d.lgs. n. 196 del 2003, deve ritenersi titolare del trattamento di dati personali; Atteso che la suddetta Istituzione scolastica è tenuta a prevedere ed applicare le misure minime di sicurezza di cui agli artt. 31 e ss. del d.lgs. n.196 del 2003, adotta il presente DOCUMENTO PROGRAMMATICO DELLA SICUREZZA

16 CALCAGNO16 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO SALUTE (Art. 2, c. 1, lett. o), T.U.S.) SALUTE E’ STATO INTRODOTTO IL CONCETTO DI “ SALUTE ”, CORRISPONDENTE ALLA DEFINIZIONE DELL’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA’ (O.M.S.): Salute fisico, mentale e sociale >: stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non consistente solo in un’assenza di malattia o d’infermità

17 CALCAGNO17 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO …di cosa…o chi mi devo “preoccupare”? ASL Spresal..me stesso…. I consulenti Enti Locali

18 CALCAGNO18 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO 1. Il DS come datore di lavoro, dirigente e relativi adempimenti 2. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e degli addetti all’emergenza 3. Formazione di RSPP e ASPP, RLS, preposti 4. La valutazione dei rischi 5. Il Documento di valutazione dei rischi 6. Informazione, formazione dei lavoratori 7. Didattica della sicurezza rivolta agli allievi 8. Sorveglianza sanitaria e nomina del medico competente 9. Emergenze 10. Rapporti con gli enti locali 11. Igiene dell’ambiente di vita scolastico 12. Infortuni, gestione del rapporto assicurativo Normativa

19 CALCAGNO19 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Datore di Lavoro Con riferimento al D.lgs. 165/2001 si citano in particolare i commi 2 e 4 che così recitano: 2. Il dirigente scolastico assicura la gestione unitaria dell'istituzione, ne ha la legale rappresentanza, è responsabile della gestione delle risorse finanziarie e strumentali e dei risultati deI servizio. Nel rispetto delle competenze degli organi collegiali scolastici, spettano al dirigente scolastico autonomi poteri di direzione, di coordinamento e di valorizzazione delle risorse umane. 4. Nell'ambito delle funzioni attribuite alle istituzioni scolastiche, spetta al dirigente l'adozione dei provvedimenti di gestione delle risorse e del personale.

20 CALCAGNO20 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Circa l’individuazione in ambito scolastico, occorre fare riferimento al Decreto Ministeriale 21 giugno 1996, n. 292, che all’art. 1 comma c), per le istituzioni scolastiche dipendenti dal Ministero della Pubblica Istruzione, individua il “datore di lavoro”, nel “Capo della Istituzione Scolastica ed Educativa Statale”.

21 CALCAGNO21 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Per datore di lavoro, ai sensi dell’art. 2 comma 1 lettera b) del D.lgs. 81/08, nelle pubbliche amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2 del D.lgs. 30 marzo 2001, n. 165, si intende il dirigente al quale spettano i poteri di gestione, ovvero il funzionario non avente qualifica dirigenziale, nei soli casi in cui quest’ultimo sia preposto ad un ufficio avente autonomia gestionale, individuato dall’organo di vertice delle singole amministrazioni tenendo conto dell’ubicazione e dell’ambito funzionale degli uffici nei quali viene svolta l’attività, e dotato di autonomi poteri decisionali e di spesa.

22 CALCAGNO22 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Inoltre, in funzione delle loro attribuzioni, possono essere individuati come dirigenti quei soggetti, quali ad esempio i vicari del Dirigente scolastico e il responsabile di plesso quando, per incarico formale o di fatto, esercitano funzioni di organizzazione e vigilanza dell’attività lavorativa. I Dirigenti

23 CALCAGNO23 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO 1.3 I preposti La figura del «preposto» è definita dall’art. 2 del comma 1, lettera e) del D.lgs. 81/08 persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l’attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa; Si ritiene che possano essere individuatati come preposti quei soggetti, quali ad esempio gli insegnanti, sia teorici che tecnico-pratici, e gli assistenti tecnici nei confronti degli allievi solo nel caso in cui gli stessi facciano uso di laboratori, attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici, ivi comprese le apparecchiature fornite di videoterminali, che per delega formale o di fatto svolgano funzioni che rientrano nella definizione sopra riportata.

24 CALCAGNO24 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO La Corte di Cassazione, IV Sez. pen. - Sentenza 8 febbraio 2008, n ha infine chiarito che: “i collaboratori del datore di lavoro sono, al pari di quest'ultimo, da considerare, per il fatto stesso di essere inquadrati come dirigenti o preposti e, nell'ambito delle rispettive attribuzioni e competenze, destinatari iure proprio dell'osservanza dei precetti antinfortunistici, indipendentemente dal conferimento di una delega ad hoc”.

25 CALCAGNO25 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO L’articolo 16 del D.lgs. 81/08 disciplina la Delega di funzioni stabilendo quanto segue: La delega di funzioni da parte del datore di lavoro, ove non espressamente esclusa, è ammessa con i seguenti limiti e condizioni: a) che essa risulti da atto scritto recante data certa; b)che il delegato possegga tutti i requisiti di professionalità ed esperienza richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate; c) che essa attribuisca al delegato tutti i poteri di organizzazione, gestione e controllo richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate; d) che essa attribuisca al delegato l'autonomia di spesa necessaria allo svolgimento delle funzioni delegate; e) che la delega sia accettata dal delegato per iscritto.

26 CALCAGNO26 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO “lavoratore”, può essere a titolo esemplificativo ricondotto alle seguenti figure professionali: i docenti il personale amministrativo il personale tecnico il personale collaboratore scolastico.

27 CALCAGNO27 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO L’equiparazione opera nei periodi in cui gli allievi siano effettivamente applicati alle strumentazioni e ai laboratori in questione anche durante le prove di esame. …e gli alunni?

28 CALCAGNO28 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Il Decreto Legislativo 81/08 pone a carico del Datore di lavoro, dei Dirigenti e dei preposti diversi obblighi. In particolare, ai sensi dell’art. 17 comma 1 del D.lgs. 81/08, il datore di lavoro non può delegare le seguenti attività: 1. la valutazione di tutti i rischi con la conseguente elaborazione del documento (DVR) previsto dall’art. 28; 2. la designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi (RSPP).

29 CALCAGNO29 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Al datore di lavoro e ai dirigenti (nei limiti dei poteri gerarchici e funzionali loro affidati) spettano, tra gli altri, gli obblighi indicati nell’art. 18 del D.lgs. 81/08. Tra questi i principali si possono così riassumere: -designare preventivamente i lavoratori incaricati dell’attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell’emergenza; -nominare l’addetto/addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione nel caso in cui l’RSPP sia un soggetto esterno alla propria Scuola; - fornire ai lavoratori i necessari e idonei dispositivi di protezione individuale, sentito il RSPP ed il medico competente, ove presente;

30 CALCAGNO30 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO -prendere le misure appropriate affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni e specifico addestramento accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico; -richiedere l’osservanza da parte dei singoli lavoratori delle norme vigenti, nonché delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e di igiene del lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuali messi a loro disposizione; -adempiere agli obblighi di informazione, formazione e addestramento di cui agli articoli 36 e 37 nei confronti dei lavoratori (compresi gli studenti che facciano uso di laboratori,attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici, ivi comprese le apparecchiature fornite di videoterminali);

31 CALCAGNO31 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO fornire un’adeguata e specifica formazione ed un aggiornamento periodico ai dirigenti e ai preposti; - assicurare una formazione particolare al RLS; - elaborare il Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti (DUVRI) di cui all’art consultare il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza nelle ipotesi di cui all’articolo 50; - nelle unità produttive con più di 15 lavoratori, convocare la riunione periodica di cui all’articolo 35; - aggiornare le misure di prevenzione in relazione ai mutamenti organizzativi e produttivi che hanno rilevanza ai fini della salute e sicurezza del lavoro, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica della prevenzione e della protezione; - vigilare affinché i lavoratori per i quali vige l’obbligo di sorveglianza sanitaria non siano adibiti alla mansione lavorativa specifica senza il prescritto giudizio di idoneità.

32 CALCAGNO32 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO …anche il lavoratore è diretto destinatario di obblighi, penalmente sanzionati, indicati al comma 2 dell’articolo 20 del decreto 81:

33 CALCAGNO33 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO contribuire, insieme al datore di lavoro, ai dirigenti e ai preposti, all’adempimento degli obblighi previsti a tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro; osservare le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro, dai dirigenti e dai preposti, ai fini della protezione collettiva ed individuale; utilizzare correttamente le attrezzature di lavoro, le sostanze e i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto, nonché i dispositivi di sicurezza; utilizzare in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione; segnalare immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto le efficienze delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione, nonché qualsiasi eventuale condizione di pericolo di cui vengano a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza, nell’ambito delle proprie competenze e possibilità per eliminare o ridurre le situazioni di pericolo grave e incombente, dandone notizia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza;

34 CALCAGNO34 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO non rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo; non compiere di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di loro competenza ovvero che possono compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori; partecipare ai programmi di formazione e di addestramento organizzati dal datore di lavoro; sottoporsi ai controlli sanitari previsti dal presente decreto legislativo o comunque disposti dal medico competente.

35 CALCAGNO35 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO La formazione di dirigenti e preposti Il Datore di lavoro deve assicurare la formazione e l’aggiornamento periodico previsti dall’art. 37 comma 7 D.lgs. 81/08 in relazione a: 1. principali soggetti coinvolti e relativi obblighi; 2. definizione e individuazione dei fattori di rischio; 3. valutazione dei rischi; 4.individuazione delle misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione. Al momento la norma non definisce la durata di tali moduli di formazione ed aggiornamento, ma in questa sede si ritiene di indicare una durata minima di 16 ore di formazione base e di 4 ore annue di aggiornamento.

36 CALCAGNO36 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO In assenza della RSU il RLS è eletto dai lavoratori al loro interno, così come previsto dall’art. 47 comma 4 ultimo periodo del D.lgs. 81/08. Il numero minimo dei RLS è determinato in base al numero di lavoratori (ai sensi all’articolo 4 del D.lgs. 81/08 non si conteggiano nel numero dei lavoratori gli studenti), secondo il seguente schema: 1. un rappresentante nelle aziende ovvero unità produttive sino a 200 lavoratori; 2. tre rappresentanti nelle aziende ovvero unità produttive da 201 a lavoratori; 3. sei rappresentanti in tutte le altre aziende o unità produttive oltre i lavoratori. Elezione/Designazione e formazione del Rappresentante dei Lavoratori per laSicurezza (RLS)

37 CALCAGNO37 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO DVR Dlgs 81 art. 28

38 CALCAGNO38 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO In tale documento sono preliminarmente ribadite le definizioni dei termini: “pericolo”, “rischio” e “valutazione del rischio”, così come accettati a livello comunitario: pericolo: proprietà o qualità intrinseca di un determinato fattore (per esempio materiali o attrezzature di lavoro, metodi e pratiche di lavoro, ecc.) avente il potenziale di causare danni; rischio: probabilità che sia raggiunto il limite potenziale di danno nelle condizioni di impiego, ovvero di esposizione di un determinato fattore; valutazione del rischio: procedimento di valutazione della possibile entità del danno, quale conseguenza del rischio per la salute e la sicurezza dei lavoratori nell’espletamento delle loro mansioni, derivante dal verificarsi di un pericolo sul luogo di lavoro.

39 CALCAGNO39 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO La valutazione dei rischi Ecco quindi che il dirigente scolastico, quale datore di lavoro, è tenuto ad eseguire un’accurata valutazione di tutti i rischi presenti nella sua scuola: la valutazione deve essere dettagliata e puntuale, intervenendo “reparto per reparto”, mansione per mansione, macchina per macchina, locale per locale. Vanno considerati e previsti non solo i rischi più evidenti, ma anche quelli potenziali, e quelli derivanti da comportamenti “non corretti ma ragionevolmente possibili o prevedibili”.

40 CALCAGNO40 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO ELENCO INDICATIVO DEI CONTENUTI DEL DVR notizie generali della scuola (caratteristiche della struttura, impianti ecc) funzionigramma organigramma relativo alla sicurezza criteri adottati per la valutazione dei rischi documentazione obbligatoria: verifica degli adempimenti di legge analisi del fenomeno infortunistico identificazione dei luoghi di lavoro identificazione dei pericoli e rischi presenti valutazione dei rischi programma di prevenzione e protezione (crono- programma) programma di mantenimento nel tempo dei livelli di sicurezza dispositivi di protezione individuale (DPI) programma di informazione e formazione ricostruzione del ciclo lavorativo, layout della scuola e mansioni svolte dagli operatori squadre di emergenza ed antincendio – piano di emergenza organizzazione e gestione del primo soccorso ….allegati….

41 CALCAGNO41 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Le revisioni del DVR Il DVR deve essere aggiornato ogni qual volta ricorrano le condizioni previste dall’art. 29 comma 3 del Dlgs 81/08. Nella tabella sono esemplificate alcune variazioni che comportano la revisione del DVR.Nella tabella sono esemplificate alcune variazioni che comportano la revisione del DVR.

42 CALCAGNO42 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO 01. Aree di transito Piano Terreno - Primo Piano - Palestra - Aree esterne N.Punto di verificaVMisure suggerite in caso di mancata verificaCommentoPD R= (PxD) Il pavimento dei corridoi e dei passaggi è realizzato con materiali idonei alla natura delle lavorazioni (es. caratteristiche di infiammabilità, lava-bilità, antisdrucciolamento, impermea-bilità, etc.) SI Il pavimento dei corridoi e dei passaggi è regolare ed uniforme SI Il pavimento dei corridoi e dei passaggi viene mantenuto pulito, in particolare da sostanze sdrucciolevoli SI

43 CALCAGNO43 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO 01VIE DI CIRCOLAZIONE, PAVIMENTI E PASSAGGI Pur essendo la pavimentazione omogenea e liscia, può concretizzarsi il rischio di scivolamento durante la percorrenza delle aree di transito, qualora siano temporaneamente presenti a terra piccole quantità di liquidi. R=PXD 1=1X1 Misure di prevenzione e protezioneSorveglianza e misurazioni Il datore di lavoro (dirigente scolastico) prevede la regolare pulizia della pavimentazione dei locali unitamente all’allontanamento dei lavoratori dalle aree di interesse assicurando l’immediata bonifica di eventuali sostanze spante a terra. È prevista un’attività di sorveglianza visiva periodica della pavimentazione, allo scopo di verificare la presenza di eventuali sostanze spante a terra. Sono previste azioni correttive immediate in caso di necessità.

44 CALCAGNO44 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Allegati al DVR Nomine: RSPP ASPP RLS MEDICO competente Elenco dei DPI e Ricevuta di Consegna al personale Addetti PS, Antincendio: designazioni, attestati formazione per i corsi antincendio e PS (no obbligo) Procedure e lettere di richiesta ai Comuni:dal DS Parere per CPI o CPI: dal comune o almeno richiesta del DS Elenco documenti richiesti ai Comuni ed elenco documenti ottenuti

45 CALCAGNO45 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Rischio Incendio In ambito scolastico le norme per la prevenzione incendi per l’edilizia scolastica sono dettate dal D.M. del Nella gestione ordinaria dell’attività scolastica è, comunque, obbligo del dirigente effettuare la valutazione e graduazione del rischio incendio secondo le previsioni del DM che, salvo peculiari specificità, suddivide le scuole nelle classi di rischio riportate in tabella. Tale graduazione, dipende quindi dalle dimensioni del plesso scolastico ed è fondamentale ai fini della formazione degli addetti alla lotta antincendio (tabella 8) per i quali è obbligatorio l’esame di idoneità tecnica, rilasciato dai VVF, nei casi in cui operino in plessi scolastici con presenze contemporanee superiori a 300 persone. Graduazione del rischio incendio Tipo di scuole per affollamento Durata del corso per gli addetti alla lotta incendi Basso scuole fino a 100 persone presenti 4 ore Medio: scuole con numero di persone comprese fra 100 e ore Alto Scuole con oltre 1000 persone presenti 16 ore.

46 CALCAGNO46 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO CPI Certificato Prevenzione Incendi Attribuzione di titolarità delle procedure delle pratiche finalizzate all’acquisizione del certificato di prevenzione incendi. Parere dell’ Avvocatura dello Stato Roma …ne deriva che fra ente locale e Dirigente Scolastico spetti al primo, in via esclusiva, fare istanza di rilascio del CPI…. …rif art. 5 al DM n. 382 il Dirigente Scolastico é esonerato da qualunque responsabilità laddove riscontrata una qualunque deficienza nella struttura scolastica (ivi compresa la mancanza del CPI) abbia provveduto alla segnalazione all’Ente proprietario.

47 CALCAGNO47 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO La somministrazione dei farmaci a scuola La somministrazione dei farmaci agli studenti durante l’orario scolastico può avvenire solo per i farmaci salvavita o indispensabili, con puntuale prescrizione medica e nei casi autorizzati dai genitori. La somministrazione deve essere tale da poter essere effettuata anche da personale non specializzato senza prevedere procedure sanitarie specialistiche o invasive (es. somministrazione per via iniettiva). Il dirigente scolastico, a seguito della richiesta di somministrazione di farmaci presentata dai genitori, deve espletare i seguenti adempimenti: - individuare all’interno della scuola un luogo fisico idoneo ove somministrare e conservare i farmaci, che andranno sempre custoditi in armadietto chiuso a chiave (con chiave reperibile). All’uopo sarebbe opportuno sentire anche il parere del medico competente sul luogo da destinare per la custodia dei farmaci, onde evitare disguidi con gli ausili e presidi per il primo soccorso;

48 CALCAGNO48 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Rapporti con gli Enti Locali Auspicabile che i piani di intervento siano predisposti sulla base di soluzioni concordate ad esempio in seguito a sopralluoghi congiunti e frutto delle varie professionalità che necessariamente dovranno essere presenti all’interno dei rispettivi servizi di prevenzione, passando attraverso il coinvolgimento dei lavoratori e dei loro rappresentanti. Al riguardo il DM 29 settembre 1998 n. 382, all’articolo 5, ricorda che, in ambito scolastico, “il datore di lavoro, ogni qualvolta se ne presentino le esigenze, deve richiedere agli enti locali la realizzazione degli interventi a carico degli enti stessi; con tale richiesta si intende assolto l'obbligo di competenza del datore di lavoro medesimo (secondo quanto ora previsto dall’articolo 18, comma 3 del decreto 81/08).

49 CALCAGNO49 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Immediato con urgenza Immediato (non oltre 15 gg ) Prorogabile di 1 mese Prorogabile di 2 mesi Prorogabile di 3 mesi A CARICO DELLA SCUOLA - Fissare i sopraluce della sala professori e relativo antibagno - Porre planimetria antibagno sala professori - Porre una terza fascia antiscivolo per ogni gradino delle scale interne ed esterne - Posizionare una pedana all’uscita di emergenza corridoio centrale piano terreno - Segnalare inciampo all’ingresso della palestra RICHIESTA AL COMUNE Sostituire vetri portineria ( postazione collaboratori scolastici) Verifica e sostituzione luci di emergenza Verificare idoneità delle porte antincendio ESEMPIO di COMUNICAZIONE ENTI LOCALI

50 CALCAGNO50 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Il datore di lavoro committente al fine di promuovere la cooperazione e il coordinamento di cui sopra, deve elaborare un unico documento di valutazione dei rischi che indichi le misure adottate per eliminare o, ove ciò non è possibile, ridurre al minimo i rischi da interferenze, ovvero il cd “DUVRI” documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Il datore di lavoro NON committente deve pretendere la redazione e la consegna del DUVRI….

51 CALCAGNO51 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO La redazione del DUVRI non è necessaria per i servizi di natura intellettuale, per le mere forniture di materiali o attrezzature, nonché per lavori o servizi la cui durata non sia superiore ai due giorni, sempre che essi non comportino rischi derivanti dalla presenza di agenti cancerogeni, biologici, atmosfere esplosive o dalla presenza dei rischi particolari di cui all’allegato XI del decreto 81. Per quanto riguarda i cantieri edili che rientrano nell’obbligo di redazione del piano di sicurezza e di coordinamento (nonché alla redazione del piano operativo di sicurezza da parte delle imprese esecutrici) non sussiste l’obbligo di redazione del DUVRI.

52 CALCAGNO52 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO CARATTERISTICHE DEI LOCALI SCOLASTICI Negli edifici scolastici non è consentito ubicare nei piani seminterrati locali in cui si svolge attività didattica (art DM ). Sono ammessi solamente locali di deposito e le centrali termiche idoneamente realizzate al fine della sicurezza antincendio.

53 CALCAGNO53 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO ….Le scaffalature non vanno sovraccaricate e va esposto un cartello indicante la portata massima. Inoltre devono essere stabili, staffate a parete fissa, protette frontalmente contro possibili urti e avere forma e caratteristiche di resistenza adeguate ai materiali che vi si immagazzinano. ARMADI vincolati al muro…

54 CALCAGNO54 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO La denuncia di infortunio Ogni evento infortunistico deve essere tempestivamente denunciato utilizzando l’apposito modulo predisposto dall’INAIL e disponibile anche nel sito internet dell’Istituto all’indirizzo La denuncia di infortunio deve essere inoltrata in quattro copie così destinate: - copia A e B: va inviata alla sede INAIL competente territorialmente. La copia B viene trasmessa da INAIL alla ASL - copia C: va inviata all’autorità di Pubblica Sicurezza - copia D: va trattenuta dal datore di lavoro.

55 CALCAGNO55 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO nel caso di infortunio occorso al personale o agli studenti Entro due giorni dalla data di ricezione del I certificato medico con prognosi > a 3 Giorni Invio della denuncia all’ufficio INAIL CONSEGUENZE DELL’OMISISONE In caso di denuncia mancata, tardiva, inesatta oppure incompleta è prevista l'applicazione di una sanzione amministrativa da € 258 a € 1549

56 CALCAGNO56 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO Il D.L 81/08 – La valutazione dei rischi aziendali da stress da lavoro correlato Il datore di lavoro, in relazione alla natura dell’attività aziendale o dell’unità produttiva, deve valutare i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti i gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari. BASI NORMATIVE: Il nuovo Testo Unico sulla tutela della salute nei posti di lavoro (D. Lgs. 81/08 agli artt. 15; 17; 20; 28; 36; 37) ribadisce la necessità di compilare il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR: contenente anche gli interventi atti a contrastarli) e prevede l’obbligo per il datore di lavoro di provvedere all’attività di formazione, informazione e prevenzione dei rischi specifici (inerenti la professione svolta) che comporta lo Stress Lavoro Correlato (SLC).

57 CALCAGNO57 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO …proviamoci… Un breve test per misurare le competenze. Verrà proiettato uno schema con alcune domande, appuntatevi la vostra risposta. Al termine saranno visualizzate le risposte. Test Risposte Test Risposte

58 CALCAGNO58 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO


Scaricare ppt "CALCAGNO1 17 gennaio 2011 Corso DS Cisl TORINO La Sicurezza della Scuola… o la Scuola della Sicurezza? Corso per Dirigenti Scolastici Torino 17.1.2011."

Presentazioni simili


Annunci Google