La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DOGANE E IMPRESE: PERCORSI VIRTUOSI PER GARANTIRE LA LEGALITA’ E ACCRESCERE LA COMPETITIVITA’ NEL MERCATO GLOBALE AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI Direzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DOGANE E IMPRESE: PERCORSI VIRTUOSI PER GARANTIRE LA LEGALITA’ E ACCRESCERE LA COMPETITIVITA’ NEL MERCATO GLOBALE AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI Direzione."— Transcript della presentazione:

1 DOGANE E IMPRESE: PERCORSI VIRTUOSI PER GARANTIRE LA LEGALITA’ E ACCRESCERE LA COMPETITIVITA’ NEL MERCATO GLOBALE AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI Direzione Interregionale Emilia Romagna e Marche Area Procedure e Controlli Settore Dogane CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, AGRICOLTURA E ARTIGIANATO DI ANCONA Ancona, 29 maggio 2014

2 L’Operatore Economico Autorizzato Domenica Di Giulio Direzione Interregionale per l’Emilia Romagna e le Marche Ancona, /12/20142

3 Un nuovo scenario…. 11/12/20143 Il nuovo scenario mondiale : - Globalizzazione economica - Allargamento dell’Unione Europea -Attacchi terroristici -Il mercato è diventato “globale” Domenica Di Giulio

4 Un nuovo scenario…. 11/12/20144Domenica Di Giulio

5 Un nuovo scenario… 11/12/20145 Alcune date :  l’Unione Europea passa da 15 a 25 Stati Membri  gli Stati Membri diventano 27  gli Stati Membri diventano 28 Domenica Di Giulio

6 11/12/20146Domenica Di Giulio

7 Cosa è successo 11/12/20147 Alcune date da ricordare :  – New York  – Madrid  – Londra Domenica Di Giulio

8 Le nuove esigenze Proteggere i cittadini ed i loro interessi senza intralciare i traffici leciti. 11/12/20148Domenica Di Giulio

9 Le nuove esigenze  Forte preoccupazione per le problematiche legate alla sicurezza (safety – security).  Controllo dei carichi prima che giungano nei porti nazionali. 11/12/20149Domenica Di Giulio

10 LA STRATEGIA DELL’OMD 11/12/201410Domenica Di Giulio

11 I Pilastri C2C – Customs to Customs C2B – Customs to Business 11/12/201411Domenica Di Giulio

12 C2C – Dogana > Dogana Le amministrazioni doganali devono cooperare. Uso di informazioni elettroniche preventive per identificare containers e carichi ad alto rischio. 11/12/201412Domenica Di Giulio

13 C2B – Dogana > Operatori Le Amministrazioni doganali devono ricorrere al partenariato con il settore privato per coinvolgerlo nella messa in sicurezza della catena logistica. 11/12/201413Domenica Di Giulio

14 C2B – Dogana > Operatori Adozione di un sistema di valutazione che consenta di identificare gli operatori economici che offrano adeguate garanzie in materia di sicurezza in relazione al loro ruolo nella catena logistica. 11/12/201414Domenica Di Giulio

15 C2B – Dogana > Operatori L’operatore economico che dimostri impegno nell’adozione e nel rispetto degli standard di sicurezza e che sia stato positivamente valutato dall’amministrazione deve ricevere benefici tangibili in termini sia di riduzione dei controlli sia rispetto ad altre misure che riducano i tempi di attesa in dogana. 11/12/201415Domenica Di Giulio

16 La Catena Logistica Porti Navi 11/12/201416Domenica Di Giulio

17 Catena Logistica Internazionale Figure principali: 1.Produttore; 2.Esportatore; 3.Spedizioniere; 4.Depositario; 5.Agente Doganale; 6.Vettore; 7.Importatore. 11/12/201417Domenica Di Giulio

18 Programma Unione Europea 11/12/201418Domenica Di Giulio

19 Programmi U.S.A. CONTAINERS SECURITY SISTEM 11/12/201419Domenica Di Giulio

20 Programmi U.S.A C-TPAT Customs - Trade Partnership Against Terrorism 11/12/201420Domenica Di Giulio

21 Programmi U.S.A. Securing U.S. ports 11/12/201421Domenica Di Giulio

22 Programmi U.S.A ACE - Modernization Information Systems 11/12/201422Domenica Di Giulio

23 Programma U.E. Il legislatore comunitario pone al centro dell’attenzione: la sicurezza del territorio e dei cittadini; le esigenze del mercato interno; la ricerca di un livello di efficienza equivalente in tutti i 28 Paesi. 11/12/201423Domenica Di Giulio

24 Programma U.E. Obiettivo specifico:  riduzione degli oneri amministrativi e dei costi degli operatori economici,  standardizzazione e semplificazione dei sistemi e dei controlli,  cooperazione e trasparenza con gli operatori. 11/12/201424Domenica Di Giulio

25 Programma U.E. L’attuazione del programma ha richiesto tre risposte diverse:  Un piano d’azione  Una risposta normativa  Una risposta tecnica 11/12/201425Domenica Di Giulio

26 Per giungere a…  Reg. UE n. 952 del che istituisce il Codice Doganale dell’Unione 11/12/201426Domenica Di Giulio

27 La Dogana secondo l’Unione Europea Articolo 3 Reg. UE n. 952/2013 (CDUE)952/2013 (CDUE) “ Ruolo delle autorità doganali Le autorità doganali hanno la responsabilità primaria della supervisione degli scambi internazionali dell'Unione in modo da contribuire al commercio leale e libero, all'attuazione degli aspetti esterni del mercato interno, della politica commerciale comune e delle altre politiche dell'Unione comuni riguardanti il commercio e alla sicurezza dell'intera catena logistica. 11/12/2014Domenica Di Giulio27

28 La Dogana secondo l’Unione Europea Articolo 3 Reg. UE n. 952/2013 (CDUE)952/2013 (CDUE) Le autorità doganali mettono in atto misure intese in particolare ai seguenti obiettivi: a) tutelare gli interessi finanziari dell'Unione e dei suoi Stati membri; b) tutelare l'Unione dal commercio sleale e illegale sostenendo nel contempo le attività commerciali legittime; c) garantire la sicurezza dell'Unione e dei suoi residenti nonché la tutela dell'ambiente, ove necessario in stretta cooperazione con altre autorità, e d) mantenere un equilibrio adeguato fra i controlli doganali e l'agevolazione degli scambi legittimi”. 11/12/2014Domenica Di Giulio28

29 La Dogana secondo l’Unione Europea Articolo 3, c.2, Reg. UE n. 952/2013 (CDUE):952/2013 (CDUE): Cosa si intende per : “ 2) "normativa doganale": il corpus legislativo costituito da quanto segue: a) il codice e le disposizioni integrative o di attuazione del medesimo adottate a livello dell'Unione o a livello nazionale; b) la tariffa doganale comune; c) la normativa relativa alla fissazione del regime unionale delle franchigie doganali; d) gli accordi internazionali contenenti disposizioni doganali, nella misura in cui siano applicabili nell'Unione”. 11/12/2014Domenica Di Giulio29

30 Benefici  Priorità e rapidità di sdoganamento.  Basso livello di rischio e ridotto livello di controlli.  Centro servizi o client-coordinator. 11/12/201430Domenica Di Giulio

31 Benefici Dal 3 luglio 2012, gli operatori certificati AEO, che siano nel contempo titolari di autorizzazione alla procedura di domiciliazione, possono inviare le dichiarazioni di esportazione al sistema telematico doganale tutti i giorni dalle h alle h n.p del della Direzione Centrale Tecnologie per l’Innovazione. 11/12/201431Domenica Di Giulio

32 Benefici  Riconoscimento di partner sicuro.  Mutuo riconoscimento dello status, dei criteri e del livello dei controlli.  Riconoscimento di certificati o criteri di sicurezza rilasciati o stabiliti da altre Autorità.  Priorità in caso di selezione per il controllo. 11/12/201432Domenica Di Giulio

33 Quanti AEO ? Certificati rilasciati in Italia : AEO C n. 389 AEO F n. 489 AEO S n. 14 Per un totale di n. 892 certificati su n istanze presentate Certificati in corso di validità n.841 (dati al ) 11/12/201433Domenica Di Giulio

34 Quanti AEO ? Certificati revocati : n. 47 Certificati sospesi : n. 4 Istanze in corso : n. 40 ( di cui n.1 presso UD Ancona) (dati al ) 11/12/201434Domenica Di Giulio

35 Quanti AEO ? Certificati rilasciati in Emilia Romagna e Marche: AEO C : n. 48 AEO F : n. 64 AEO S : n. 4 Per un totale di n. 116 certificati su n. 133 istanze presentate (dati al ) 11/12/201435Domenica Di Giulio

36 Quanti AEO ? Certificati rilasciati nelle MARCHE : AEO C : n. 14 AEO F : n. 10 AEO S : nessuno (dati al ) 11/12/201436Domenica Di Giulio

37 Procedure semplificate/domiciliate Con Reg. CE 1192/2008 sono stati definiti i nuovi criteri e le condizioni per il rilascio delle autorizzazioni alla procedura semplificata e domiciliata in ambito comunitario. L’operatore deve soddisfare gli stessi criteri e condizioni previsti per il rilascio del certificato AEO C. 11/12/201437Domenica Di Giulio

38 Procedure domiciliate e semplificate Se l’operatore è già titolare di un certificato AEO C oppure AEO F, i criteri si ritengono comunque soddisfatti Art. 253 quater del Reg.CE 1192/ /12/201438Domenica Di Giulio

39 Sdoganamento centralizzato Con il Reg.CE 1192/2008 è stata introdotta la possibilità per gli operatori di presentare la dichiarazione doganale in un luogo diverso da quello in cui sono presentate le merci. 11/12/201439Domenica Di Giulio

40 Sdoganamento centralizzato Perché sia autorizzato lo sdoganamento centralizzato :  Gli uffici doganali coinvolti devono essere situati nello stesso Stato Membro oppure  Le merci siano dichiarate da un titolare di una dichiarazione unica alla procedura semplificata o domiciliata. 11/12/201440Domenica Di Giulio

41 Nuove figure Risoluzione dell’ I.R.U. circa l’utilizzo della Convenzione T.I.R. per l’applicazione delle Norme SAFE dell’OMD compreso lo Status di OEA del 15 maggio Posizione dell’ I.R.U. sulla sicurezza della catena logistica del 13 novembre /12/201441Domenica Di Giulio

42 Mutuo riconoscimento U.S.A. CANADA GIAPPONE AUSTRALIA NUOVA ZELANDA CINA 11/12/201442Domenica Di Giulio

43 FINE Grazie per l’attenzione prestata Domenica Di Giulio Direzione Interregionale Agenzia delle Dogane per l’Emilia Romagna e le Marche Area procedure e controlli settore dogane Via Marconi BOLOGNA Tel /12/201443Domenica Di Giulio


Scaricare ppt "DOGANE E IMPRESE: PERCORSI VIRTUOSI PER GARANTIRE LA LEGALITA’ E ACCRESCERE LA COMPETITIVITA’ NEL MERCATO GLOBALE AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI Direzione."

Presentazioni simili


Annunci Google