La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GESTIONE E USO DEL CARRELLO E.I.O: AUSILIO DELL’ INFORMATICA PER MIGLIORARE Volpiana Graziano – Caldonazzo Gabriella U.O.A. RRF Lonigo Conti Sergio Struttura.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GESTIONE E USO DEL CARRELLO E.I.O: AUSILIO DELL’ INFORMATICA PER MIGLIORARE Volpiana Graziano – Caldonazzo Gabriella U.O.A. RRF Lonigo Conti Sergio Struttura."— Transcript della presentazione:

1 GESTIONE E USO DEL CARRELLO E.I.O: AUSILIO DELL’ INFORMATICA PER MIGLIORARE Volpiana Graziano – Caldonazzo Gabriella U.O.A. RRF Lonigo Conti Sergio Struttura Semplice Emergenza Intraospedaliera Arzignano 1

2 Reparto Recupero Rieducazione Funzionale GESTIONE EMERGENZE POSTAZIONE N°14 FARMACI e PRESIDI Carrello E.I.0 Reparto Recupero Rieducazione Funzionale 1° Cassetto 26/03/2005 FIALE-COMPRESSE Adrenalina 1 mg F 3 Scadenza………… …………….05/2005 In Frigorifero Norcuron 10mg F 3 Scadenza………... …………….12/2005 In Frigorifero Diprivan 1% F 3 Scadenza ……….. ……………. 06/2006 In frigorifero Tefamin =(Aminomal 240 mg) F 3 Scadenza …………. ……….…..02/ Atropina 1 mg F 6 Scadenza ………..…………….. 04/ Celestone 4mg=(Bentelan 4 mg)F F 3 Scadenza………….. …………. 10/ *Ca Gluconato10ml F 3 Scadenza………... ………….. 07/ *Ca Cloruro 1g10 ml F 3 Scadenza………... ……………. 03/ Catapresan F 6 Scadenza ………..…………… 02/2007 e 10/ Dopamina 200 mg(Revivan 200) F 6 Scadenza ………..…………….. 10/ Effortil 10 mg F 3 Scadenza ……….. …………….04/ Anexate 1 mg F 2 Scadenza…………. …………… 08/ Lasix 20 mg F 6 Scadenza…………. …………… 12/ *Glucosio 33%10 ml F 3 Scadenza ………… …………… 05/ Flebocortid 1000 (da 600 mg) F 3 Scadenza………… …………….06/ Carvasin Cps S.L Blister 1 Scadenza ……….. ……………..06/ Xilocaina 2% 10 ml F(Lidocaina 200Mg/10) F 6 Scadenza …………….………….03/ Ipnovel 5 mg F 3 Scadenza………... …………… 02/2006 e 10/ Naloxone =(Narcan) 0,4 mg F 2 Scadenza ………..……………. 09/ Adalat 10 mg Cps Blister 1 Scadenza……….. ……………...06/ Farganesse 100 mg ( Fargan) F 3 Scadenza ………..…………….. 07/ Alupent 0,5 F 3 Scadenza ……….. ……………. 11/ Pentotal 500 mg ( da 1 g) F1 Scadenza ………..……………… 10/ *Sol.Fisiologica10 ml F 5 Scadenza………... …………….. 10/ Isoptin 5 mg F 3 Scadenza ………. ………………01/ Ventolin 100 mg F 2 Scadenza ………. ……………...07/ Ventolin Spry Fl 1 Scadenza ……….……………...05/ / Inderal 5 mg F 3 Scadenza………. ……………..05/ *Potassio Cloruro 10ml. F 2 Scadenza………...……………….06/ *fiale in blister 2°e 3°Ripiano laterale sinistro SOLUZIONI INFUSIONALI Na Bicarb.8,4% =840 mg/10ml F 2 Scadenza ………………………...06/ Elettrolitica M 500 Flac 1 Scadenza …………………………21/10/ Elettrolitica R 500 Flac 1 Scadenza……. ….. ……………..06/ Emagel 500 Flac 2 Scadenza …………………………10/ Glucosata 5% 100 Flac 2 Scadenza …………………………11/ Sol Clor. 100 Flac 4 Scadenza ………….………..…….05/ Sol.Clor. 500 Flac 2 Scade nza………… ……………...08/ Voluven 6% 500 Flac 1 Scadenza ………..………………..05/01/ Farmaci 2

3 presidi ventilazione Piano di lavoro superiore Betadine chirurgico Flac. 1 Scadenza ………..………………. ….04/ Luan 1% 100 g Tubo Tubo 1 Scadenza …………………………… 03/ Lidocaina spry (Ecocain) 60 mlFlac. 1 Scadenza ………… ……………….. 03/ Acqua ossigenata Flac. 1 Scadenza ………….. ……………....05/ Amukine 250 ml Flac. 1 Scadenza.………………………… ….08/ Etere etilico Flac 1 Scadenza …………..………………...03/ Silicone Spray Flac °Casetto PRESIDI Catetere endotracheale 5 1 unità Scadenza……………………………. 11/ Catetere endotracheale 6 1 unità Scadenza …………………………… 10/ Catetere endotracheale 7 1 unità Scadenza……………………………..10/ Catetere endotracheale 8 1 unità Scadenza………………….. …………07/ Catetere endotracheale 9 1 unità Scadenza………….. …….. ………….01/ Cannula nasofaringea 6 1 unità Scadenza ………….…… … …………07/2007 Ord.Anestesia Cannula nasofaringea 7 1 unità Scadenza ……………………………..01/2008 Ord.Anestesia Catetere Mount 1 unità Scadenza ……………………………..08/2007 Ord.Anestesia Naso artificiale Tracheolife 2 Unità Scadenza ……………………………. 10/2007 Ord.Anestesia Filtro antibatterico Rusch 2 unità Scadenza …………………………….03/2007 Ord.Anestesia Circuito Vent.MAPESON D con pall.1,5lt Scadenza ……………………………..12/2007 Ord.Anestesia Maschera per Oss.con venturi 2 Unità Ord.Anestesia Maschera facciale Tg 3 1 unità Scadenza ………………………………02/2007 Ord.Anestesia Maschera facciale Tg 4 1 unità Scadenza ………………… …………..02/2007 Ord.Anestesia Maschera facciale Tg 5 1 unità Scadenza ………………… …………..12/2007 Ord.Anestesia Cannula di GUEDEL 3 1 Unità Scadenza ………………… ………...02/ Cannula di GUEDEL 4 1 Unità Scadenza …………………………….. 02/ Cannula di GUEDEL 5 1 unità Scadenza ………………… ………… 06/ Fonendoscopio 1 Unità Vano anteriore sinistro Sonda aspirazione con valvola CH 16 1 unità Scadenza....…………………………...04/ c.ag Sonda aspirazione con valvola CH 14 1 unità Scadenza……………………. ………... 07/ c.ag Contenitore rifiuti pericolosi. 4° Cassetto SET FERRI STERILI a Scadenza sterilità mensile Porta aghi Scadenza …………………………………..18/04/05 (contr.Mensile) Forbici Scadenza …………………………………. 18/04/05 (contr.Mensile) Pinza anatomica Scadenza …………………………………..18/04/05 (contr.Mensile) Koker Scadenza …………………………………..18/04/05 (contr.Mensile) Pean (grande) Scadenza …………………………………..18/04/05 (contr.Mensile Pean (piccolo) Scadenza …………………………………. 18/04/05 (contr.Mensile) Filo sutura (ETHIBOND) 2/0 3 unità Scadenza ………………………………….. 06/2007 Sale Operatorie Ciotolina 1 unità Scadenza ………………………………... 18/04/05 (contr.Mensile) Campo sterile (2 telini,10 garze) 3 unità Scadenza ………………………………….18/04/05 (contr.Mensile) Garze sterili (grandi) 1 unità Scadenza …………………………………. 18/04/05 (contr.Mensile) Garze sterili 10 pezzi (Piccole) 1 unità Scadenza …………………….…………….18/04/05 (contr.Mensile) Catetere Venoso bilume 2 unità Scadenz……………………….. …07/ / Guanti sterili n°6,5 2 unità Scadenza……………………………………. 08/ Guanti sterili n°7 2 unità Scadenza …………………………………… 08/ Guanti sterili n°7,5 2 unità Scadenza ……………………………………11/ Guanti sterili n° 8 2 unità Scadenza …………………………………. 08/ Sigilli numerati per Carrello EIO Presidi campo sterile 3

4 2° Cassetto Ago spinale G 25 2 unita Scadenza ………………………... 09/ Ago ipodermico monouso G 19 6 unità Scadenza ……………………….. 05/ Ago ipodermico monouso G 21 6 unità Scadenza …………………… / Ago cannula G 16 6 unità Scadenza ………………………...07/ Ago cannula G 18 6 unita Scadenza ………………………..06/ Siringa insulina 6 unità Scadenza ……………………….. 12/ Siringhe monouso 2,5 cc 5 unità Scadenza ………………………. 08/ Siringhe monouso 5 cc 5 unità Scadenza ……………………….. 04/ Siringhe monouso 10 cc 5 unità Scadenza …………………………10/ Siringhe monouso 20 cc 5 unità Scadenza ……………………….. 07/ Siringhe Blod S. prelievo arterioso 2 unità Scadenza ……………………….. 08/ Deflussore standard 5 unità Scadenza …………………………12/ DIAL-FLOW 2 unità Scadenza ………………………....03/ Rampa Rubinetti 3 vie Sostituzione con Rubinetto 3 vie con prolunga 10 cm.5 unità Scadenza ………………………… 04/ Tegaderm 6x7 cm. 1 unità Scadenza …………………………03/ “ 10x12 cm. 1 unità Scadenza ………………………...04/ Cerotti medicati sterili 7x5 10 unità Scadenza …………………………06/ Cerotto in seta 2,5 cm. 1 unita Cerotto anallergico 2,5 cm 1 unità Hipafix -Fixomull 10 cm 1 unità Benda in rotolo 7 cm. 3 unità Sonda nasogastrica Ch 14 1 unità Scadenza ………………………... 12/2006 Ord.Anestesia Sonda nasogastrica Ch 16 1 unità Scadenza…………………………. 10/2008 Ord.Anestesia Sonda nasogastrica Ch 18 1 unità Scadenza ………………………… 08/2006 Ord.Anestesia Sfigmomanometro 1 unità Laccio emostatico 2 unità Sacchetti drenaggio 2 unità Raccordi vari 1°Ripiano laterale sinistro Schizettone monouso 50 ml. 1 unità Scadenza …………………………. 11/ Siringa 50 ml. cono L.L 1 unità Scadenza …………………………. 06/ Rasoio per tricotomia 1 confezione da 5 unità °Ripiano laterale destro DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PERSONALE Cuffia copricapo 3 unità Mascherina facciale 10 unità Occhiali 2 unità Guanti non sterili Small 1 scatola Guanti non sterili Medium 1 scatola Guanti non sterili Large 1 scatola Presidi circolo 4

5 DISPOSITIVI INTEGRATI Piano laterale sinistro Bombola Ossigeno SICO Consegnata il 03/10/ bar Richiedere Sostituzione a bar. - 4 l/m Tarata (variazione su richiesta Medico Anestesista). - USO: Aprire solamente Manopola superiore e raccordare prolunga per AMBU o Maschera facciale secondo indicazioni.Controllo periodico carica Piano superiore lavoro Aspiratore 3 A Mod:AT8CP/3 Serie n° /ASP Alimentazione 220 V. (Consegna 25/11/2002) con di vaso raccolta e tubo.Prolunga avvolgibile 8 mt. per rete elettrica con multiprese. Piano superiore elevato Elettrocardiografo +Defibrillatore NIHON KOHMED CARDIOLIFE 7511 R+ Manuale uso. Sostituzione BATTERIE il 02/11/2004-( Verifica carica batterie-03/11/04-04/11/04 “2 ore di autonomia”). Elettrodi monouso autoadesivi per E.C.G 12 unità Pasta conduttrice per elettrodi Gel (GELAID NIHON) 1 unità Piano superiore lavoro (Staffa elevata) Pallone di rianimazione ventilatoria autogonfiabile con reservoir ossigeno AMBU. 3°Cassetto Laringoscopio Lama Piccola Media e Grande McIntosh +Batterie scorta LR 14 1,5 v x 2. 2 unità. - USO: avvitare parte inferiore (zona batterie),poi,dopo l’utilizzo svitare. -Controllo frequente eventuale ossidazioni nel vano batterie. Pinza di Magil 1 da 24 cm. e 1 da 25 cm. Pulsossimetro TuffSat TM - Cosegna 21/10/2002-+Manuale uso+batterie scorta.(Batterie di scorta AA1,5 Vx4 –10 unita). Piano superiore lavoro Forbice grande (non sterile) Copie elenco Farmaci Presidi Accessori,Manuale Pulsossimetro TuffSat,Manuale Cardiolife TEC 7511R, Manuale BSLD Rianimazione cardiopolmonare co defibrillatore semiautomatico. Retro carrello Piano rigido in plex. per massaggio cardiaco -Per richieste presidi ANESTESIA contattare C.S Camerra Adelaide ( Anestesia e Rianimazione ) di Arzignano Fax 0444/ Per richieste presidi e farmaci con codice richiederlo al servizio interno di Farmacia -Per Manutenzione ELETTROCARDIOGRAFO- DEFIBRILLATORE INGEGNERIA CLINICA 9337 o 9339 Arzignano. Reperibilità Tecnico –Sabato. Domenica. Festivi (dalle ore 8 alle 17). Il responsabile referente Caposala I.P GRAZIANO VOLPIANA AFDP GABRIELLA CALDONAZZO 5

6 Principio attivo/nome commerciale Azione farmacologia Diluizione Adrenalina 1mg Adrenergico,vaso costringe e broncoldilata Pura Orciprenalina/Alupent 0,5 mg Simpaticomimetico,tachicardizza 1 fl a 10 ml di fisiologica Atropina solfato 1 mg Antivagale,tachicardizza 1 fl a 10 ml di fisiologica =1 ml Dopamina/Revivan 200 mg Dopaminergico,agisce a livello renale Pompa-siringa 2 fl a 40 cardiaco,pressorio ml di glucosata Flumazenil/Anexate 1mg Antagonista delle benzodiazepine Puro Propofol/Diprivan 10 mg/ml Ipnotico,usato nell’induzione e per Puro mantenimento dell’anestesia Etilefrina/Effortil 10 mg Adrenergico,ipertensivo.Può dare tremori 1 fl a 10 ml di fisiologica e palpitazioni Midazolan/Ipnovel 5 mg Benzodiazepina,ipnotico a breve durata 1 fl a 5 ml di fisiologica Clonidina/Catapresan 150 microg. Antiadrenergico centrale,antiipertensivo 1 fl a 10 ml di fisiologica Propanalolo/Inderal 5mg Betabloccante,bradicardizza,ipotensivo 1 fl a 10 ml di fisiologica Verapamil/Isoptin 5 mg Calcioantagonista,per tachicardie sopra 1 fl a 10 ml di fisiologica ventricolari Lidocaina/200 mg Antiaritmico per tach.ventricolare e F.V. Puro Bromuro di Vecuronio/Norcuron 10mg Miorilassante,curaro a lunga durata.Usato 1 fl a 10 ml di fisiologica in S.O. per intubare e durante l’intervento Tiopentone sodico/Pentotal 1 gr Barbiturico.Deprime il S.N.C. con succes- 1 fl a 40 ml di fisiologica siva ipnosi e anestesia per pochi minuti Diazepan/Valium-Ansiolin 20 mg Benzodiazepina a lunga durata 1 fl a 20 ml di fisiologica Schema farmaci usati in E.I.O con loro azione farmacologioca e diluizione 26/03/2005 6

7 Carrello E.I.O Caratteristiche Caratteristiche integrate alla struttura Piani di lavoro Piani porta strumenti integratii Prolunga per rete elettrica a multiprese Dispositivo d’aspirazione autonomo Dispositivo di sigillo Documentazione integrativa Elenco farmaci e presidi Registro controlli periodici Istruzione strumentali integrati Note su monitoraggio Appunti BLS/ALS Registro checklist Defibrillatore Defibrillatore Semiautomatico con traccia ECG Semiautomatico+Manuale Manuale+Stimolatore Farmaci Presidi Aghi,sondini,siringhe Presidi del circolo PulsiossimetroFisso con acessorio palmare Laringoscopio filtri,cannule,catetere endotracheale circuiti vent. Kit sterili Ferri,telini,garze,guanti Catetere venoso bilume. Disinfettanti Fonte autonoma di ossigeno Flebo 7

8 Carrello E.I.O: la documentazione Elenco farmaci e presidi standardizzato Registro controlli periodici Istruzioni strumenti integrati Note su monitoraggio in emergenza Appunti su Procedure BLS/ALS Registro checklist Defibrillatore 8

9 Schema disposizione farmaci Disinfettanti 1° farmaci 2° circolo flebo autoprotezione 3° ventilazione 4° campo sterile  Piano  1° cassetto  2° cassetto  3° cassetto  4 ° cassetto  Ripiani laterali sinistra 9

10 Fonte autonoma ossigeno Manopola apertura Bombola Visualizzazione carica bombola Visualizzazione litri O2 per minuto Uso: aprire solamente la manopola superiore. Raccordare prolunga per Ambu o maschera facciale Tarata a 4 lt/minuto. Variazione lt/m su indicazione medica. Verifiche: carica a 220 bar. sostituzione a bar. 10

11 Pulsiossimetro palmare Verifica Carica batterie scorta batterie 4x1,5v LR6. Sostituzione batterie Icona di batteria scarica. Aprire il vano inferiore e sostituire le batterie rispettando la polarità. Manutenzione sensore Pulire con amukine ed asciugarlo. Corretta applicazione del sensore Se la rilevazione si protrae per un lungo tempo si consiglia di applicare il sensore ad un’altro dito. 11

12 Laringoscopio Lama intercambiabile McIntosh (curva) Vano batterie Fondo Uso Alzare la lama intercambiabile e porgerla al Medico anestesista Manutenzione Per evitare ossidazione del vano batterie si consiglia di svitare il fondo dello strumento e di riavvitarlo quando si usa. Tipo Lama Piccola Media Grande Piccola Media Grande Tipo batterie LR14 1,5 V -2 unità 12

13 Pinza di Magil Strumento necessario, se richiesto dal medico Anestesista, in caso di difficile intubazione. Una unità 13

14 Cannula di Guedel o di Mayo Numero Materiale accessorio Lidocaina cloridrato pomata 1% Cerotto Un pezzo per numero n°

15 Catetere endotracheale ( tubo ) Tipo N° un pezzo per numero Materiale accessorio Larigoscopio Pinza di Magil Lidocaina cloridrato pomata 1% Fonendoscopio Siringhe 5 ml. Cerotto 15

16 Cannula nasofaringea Tipo n° -6-7 un pezzo per numero Materiale accessorio Lidocaina cloridrato pomata 1% Laringoscopio Fonendoscopio Cerotto 16

17 AMBU - Pallone di rianimazione ventilatoria autogonfiabile con reservoire ossigeno Una unità La maschera facciale con valvola Comprende un palloncino autogonfiabile e un meccanismo a valvola che impedisce il ricircolo dell’aria espirata ( pallone da rianimazione, pallone AMBU- Fig 1). Questi dispositivi vanno utilizzati con fonti supplementari di O 2 al %, a patto che si utilizzi il più alto flusso di O 2 accettabile, il maggior tempo possibile di riempimento del pal lone e un reservoir per l’O 2 per impedire l’ingresso dell’aria ambiente ( ogni volta che sia possibile).Il pallone di AMBU si utilizza al meglio con dispositivi artifi- ciali di con trollo delle vie aeree, che vanno tuttavia utilizzati solo quando il paziente è completamente privo dicoscienza. Se si prova inserire un tale dispositivo in un paziente cosciente o in stato soporoso, si può verificare una ostruzione delle vie aeree con conseseguente ipossia, vomito e aspirazione. 1 Fonte supplementare O 2 Raccordo maschera Valvola Altri modelli di palloni autogonfiabili 17

18 Maschere facciali Tipo Taglia Un pezzo per taglia 18

19 Circuito ventilatorio MAPLESON Caratteristiche Una unità Il circuito di Mapleson E’ un circuito di respirazione. La sua struttura permette il rilascio di gas freschi da un tubicino, vicino alle vie aeree. 19

20 Fonte autonoma di aspirazione Vaso di raccolta Indicatore pressione negativa Filtro Accensione- spegnimento Controllo pressione negativa Uso Collegare a rete Accendere lo strumento Regolare controllo pressione negativa. Raccordare tubo aspirazione Cavo rete 220 v. Valvola antireflusso Tubo aspirazione Manutenzione Fare attenzione a non riempire il vaso di raccolta Svuotare il vaso di raccolta. Lavare anche il coperchio con detergente,e un di un disinfettante ( amukine). Risciaquare ed asciugare. Riconporre il tutto. Limite massimo liquido aspirato 20

21 Maschera per ossigeno VENTURI Due unità Flusso (L/min) FIO2% Tabella La caratteristica di questa maschera è costituita da una restrizione nel punto in cui l’aria ambiente si mescola con l’ossigeno, erogando cosi una miscela secondo le necessità richieste dal paziente. La maschera è dotata di dispositivi colorati facilmente riconoscibili i quali consentono, in base al diametro di cui sono dotati, di concentrare l’ossigeno secondo le percentuali indicate in Tabella 3. Maschera di VENTURI 21

22 Il termine di “Defibrillatore esterno automatico” si riferisce ai defibrillatori esterni che incorporano un sistema di analisi del ritmo in grado di indicare al soccoritore se la scossa salvavita (defibrillazione) è necessaria o no. Le tre tipologie di defibrillatori assegnate alle nostre postazioni,divise per presidi e U.O. A sono: 1-monitor defibrillatore ad onda bifasica e possibilità di procedura terapeutica con modalità manuale o semiautomatica con sequenza gui- data vocale (AGILENT). 2-defibrillatore ad onda bifasica,semiautomatico con rilievo di traccia elettrocardiografica su display (ZOLL). 3-defibrillatore ad onda monofasica,stimolatore cardiaco esterno. Tutti i DAE vengono collegati al paziente con due elettrodi adesivi mediante cavi di connessione: Questi elettrodi hanno due funzioni: rile- vare il ritmo ed erogare lo shock elettrico. DAE possono essere distinti in: DAE che richiedono da parte dell’operatore, una volta acceso il dispositivo, non solo l’attivazione del sistema di analisi ma anche del ca - ricamento prima di procedere all’erogazione dello shock elettrico.Potremmo anche definirli “DAE a 4 tasti”,in quanto la sequenza operativa prevede nell’ordine- Acensione (tasto ON) - Analisi (tasto ANALYSE) - Caricamento (tasto CHARGE) -Shock (tasto SHOCK). DAE che necessitano,una volta acceso il dispositivo, dell’attivazione del sistema di analisi prima di procedere all’erogazione dello shock. Li possiamo anche definire “DAE a 3 tasti”, in quanto, in questo caso la sequenza operativa è data da: -Accensione (tasto ON) – Analisi (tasto ANALYSE) – Shock (tasto SHOCK). DAE nei quali l’analisi del ritmo cardiaco viene attivata auto maticamente all’accensione dell’apparecchio “DAE a 2 tasti”: La sequenza operativa in questo caso prevede solamente :-Accensione e analisi (tasto ON) –Shock (tasto SHOCK). I DAE“ a due tasti” sono ovviamente i più facili da usare. Sono particolarmente indicati nei programmi di PAD (Public Acces Defibilation) ovvero Defibrillazione Precoce nelle Comunità, dato ampiamente dimostrato che operatori laici sono in grado di apprendere il loro corretto uso e può facilmente e rapidamente di quanto non avvenga con le manovre di RCP di base. I DEFIBRILLATORI AUTOMATICI E SEMIAUTOMATICI (DAE) I nuovi defibrillatori semiautomatici presentano innanzitutto dimensioni ridotte, simili a quelle di un computer portatile. Questo, unito al fatto di funzionare anche a batteria, ne facilita il trasporto e ne permette un uso versatile. Importanti modifiche sono state apportate anche ai paddles (gli elettrodi): non sono più, come prima, grosse maniglie da appoggiare sul torace e responsabili spesso delle difficoltà di conduzione legate al deterioramento della loro superficie metallica, ma placche ovalari di tessuto autoadesivo e già fornite del gel di conduzione, come quelle più piccole utilizzate per gli elettrocardiogrammi. La novità più sorprendente però riguarda il dispositivo vocale di cui ora dispongono questi modelli, in grado di istruire, nella lingua desiderata, l’operatore passo passo con una sequenza di istruzioni e comandi fino al momento culminante del rilascio della scarica elettrica. Nelle diapositive a segure alcuni defibrillatori in uso nelle nostre postazioni EIO 22

23 POSTAZIONI E.I.O E DEFIBRILLATORI presenti nei Presidi Ospedalieri dell’ ULSS 5 Ovest Vicentino Arzignano Blocco Operatorio - Defibrillatore semiautomatico / Manuale- Postazione N° 26 Cardiologia -Defibrillatore Semiautomatico/ Manuale- Postazione N° 25 Chirurgia- Defibrillatore Semiautomatico/ Manuale- Postazione N° 1 Endoscopia Digestiva- Defibrillatore tradizionale - Postazione N ° 27 Ginecologia- Defibrillatore Semiautomatico AED- Postazione N° 2 Neurologia- Defibrillatore Semiautomatico AED- Postazione N° 3 Medicina 1°/2° - Defibrillatore Semiautomatico/ Manuale- Postazione N° 4 Ostetricia(Sala Parto) - Defibrillatore semiautomatico AED- Postazione N° 5 Pediatria- Defibrillatore Semiautomatico AED- Postazione N° 6 Radiodiagnostica- Defibrillatore Semiautomatico/ Manuale- Postazione N° 7 Lonigo Ambulatori/ Radiodiagnostica/ Cardiologia-Tradizionale- Postazione N° 30 Blocco Operatorio- Tradizionale- Postazione N° 29 Medicina/ Lungodegenza- Defibrillatore Semiautomatico/ Manuale- Postazione N° 13 Recupero e Rieducazione Funzionale- Tradizionale- Postazione N° 14 Montecchio Ambulatori/ Radiodiagnostica/ Sala gessi- Defibrillatore Semiautomatico AED- Postazione N° 11 Ambulatori Piano terra- Tradizionale- Postazione N° 23 Blocco Operatorio- Tradizionale- Postazione N° 12 Psichiatria- Defibrillatore Semiautomatico AED- Postazione N° 10 Ortopedia (Reparto) - Defibrillatore Semiautomatico/ Manuale- Postazione N° 9 Oculistica- Defibrillatore Semiautomatico AED- Postazione N° 8 Valdagno Day Surgery multidisciplinare- Tradizionale- Postazione N° 24 Dialisi- Defibrillatore Semiautomatico AED- Postazione N° 21 Geriatria- Defibillatore Semautomatico/ Manuale- Postazione N° 15 Ginecologia- Defibrillatore Semiautomatico AED- Postazione N° 17 Chirurgia/ ORL- Defibrillatore Semiautomatico/ Manuale- Postazione N° 19 Ortopedia/ DS- Defibrillatore Semiautomatioco AED- Postazione N° 20 Ostetricia- Defibrillatore Semiautomatico AED- Postazione N° 18 Poliambulatorio- Tradizionale- Postazione N° 22 23

24 Sicurezza nella defibrillazione Prima di erogare la scarica ci si deve allontanare dal paziente. L’operatore deve sempre sottolineare la necessità dell’allontanarsi. Verifiche. Verifica integrità cavi e connettori. Verifica carica batterie. Materiali Presenza di elettrodi monouso. Pasta gel conduttrice. Forbici,rasoio Manutenzione Scaricare completamente le batterie per evitare l’effetto” memoria” sono al Nichel-Cadmio Ricaricarle, manovra da effettuare ogni mese Tipo batteria LC S2912 NK 12 v. 2,9Ah Defibrillatore semiautomatico e Manuale con traccia ECG 24 Paddles

25 25 Reparto RECUPERO RIEDUCAZIONE FUNZIONALE-Lonigo Postazione E.I.O n° 14 Checklist DEFIBRILLATORE CARDIOLIFE TEC 7511 Data Sostituzione Batterie Durata in St.by Carica Controllo cavi connettori Materiali Accessori Firma 02/11/04 SI da Ingegneria Clinica Si Si Si Volpiana G. 04/12/05 2 Ore Si Si Si Si Volpiana G. 05/03/05 2 Ore Si Si Si Si Volpiana G. 07/04/05 2 Ore Si Si Si Si Volpiana G. 09/05/05 2 Ore Si Si Si Si Volpiana G. 04/06/05 2 Ore Si Si Si Si Volpiana G. 03/07/05 2 Ore Si Si Si Si Volpiana G. 16/08/05 2 Ore Si Si Si Si Volpiana G. 30/08/05 2 Ore 10’ Si Si Si Si Volpiana G.

26 Sicurezza nella defibrillazione DAE Mentre il DAE effettua l’analisi e prima di erogare la scarica ci si deve allontanare dal paziente. L’operatore deve sempre sottolineare la necessità di allontanarsi. La Checklist Prevede un registro di controllo e annotazione di: defibrillatore pulito senza alcun oggetto sopra verifica integrità cavi e connettori verifica carica batterie (batterie NI-Cad) efficienti per circa due anni,poi vanno sostituite. Materiali Due set placche monouso sigillate, controllo sca- denza. Forbici, rasoio, salviettine imbevute di alcool. Elettrodi per monitoraggio. Carta per E.C.G. Batteria di riserva. Defibrillatore semiautomatico o DSA 26


Scaricare ppt "GESTIONE E USO DEL CARRELLO E.I.O: AUSILIO DELL’ INFORMATICA PER MIGLIORARE Volpiana Graziano – Caldonazzo Gabriella U.O.A. RRF Lonigo Conti Sergio Struttura."

Presentazioni simili


Annunci Google