La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Bioetica di fine vita e cure palliative Luciano Orsi Dipartimento Cure Palliative, Mantova Corsi AVULSS Alto Garda 5 dicembre 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Bioetica di fine vita e cure palliative Luciano Orsi Dipartimento Cure Palliative, Mantova Corsi AVULSS Alto Garda 5 dicembre 2013."— Transcript della presentazione:

1 bioetica di fine vita e cure palliative Luciano Orsi Dipartimento Cure Palliative, Mantova Corsi AVULSS Alto Garda 5 dicembre 2013

2 MALATTIA CRONICO-DEG. FASI DI AGGRAVAMENTO ATTESE E PREVEDIBILI MORTE GESTITA SCELTE POSSIBILI: LUOGO, TEMPO, MODO CORSIA, T.I., DOMICILIO, HOSPICE BUONA MORTE MORTE NATURALE ?!

3 Traiettorie di fine vita

4 Morte prevedibile Morte gestita: quando morire come morire dove morire Scelte etiche Scelte cliniche

5 Continuum of Care Model D E A T H B E R E A V E M E N T Curative Intent Palliative Care Curative Care Disease Progression

6 non fare? 2 binari: Appropriatezza clinica Liceità etica Fare? fare altro?

7 ALBERO DECISIONALE ETICO TRATTAMENTO TRADIZIONALE: PROSECUZIONE O INTERRUZIONE ? CURE PALLIATIVE PIANFICAZIONE ANTICIPATA DELLE CURE DIRETTIVE ANTICIPATE

8 Quando un problema è etico e non tecnico? È giusto……? È moralmente giusto…..? SE …..fare, non fare…dire….non dire.. Come fare?...non fare….dire…non dire….

9 ETICA PRINCIPIALISTA : rispetto per l’autodeterminazione del paziente AUTONOMIA: rispetto per l’autodeterminazione del paziente BENEFICIALITÀ: fare il bene del paziente BENEFICIALITÀ: fare il bene del paziente NON MALEFICIALITÀ: non fare il male del paziente NON MALEFICIALITÀ: non fare il male del paziente GIUSTIZIA (ACCESSO E DISTRIBUTIVA): equo accesso ai servizi sanitari e promozione di un’equa distribuzione delle (limitate) risorse. GIUSTIZIA (ACCESSO E DISTRIBUTIVA): equo accesso ai servizi sanitari e promozione di un’equa distribuzione delle (limitate) risorse.

10 AUTONOMIA BENEFICIALITA’ DECISIONI CONDIVISE > < PATERNALISMO BEST INTEREST ETICO SE CONFLITTO DI OPINIONE PREVALE VOLONTA’ PAZ. SE CONFLITTO PREVALE VOLONTA’ ESTERNA (MEDICA E/O MORALE) GIUDIZIO SOSTITUTIVO sec. BIOGRAFIA ALLEANZA TERAPEUTICA? FAMILISMO GIUDIZIO SOSTITUTIVO sec. BIOLOGIA BEST INTEREST BIOLOGICO

11 Il pluralismo etico La presenza di prospettive etiche diverse e contrastanti Sfida: far convivere «stranieri morali»” Ciascuna posizione morale merita rispetto (rispetto delle libertà individuali) Rinuncia a posizioni assolutiste

12 Competenze..cosa ci serve per stare lì….esserci… Competenza teorica (bioetica) Consapevolezza della mia posizione etica Lavoro su di sé..per poter “tenere” sull’altro Pluralità di etiche da accogliere

13 CRITERIO di PROPORZIONALITA’ TRATTAMENTO PROPORZIONATO/SPROPORZIONATO (ORDINARIO/STRAORDINARIO) in base a:  probabilità di successo  aumento della quantità di vita  aumento della qualità di vita  oneri (fisici, psichici, economici)

14 A QUALI TRATTAMENTI SI PUO’ PORRE UN LIMITE ? Rianimazione cardio-polmonare Ventilazione artificiale Vasopressori e inotropi Terapie sostitutive renali Idratazione e nutrizione artificiale Interventi chirurgici Emotrasfusioni Chemio – radio-terapia, ecc.

15 Limitazione trattamenti (forgoing): non inizio - sospensione (withholding - withdrawing) Eticamente equivalenti Non definibili come pratiche eutanasiche Documento SIAARTI ; EAPC Ethics Task Force 2003

16 Definizione di EUTANASIA: Uccisione intenzionale, attuata dal medico mediante somministrazione di farmaci, di una persona mentalmente capace che ne fa richiesta volontaria. (A doctor intentionally killing a person by the administration of drugs, at the person’s voluntary and competent request) EAPC Ethics Task Force Pall Med. 2003, 17; Doc. Comitato Nazionale Bioetica 1995

17 Codice deontologico infermieristico 2008 Articolo 36 L’infermiere assiste la persona, qualunque sia la sua condizione clinica e fino al termine della vita, riconoscendo l’importanza della palliazione e del conforto ambientale, fisico, psicologico, relazionale, spirituale. Articolo 37 L’infermiere tutela la volontà dell’assistito di porre dei limiti agli interventi che non siano proporzionati alla sua condizione clinica e coerenti con la concezione da lui espressa della qualità della vita

18 CDM – Art. 16 Accanimento diagnostico-terapeutico “ Il medico, anche tenendo conto delle volontà del paz. laddove espresse, deve astenersi dall’ostinazione in trattamenti diagnostici e terapeutici da cui non si possa fondatamente attendere un beneficio per la salute del malato e/o un miglioramento della qualità di vita”.

19 12 bisogni dei familiari T. J. Prendergast, K. Puntillo JAMA : ottenere risposte veritiere alle loro domande sapete cosa non sta funzionando nel paz. (non genericità) sapere la vera prognosi essere avvisati (telefonata a casa) se il paz. peggiora ricevere info. da un medico ricevere info. in un linguaggio a loro adeguato

20 credere che i sanitari abbiano a cuore il loro caro mentre lo curano essere rassicurati sul comfort del paz. (ma…...soffre?) essere confortati poter esprimere le loro emozioni trovare un significato nella morte del loro caro avere la possibilità di bere, mangiare, sedersi, dormire 12 bisogni dei familiari T. J. Prendergast, K. Puntillo JAMA :

21 STRATEGIE UTILI comunicazioni tempestive, frequenti e veritiere (all’aggravarsi della prognosi) disponibilità a rispondere alle domande dei familiari incoraggiare la discussione nei familiari centrandole su quanto il paz. avrebbe desiderato buon controllo dei sintomi essere presenti e empatici LIMITAZIONE TERAPEUTICA

22 STRATEGIE DANNOSE rinviare la discussione sulla limitazione terapeutica (nonostante peggioramento prognostico) eludere il contatto con i familiari quando la morte si avvicina trasferire il peso decisionale della limitazione terapeutica su un solo familiare (responsabilizzare vs. coinvolgere !!) tentennare nella limitazione terapeutica T. J. Prendergast, K. Puntillo JAMA :

23

24 Processo in cui il malato, insieme ai curanti ed ai suoi familiari o persone a lui care prende delle decisioni circa le proprie future cure. PIANIFICAZIONE ANTICIPATA DELLE CURE (PAC) advanced care planning

25 Pianificazione anticipata delle cure Il pz. esplicita le sue volontà in relazione a stati patologici futuri Il pz. esplicita scelte di trattamento o non trattamento Il paz. nomina un fiduciario che decide in caso di futura incapacità mentale

26 DIRETTIVE ANTICIPATE Sono la logica conclusione della Pianificazione Anticipata delle Cure Sono composte da due parti: DIRETTIVA DI ISTRUZIONI DIRETTIVA DI DELEGA

27 DIRETTIVA DI ISTRUZIONI Testamento biologico, Testamento di vita Contiene le preferenze del paz. circa le alternative terapeutiche possibili in alcune situazioni cliniche frequenti e gravi:

28 DIRETTIVA DI ISTRUZIONI Trattamenti: · Interventi chirurgici d’urgenza · Rianimazione cardio-polmonare · Terapie di sostegno vitale (VAM, vasopressori, dialisi, ecc.) · Nutrizione artificiale, emotrasfusioni, ecc. · Sedazione terminale / palliativa

29 DIRETTIVA DI ISTRUZIONI Condizioni cliniche:  Fase avanzata o terminale di varie patologie degenerative, neoplastiche, infettive  SVP (stato vegetativo persistente o permanente), demenza avanzata  Sofferenze refrattarie

30 DIRETTIVA DI DELEGA Contiene l’indicazione di una persona (e suo eventuale sostituto) di fiducia che il pz. sceglie perché prende le decisioni in sua vece, quando lui stesso non sarà più in grado di farlo perché divenuto mentalmente incapace

31 Volontà (direttive) anticipate Obbligo legislativo e deontologico di tener conto delle volontà anticipate : Art. 9. Convenzione sui Diritti Umani e la Biomedicina Consiglio Europeo (Oviedo, 4 Aprile 1997; ratificata da Parlamento Italiano, 14 Marzo 2001). Art e 38 Codice di Deontologia Medica (16/12/06). Art. 38 Codice Deontologia infermiere (2009)

32 Convenzione Europea sui Diritti dell’Uomo e la Biomedicina Consiglio d’Europa 4/4/1997; ratificata dal Parlamento Italiano, 28 Marzo 2001 n. 145 Art. 9 “Saranno prese in considerazione le volontà precedentemente espresse nei confronti dell’intervento medico da parte di un paziente che, al momento dell’intervento, non è più in grado di esprimere la propria volontà”.

33 La tutela del soggetto incapace - L’Amministratore di sostegno Legge 9/1/04 n. 6. Art. 3: Amministratore di sostegno (nuovo Art. 404 c.c.). La persona che, per effetto di una infermità ovvero una menomazione fisica o psichica, si trova nell’impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi, può essere assistita da un amministratore di sostegno, nominato dal giudice tutelare del luogo in cui questa ha la residenza o il domicilio.

34 La tutela del soggetto incapace - L’Amministratore di sostegno Legge 9/1/04 n. 6. Art. 3: Doveri dell’amministratore di sostegno (nuovo Art. 410 c.c.). Nello svolgimento dei suoi compiti l’A.S deve tener conto dei bisogni e delle aspirazioni del beneficiario. L’A.S. deve tempestivamente informare il beneficiario circa gli atti da compiere, nonché il giudice tutelare in caso di dissenso con l’interessato.


Scaricare ppt "Bioetica di fine vita e cure palliative Luciano Orsi Dipartimento Cure Palliative, Mantova Corsi AVULSS Alto Garda 5 dicembre 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google