La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Cassa Edile del Nord Sardegna Congruità della mano d’opera. I cantieri nella denuncia mensile MUT.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Cassa Edile del Nord Sardegna Congruità della mano d’opera. I cantieri nella denuncia mensile MUT."— Transcript della presentazione:

1 Cassa Edile del Nord Sardegna Congruità della mano d’opera. I cantieri nella denuncia mensile MUT

2 Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163 "Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE" Art.118 c 6-bis. Al fine di contrastare il fenomeno del lavoro sommerso ed irregolare, il documento unico di regolarità contributiva è comprensivo della verifica della congruità della incidenza della mano d’opera relativa allo specifico contratto affidato. Tale congruità, per i lavori è verificata dalla Cassa Edile in base all’accordo assunto a livello nazionale tra le parti sociali firmatarie del contratto collettivo nazionale comparativamente più rappresentative per l’ambito del settore edile ed il Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali. (comma così sostituito dall'art. 2, comma 1, lettera aa), d.lgs. n. 152 del 2008)documento unico di regolarità contributiva

3 Legge 27 dicembre 2006, n. 296 "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2007)" Art Al fine di promuovere la regolarita' contributiva quale requisito per la concessione dei benefici e degli incentivi previsti dall'ordinamento, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Ministro del lavoro e della previdenza sociale procede, in via sperimentale, con uno o piu' decreti, all'individuazione degli indici di congruita' di cui al comma 1174 e delle relative procedure applicative, articolati per settore, per categorie di imprese e per territorio, sentiti il Ministro dell'economia e delle finanze nonche' i Ministri di settore interessati e le organizzazioni comparativamente piu' rappresentative sul piano nazionale dei datori di lavoro e dei lavoratori Il decreto di cui al comma 1173 individua i settori nei quali risultano maggiormente elevati i livelli di violazione delle norme in materia di incentivi ed agevolazioni contributive ed in materia di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori. Per tali settori sono definiti gli indici di congruita' del rapporto tra la qualita' dei beni prodotti e dei servizi offerti e la quantita' delle ore di lavoro necessarie nonche' lo scostamento percentuale dall'indice da considerare tollerabile, tenuto conto delle specifiche caratteristiche produttive e tecniche nonche' dei volumi di affari e dei redditi presunti.

4 Avviso comune ANCE CONFARTIGIANATO CNA CASARTIGIANI CLAAI LEGA CONFCOOPERATIVE AGCI CONFAPI FILLEA CGIL FILCA CISL FENEAL UIL

5 Avviso comune La tabella approvata con l'Avviso comune relativo agli indici minimi di congruità, riporta le percentuali di incidenza del costo del lavoro, comprensivo dei contributi INPS, INAIL e Casse Edili ragguagliate all'opera complessiva, che costituiscono percentuali di incidenza minime, al di sotto delle quali scatta la presunzione di non congruità dell'impresa.

6 Avviso comune CategorieIndice congruità OG1 – nuova edilizia civile compresi impianti e forniture14,28% nuova edilizia industriale esclusi impianti 5,36% ristrutturazioni di edifici civili22,00% ristrutturazioni di edifici industriali esclusi impianti 6,69% OG2 – restauro e manutenzione di beni tutelati30,00% OG3 – opere stradali, ponti, etc.13,77% OG4 – opere d’arte nel sottosuolo10,82% OG5 – dighe16,07% OG6 – acquedotti e fognature14,63% gasdotti13,66% oleodotti13,66% opere di irrigazione ed evacuazione12,48% OG7 – opere marittime12,16% OG8 – opere fluviali13,31% OG9 – impianti per la produzione di energia elettrica14,23% OG10 – impianti per la trasformazione e distribuzione 5,36% OG12 – OG13 – bonifica e protezione ambientale16,47%

7 Comitato Bilateralità ANCE CONFARTIGIANATO CNA CASARTIGIANI CLAAI LEGA CONFCOOPERATIVE AGCI CONFAPI FILLEA CGIL FILCA CISL FENEAL UIL

8 Comitato bilateralità A partire dalla denuncia relativa al mese di marzo 2012 le Casse Edili dovranno inserire nel modello di denuncia mensile i seguenti campi: - descrizione cantiere - indirizzo cantiere - committente (pubblico/privato) - nominativo e codice fiscale committente - tipo lavoro (appalto/subappalto/in proprio) - nominativo e codice fiscale appaltatore (solo per imprese in subappalto)

9 Comitato bilateralità ) Nella sezione relativa ai cantieri saranno previsti i seguenti campi (che rappresentano una autodichiarazione dell’impresa in merito alla quale la Cassa Edile ha facoltà di richiedere una verifica documentale): a) valore complessivo di aggiudicazione dell’opera b) valore lavori edili c) data inizio e fine (presunta) lavori

10 Comitato bilateralità ) In caso di utilizzo di subappalti, si dovrà compilare, per ciascun cantiere, una scheda contenente i seguenti campi: - opere subappaltate - valore opere subappaltate - nominativo imprese subappaltatrici - data inizio e fine lavori subappaltati

11 Comitato bilateralità ) In caso di presenza lavorativa, in ciascun cantiere, di lavoratori autonomi, titolari d’impresa, soci o collaboratori familiari, si dovrà prevedere, nell’elenco lavoratori, la compilazione dei seguenti campi: - nominativo e codice fiscale di ciascun soggetto lavorativo non dipendente - tipologia lavorativa (lavoratore autonomo, titolare, socio, collaboratore) - cantiere di attività - numero ore lavorate (max 173 mensili)

12 Comitato bilateralità Il costo relativo a tali tipologie lavorative sarà calcolato dalla Cassa Edile utilizzando, convenzionalmente, la retribuzione in vigore per l’operaio specializzato moltiplicata per il numero di ore dichiarate come lavorate ed il risultato concorrerà alla definizione del costo complessivo della manodopera.

13 Comitato bilateralità ) Le Casse Edili dovranno effettuare, dalla denuncia relativa al mese di aprile 2012, una verifica di congruità della manodopera denunciata nei lavori pubblici e in quelli privati di importo superiore ai euro. Pur essendo inizialmente tale verifica a carattere sperimentale, la corretta compilazione nella denuncia mensile dei dati relativi ai cantieri, eviterà il ricorso da parte della Cassa Edile, ad altre forme di acquisizione dei dati necessari e faciliterà la futura gestione, nel 2013, della verifica di congruità come condizione per il rilascio del DURC al termine dei lavori.

14 Comitato bilateralità ) Dalla denuncia relativa al mese di Aprile 2012, le Casse Edili si doteranno di uno strumento informatico (per brevità definito “contatore di congruità”) che registrerà mensilmente per ogni cantiere: - la quota mensile del valore dei lavori edili riferiti al cantiere. - la quota mensile del costo minimo della manodopera (percentuali previste dall’Avviso comune applicate alla quota del valore dei lavori) - il costo mensile della manodopera dell’impresa principale (imponibile Cassa Edile x2,5) - il costo mensile della manodopera di ciascuna impresa subappaltatrice (imponibile Cassa Edile x2,5)

15 Comitato bilateralità ) Il contatore dovrà consentire alla Cassa Edile e all’impresa principale interessata di monitorare mensilmente l’andamento degli indicatori riportati al punto precedente e di un ulteriore indicatore riassuntivo del “livello” di congruità̀ registrato fino al momento della consultazione. Esempio: dopo sei mesi dall’avvio del cantiere, si potrà confrontare il costo minimo della manodopera da raggiungere nel semestre con il costo della manodopera effettivamente raggiunto dall’insieme delle imprese impegnate nei lavori del cantiere.

16 Comitato bilateralità ) Le Casse Edili, a partire dalla denuncia relativa al mese di aprile 2012, potranno utilizzare i dati ricavati dal citato contatore per verificare con l’impresa principale (ed eventualmente anche con le subappaltatrici) le motivazioni relative al mancato raggiungimento del livello minimo di costo della manodopera o, in caso di superamento di tale livello, per registrare l’effettiva incidenza percentuale del costo della manodopera sul valore dei lavori relativi alla tipologia di opere esaminata.

17 Comitato bilateralità ) Entro il mese di giugno del 2012 le Casse Edili faranno pervenire al Comitato della bilateralità, tramite la Cnce, le risultanze e le osservazioni in merito ai primi mesi di sperimentazione, in modo tale da consentire al Comitato stesso di decidere in merito ad eventuali modifiche delle procedure operative da applicare nel secondo semestre del 2012.

18 Comitato bilateralità ) Dal 1° ottobre 2012 i DURC rilasciati dalla Cassa Edile per fine lavori segnaleranno il raggiungimento o meno della congruità del costo della manodopera sul valore dell’opera, secondo quanto previsto dal citato Avviso Comune.

19 Comitato bilateralità Dal 1° gennaio 2013 la verifica della congruità andrà a regime, divenendo requisito imprescindibile per il rilascio del DURC regolare.

20 Congruità della mano d’opera ● da gennaio 2013 il DURC nazionale sarà comprensivo della congruità della manodopera. ● lo strumento di acquisizione dei dati della manodopera nei vari cantieri sarà la denuncia mensile MUT. ● l’anagrafica dei cantieri di ciascuna impresa con i dati relativi sarà comunicata con la denuncia mensile MUT, acquisita dalla Cassa Edile e riproposta nella denuncia del mese successivo. ● è in fase di predisposizione una procedura telematica per la comunicazione dei cantieri tramite DNL (Denuncia nuovo lavoro).

21 Le fasi di attuazione ◙ Fase 2 1° ottobre 2012 segnalazione congruità mano d’opera su DURC fine lavori ◙ Fase 3 1° gennaio 2013 DURC regolare solo se mano d‘opera congrua ◙ Fase 1 Denunce marzo 2012 Ripartizione ore lavorate per cantiere

22 Circolare Imprese Chiarimenti tecnici su modifiche denunce MUT Schema comunicazione dati cantieri (da Imprese a Consulenti)


Scaricare ppt "Cassa Edile del Nord Sardegna Congruità della mano d’opera. I cantieri nella denuncia mensile MUT."

Presentazioni simili


Annunci Google