La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alcuni spunti di riflessione a partire dalle Linee guida per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri Ministero dell’Istruzione, l’Università.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alcuni spunti di riflessione a partire dalle Linee guida per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri Ministero dell’Istruzione, l’Università."— Transcript della presentazione:

1 Alcuni spunti di riflessione a partire dalle Linee guida per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri Ministero dell’Istruzione, l’Università e la Ricerca febbraio 2014

2 Le Fonti La tutela del diritto di accesso a scuola del minore straniero trova la sua fonte normativa in: - Legge n. 40 del 06/03/ D.L. n. 286 del 25/07/1998 – Testo Unico Obiettivo univoco: - favorire l’integrazione scolastica degli alunni stranieri attraverso l’educazione interculturale Versus: Assimilazione culturaleConvivenza tra comunità etniche chiuse

3 Attraverso: Confronto Dialogo Reciproco riconoscimento ed arricchimento A partire dalla conoscenza della lingua italiana e nel rispetto delle diverse identità culturali e religiose

4 Le qualità della presenza straniera a scuola - da 100 ad oltre 800 mila negli ultimi 10 anni - ALUNNI CON CITTADINANZA NON ITALIANA (ma spesso nati in Italia. Stranieri a tutti gli effetti, ostacoli burocratici /legislativi) - ALUNNI IN FAMIGLIE NON ITALOFONE (anche molto competenti, ma spesso con difficoltà linguistiche che ne ostacolano l’apprendimento) - MINORI NON ACCOMPAGNATI (esperienze di deprivazione ed abbandono, scarse competenze anche nella lingua di origine) - ALUNNI FIGLI DI COPPIE MISTE (vantaggio: bilinguismo per l’acquisizione delle competenze)

5 Le qualità della presenza straniera a scuola - ALUNNI ARRIVATI PER ADOZIONE INTERNAZIONALE (spesso “invisibili” nelle classi perché cittadini italiani a tutti gli effetti. Interventi specifici e personalizzati) - ALUNNI ROM, SINTI, CAMMINANTI (elevato tasso di dispersione scolastica/frequenza irregolare. Resistenza verso processi e modelli educativi “imposti” e mancato riconoscimento delle autorità) -ALTRO: RICONGIUNGIMENTI, FAMIGLIE APPENA ARRIVATE IN ITALIA, RIFUGIATI E RICHIEDENTI ASILO, ECC. (non citati nelle Linee Guida)

6 Le qualità della presenza straniera a scuola - importanza della RICOSTRUZIONE DELLA BIOGRAFIA DELL’ALUNNO STRANIERO discussione aperta: “CHI” SONO GLI ALUNNI STRANIERI PRESENTI NELLE VOSTRE CLASSI? QUALI LE PROBLEMATICHE RISCONTRATE?

7 Alcune indicazioni operative 1. EQUILIBRATA ED ETEROGENEA DISTRIBUZIONE DELLA PRESENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI NELLE CLASSI 2. ACCOGLIENZA - iscrizione (anche in corso di anno) on line al portale, con scelta su: tempo scuola; mensa, altri servizi opzionabili (es. POF) – info tradotte in più lingue - Iscrizione corrispondente all’età anagrafica (con consenso del Collegio Docenti) il D.P.R. 394 del ’99, all’articolo 45, attribuisce al Collegio dei docenti numerosi compiti deliberativi e di proposta in merito all’inserimento nelle classi degli alunni stranieri. Al Collegio spetta la nomina di una Commissione per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri e per la promozione dell’educazione interculturale.

8 Alcune indicazioni operative 2.1. LA DOCUMENTAZIONE RICHIESTA ( autocertificazione! ) - Permesso di soggiorno e documenti anagrafici (dei genitori, se <14 anni), non preclusivo - Documenti sanitari (vaccinazioni obbligatorie, non preclusive) - Eventuali documenti scolastici relativi al pregresso percorso scolastico nel Paese di origine LA GESTIONE DELLE ISCRIZIONI - presenza di alunni stranieri non superiore al 30% degli iscritti (limite superabile in presenza di adeguate competenze linguistiche se gli alunni hanno già frequentato scuole italiane)

9 Alcune indicazioni operative 3. IL COINVOLGIMENTO E LA PARTECIPAZIONE DELLE FAMIGLIE - Accoglienza ed ascolto della famiglia attraverso un suo coinvolgimento nelle attività scolastiche anche attraverso l’ausilio di mediatori interculturali - con l’ausilio di brochure informative plurilingue su organizzazione scolastica, logistica, calendari di incontri, opzioni educative, ecc. 4. LA VALUTAZIONE - stesso sistema di valutazione (giudizi periodici, voti, esami finali, ecc.) anche per gli alunni stranieri, pur nel possibile adattamento personalizzato dei programmi sebbene in via transitoria = raggiungere gli stessi obiettivi anche con l’ausilio di strumenti e modalità diverse/personalizzate

10 Alcune indicazioni operative 5. L’ORIENTAMENTO - Importante già a partire dalla scuola dell’infanzia. Spesso trascurata da parte degli stranieri, la frequenza della scuola dell’infanzia va incentivata in quanto fondamentale per la socializzazione e l’apprendimento della lingua italiana attraverso il coinvolgimento delle istituzioni e del privato sociale - Importante anche per la scelta della scuola successiva - grazie all’ausilio di corretti STRUMENTI INFORMATIVI PLURILINGUE, e almeno dall’inizio dell’ultimo anno della secondaria di primo grado, per evitare fenomeni di “segregazione scolastica” (ist. professionali e tecnici) - Contrastare i ritardi scolastici (nell’apprendimento delle discipline) che provocano demotivazione e disagio curando in particolar modo l’apprendimento della lingua italiana

11 Alcune indicazioni operative 6. L’INSEGNAMENTO DELL’ITALIANO COME L2 - facilitandone l’apprendimento anche negli ambiti disciplinari specifici riferito ai saperi ed ai concetti disciplinari COME? - approntando moduli specifici di 8/10 ore settimanali per una durata di 3-4 mesi (con progetti mirati e con la collaborazioni di associazioni e realtà del privato sociale)

12 Il PORTALE INTEGRAZIONE MIGRANTI

13 Il PORTALE INTEGRAZIONE MIGRANTI Fornisce informazioni per i cittadini stranieri, con l’obiettivo di favorire la loro integrazione nel Paese. È organizzato per temi: lingua italiana lavoro casa salute minori stranieri educazione interculturale CONSENTENDO L’INDIVIDUAZIONE 1.DEI SERVIZI E DEI PROGETTI ATTIVATI DALLA RETE PUBBLICO/PRIVATO SOCIALE DEL TERRITORIO 2.DELLE NOVITA’ SUL FRONTE NORMATIVO


Scaricare ppt "Alcuni spunti di riflessione a partire dalle Linee guida per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri Ministero dell’Istruzione, l’Università."

Presentazioni simili


Annunci Google