La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Provincia di Ravenna Lectio Magistralis del Dott. Alberto Rebucci sul tema dell’ Economia 02/02/2015, I.T.C.G. A. Oriani Faenza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Provincia di Ravenna Lectio Magistralis del Dott. Alberto Rebucci sul tema dell’ Economia 02/02/2015, I.T.C.G. A. Oriani Faenza."— Transcript della presentazione:

1 Provincia di Ravenna Lectio Magistralis del Dott. Alberto Rebucci sul tema dell’ Economia 02/02/2015, I.T.C.G. A. Oriani Faenza

2 Provincia di Ravenna L’ Economia: una scienza sociale  Di economia si parla molto e ovunque ma come scrive il premio nobel Krugman spiegare l' economia non è affatto semplice, sia perché alcuni concetti non sono così immediati sia perchè in ogni giorno siamo letteralmente bombardati,attraverso i media, da concezioni economiche che ci vengono presentate come scontate, neutre e oggettive ma che non lo sono affatto.  L' Economia non è una scienza " esatta " come la matematica anche se usa tanta matematica nei suoi modelli, è una scienza sociale e in economia vi sono visioni diverse, spesso opposte, che stanno alla base dei modelli che le diverse scuole economiche hanno costruito e che sono sempre semplificazioni della realtà.  Per correttezza: la mia piccola analisi economica di oggi non sarà affatto imparziale o oggettiva; Io ho studiato in un ambiente universitario a fine anni ’70 dove erano prevalenti impostazioni economiche di scuola keynesiana, alternative al modello marginalista o neoliberista che teorizza la capacità del “mercato” di autoregolarsi e di conseguire sempre i migliori risultati possibili.  Da Wikipedia: John Maynard Keynes, Cambridge, 5 giugno 1883 – Tilton (East Sussex), 21 aprile 1946, è stato un economista britannico, padre della macroeconomia e considerato uno dei più grandi economisti del XX secolo.Cambridge5 giugno1883Tilton (East Sussex)21 aprile 1946economistabritannicomacroeconomiaXX secolo  I suoi contributi alla teoria economica hanno dato origine alla cosiddetta "rivoluzione keynesiana". In contrasto con la teoria economica neoclassica ( che sia affida unicamente al mercato ), ha sostenuto la necessità dell'intervento pubblico statale nell'economia con misure di politica di bilancio e monetaria volte ad accescere gli investimenti, la produzione e l’ occupazione, qualora una insufficiente domanda aggregata non riesca a garantire la piena occupazione nel sistema capitalista, in particolare nella fase bassa di crisi del ciclo economico.teoria economica neoclassicastataleeconomiapolitica di bilanciomonetariadomanda aggregataoccupazionecapitalistaciclo economico  Le sue idee sono state sviluppate e formalizzate nel dopoguerra dagli economisti della scuola keynesiana.dopoguerrascuola keynesiana  Io ritengo che quelle impostazioni economiche non siano perfette e vadano certamente aggiornate (es. globalizzazione e ambientalismo) ma forniscano tutt’ora strumenti di analisi e di intervento attivo utili per ottenere obiettivi economici importanti per la comunità specie in termini di crescita e di occupazione.  Nessuna impostazione va però assunta in modo dogmatico come una ricetta sicura e per sempre perché nel capitalismo più che le teorie contano gli “ spiriti animali “ e perché la realtà è in costante aggiornamento e sono i modelli che debbono cambiare per saperla interpretare al meglio non viceversa. 2

3 Provincia di Ravenna L’obiettivo della Crescita  La crescita della produzione, del reddito e dell'occupazione viene visto, anche da impostazioni economiche diverse, come un obiettivo positivo e di primaria importanza.  E questo ancor più dopo una lunga fase di recessione, dal 2008 a oggi caratterizzata da caduta del reddito nazionale, da impoverimento di intere fasce sociali e di disoccupazione di massa. 3

4 Provincia di Ravenna 4

5 Diverse visioni sulla crescita  Se l’obiettivo della crescita è comune a diverse concezioni e in particolare alle due oggi prevalenti, il neoliberismo e il keynesismo le modalità e le politiche per conseguirle sono profondamente diverse.  Dal punto di vista degli economisti di scuola keynesiana è fondamentale distinguere il breve periodo dal medio-lungo periodo.  Il breve periodo è quello dove possiamo considerare la capacità produttiva (aziende, attrezzature, infrastrutture, forza lavoro e loro grado di istruzione) come date.  Ebbene il livello dell' attività economica (PIL), a capacità produttiva data, coincide con il livello della domanda aggregata o della spesa complessiva di un determinato Paese composta da Consumi+Investimenti+Spesa pubblica (al netto delle imposte) + Esportazioni (al netto delle importazioni).  E a capacità produttiva data, incide moltissimo sul livello della spesa complessiva e quindi sul reddito e l’ occupazione il tipo di politica che un Paese (o una Unione di Paesi come la UE o federazione di Paesi come gli USA) decide di praticare appunto nel breve periodo (ottica uno/due anni). 5

6 Provincia di Ravenna Come si vede dalla foto di sotto ho paragonato gli andamenti economici dal 2012 al 2014, assai negativi, dell' Italia e dei Paesi dell' area Euro della Unione Europea con gli altri Paesi delle aree avanzate del mondo e in particolare con gli USA. 6

7 Provincia di Ravenna L’Europa dell’Austerità  Tali andamenti non sono casuali nè tanto dovuti a differenze di carattere strutturale (che pure ovviamente ci sono). L' Europa, in questi anni e anche dopo la grande recessione del 2008 ha privilegiato una politica di AUSTERITA' per:  ridurre il debito pubblico  tener basso il livello dei prezzi (inflazione)  mantenere alto il valore dell’ Euro rispetto alle altre monete Una politica ispirata dalle teorie economiche neoliberiste e monetariste per le quali il mercato va lasciato a sè stesso, perchè produce sempre il "migliore dei risultati economici possibili “ (equilibrio generale di pieno utilizzo di tutte le risorse disponibili). Il risultato è netto: dopo la grande caduta del 2008 l' Europa non si è ripresa dalla recessione e anzi ha manifestato fenomeni di deflazione (riduzione ) dei prezzi, che deprimono gli investimenti e aggravano al disoccupazione. 7

8 Provincia di Ravenna 8

9 Lo spettro della Deflazione in Europa 9

10 Provincia di Ravenna Gli Stati Uniti dopo la grande crisi del 2008 hanno imboccato con il Presidente Obama e con la FED una tipica politica espansiva di tipo keynesiano favorendo la ripresa della domanda aggregata e in particolare di spesa pubblica, investimenti e consumi.  Gli effetti, lenti inizialmente, stanno diventando di segno estremamente positivo: crescita del 5% nell' ultimo trimestre rilevato del 2014, calo sostanziale della disoccupazione, aumento dei posti di lavoro, dati molto positivo di fiducia dei consumatori e anche miglioramento del rapporto deficit/pil. 10

11 Provincia di Ravenna I positivi dati sull’ Occupazione in USA 11

12 Provincia di Ravenna Prime novità in Europa  Il Tasso di interesse zero e il calo dell’ Euro ( e del petrolio )  Il Quantitative Easing di Mario Draghi Governatore BCE  Il Piano di 350 miliardi di investimenti della Commissione Juncker  Il Tema della Flessibilità rispetto ai vincoli UE. Il difficile confronto con Grecia, Italia e Francia BASTERA’ ? 12

13 Provincia di Ravenna Il lungo e lunghissimo periodo Il secondo ragionamento che vi volevo proporre riguardava il tema della Crescita economica in un'ottica di Lungo e addirittura Lunghissimo periodo, utilizzando una piccola parte dello straordinario contributo offerto dal recente libro dell' economista francese Thomas Piketty denominato (non a caso) IL CAPITALE nel XXI secolo, che vi consiglio di leggere. 13

14 Provincia di Ravenna Popolazione, Produzione, Produzione pro-capite 14

15 Provincia di Ravenna 15

16 Provincia di Ravenna Le previsioni di lunghissimo periodo 16

17 Provincia di Ravenna La crescita nel lungo periodo  In un'ottica di lungo e lunghissimo periodo la crescita economica dipende principalmente dal miglioramento della capacità produttiva e dalla crescita della produttività per ora lavorata o per addetto, dalla produttività/efficienza dell’intero sistema.  Tale miglioramento è legato all' evoluzione tecnologica e organizzativa, alla disponibilità di energie sempre più potenti e convenienti, al livello di istruzione diffusa tra lavoratori, imprenditori e cittadini, dall’ efficienza della PA ecc. 17

18 Provincia di Ravenna Esiste un rapporto tra le scelte di politica economica per favorire la crescita nel breve periodo e il rafforzamento della capacità produttiva e il miglioramento della produttività del sistema nel lungo periodo?  A mio avviso esiste.  Una politica economica attiva, che utilizzi le leve (di bilancio e di politica monetaria) di cui dispongono lo Stato e le Banche Centrali per accrescere il livello di investimenti pubblici e privati, materiali (dalle infrastrutture agli investimenti in aziende e tecnologie) e immateriali (dall'istruzione alle attività di ricerca) oltre quello che spontaneamente assicurerebbe il mercato, che produce due effetti:  - accrescere nel breve periodo la domanda di beni di investimento e poi dei consumi determinando dunque un livello dell' attività economica e dell'occupazione più elevata di quanto il “mercato” da solo avrebbe assicurato;  -contribuire anche, grazie a tali investimenti " produttivi " a rafforzare dal lato dell’ “ offerta “ la capacità produttiva nel lungo periodo ponendo le basi per un miglioramento strutturale della produttività e del benessere pro-capite, tanto più diffuso ed equo quanto più diffuso è il livello della istruzione e del livello culturale. DUNQUE A MIO MODESTO AVVISO LA CHIAVE DI UNA BUONA POLITICA ECONOMICA E’ MANOVRARE IN MODO FLESSIBILE E “ LAICO “ LA LEVA DEGLI INVESTIMENTI MATERIALI E IMMATERIALI, che sono il volano dell’ economia. 18

19 Provincia di Ravenna Dalla crescita economica, allo sviluppo sostenibile, dal PIL al BES, la prospettiva del Green New Deal.  Nel XXI secolo il tema della crescita non può non confrontarsi con il tema della sostenibilità, della effettiva compatibilità con le risorse naturali disponibili (ampie ma comunque limitate) sul nostro meraviglioso e unico pianeta.  Bastano pochi dati a evidenziare il tema : Una popolazione mondiale di 7 Miliardi destinata a raggiungere i 9/10 miliardi nel corso del secolo;  Un reddito pro-capite medio di circa euro; un PIL mondiale di miliardi di Euro  Aree del mondo (Cina e India in particolare) con miliardi di abitanti che stanno vivendo una crescita del PIL del 7-8% all’ anno da circa un decennio e che aspirano a condizioni di vita vicine a quelle da noi conosciute in occidente. 27/03/201519

20 Provincia di Ravenna La questione Ambientale E dall’ altra parte sono note le emergenze ambientali:  l’ effetto serra, riconosciuto da migliaia di scienziati di tutto il mondo, dovuto alle crescenti emissioni di CO2 in atmosfera e i conseguenti cambiamenti climatici già in atto che mettono in pericolo la vita sulla terra  la potenziale carenza di acqua dolce,  l’ accumulo di enormi quantità di rifiuti,  l’inquinamento del mare e delle acque,  il crollo della biodiversità (a ritmi conosciuti solo nella famosissima crisi del famosissimo Jurassico ). 20

21 Provincia di Ravenna Lo Sviluppo sostenibile  Voi sapete che nel linguaggio “ politicamente corretto “ al termine crescita si è via via sostituito il termine di SVILUPPO SOSTENIBILE. La prima definizione di sviluppo sostenibile nasce nel 1987 e poi ripreso dalla Conferenza mondiale sull’ ambiente e lo sviluppo dell’ ONU: “Lo sviluppo sostenibile è uno sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni“ Successivamente tale definizione, ancora largamente usata è stata vista come eccessivamente “antropocentrica “. Nel 1991 si è quindi coniata una nuova definizione di ordine più globale: “ un miglioramento della qualità della vita senza eccedere la capacità di carico degli ecosistemi di supporto dai quali dipende” Da queste definizioni si comprende che il passaggio dal concetto di crescita a quello di sviluppo sostenibile contiene certo in primo luogo il tema della sostenibilità AMBIENTALE dello sviluppo ma anche l’idea di privilegiare l’evoluzione qualitativa dello sviluppo piuttosto che la pura crescita quantitativa. 21

22 Provincia di Ravenna Siamo sicuri che il PIL o anche il più significativo PIL pro-capite siano misuratori del benessere davvero adatti e sufficienti a questa fase storica in cui appunto il tema è far progredire “ lo sviluppo sostenibile “ ?  Ormai molti economisti, statistici e ambientalistici rispondono negativamente.  Certo il PIL ( valore monetario a prezzi costanti quale somma di tutti i valori aggiunti registrati nei vari settori dell’ economia ) è stato un indicatore importante e ha l’ enorme pregio del carattere sintetico che consente di paragonare e di sommare situazioni strutturali diversissime tra loro.  Ma il PIL come è stato ricordato ha difetti evidenti e non solo perché ci sono attività che non vengono registrate ( dalle attività “ in nero “, al volontariato puro fino al vastissimo e preziosissimo lavoro casalingo e “di cura “ ) ma soprattutto entrano del PIL e nei suoi ritmi di crescita elementi che non c’entrano proprio nulla con il benessere umano: le guerre, l’ accrescersi degli armamenti ecc. E’ stato ricordato ad esempio che paradossalmente la congestione del traffico urbano che rappresenta un disagio fortissimo per miliardi di cittadini e un enorme danno ambientale e per la salute, imponendo di consumare più carburante fa aumentare il PIL mentre appunto il lavoro prezioso di tanti volontari che operano a favore di poveri o malati non viene per nulla registrato.  Senza contare che il PIL non riesce a calcolare in alcun modo il depauperamento del capitale naturale che una crescita economica dissennata può provocare.  E da questo punto di vista si è giustamente osservato che concentrarsi sul solo PIL sarebbe come in una azienda valutare solo il “ conto economico “ disinteressandosi del ben più strutturale “ Stato Patrimoniale “. 27/03/201522

23 Provincia di Ravenna Dal PIL al BES  Per questo si stanno sperimentando con il contributo di economisti famosi (es. Fitoussi) nuovi misuratori del Benessere più ampi, complessivi, olistici.  In una foto in fondo ho inserito il richiamo al BES, Benessere Equo e Sostenibile su cui l’ISTAT sta compiendo una vasta sperimentazione in collaborazione con un gruppo di Province tra cui la Provincia di Ravenna  23

24 Provincia di Ravenna Dagli indicatori che esso comprende possiamo ben capire che esso è uno strumento potente per capire effettivamente l’ evoluzione del benessere di un territorio anche in paragone ad altri territori e per consentire alla politica, anche regionale e locale di intervenire positivamente e in modo mirato su punti di forza e punti di debolezza che il BES evidenzia abbastanza chiaramente. 27/03/201524

25 Provincia di Ravenna E’ POSSIBILE TENERE ASSIEME IN UN’UNICA STRATEGIA L’INSIEME DI CONSIDERAZIONI, CHE HO CERCATO DI DELINEARE?  Io penso di sì e utilizzando uno slogan ormai usatissimo ritengo che possa tradursi nel “ nuovo libro “ del GREEN NEW DEAL, della nuova frontiera verde. 27/03/201525

26 Provincia di Ravenna UNA NUOVA IDEA DI SVILUPPO  Tutti sappiamo che cosa è stato il New Deal di Roosvelt per uscire dalla grande depressione degli anni ’30 del 900 con nuove politiche ispirate da Keynes che hanno cambiato la storia di una parte dell’umanità.  E io penso che il tema della sostenibilità ambientale non possa non essere centrale per una nuova fase di sviluppo capace di durare nel tempo e aprire davvero una nuova fase di benessere senza precedenti per l’umanità nel contempo in condizione di pace tra gli uomini e con la natura.  Nel concetto del GREEN NEW DEAL di cui abbiamo bisogno c’è: L’idea di uno sviluppo “ trainato “ non più dal consumismo di massa ( come negli anni 30) o dalla forte crescita immobiliare ( dagli anni 80 fino alla grande recessione del 2008 ) ma da investimenti in risparmio energetico e in nuove energie rinnovabili, nella cosiddetta green economy, nelle tecnologie pulite che in tutti i settori debbono sempre più consentirci di produrre senza inquinare e “chiudendo il cerchio” senza produrre scorie o rifiuti che danneggino le risorse naturali.  Ma anche la proposta di puntare su investimenti che migliorino il patrimonio dei cosiddetti “ beni comuni“, i grandi beni collettivi, governati o regolati in qualche forma dal settore pubblico, quali l’ambiente, l’acqua, la cultura e l’istruzione, la salute, i trasporti pubblici e collettivi, le reti telematiche, la ricerca scientifica e industriale. 26


Scaricare ppt "Provincia di Ravenna Lectio Magistralis del Dott. Alberto Rebucci sul tema dell’ Economia 02/02/2015, I.T.C.G. A. Oriani Faenza."

Presentazioni simili


Annunci Google