La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MODIFICAZIONI FISIOPATOLOGICHE DOPO CHIRURGIA RESETTIVA PANCREATICA Prof. G.B. Doglietto UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE - ROMA DIPARTIMENTO DI SCIENZE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MODIFICAZIONI FISIOPATOLOGICHE DOPO CHIRURGIA RESETTIVA PANCREATICA Prof. G.B. Doglietto UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE - ROMA DIPARTIMENTO DI SCIENZE."— Transcript della presentazione:

1 MODIFICAZIONI FISIOPATOLOGICHE DOPO CHIRURGIA RESETTIVA PANCREATICA Prof. G.B. Doglietto UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE - ROMA DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIRURGICHE U.O. DI CHIRURGIA DIGESTIVA

2

3 PROBLEMATICHE DOPO RESEZIONE PANCREATICA Insufficienza endocrina Correlata all’estensione della resezione Diabete nel 20-50% delle resezioni pancreatiche Insufficienza esocrina Correlata a:- stato funzionale preoperatorio! ? - estensione della resezione - modalità ricostruttiva (pancreaticogastro vs pancreaticodigiuno vs obliterazione DPP)

4 Ridotta secrezione di gastrina, CCK, secretina Ridotta secrezione pancreatica di HCO 3, ridotto trofismo pancreas Maggiore incidenza di ulcerazione (5% di tutte le DCP), maggiore atrofia pancreas Ridotta produzione di enterochinasi Non adeguata attivazione degli enzimi digestivi pancreatici Digestione compromessa INSUFFICIENZA PANCREATICA ESOCRINA

5 Fino al 90-95% della secrezione enzimatica pancreatica può essere persa prima che compaia un’insufficienza esocrina. Conseguenze: 1.Ridotta digestione dei grassi 2.Deficit nutritivi (deficit vit. A, D, E, K etc) 3.Steatorrea:- 3 o più scariche/die - >200 g/die - odore nauseante - colore chiaro o giallastro - feci untuose INSUFFICIENZA PANCREATICA ESOCRINA

6 Diagnosi Test diretti Test secretina-ceruleina (difficile esecuzione nel post-operatorio) Test indiretti Colesteryl 14C-octanoato breath test NBT-PABA test Test al pancreolaurile Elastasi 1 fecale: - specifico e sensibile (93% e 95% rispettivamente) - non influenzato dal transito intestinale - nelle feci e non degradato - facile misurazione con test ELISA - concentrazione non influenzata da assunzione di terapia enzimatica sostitutiva

7 INSUFFICIENZA PANCREATICA ENDOCRINA Diagnosi Ridotta tolleranza al glucosio Valori di glicemia a digiuno tra 110 e 125 mg/dl o mg/dl dopo 2 ore dal pasto (test da carico di glucosio) Diabete mellito Glicemia >126 mg/dl a digiuno o >200 mg/dl dopo 2 ore dal pasto (test da carico di glucosio) Diabete mellito pancreatoprivo (tipo IIIc) In relazione all’assenza chirurgica della ghiandola pancreatica

8 PROBLEMATICHE DOPO RESEZIONE PANCREATICA Differenti quadri di insufficienza endocrina ed esocrina in relazione all’entità della resezione pancreatica: DUODENOCEFALOPANCREASECTOMIA DUODENOCEFALOPANCREASECTOMIA PANCREASECTOMIA TOTALE PANCREASECTOMIA TOTALE PANCREASECTOMIA SINISTRA PANCREASECTOMIA SINISTRA RESEZIONI PANCREATICHE LIMITATE RESEZIONI PANCREATICHE LIMITATE

9 RELAZIONE CON IL TIPO DI DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE Resezione secondo Whipple vs DCP piloro-preserving Pancreatico-gastrostomia vs Pancreatico-digiunostomia INSUFFICIENZA PANCREATICA DOPO DCP

10

11

12

13 Review di 53 lavori

14 Gennaio 1994-Dicembre 1997: 67 PPPD 34 pts inclusi nello studio 20 P-J 14 P-G Criteri d’esclusione: recidiva di malattia chemioterapia durante il periodo d’osservazione

15

16 ENDPOINTS 1.Stato nutrizionale del paziente: - peso corporeo (formula di Broca: [altezza in cm – 100] x 0.9) - spessore della cute - proteine sieriche - albumina sierica 2. Qualità di vita 3. Sintomi 4. Funzione esocrina ed endocrina: - elastasi fecale - test da carico di glucosio

17 Stato nutrizionale

18 Sintomi e funzione esocrina In entrambi i gruppi i livelli medi di elastasi fecale sono stati <100 mcg/g P-J: 4 insufficienza moderata 15 insufficienza severa 1 funzionalità nella norma p=0,045 P-G: 14/14 insufficienza severa

19 Funzione endocrina Sebbene non vi sia differenza statisticamente significativa tra i due gruppi, vi è una maggiore riduzione di funzione endocrina nel gruppo P-G rispetto al gruppo P-J.

20 CONCLUSIONI 1.P-G è correlata con maggiore insufficienza esocrina rispetto al P-J 2.P-G è correlata con maggiore incidenza di steatorrea (e di insufficienza esocrina) 3.P-G correla con maggiore predisposizione al diabete p.o. (sebbene non statisticamente significativo)

21 1 - Anastomosi pancreato-digiunale (PJ) Insufficienza esocrina % Tran K et al. Ann Surg Tran TC et al. Dig Surg Rault A et al. J Am Coll Surg Insufficienza endocrina % Van Berge Henegouwen MI et al. Br JSurg Jang JY et al. World J Surg Fang WL et al. Pancreas Matsumoto J et al. J Gastrointest Surg

22 2 – Anastomosi pancreato-gastrica (PG) Insufficienza esocrina 63 –100% Rault A. et al. J Am Coll Surg Jang JY et al. World J Surg Fang WL et al. et al. Pancreas Murakami Y et al. J. Surg. Oncol Insufficienza endocrina 7–75%

23 3 - Occlusione del dotto senza anastomosi Insufficienza esocrina % Tran K et al. Ann Surg Risultati UOC Chirurgia Digestiva- Pol. Gemelli- Roma Insufficienza endocrina 34-41%

24 DCP: - 32 tumori pancreatici - 23 tumori ampollari - 19 pancreatiti croniche 48 PPPD 26 Whipple Criteri d’esclusione: metastasi a distanza non resecabilità della lesione

25 VALUTAZIONE DELLA FIBROSI PANCREATICA Valutazione microscopica della fibrosi: lieve: tessuto fibroso < 25% del pancreas moderato: tessuto fibroso tra il 25% ed il 75% grave: tessuto fibroso superiore al 75% Valutazione del DPP: dilatato: > 2mm normale: < 2mm VALUTAZIONE DEL TESSUTO ENDOCRINO PERSO Moderata: tessuto endocrino perso < 50% del tessuto endocrino totale Severa: tessuto endocrino perso > 50% del tessuto endocrino totale

26 RISULTATI 56/74 insufficienza pancreatica severa (elastasi I < 100 mcg/g) 9/74 insufficienza pancreatica moderata (elastasi I tra 100 e 200 mcg/g) 9/74 funzionalità pancreatica normale

27 CONCLUSIONI Il grado di fibrosi pancreatica correla in modo direttamente proporzionale con il grado di insufficienza p.o., ma non con lo sviluppo di diabete Il grado di dilatazione del DPP non correla né con il grado di insufficienza esocrina né con il grado di insufficienza endocrina

28 Luglio 1994-Settembre 1998: 169 DCP per neoplasia: 83 pancreatico-digiuno 86 occlusione del DPP (Ethibloc, Neoprene, Tissucol)

29 Obliterazione del Wirsung dopo DCP

30 ENDPOINTS 1. Complicanze p.o. (deiscenze anastomosi, fistole, sanguinamenti etc) 2.Funzione esocrina p.o. 3.Funzione endocrina p.o.

31 FUNZIONE ESOCRINA 1.Valutazione peso corporeo 2.Comparsa di steatorrea 3.Necessità di terapia enzimatica sostitutiva - Valutazione anche a 3 e 12 mesi-

32 FUNZIONE ENDOCRINA 1.Glicemia in V, VII giornata p.o. e alla dimissione 2.Necessità p.o. di antidiabetici orali o insulina - Valutazione anche a 3 e 12 mesi-

33

34 FUNZIONE ESOCRINA

35 FUNZIONE ENDOCRINA

36 CONCLUSIONI 1.Non vi è differenza tra l’occlusione del dotto e la pancreaticodigiuno per l’insorgenza di insufficienza esocrina p.o. 2.Nei pazienti con occlusione del DPP la richiesta di terapia sostitutiva a 3 mesi è maggiore, ma similare a 12 mesi 3.L’insorgenza di diabete è significativamente maggiore nei pazienti sottoposti ad occlusione del DPP

37

38

39 Malattia peptica post-operatoria in oltre il 12.5% dei casi (complicata nel 20-67% dei casi) Malattia peptica post-operatoria in oltre il 12.5% dei casi (complicata nel 20-67% dei casi) Malassorbimento (lipidico e proteico) subclinico nella totalità dei casi Malassorbimento (lipidico e proteico) subclinico nella totalità dei casi Malassorbimento clinico nel 20-30% dei casi Malassorbimento clinico nel 20-30% dei casi Malnutrizione nella quasi totalità dei casi (20-43% in letteratura) Malnutrizione nella quasi totalità dei casi (20-43% in letteratura) Diabete pancreatoprivo nella totalità dei casi Diabete pancreatoprivo nella totalità dei casi

40 26 pazienti (16 DCP, 10 PT; 13 Whipple, 13 T-L) 26 pazienti (16 DCP, 10 PT; 13 Whipple, 13 T-L) Malassorbimento subclinico nel 100% delle PT nel 37,5% delle DCP Malassorbimento subclinico nel 100% delle PT nel 37,5% delle DCP Malassorbimento subclinico nel 61,5% delle Whipple e nel 69,2% delle T-L Malassorbimento subclinico nel 61,5% delle Whipple e nel 69,2% delle T-L Malnutrizione nel 20% delle PT e nel 12,5% delle DCP Malnutrizione nel 20% delle PT e nel 12,5% delle DCP Malnutrizione nel 30,8% delle Whipple e 0% nelle T-L Malnutrizione nel 30,8% delle Whipple e 0% nelle T-L Fabbisogno insulinico giornaliero: 26,6 UI nelle Whipple e 38,4 UI nelle T-L Fabbisogno insulinico giornaliero: 26,6 UI nelle Whipple e 38,4 UI nelle T-L

41

42 Follow-up mediano 34 mesi (6-148)

43

44 Follow-up mediano 53 mesi

45 J Gastrointest Surg 2012 Aug 22

46

47

48

49

50 Follow-up mediano 40 mesi (20-86)

51 -Norme dietetiche: dieta bilanciata, assunzione di % di MCT nella quota lipidica, astensione dall’alcool, moderata assunzione di fibre -Terapia farmacologica:  Pancreatina (Pancrex ® ):4-6 cps/die (pari a unità FU lipasi, unità FU amilasi, unità FU proteasi)  Pancrelipasi (Creon ®, Pancrease ® ): 1-3 cps a pasto (pari a unità Ph. Eur. di lipasi, unità Ph. Eur. di amilasi, unità Ph. Eur. di proteasi)  Inibitori di pompa protonica TERAPIA NON CHIRURGICA DELL’INSUFFICIENZA PANCREATICA ESOCRINA

52 -Norme dietetiche -Terapia farmacologica:  Ipoglicemizzanti orali  Terapia insulinica: schemi combinati di Insulina long-acting (Glargine) ed insuline short-acting (Lispro, Aspart); microinfusori sottocutanei  Glucagone? TERAPIA NON CHIRURGICA DELL’INSUFFICIENZA PANCREATICA ENDOCRINA

53

54

55

56

57 Non validato nei casi di PT per neoplasie pancreatiche maligne Non validato nei casi di PT per neoplasie pancreatiche maligne Necessità di più donatori nell’allotrapianto per ottenere un adeguato numero di insule Necessità di più donatori nell’allotrapianto per ottenere un adeguato numero di insule Necessità di terapie immunosoppressive nell’allotrapianto Necessità di terapie immunosoppressive nell’allotrapianto Raggiungimento dell’insulino-indipendenza in 1/3 dei casi Raggiungimento dell’insulino-indipendenza in 1/3 dei casi Raggiungimento più precoce dell’insulino-indipendenza nell’allotrapianto ma minor persistenza della stessa nel tempo Raggiungimento più precoce dell’insulino-indipendenza nell’allotrapianto ma minor persistenza della stessa nel tempo Durata dell’insulino-indipendenza correlato al numero di insule trapiantate Durata dell’insulino-indipendenza correlato al numero di insule trapiantate UI di insulina giornaliere nei casi di insulino-dipendenza precoce: 3-12 UI di insulina giornaliere nei casi di insulino-dipendenza precoce: 3-12 TRAPIANTO DI INSULE PANCREATICHE

58

59

60


Scaricare ppt "MODIFICAZIONI FISIOPATOLOGICHE DOPO CHIRURGIA RESETTIVA PANCREATICA Prof. G.B. Doglietto UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE - ROMA DIPARTIMENTO DI SCIENZE."

Presentazioni simili


Annunci Google