La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dal motorino in poi Corso di educazione stradale Il nuovo Codice della strada, all’art. 230, prescrive come obbligatoria l’educazione stradale nelle scuole.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dal motorino in poi Corso di educazione stradale Il nuovo Codice della strada, all’art. 230, prescrive come obbligatoria l’educazione stradale nelle scuole."— Transcript della presentazione:

1

2 Dal motorino in poi Corso di educazione stradale Il nuovo Codice della strada, all’art. 230, prescrive come obbligatoria l’educazione stradale nelle scuole di ogni ordine e grado. Gli incidenti sono provocati spesso da imprudenza e ignoranza. Solo la conoscenza delle regole potrà convincere i futuri guidatori a rispettare le norme del codice e a non mettere a repentaglio la propria vita e quella delle altre persone.

3 Usa la testa! Il conducente Le norme di comportamento TEST FINALE

4 Le norme di comportamento La velocità Precedenza Sorpasso Distanza di sicurezza Cinture di sicurezza La guida dei veicoli a due ruote La guida dei veicoli a due ruote Uso del casco protettivo Uso del casco protettivo Obblighi in caso di incidente Obblighi in caso di incidente Guida in stato di ebbrezza alcolica o sotto l’influenza di stupefacenti Guida in stato di ebbrezza alcolica o sotto l’influenza di stupefacenti

5 Il conducente Età minima per guidare veicoli Ciclomotori: 14 anni Motocicli fino a 125 cc: 16 anni (senza poter trasportare un altro passeggero) Autovetture: 18 anni Autocarri superiori a 7,5 tonn.: 21 anni Autobus: 21 anni Età massima per guidare veicoli Autobus: 60 anni Autotreni e autoarticolati superiori a 20 tonn.: 65 anni

6 La velocità La velocità di marcia di ogni veicolo deve essere regolata in modo da evitare ogni pericolo per la sicurezza delle persone e delle cose, tenendo conto delle condizioni della strada e del traffico, ed anche degli eventi negativi prevedibili. Il guidatore non deve gareggiare in velocità e non deve neppure circolare a velocità talmente ridotta da costituire intralcio o pericolo per il normale flusso della circolazione: il rispetto dei limiti di velocità tutela la sicurezza di chi circola in strada.

7 Precedenza Quando ci si avvicina ad un incrocio occorre usare la massima prudenza per evitare incidenti. Dare la precedenza significa consentire agli altri di attraversare per primi lo spazio stradale Quando due veicoli stanno per attraversare un incrocio si ha l’obbligo di dare la precedenza a chi proviene da destra, salvo diversa segnalazione.

8 Sorpasso Il sorpasso è sempre una manovra pericolosa, prima di iniziarlo è quindi necessario verificare che ci siano tutte le condizioni per poterlo fare in assoluta sicurezza e che non vi siano situazioni vietate (presenza di incroci, segnaletica specifica). Il conducente che sta per sorpassare deve controllare alcuni elementi:  la visibilità deve essere tale da consentire il sorpasso in sicurezza,  il conducente del veicolo che lo precede non deve, a sua volta, segnalare di voler sorpassare,  la strada deve essere libera e i veicoli che procedono nella direzione contraria devono essere a distanza di sicurezza. Il sorpasso deve essere effettuato sulla corsia immediatamente alla sinistra del veicolo che si intende superare. I conducenti di biciclette, ciclomotori e motocicli devono essere sorpassati con particolare attenzione, badando soprattutto agli improvvisi cambi di direzione che possono effettuare.

9 Distanza di sicurezza “ Durante la marcia i veicoli devono tenere, rispetto al veicolo che precede, una distanza di sicurezza tale che sia garantito in ogni caso l’arresto tempestivo e siano evitate collisioni con i veicoli che precedono”. Lo spazio necessario per arrestare un veicolo non è facilmente calcolabile in metri ma va calcolato tenendo presente le seguenti condizioni: velocità di marcia di un veicolo (maggiore è la velocità maggiore è lo spazio necessario) prontezza di riflessi del conducente (ricordarsi che non siamo piloti di rally) condizioni del traffico e della strada condizioni atmosferiche efficienza dei freni. Tenere la distanza di sicurezza è necessario nella marcia in colonna dove i tamponamenti a catena sono una tra le cause principali di incidente.

10 Cinture di sicurezza Le cinture di sicurezza sono un elemento essenziale per la sicurezza degli automobilisti e dei passeggeri. In caso di incidente stradale, infatti il conducente e i passeggeri vengono proiettati con forza contro le pareti del veicolo e contro il parabrezza, riportando gravi ferite e danni fisici. Le cinture di sicurezza unite ad altri sistemi di sicurezza come ad esempio gli airbag consentono di attutire i colpi e di limitare i danni in caso di incidente. Particolare attenzione deve essere prestata ai bambini che devono essere posti in appositi seggiolini di sicurezza per tutelare la loro incolumità.

11 La guida dei veicoli a due ruote Il conducente di ciclomotori e di motocicli deve avere libero l’uso delle braccia e tenere il manubrio con due mani. Sul ciclomotore è vietato trasportare altri passeggeri Anche se si guida un ciclomotore e si è minorenni e senza patente occorre comunque essere consapevoli di dover rispettare le norme relative ad una corretta circolazione stradale. Ricordate che non siete Rambo, se cadete o avete un incidente vi potete fare molto male.

12 Uso del casco protettivo L’uso del casco protettivo è obbligatorio: per i minorenni alla guida di ciclomotori a due ruote e motocicli per i conducenti di motocicli di qualsiasi cilindrata e per i passeggeri Il casco protegge in caso di incidente da traumi al capo che di solito hanno gravissime conseguenze.. Il casco forse rovina la pettinatura ma salva la vita.

13 Obblighi in caso di incidente “L’utente della strada, in caso di incidente comunque ricollegabile al suo comportamento, ha l’obbligo di fermarsi e di prestare l’assistenza occorrente a coloro che, eventualmente, abbiano subito danno alla persona”. Le persone coinvolte in un incidente devono prodigarsi per prestare i primi soccorsi o per richiedere soccorsi e per tutelare la sicurezza degli altri veicoli e per evitare intralcio alla circolazione. Chi non presta soccorsi e fugge è punito penalmente con possibilità di arresto e con la sospensione della patente.

14 Guida in stato di ebbrezza alcolica o sotto l’influenza di stupefacenti L’alcool è causa, in Italia, di oltre morti all’anno. Un terzo degli incidenti mortali è attribuibile all’uso di sostanze alcoliche, ed in più della metà degli automobilisti coinvolti in incidenti (52%) si registra un tasso di alcool superiore a quello consentito dalla legge. L’abuso di alcool genera uno stato di euforia e un rallentamento dei riflessi che rende assolutamente impossibile guidare rispettando la sicurezza propria e degli altri. Nello stesso modo l’assunzione di sostanze stupefacenti e droghe provoca l’impossibilità di guidare veicoli perché determina condizioni di alterazione fisica e psichica. Tanti incidenti cosiddetti del “Sabato sera”, che coinvolgono giovani e giovanissimi, sono provocati dall’uso di alcool e droghe.

15 S) Controlla i risultati Sfida all’ultimo quiz

16 Soluzione del test AVVF BVFF CFVV DVVF EVFF FVFV


Scaricare ppt "Dal motorino in poi Corso di educazione stradale Il nuovo Codice della strada, all’art. 230, prescrive come obbligatoria l’educazione stradale nelle scuole."

Presentazioni simili


Annunci Google