La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituto Ricerche Economico Sociali del Piemonte PRESENTAZIONE DEL 30 settembre 2009 Di Giovanna Badalassi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituto Ricerche Economico Sociali del Piemonte PRESENTAZIONE DEL 30 settembre 2009 Di Giovanna Badalassi."— Transcript della presentazione:

1 Istituto Ricerche Economico Sociali del Piemonte PRESENTAZIONE DEL 30 settembre 2009 Di Giovanna Badalassi

2 I valori del Bilancio di Genere della Regione Piemonte  Performance Oriented Gender Budgeting  Equità  Efficacia,  Efficienza,  Consapevolezza,  Trasparenza  Sviluppo del capitale umano (Approccio delle capacità)  Prendersi cura di sé e della famiglia,  Lavorare,  Vivere una vita sana  Acquisire conoscenza e sapere  Avere potere economico, sociale e politico,  Vivere in luoghi sani e sicuri, etc)  Un Piemonte aperto, tollerante, innovativo,  Asse 1: Innovazione, competitività, lavoro, e conoscenza  Asse 2: Salute, benessere e politiche sociali  Asse 3: Cultura, turismo, comunicazione e informazione  Asse 4: Territorio e ambiente  Asse 5: Infrastutture e mobilità  Asse 6: Agricoltura e montagna: i territori rurali e le terre alte  Asse 7: Una macchina regionale efficiente ed amichevole  Asse 8: Il Piemonte Regione d’Europa. Le relazioni e la cooperazione internazionale Gender mainstreaming

3 L’analisi di contesto: conferme e nuovi spunti l’impegno consistente delle donne nel lavoro di cura, familiare e domestico, l’impatto del lavoro non retribuito sulla minore partecipazione femminile al mercato del lavoro (tasso di occupazione femminile, 56,3% contro il 73,4% degli uomini, ricorso al part-time per il 24,3% delle lavoratrici contro il 4,2% dei lavoratori); segregazione sia dei percorsi di studio che dei settori economici di attività, la fragilità sociale ed economica delle donne, soprattutto anziane; il maggiore disagio giovanile e le maggiori difficoltà nel proteggere la salute per gli uomini le potenzialità ancora inespresse delle donne più giovani, la cui significativa preparazione culturale e professionale non è ancora adeguatamente sostenuta da un sistema economico e sociale

4 La programmazione: le pari opportunità tra gli orientamenti strategici Priorità e trasversalità, sia con riferimento al genere che alle altre forme di discriminazione, Gli obiettivi: –aumento e qualificazione dell’occupazione femminile –conciliazione tra vita professionale e vita familiare; –condivisione delle responsabilità tra i generi; –promozione della cultura di parità; –promozione di interventi e servizi per l’infanzia, i minori, i soggetti deboli e le persone non autosufficienti, le famiglie; –miglioramento dell’accessibilità dei servizi urbani e della mobilità per le persone; –qualificazione dell’informazione statistica pubblica.

5 L’ANALISI DELLE RISORSE Riclassificazione di bilancio per capacità ed assi

6 Gli spunti emersi dall’analisi di bilancio confermato e implementato l’impegno finanziario nelle politiche di pari opportunità.Nell’impegnato a consuntivo 2007, tra risorse specifiche per le pari opportunità e investimenti della sanità nella salute femminile la Regione Piemonte ha allocato complessivamente 7,4 milioni di euro; confermata l’incidenza strutturale delle spese per la salute, che hanno coinvolto il 70,7% delle risorse impegnate a bilancio; confermata l’incidenza dei trasferimenti ad enti istituzionali e imprese (90,9% delle risorse impegnate).

7 Le attività nelle Pari opportunità (1) 1) Azioni a tutela della salute delle donne e di contrasto alla violenza: - il Piano regionale per la prevenzione della violenza contro le donne e per il sostegno alle vittime, Il progetto “IN.TER.AGIRE - Interazioni Territoriali per Agire contro la Violenza”, il manuale “La Città Si*Cura”, gli eventi per la “Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne”. 2) Azioni per favorire la parità nella società e l’accesso alle posizioni di potere: - “Melting Box” e MeltingLAB, - nuovi strumenti normativi, programmatici, finanziari e tecnici per sostenere i processi di parità: (L.R. n.8 18 marzo 2009); - la formazione di alto livello sulle pari opportunità: - Campagne e iniziative di comunicazione e di sensibilizzazione 3) Azioni per favorire il lavoro femminile: - sostegno all’imprenditorialità femminile: 4) Azioni per favorire la conciliazione e il lavoro di cura e familiare - i Voucher di conciliazione, i “Piani di Coordinamento degli Orari” e la “Promozione ed il sostegno delle Banche del Tempo”

8 L’impegno della Regione Piemonte per promuovere il Bilancio di Genere

9 Le attività (2) - Innovazione, competitività lavoro e conoscenza Formazione professionale persone partecipanti, delle quali il 48,7% uomini e il 51,3% donne. Più donne nei corsi per disoccupati e occupati, più uomini nelle attività di obbligo formativo e per le fasce a rischio di esclusione sociale 46,5% di presenza femminile nelle attività dedicate alla creazione di impresa nel sessennio Politiche per il lavoro 59,1% di donne su persone che hanno usufruito della Cassa Integrazione Guadagni in Deroga, 61,7% di uomini tra le persone assistite con gli interventi monetari di sostegno al reddito, 54,7% di donne iscritte ai Centri per l’Impiego

10 Le attività (3) Istruzione: 58,1% di donne tra i beneficiari delle borse di studio per merito. Nell’Università, Innovazione e ricerca 44% dei contributi regionali per assegni di ricerca a ricercatrici (25% le donne tra i ricercatori) Nell’Artigianato 15,6% di donne imprenditrici artigiane ai contributi erogati a persone fisiche; Nella Cultura sono donne il 58,8% dei lettori nelle biblioteche piemontesi, il 56% degli utenti dei musei, il 58,5% di MiTo Settembre Musica

11 L’impatto di genere della crisi economica in Piemonte assunzioni perse per gli uomini a ott-nov 2008 rispetto al corrispondente bimestre del 2007, per le donne (decremento di -12,5% per le donne contro il -18,5% rilevato per gli uomini). L’occupazione femminile nell’industria aveva infatti già scontato una forte contrazione ne< gli anni precedenti (dal 29,3% del 1998 al 24,6% del 2007) Nel terziario i tempi di allineamento alle dinamiche di crisi sono più lenti che nell’industria, I tempi della crisi occupazionale delle donne e degli uomini hanno, e avranno in futuro, tempi di manifestazione diversi l’occupazione femminile, pur se con tempi diversi, è messa maggiormente a repentaglio dalle dinamiche della crisi, Gli effetti della crisi hanno inoltre anche una ricaduta privata


Scaricare ppt "Istituto Ricerche Economico Sociali del Piemonte PRESENTAZIONE DEL 30 settembre 2009 Di Giovanna Badalassi."

Presentazioni simili


Annunci Google