La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e cap. 4, par. 1, 2, 3, 11 e riq. 4.2 (leggere!)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e cap. 4, par. 1, 2, 3, 11 e riq. 4.2 (leggere!)"— Transcript della presentazione:

1 De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e cap. 4, par. 1, 2, 3, 11 e riq. 4.2 (leggere!)

2 De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e Costi e benefici di un’unione monetaria Benefits Costs Costs and Benefits (% GDP) Trade (% GDP)

3 De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e 2 visioni circa i costi di un’UM(e) Trade (% GDP) Costs and benefits Benefits Costs Benefits T*T* T* (a) The monetarist view(b) The Keynesian view

4 De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e 2 visioni circa i costi di un’UM(e) La visione 'monetarista': Le politiche monetarie sono inefficaci come strumenti per correggere andamenti diversi tra paesi. La curva di costo è più vicina all'origine. In tal caso, numerosi paesi avrebbero interesse a rinunciare alle loro valute nazionali, procedendo a una unione monetaria.

5 De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e La visione 'keynesiana': il mondo è pieno di rigidità, la politica monetaria (compresa la politica di cambio) è un potente strumento per eliminare squilibri, la curva di costo è lontana dall'origine, relativamente pochi paesi dovrebbero trovare in loro interesse a partecipare a una unione monetaria.

6 De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e Dall'inizio degli anni 1980 la vista 'monetarista' ha guadagnato aderenti, e ha cambiato la visione di numerosi economisti circa l'opportunità di un'unione monetaria. La popolarità del monetarismo aiuta a spiegare perché l'UEM è diventata realtà nel 1990.

7 De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e Costi e benefici quando le rigidità diminuiscono Costs and benefits Trade (% GDP) T*T** Benefits Costs Con il la diminuzione delle rigidità di salari e dei prezzi e un aumento della mobilità del lavoro: Curva dei costi si sposta verso il basso L'unione monetaria diventa più attraente

8 De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e E’ l’UME una AVO? Per rispondere a questa domanda i parametri da valutare sono : Scambi intra-UE Grado di rigidità Grado di asimmetria degli shock.

9 De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e notiamo grandi differenze di apertura dei paesi dell'UE con il resto dell'Unione. analisi costi-benefici indica potenziali benefici netti di essere in dell'UEM per il Benelux, e piccoli paesi dell'Europa centrale Per i paesi con un piccolo grado di apertura (Regno Unito e Grecia), è meno chiaro che appartengono ad un'area valutaria ottimale con il resto dell'UE. Source: European Commission, European Economy, Statistical Appendix.

10 De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e Shocks asimmetrici e flessibilità mercato del lavoro Il grado di flessibilità del mercato del lavoro importa per determinare se una unione monetaria sarà attraente per i paesi. Così come contano asimmetrie degli shocks di domanda e offerta shock Esiste un legame tra flessibilità del mercato del lavoro e shock asimmetrici in un'unione monetaria.

11 De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e Shocks asimmetrici e flessibilità mercato del lavoro in UM(e) Eurozone EU-25 USA Symmetry Flexibility OCA (AVO) inclinata negativamente mostra combinazioni minime di simmetria e flessibilità che i paesi devono avere perché un'unione monetaria fornisca più benefici che costi Paesi o regioni situate al di sotto della linea di OCA non hanno abbastanza flessibilità dato il livello di simmetria che si trovano ad affrontare I paesi a destra della linea OCA hanno flessibilità più che sufficiente dato il livello di simmetria si trovano ad affrontare. L’appartenenza a un AVO non dimostrata per diversi paesi OCA

12 De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e Obiettivo e compito impegnativo per l'UE-25 è quello di spostarsi verso l'altro lato della linea OCA, cioè di conseguire una unione monetaria a costi inferiori Come può essere raggiunto? Ci sono essenzialmente due strategie. ridurre il grado di reale divergenza aumentare il grado di flessibilità dei mercati del lavoro => riforme strutturali?

13 De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e Conclusioni È improbabile che l'UE nel suo complesso costituisca un'unione monetaria ottimale. Anche i paesi che sono gainers netti da un'unione monetaria corrono il rischio potenziale che quando si verificano forti shock (come i recenti shock derivanti dalla crisi finanziaria), troveranno più difficile effettuare taluni aggiustamenti. Così, anche per quei paesi che hanno aderito un'unione monetaria, non è del tutto accademico per sapere se essi costituiscono un'area valutaria ottimale.

14 De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e Come conseguenza della crisi del debito sovrano, in alcuni di questi paesi sono espresse dubbi sul fatto che fosse una buona idea di essere nella zona euro. ( da approfondire nelle prossime lezioni) L'allargamento della zona euro a 28 paesi potenzialmente crea problemi. L'allargamento cambierà il calcolo costi-benefici dei membri esistenti della zona euro..


Scaricare ppt "De Grauwe: Economics of Monetary Union 9e cap. 4, par. 1, 2, 3, 11 e riq. 4.2 (leggere!)"

Presentazioni simili


Annunci Google