La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto Sicurezza ; Educazione Comportamentale e Difesa Personale ad uso civile A seguito del mio incarico a Docente al primo Corso di Formazione base.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto Sicurezza ; Educazione Comportamentale e Difesa Personale ad uso civile A seguito del mio incarico a Docente al primo Corso di Formazione base."— Transcript della presentazione:

1 Progetto Sicurezza ; Educazione Comportamentale e Difesa Personale ad uso civile A seguito del mio incarico a Docente al primo Corso di Formazione base in Educazione Comportamentale per la Tutela Della Salute e Sicurezza dei Lavoratori e Difesa Personale, organizzato dalla “Sapienza” Università di Roma, svoltosi a Palazzo Baleani in Corso Vittorio Emanuele II 244, sede I Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Medicina Legale, diretta dal Prof. Francesco Tomei, nell’anno 2010, è stata inserita per la prima volta in Italia nel mondo universitario questa importante, quanto delicata materia, e per la prima volta essa è stata strutturata in maniera scientifica, e ben oltre le solite configurazioni sportive o para sportive. Una profonda riflessione è stata fatta sul come presentarla agli Iscritti, di cui taluni possedevano conoscenze di Discipline Marziali ed altri ne erano totalmente al di fuori. Al termine è emerso che chi non aveva esperienze specifiche si è dimostrato più duttile, ed in sede di Corso e di Elaborato finale si è manifestato come persona capace di azioni razionali; logiche e rispettose dei vari principi etici, giuridici e tecnici rispetto allo sviluppo di quanto espresso..

2 Il progetto si propone di presentare in maniera teorico-pratica gran parte degli elementi che vanno a costituire una maggiore coscienza di se, all’interno della sfera cognitiva; etica e culturale al fine di promuovere la esaltazione dei Valori di Comportamento, purtroppo e troppo spesso ignorati o addirittura abrogati.  Una profonda riflessione va fatta sugli schemi legati ad una pessima pubblicità di eventi; mode; riferimenti basati troppo frequentemente su autentici disvalori.  La violenza, che è un fenomeno insito nell’essere umano, e che trova a vario livello dei fautori della sua anti educativa espressione, andrà considerata ed analizzata per quello che essenzialmente è, e conseguentemente dovrà essere guidata e canalizzata fino alla massima consapevolezza di quanto essa sia negativa per se e per gli altri.  Detta analisi andrà svolta a vario livello, imprimendo una particolare attenzione agli aspetti TECNICI; ETICI; GIURIDICI; PSICO-FISICI; STORICI e FILOSOFICI, così da favorirne la fruibilità da parte dei Discenti.  La multidisciplinarietà del Progetto si dovrà allacciare necessariamente alle necessità quotidiane del cittadino e quanto più coerente possibile con esse. La Difesa Personale moderna presuppone varie conoscenze teoriche; tecniche e pratiche:

3  PROFESSIONE ANTIVIOLENZA  Dall’esigenza di fornire un’adeguata e concreta risposta a quella che, negli ultimi tempi, è divenuta l’istanza prioritaria della comunità civile in termini di salute e sicurezza dei lavoratori e dei cittadini in genere, nasce la proposta di ricorrere alla formazione di nuove figure di utilità sociale e di favorire una eventuale riqualificazione professionale al fine di concretizzare, attraverso l’educazione alla sicurezza, strategie cooperative con le istituzioni preposte al contenimento della crescente violenza che ostacola di fatto i processi evolutivi del tessuto sociale.  Essendo le manifestazioni di violenza generalmente reattive, riteniamo che il suo naturale antidoto sia la formazione della persona moderna attraverso una Educazione multidisciplinare integrata tecnico-didattica, in grado fornire in tempi brevi quegli elementi fondamentali di coerenza comportamentale per la sicurezza, igiene alimentare, e difesa personale, che la ponga in condizione di maggiore serenità nei rapporti sociali con maggior rendimento nelle attività professionali e di studio.  Corso di formazione in Educazione Comportamentale per la Tutela Della Salute e Sicurezza dei Cittadini e Difesa Personale.

4 Francesco Romano Bonizi

5  Nato a Roma il 21 Aprile 1951  Inizio studi e pratica del Karate nel 1965  Conseguimento della cintura nera 1° dan nel 1970  Attività agonistica a livello nazionale  Varie esperienze nelle Arti Marziali e Discipline da Combattimento  Conseguimento della Maturità Classica nel 1970 a Roma  Servizio Militare quale Sergente di complemento presso la Scuola ACS di Spoleto, trasferito fino al Settembre 1974 presso la Scuola Militare di Educazione Fisica di Orvieto, sezione Judo.  Insegnante di Karate dal 1971, acquisendo i vari livelli di Aspirante Istruttore; Istruttore; Maestro e Docente Federale, graduato cintura nera 8° dan FESIK con decorrenza 08/10/2005  Socio fondatore della Federazione Educativa Sportiva Italiana Karate e Consigliere Federale della stessa; Responsabile della Commissione Tecnica Nazionale di Karate della FESIK.  Già Presidente di numerose Commissioni Nazionali: di Arbitraggio; di Krav Maga, (sistema israeliano di difesa personale); già Coordinatore delle Squadre Nazionali della FESIK; ideatore del Progetto Scuola FESIK dal  Già docente presso la SAPIENZA di Roma in Difesa Personale nel 2010, presso il Dipartimento di Medicina del Lavoro, annesso alla 1° Facoltà di Medicina e Chirurgia.  Francesco Romano Bonizi Via Roma San Gemini (Tr); tel./fax / Posta elettronica: Breve Curriculum Vitae:


Scaricare ppt "Progetto Sicurezza ; Educazione Comportamentale e Difesa Personale ad uso civile A seguito del mio incarico a Docente al primo Corso di Formazione base."

Presentazioni simili


Annunci Google