La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA CRISI DEL ‘29. Premesse  Prima guerra mondiale: danni gravissimi agli assetti economici dei paesi belligeranti  distruzione di immobili, impianti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA CRISI DEL ‘29. Premesse  Prima guerra mondiale: danni gravissimi agli assetti economici dei paesi belligeranti  distruzione di immobili, impianti."— Transcript della presentazione:

1 LA CRISI DEL ‘29

2 Premesse  Prima guerra mondiale: danni gravissimi agli assetti economici dei paesi belligeranti  distruzione di immobili, impianti e macchinari industriali, miniere e macchinari agricoli  Calo della produzione industriale Calo della manodopera Calo delle materie prime Esaurimento degli impianti, non manutenuti  Calo della produzione agricola Mancanza di manodopera Mancanza di fertilizzanti

3 Premesse  Prima guerra mondiale: produzione industriale per la guerra  Le merci prodotte sono indirizzate alle esigenze belliche  Il mercato interno è artefatto dalle commesse statali  Le merci non sono indirizzate agli scambi commerciali con l’estero

4 Premesse  Le merci europee non riescono a rifornire i mercati esteri, e coprono a malapena quelli interni  Germania: completamente tagliata fuori dal commercio internazionale  Gran Bretagna: deve impegnare le proprie risorse per lo sforzo bellico  Alcuni paesi extraeuropei approfittano del vuoto lasciato dalle produzioni europee sui mercati: USA, Argentina, Canada, Giappone  Apparato industriale giovane  Disponibilità di materie prime

5 Gli Stati Uniti  Approfittano della guerra per aumentare le esportazioni verso i paesi europei alleati e verso i paesi neutrali  Aumento dei prezzi dei prodotti industriali e delle materie prime  Aumento dei prezzi delle terre a motivo dell’inflazione causata dalla guerra

6 Gli Stati Uniti  Breve depressione post-bellica ( )  Crescita economica rapidissima  mancanza di concorrenza (Germania, Gran Bretagna)  Debiti di guerra dei paesi europei  La produzione americana scalza quella europea sui mercati europei ed extraeuropei Il terziario supera il settore agricolo e industriale

7  Aumento della produzione agricola: Grandi guadagni Investimenti Produzione agricola di tipo capitalistico Richiesta di capitali da investire Gli Stati Uniti

8 Fine della Prima guerra mondiale I paesi europei vogliono tornare sul mercato MA Non capiscono che ormai non possono occupare le stesse aree di mercato che occupavano prima della guerra = SATURAZIONE DEL MERCATO E CROLLO DEI PREZZI AL DI SOTTO DEI COSTI DI PRODUZIONE (CRISI DI SOVRAPPRODUZIONE)

9 Gli Stati Uniti Gli agricoltori americani non sono in grado di ripianare i debiti contratti nel periodo di espansione economica Le banche rurali chiedono prestiti alle banche medie Le banche medie chiedono prestiti alle grandi banche

10 Il crollo della Borsa di Wall Street  24 ottobre 1929: crollo del valore delle azioni sulla piazza americana = manifestazione di una crisi profonda  sovrapproduzione agricola  Intreccio tra banche  Eccesso di esposizione delle banche

11 Il crollo della Borsa di Wall Street Insolvenza dei piccoli produttori agricoliIntreccio tra piccole banche e grandi banche FALLIMENTO A CASCATA DELLE BANCHE CROLLO DELLA BORSA Tutti i risparmiatori medi investivano in borsa RIDUZIONE DEI FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE I titoli azionari delle imprese perdono valore CROLLO DEL SISTEMA FINANZIARIO

12 Il crollo della Borsa di Wall Street Mancanza di credito da parte delle banchePerdita del valore delle azioni FALLIMENTO DELLE IMPRESE disoccupazione Crollo della domanda Calo dei prezzi

13 Il crollo della Borsa di Wall Street  Hoover non agisce  Rifiuto dell’intervento pubblico nell’economia  :  PIL dimezzato  15 mln di disoccupati

14 La trasmissione della crisi in Europa  Durante la Guerra, i paesi europei contraggono debiti con l’Europa  Gran Bretagna  Dopo la fine della guerra, molti investimenti americani per la ricostruzione  Gran Bretagna  Germania (Piano Dawes, Piano Young)

15 La trasmissione della crisi in Europa  Le banche americane riducono i volumi di investimento in Europa  Manca denaro per la ricostruzione  Difficoltà a far ripartire l’economia europea  PROCESSO DI DEFLAZIONE  Ondata di protezionismo  Aumento dei dazi  Chiusura dei mercati

16 La trasmissione della crisi in Europa I TENTATIVI DI SOLUZIONE  Ondata di protezionismo  Aumento dei dazi  Chiusura dei mercati  Svalutazione competitiva  Instabilità monetaria  Debiti internazionali  Ristrutturazione  Cancellazione unilaterale

17 La trasmissione della crisi in Europa Diminuzione degli investimenti americani in Europa Diminuzione della domanda di merci europee CRISI DELL’ECONOMIA EUROPEA Chiusura delle fabbricheCrisi finanziaria e bancaria deflazione disoccupazione

18 Roosevelt e il “New deal”  1932: Roosevelt eletto presidente  Visione keynesiana  Interventi pubblici da limitare al periodo di crisi “Sono convinto che, se c'è qualcosa da temere, è la paura stessa, il terrore sconosciuto, immotivato e ingiustificato che paralizza. Dobbiamo sforzarci di trasformare una ritirata in una avanzata. […] Chiederò al Congresso l'unico strumento per affrontare la crisi. Il potere di agire ad ampio raggio, per dichiarare guerra all'emergenza. Un potere grande come quello che mi verrebbe dato se venissimo invasi da un esercito straniero”

19 Roosevelt e il “New deal”  COMPARTO AGRICOLO: Agriculture Adjustment Act (AAA)  Incentivi ai contadini che dinimuiscono l’estensione del suolo coltivato 10% in meno di terra coltivata 25% in più di produzione  COMPARTO INDUSTRIALE: National Industrial Recovery Act (NIRA)  Codici di comportamento elaborati dalle industrie insieme ai sindacati per aumentare i prezzi e contemporaneamente aumentare i salari Prezzi troppo bassi per poter risalire significativamente  SOSTEGNO AI CONSUMI: agenzie governative  Mondo rurale: prestiti ad agricoltori senza garanzie  Piccole imprese: ristrutturare i debiti precedenti o erogare nuovi prestiti  Famiglie: prestiti ai proprietari di case, finanziamenti per ristrutturare le case Buoni risultati


Scaricare ppt "LA CRISI DEL ‘29. Premesse  Prima guerra mondiale: danni gravissimi agli assetti economici dei paesi belligeranti  distruzione di immobili, impianti."

Presentazioni simili


Annunci Google