La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Scuola aperta 12 Febbraio 2014 La Giustiniana. La scuola è strutturata in tre plessi: - via Giuseppe Silla, 3: scuola Primaria -Via G. Iannicelli: Secondaria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Scuola aperta 12 Febbraio 2014 La Giustiniana. La scuola è strutturata in tre plessi: - via Giuseppe Silla, 3: scuola Primaria -Via G. Iannicelli: Secondaria."— Transcript della presentazione:

1 Scuola aperta 12 Febbraio 2014 La Giustiniana

2 La scuola è strutturata in tre plessi: - via Giuseppe Silla, 3: scuola Primaria -Via G. Iannicelli: Secondaria di primo grado - Via R. Santoliquido: Secondaria di primo grado

3 ORGANIGRAMMA DS Anna Maria De Luca PRIMO COLLABORATORE Angela Maria Aurili SECONDO COLLABORATORE: Silvana Manfré RESPONSABILE SCUOLA G.IANNICELLI: Valeria Valenza

4 INSEGNANTI – assemblea di classe – assemblea per l’elezione dei rappresentanti dei genitori – colloqui individuali - colloqui individuali per consegna scheda di valutazione - assemblea per genitori di alunni in ingresso alla scuola primaria – consiglio di interclasse RAPPRESENTANTI – assemblea di classe – assemblea con i rappresentanti – assemblea con i genitori – colloquio con l’équipe – consiglio di interclasse GENITORI – assemblea di classe - assemblea per l’elezione dei rappresentanti dei genitori – colloqui individual - colloqui individuali per consegna scheda di valutazione – assemblea per genitori di alunni in ingresso alla scuola primaria TERRITORIO – contatti con le agenzie educative del territorio Patto educativo

5 Scuola – Alunno/a – Famiglia sottoscrivono il Patto educativo di corresponsabilità COME CONDIVISIONE DELLE FINALITÁ EDUCATIVE quale strumento di trasparenza attraverso il quale i docenti esprimono la propria proposta formativa, gli alunni/e e le famiglie sono resi consapevoli e partecipi del progetto educativo e didattico che la scuola elabora per loro.

6 Finalità cognitive Promuovere, nel rispetto delle diversità individuali, l’acquisizione di diversi tipi di linguaggio, un primo livello di padronanza dei quadri concettuali e delle abilità, delle modalità d’indagine essenziali alla comprensione del mondo umano, naturale e artificiale (alfabetizzazione culturale).

7 Finalità sociali Aiutare il fanciullo a superare i punti di vista egocentrici e soggettivi, favorendo i rapporti interpersonali e promuovendo la partecipazione, l’impegno e la collaborazione (educare alla convivenza democratica).

8 Finalità affettive Favorire la maturazione dell’identità personale, rafforzando la fiducia nelle proprie possibilità, l’autostima e il sapersi percepire come valore. Sviluppare il senso di responsabilità e l’autonomia. Favorire la formazione del pensiero critico.

9 IMPEGNO DELL’ISTITUZIONE SCOLASTICA Presentare il Piano dell’Offerta Formativa. Progettare percorsi finalizzati al successo formativo nel rispetto delle potenzialità di ogni alunno/a. Garantire il rispetto dell’orario scolastico e lo svolgimento regolare delle lezioni. Garantire che tutto il personale scolastico metta in atto comportamenti conformi alle finalità educative dell’Istituto. Garantire la trasparenza e il miglioramento continuo del sistema. Promuovere rapporti interpersonali positivi fra alunni ed insegnanti, stabilendo regole certe e condivise. Garantire la trasparenza della valutazione.

10 IMPEGNO DEI DOCENTI Rispettare il proprio orario di servizio. Creare a scuola un clima di serenità, cooperazione e armonia. Favorire l’integrazione scolastica di tutti gli alunni. Promuovere con ogni singolo alunno un clima di confronto e di reciprocità per accoglierne il vissuto, gli stili di apprendimento e per motivarlo all’apprendimento. Realizzare i curricoli disciplinari, le scelte organizzative e le metodologie didattiche elaborate nel Piano dell’Offerta Formativa. Controllare assenze, ritardi, giustifiche. Comunicare costantemente con le famiglie, informandole sull’andamento didattico-educativo degli studenti. Ricevere i genitori negli orari fissati e compatibilmente con il proprio orario di servizio (mai durante l’ingresso degli alunni).

11 IMPEGNO DEGLI ALUNNI/E Rispettare le diversità personali e culturali, la sensibilità altrui. Rispettare le persone che operano nella scuola e i compagni della propria e delle altre classi. Rispettare le cose proprie e altrui. Rispettare l’ambiente scolastico. Essere puntuali alle lezioni e frequentarle con regolarità. Svolgere regolarmente il lavoro assegnato a scuola e a casa. Portare tutto e solo il materiale richiesto per le attività didattiche e per l’adempimento dei propri doveri. Non portare a scuola telefono cellulare, fotocamere, videocamere o registratori vocali e qualsiasi altra apparecchiatura elettronica.

12 IMPEGNO DEI GENITORI Instaurare un dialogo costruttivo con i docenti. Conoscere e condividere il Piano dell’Offerta Formativa e il Regolamento dell’Istituto, impegnandosi a evidenziarne l’importanza ed il rispetto con i propri figli. Rispettare l’orario d’ingresso a scuola delle lezioni mattutine e pomeridiane, evitando i ritardi e di lasciare con troppo anticipo i figli davanti alle scuole. Giustificare sempre le assenze. Controllare quotidianamente il diario e il quaderno delle comunicazioni scuola-famiglia. Attivarsi, in caso di assenza del figlio/a, per conoscere le attività svolte e i compiti assegnati. Controllare attraverso un contatto frequente con i docenti che l’alunno rispetti: le persone che operano nella scuola, i compagni della propria e delle altre classi, le cose proprie e altrui, l’ambiente scolastico. Aiutare i figli a pianificare e ad organizzarsi, controllando che l’alunno/a curi l’esecuzione dei compiti e le attività di studio con attenzione, serietà e puntualità. Collaborare al progetto formativo partecipando a riunioni, assemblee, consigli di classe e colloqui. Riconoscere l’autorità della scuola nell’assunzione di provvedimenti disciplinari e condividere le strategie di recupero dei comportamenti scorretti.

13 30 ORE SETTIMANALI Dal Lunedi al Venerdi: ENTRATA ore USCITA ore INDIRIZZO MUSICALE: 32 ORE SETTIMANALI (CON DUE RIENTRI POMERIDIANI DI UN’ORA) ORARIO A.S. 2014/2015

14 Indirizzo musicale: Clarinetto Chitarra Flauto Pianoforte

15 Lezioni individuali, musica d’insieme e orchestra ogni settimana Concerti dell’Orchestra Sinfonica di Roma Saggi musicali

16 Sportello di ascolto A cura dell’Istituto di Ortofonologia (Ido)

17

18 PROGETTI DI POTENZIAMENTO DEL CURRICOLO Per arricchire l’offerta formativa

19 Attività laboratoriali Offerte dalla scuola Senza oneri per le famiglie

20 INFORMATICA Per arricchire l’offerta formativa sono in arrivo cento pc ad integrare le risorse della scuola

21 LABORATORIO DI ARTE Per sviluppare la creatività e il saper fare

22 INTERCULTURA Per sviluppare l’incontro valorizzando le risorse di ogni singola persona come titolare di diritti umani

23 LEGALITA’ Incontri con le forze dell’ordine, progetti anti bullismo, cooperazione con Libera per sviluppare l’educazione alla legalità ed alla convivenza

24 Attività di orientamento

25 ORIENTAMENTO IN ENTRATA E IN USCITA Ruolo strategico nella lotta alla dispersione e all’insuccesso formativo Questionario Polacek

26 Prevenzione delle tossicodipendenze

27 Programma basato sul modello dell’influenza sociale e delle Life Skills sviluppo di abilità sociali generali e correzione delle percezioni sbagliate rispetto alle sostanze psicotrope

28 Ampliamento dell’Offerta Formativa (curricolo facoltativo)

29 Crescere attraverso la musica

30 Crescere attraverso il teatro Associazione teatrale Rox and Fox

31 Crescere attraverso le lingue

32 Crescere attraverso lo sport

33 Introduzione al latino

34 PER GLI APPROFONDIMENTI SI RIMANDA ALLA LETTURA DEL POF INTEGRALE PUBBLICATO SUL SITO DELL’ISTITUTO questionario italiano sui processi di apprendimento: il QPA Klement Poláček


Scaricare ppt "Scuola aperta 12 Febbraio 2014 La Giustiniana. La scuola è strutturata in tre plessi: - via Giuseppe Silla, 3: scuola Primaria -Via G. Iannicelli: Secondaria."

Presentazioni simili


Annunci Google