La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IMPLICAZIONI NELL'ESPRESSIONE DELL'AGGRESSIVITA' NEL PAZIENTE OBESO SOTTOPOSTO A BENDAGGIO GASTRICO, MODELLO DI LETTURA GESTALTICO. M. Basta, T. Restelli,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IMPLICAZIONI NELL'ESPRESSIONE DELL'AGGRESSIVITA' NEL PAZIENTE OBESO SOTTOPOSTO A BENDAGGIO GASTRICO, MODELLO DI LETTURA GESTALTICO. M. Basta, T. Restelli,"— Transcript della presentazione:

1 IMPLICAZIONI NELL'ESPRESSIONE DELL'AGGRESSIVITA' NEL PAZIENTE OBESO SOTTOPOSTO A BENDAGGIO GASTRICO, MODELLO DI LETTURA GESTALTICO. M. Basta, T. Restelli, U. Rivolta, M. Serbelloni, G. Sarro AO Ospedale di Legnano – Presidio Ospedaliero di Magenta/Abbiategrasso Centro di Chirurgia dell’Obesità, responsabile Dott. G. Sarro Cagliari, 27 aprile 2013

2 Introduzione Approccio multidisciplinare -> molteplici fattori correlati organici, psicologici e sociali. Dal punto di vista psicologico maggior frequenza di struttura di personalità depressiva sulla quale si configurano problematiche legate all’immagine corporea, alle relazioni sociali e di disturbo alimentare. In letteratura è ampiamente descritto che due dei tratti di personalità caratteristici dei pazienti obesi sono l’aggressività e l’impulsività.

3 Materiali e Metodi 101 pz obesi Consecutivi 75F 26M età compresa anni Mag-Dic 2012 Test psicometrici STAXI-2 e BIS-11.

4 STAXI State-Trait Anger Expression Inventory - STAXI (Spielberger, 1988) scala di autovalutazione 44 item classificazione su scale a 4 punti valutazione intensità e frequenza dell’esperienza dei propri sentimenti di rabbia misure sintetiche -> esperienza ed espressione della rabbia due principali componenti: la rabbia di stato e di tratto.

5 Rabbia di stato stato emotivo caratterizzato da sentimenti soggettivi di diversa intensità -> percezione personale e grado di frustrazione da un moderato senso di fastidio o d’irritazione ad uno stato di furia e di rabbia generalmente accompagnato da tensione muscolare e da attivazione del sistema nervoso autonomo.

6 Rabbia di tratto disposizione a percepire un gran numero di situazioni come fastidiose o frustranti la tendenza a rispondere a tali situazioni con più frequenti manifestazioni della rabbia di stato -> gli individui con alto grado di rabbia di tratto hanno esperienza di rabbia di stato più spesso e con maggiore intensità rispetto agli individui con basso grado di rabbia di tratto.

7 Espressione della rabbia 3 componenti principali: Rabbia-Out -> persone, oggetti, ambiente Rabbia-In -> rivolta all’interno: rabbia trattenuta o soppressa Controllo della Rabbia -> differenze individuali con cui si tenta di controllare la propria espressione della rabbia

8 BARRATT La Barratt Impulsiveness Scale, Version 11 – BIS-11 (Barratt e Stanford, 1995) scala di autovalutazione utilizzata la versione italiana della scala validata da Fossati e coll. impulsività come mancanza di controllo sui pensieri e sui comportamenti di rapida e facile compilazione, ampiamente usata sia per valutare il ruolo dell’impulsività nel contesto della psicopatologia, sia per lo studio dell’impulsività nei soggetti non psichiatrici. 30 item, con risposte del tipo “raramente/mai”, “occasionalmente”,“spesso” e “quasi sempre/sempre”.

9 Il punteggio totale varia da 30 a 120 ed offre una stima quantitativa dell’impulsività che deriva dalla somma di tre fattori: l’impulsività cognitiva (punteggio minimo: 8; massimo: 32) disattenzione ed instabilità cognitiva (es. ”Sono un attento pensatore”). l’impulsività motoria (punteggio minimo: 11; massimo: 44) instabilità motoria e mancanza di perseveranza (es. “Faccio le cose senza pensarci”) l’impulsività da non pianificazione (punteggio minimo: 11; massimo: 44) intesa come la mancanza di autocontrollo e l’intolleranza alla complessità cognitiva (es. “Mi concentro facilmente”)

10 RISULTATI I valori sia di impulsività che di espressione della rabbia, studiati, rispettivamente, con i test di BARRATT e con STAXI-2 mostrano che nel campione di pazienti preso in esame non ci sono variazioni dei valori correlati con il grado di obesità e con il calo ponderale. Il gruppo di obesi può essere considerato omogeneo indipendentemente dai valori specifici di BMI l’intervento chirurgico, indipendentemente dal grado di successo, o di insuccesso, non modifica i valori di base dei test.

11 correlazioni tra il BMI preoperatorio e il successo dell’intervento chirurgico (unico dato statisticamente significativo)

12 Lieve correlazione tra età e successo post-operatorio

13 correlazione inversa tra età e impulsività

14 correlazione inversa tra età ed espressione della rabbia

15 CONCLUSIONI 1 Considerando che il bendaggio gastrico è un intervento che richiede una forte compliance da parte dei soggetti obesi, è ipotizzabile che i pazienti con età più avanzata abbiano sviluppato una capacità di gestione del tratto aggressivo ed impulsivo all’interno del percorso di trattamento del calo ponderale e di conseguenza maggior successo all’intervento chirurgico.

16 CONCLUSIONI 2 Ciò che emerge nell’analisi dei dati rilevati con i test citati e i colloqui post-operatori è che, anche dopo il trattamento chirurgico con esito positivo anche a lunga distanza, il tratto aggressivo e impulsivo non subiscono variazioni significative I pazienti obesi dopo Bendaggio Gastrico con successo costituiscono una categoria a rischio per recidive in quanto continuano a rivolgere su di sé modalità distruttive. Il follow up psicologico deve continuare anche dopo il raggiungimento del calo ponderale.

17 GRAZIE PER L’ATTENZIONE


Scaricare ppt "IMPLICAZIONI NELL'ESPRESSIONE DELL'AGGRESSIVITA' NEL PAZIENTE OBESO SOTTOPOSTO A BENDAGGIO GASTRICO, MODELLO DI LETTURA GESTALTICO. M. Basta, T. Restelli,"

Presentazioni simili


Annunci Google