La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prima parte Molti toponimi di origine etrusca riportano la forma ‘VERONA’ (da ‘Veru’ o ‘Veruna’: due nomi personali dei Tirreni). La fondazione sarebbe.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prima parte Molti toponimi di origine etrusca riportano la forma ‘VERONA’ (da ‘Veru’ o ‘Veruna’: due nomi personali dei Tirreni). La fondazione sarebbe."— Transcript della presentazione:

1

2 Prima parte

3 Molti toponimi di origine etrusca riportano la forma ‘VERONA’ (da ‘Veru’ o ‘Veruna’: due nomi personali dei Tirreni). La fondazione sarebbe quindi dovuta a quella popolazione che si è storicamente molto inoltrata nella Valle Padana. I Romani nell’ 89 a.C. la dichiarano Colonia, conservando il nome di VERONA, la iscrivono alla Regio X Venetia et Histria e aggregata alla tribù Publilia; vi fanno convergere ben tre importanti vie: la Postumia (da Genova e Cremona verso Lubiana), la Gallica (da Brescia per Aquileia) e la Claudia Augusta (verso la Germania). Nel 49 a.C. diventa Municipio Romano e raggiunge la sua massima espansione urbana. Zeno è l’ottavo vescovo di Verona nel IV secolo d.C. Teoderico re dei Goti vi fa costruire un palazzo di rappresentanza e Adelchi, duca dei Longobardi, vi si insedia, difendendola strenuamente dai Franchi. Questi ultimi fondano lo Studium, tra i cui insegnanti si annoverò l’arcidiacono Pacifico da Verona (morto nel 846). Nel 984 appartiene al Ducato di Baviera e la presenza di vescovi germanici fa della città un importante centro ghibellino. Nel 1136 è Comune retto da Consoli. Lentamente passa alla fazione filo-papale a causa dell’atteggiamento reazionario dei nobili imperiali nei confronti delle esigenze del ceto mercantile emergente (il “Popolo”). Lo storico Giovanni Faccioli riporta la tradizione secondo la quale nel il Comune di Verona sarebbe sorto dalla pacificazione tra la classe del Popolo (“Pedites”, essenzialmente mercanti) e dei Nobili (“Milites”). Episodio che sarebbe celebrato nella lunetta del portale della basilica di San Zeno dove il santo vescovo benedice le due principali componenti cittadine. Successivamente a quell’evento sarebbe stato adottato lo stemma (pure riportato nella chiesa stessa). Alcuni cenni storici

4 Nel 1164 aderisce alla Lega Lombarda: è probabile che questa sia la data dell’adozione dello stemma crociato, nei colori oro e azzurro per renderlo manifestamente differente dal labaro imperiale. Nel 1197 il Comune è retto da un podestà di provenienza extra-cittadina (come garanzia di neutralità tra le parti). Ezzelino da Romano si rende, di fatto, arbitro della città nel Venne battuto presso Cassano d’Adda nel 1259 dalla Lega contro di lui promossa da papa Alessandro IV. Nel 1262 Leonardino detto “Mastino” I Della Scala è Capitano del Popolo e, praticamente, signore di Verona. Stato che verrà ufficializzato alla fine del secolo da Alberto I Della Scala. Secondo alcuni questo è il periodo di adozione dello stemma comunale, emblema del partito ghibellino dei Gastaldioni. Canfrancesco detto “Cangrande” ( , celebrato da Dante) fu nominato vicario dell’Imperatore Arrigo VI; Mastino II (morto nel 1351) estenderà il dominio su gran parte dell’Italia Nord-Orientale, comprendendo: Vicenza, Padova, Feltre, Belluno, Treviso, Brescia, Parma e anche Lucca. Ma nel 1387 Antonio Della Scala deve cedere il potere ai Visconti di Milano. Per pochi anni, perché morto Gian Galeazzo Visconti nel 1402 si succederanno le brevi signorie di Guglielmo Della Scala e di Giacomo da Carrara fino al Nel 1405 i veronesi si daranno alla Repubblica di San Marco. Dopo la dominazione Napoleonica dal 1797 al 1814, Verona passa all’Austria, e diventa un importante centro di difesa militare (perno del celebre “Quadrilatero”). Durante questo periodo, con la pace di Luneville del 1801 la città venne divisa in due parti: ad est possedimento austriaco col nome di Veronella (che conserva tutt’ora) e ad ovest francese. Nel 1866, attraverso plebiscito, è annessa al Regno d’Italia.

5 ARCHE (tombe) SCALIGERE

6 Particolari

7 Particolare

8 Tomba di Cangrande della Scala Particolare

9 Particolare

10 L’ARENA

11 Veduta aerea L’unico pezzo originale rimasto dell’anello esterno

12 In notturna Opera lirica all’interno Opera lirica all’interno

13 Opere liriche all’interno dell’anfiteatro Anello esterno

14 Fontana di Piazza Bra’ con l’Arena

15 Veduta aerea

16 Stella di Natale

17 Esecuzione di un’opera nell’anfiteatro Due particolari di scenari per opere

18 CASA DI GIULIETTA

19 Statua di Giulietta

20 Messaggi d’amore sui muri

21 Casa con balcone di Giulietta

22 TOMBA DI GIULIETTA

23 CASTELVECCHIO

24 Ponte sull’Adige

25 Giardino interno

26 Mura di cinta

27 Ingresso principale Ponte sull’Adige

28 Giardino interno Lato che costeggia l’Adige

29 ARCO DEI GAVI Arco dei Gavi

30 Selciato originale sotto l’Arco dei Gavi

31 CHIESE Santa Maria Assunta - Cattedrale

32

33 S. Bernardino S. Tommaso Canturiense S. Maria in Organo S. Libera

34 Santo Stefano - Protomartire

35 Basilica di Santa Anastasia Facciata della Basilica Veduta dell’abside con l’Adige

36 Basilica di San Zeno Maggiore

37 San Fermo Maggiore San Giorgio in Braida

38 San Lorenzo Santuario Madonna di Lourdes

39 San Nicolò all’Arena San Giovanni in Valle

40 Santi Nazaro e Celso Trittico del Mantegna dell’altare maggiore nella Basilica di S. Zeno segue San Giovanni in Fonte (Fonte battesimale)


Scaricare ppt "Prima parte Molti toponimi di origine etrusca riportano la forma ‘VERONA’ (da ‘Veru’ o ‘Veruna’: due nomi personali dei Tirreni). La fondazione sarebbe."

Presentazioni simili


Annunci Google