La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I L VENETO A CURA DI ALESSANDRO PIETRO CALLIPARI CLASSE V B – ANNO SCOLASTICO 2012/2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I L VENETO A CURA DI ALESSANDRO PIETRO CALLIPARI CLASSE V B – ANNO SCOLASTICO 2012/2013."— Transcript della presentazione:

1

2 I L VENETO A CURA DI ALESSANDRO PIETRO CALLIPARI CLASSE V B – ANNO SCOLASTICO 2012/2013

3 IL VENETO : laspetto fisico Il Veneto e una regione italiana di abitanti, situata nellItalia nord-orientale. Confina a nord con il Trentino- Alto Adige e lAustria, a sud con lEmilia Romagna, ad ovest con la Lombardia, a est con il Friuli-Venezia Giulia e con il mar Adriatico. Il suo territorio, in buona parte pianeggiante, comprende un ampio tratto della Pianura Padana. La fascia montana e costituita dalle Prealpi venete e da un tratto delle Alpi orientali fino al confine con lAustria. Le Alpi venete comprendono la parte orientale delle Dolomiti, con diverse cime che superano i 3000 metri. La pianura veneta e solcata da numerosi fiumi, a cominciare dal Po che si getta nel mar Adriatico con un ampio delta. Altri fiumi i importanti sono l Adige,il Brenta e il Piave. La costa, bassa e sabbiosa, e caratterizzata dalla Laguna Veneta, la più grande dItalia. Vi sono almeno tre fasce climatiche: clima alpino in montagna, clima continentale in pianura e clima mite sulle sponde del Lago di Garda e lungo le coste.

4 ASPETTO POLITICO-ECONOMICO IL VENETO E SUDDIVISO NELLE SEGUENTI SETTE PROVINCIE: VENEZIA, BELLUNO, PADOVA, ROVIGO, TREVISO, VERONA E VICENZA. LA POPOLAZIONE DEL VENETO NON E DISTRIBUITA IN MODO OMOGENEO : MOLTO POPOLATA E LA PIANURA, MENTRE IL CADORE, BELLUNO E IL POLESINE SONO POCO POPOLATE. NON VI E UNA GRANDE AREA METROPOLITANA COME IN ALTRE REGIONI, MA TANTE CITTA DI MEDIE DIMENSIONI. VENEZIA, CAPOLUOGO REGIONALE, E UNA CITTA UNICA AL MONDO. SORTA SU ALCUNI ISOLOTTI DELLA LAGUNA, E ATTRAVERSATA DA UNA MIRIADE DI PONTI. NELLE STRETTE STRADINE, CHIAMATE CALLI, NON POSSONO CIRCOLARE AUTOMOBILI. GLI AUTOBUS SONO SOSTITUITI DAI VAPORETTI. IL VENETO E UNA DELLE REGIONI PIU RICCHE DITALIA. NEL SETTORE PRIMARIO SI COLTIVA IL MAIS (PRIMO POSTO IN ITALIA), LA BARBABIETOLA DA ZUCCHERO, ALBERI DA FRUTTO E ORTAGGI. ANCHE PER LALLEVAMENTO DI BOVINI IL VENETO E LA PRIMA REGIONE ITALIANA. NELLA FASCIA COLLINARE PREVALE LA VITICOLTURA. IMPORTANTE LA PESCA, PRATICATA SULLE COSTE. IN PIANURA, DA VERONA A TREVISO, SI E SVILUPPATA UNINTENSA ATTIVITA INDUSTRIALE DI MOBILI, CALZATURE, ABBIGLIAMENTO,ECC. NEL PORTO DI MARGHERA ARRIVANO GRANDI QUANTITA DI PETROLIO E NEI PRESSI SORGONO RAFFINERIE E GRANDI FABBRICHE CHIMICHE E METALLURGICHE. IL TURISMO E UNA GRANDE RISORSA DELLA REGIONE. I TURISTI AFFOLLANO LE CITTA DARTE COME VENEZIA, LE LOCALITA BALNEARI E I CENTRI MONTANI.

5 IL CARNEVALE DI VENEZIA IL CARNEVALE DI VENEZIA HA ORIGINI ANTICHISSIME. LA SUA ESISTENZA, INFATTI, E STATA UFFICIALIZZATA NEL NEL SETTECENTO, V ENEZIA CONQUISTO APPIENO LA FAMA DI CITTA DEL CARNEVALE. CON LE FESTE, GLI SPETTACOLI, LE MASCHERE E I TEATRI DIVENTO UNATTRAZIONE TURISTICA, ACCOGLIENDO MIGLIAIA DI VISITATORI PROVENIENTI DA TUTTA EUROPA. NEL PERIODO DI CARNEVALE LA GENTE DI OGNI CETO E NAZIONALITA SI RIVERSAVA NELLE STRADE DELLA CITTA PER FESTEGGIARE. PIAZZA SAN MARCO, RIVA DEGLI SCHIAVONI E GLI ALTRI CAMPI DELLA CITTA DIVENTAVANO PALCOSCENICI IN CUI SI ORGANIZZAVANO INTRATTENIMENTI DI OGNI TIPO. DOVUNQUE, NEI CAFFE E NEI TEATRI PUBBLICI, NELLE CASE PRIVATE E NELLE ACCADEMIE, SI INSCENAVANO RAPPRESENTAZIONI E SPETTACOLI TEATRALI, E NON MANCAVANO DANZE E FESTE DA BALLO NEI PALAZZI NOBILIARI. ALLA FINE DEL SETTECENTO, IN SEGUITO ALLA CADUTA DELLA REPUBBLICA DI VENEZIA,IL CARNEVALE UFFICIALE NELLA CITTA LAGUNARE PIAN PIANO SCOMPARVE, PER POI RICOMPARIRE SOLO NEGLI ANNI OTTANTA DEL SECOLO SCORSO.


Scaricare ppt "I L VENETO A CURA DI ALESSANDRO PIETRO CALLIPARI CLASSE V B – ANNO SCOLASTICO 2012/2013."

Presentazioni simili


Annunci Google