La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PERCORSO 1: MEMORIE, LUOGHI, TERRITORI IL CALENDARIO CONTADINO Corso di Antropologia Culturale GIOVEDI 17 OTTOBRE 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PERCORSO 1: MEMORIE, LUOGHI, TERRITORI IL CALENDARIO CONTADINO Corso di Antropologia Culturale GIOVEDI 17 OTTOBRE 2013."— Transcript della presentazione:

1 PERCORSO 1: MEMORIE, LUOGHI, TERRITORI IL CALENDARIO CONTADINO Corso di Antropologia Culturale GIOVEDI 17 OTTOBRE 2013

2 Il rito: considerazioni iniziali Impiego diffuso dei termini rito e rituale: rischio di vedere tutto come un rito: lavarsi i denti è un rito? Rito difficile da definire (come ogni componente della cultura) Diverse teorie sull’origine del termine: ritus, ordine prescritto. Associato al greco artus (ordinariamen te), ararisko (armonizzare, adattare), arthmos (legame, congiunzione)

3 Alcune interpretazioni del rito Rito come elemento di coesione sociale (E. Durkhéim) Rito come forma di comportamento che comprendono trasmissione di informazioni in un codice di comunicazione codificato (e condiviso) (E. Leach) Rito come mezzo per provare efficacia di un sistema di simboli che acquistano significato per una collettività (M. Mauss, M. Douglas)

4 Perché è così importante il calendario contadino? Tempo contadino = ciclico. Corrisponde alla periodicità dei riti e delle feste Tempo contadino = esprime ritmo della vita collettiva, ne garantisce la regolarità Ciclo di morte e rinascita

5 I riti di passaggio Riti di passaggio: titolo dell’opera di A. Van Gennep. Schema interpretativo su manifestazioni sia individuali sia collettive dalla nascita alla morte Idea centrale di Van Gennep: Ogni periodo della vita (umana o ciclo annuale) passa attraverso diverse fasi (di passaggio) ricche di avvenimenti. 3 stadi dei riti di passaggio Secondo Van Gennep un rito deve essere indagato nel suo contesto culturale; non ha inoltre un valore definito ma cambia a seconda del tempo

6 Da equinozio di primavera a equinozio autunnale Da equinozio autunnale a equinozio di primavera Si intensificano i ritmi lavorativi nei campi I ritmi produttivi rallentano, ripresa dei legami sociali ATTIVITA’ ANNUALE DEL CONTADINO

7 ciclo dell’anno nelle aree alpine Due momenti fondamentali Estate e inverno “Otto mesi d’inverno e quattro d’inferno”, proverbio che scandisce e organizza il ciclo dell’anno sulle Alpi

8 AGROSILVOPASTORALISMO ColtivazioneAllevamento + Campi e prati vicino al villaggio Pascoli d’alta quota (alpeggi)alpeggi

9 I marcatori del tempo contadino: il giorno 1 Unità di misura della società contadina (giorno = aratura dei campi) 2Importanza del buio e della luce, chiaro e scurobuio 3Osservazione dei comportamenti animalianimali 4 Rintocchi delle campane, religione popolarecampane

10 La settimana Scorrere della settimana = tempo intercorso tra due mercati

11 Il mese Dura all’incirca una lunazione e ad essa è associato (non coincidenza tra fasi lunari e mese) Suddivisione nella società contadina dei mesi fasti e nefasti: 31 giorni = positivi 30 giorni= negativi 29 giorni= nefasti Kalendae romane (scadenzario dei prestiti concessi dai banchieri, dove gli interessi erano pagati il 1° giorno del mese)1° Importanza dei mesi nei cicli dei 12 giorni12 giorni

12 L’anno Importanza della ciclicità del tempo Cerimonie religiose = sovrapposizioni di credenze e aspetti rituali differenti

13 Il ritmo della luna Luna = vero e più importante regolatore dei ritmi tradizionali Rapporto uomo-luna = riconoscimento di influssi positivi e negativi Osservazione luna = codificazione di norme e comportamenti di natura orale del calendario contadino

14 Cosa determina le feste mobili? Luna di Pasqua : il primo plenilunio che cade dal 21 marzo in poi = Pasqua la domenica successiva Concilio di Nicea, 325: Pasqua mobile su modello Pasqua giudaica Luna di Pasqua interessa vasta parte del tempo che la precede e segue

15 Date lunari 2 febbraio Previsioni sulla primavera Osservazione astro lunare Proverbi e modi di dire per facilitare il ricordo e orientarsi nell’associazione tra lune e mesi: “è inutile aspettarsi bel tempo da questo marzo, la luna è in ritardo” Animale mitico: orso orso Animali mitici: cane, lumaca, marmotta Simboli e presenze della luna per la loro forma o il loro modo di essere

16 gennaio febbraio marzo Pronostici “dei dodici giorni”dodici giorni Epifania (inizio carnevali) Iniziavano i lavori di potatura secca delle viti Carnevali, passaggio al periodo quaresimale Lavori di concimazione della vite Riti della “chiamata di marzo” Trattamenti antiparassitari della vigna Sarchiatura del terreno del grano Inizio concimazione campi di granturco Aratura e sarchiatura del terreno dell’orto INVERNO-PRIMAVERA Divieto di cominciare i lavori produttivi nei primi 8 giorni di luna nuova: effetti nefasti per le colture e l’allevamento

17 aprilemaggioGiugno-agosto Questua delle uova 25 aprile (San Marco) = ciclo della bachicoltura bachicoltura Calendimaggio Sarchiatura del terreno nei campi di granturco Festa di San Giovanni Festa di San Pietro e Paolo Lavori nei campi Sarchiatura del terreno delle viti San Pietro: mietitura del granomietitura Sfoglio del granturco PRIMAVERA-ESTATE

18 Settembre-ottobre novembre-dicembre Settembre: Tempo della vendemmia vendemmia Aratura ed erpicatura del campo di grano Raccolta delle pannocchie e spannocchiaturax spannocchiaturax Ottobre : concimazione della terra delle vigne Semina ed erpicatura del grano 30 Novembre: inizio dell’inverno Feste dei morti Dicembre: messa a dimora dei nuovi vigneti, interruzione lavorazione viti Concimazione terreno dell’orto Dicembre: uccisione maiale Festa di Santa Lucia Natale AUTUNNO-INVERNO

19 progressivo decadimento delle condizioni economiche, sociali, culturali degli ambiti montani e rurali rapido sviluppo industriale e abbandono della campagna da parte dei giovani a Situazione italiana negli anni ’ 50 e ‘ 60 Industria = riscatto alla condizione contadina

20 “rustico, allegro, beone, furbastro e bonaccione, ben pasciuto e festaiolo” selvaggio, poco adatto alla vita urbana estraneo alla modernizzazione in corso L ’ immagine del contadino

21 b Interruzione processo di inculturazione basato su apprendimento orale e gestuale I contadini che rimangono in montagna rifiutano il modello tradizionale e mutuano i modelli culturali urbani

22 Lo sci diventa uno sport di massa, crescono le stazioni sciistiche. Ripresa del turismo estivo Urbanizzazione in espansione Turismo invernale si apre a presenze straniere cSviluppo del turismo

23 l’esodo da aree rurali a urbane dà vita ad agglomerati e poli di industrializzazione sviluppo metropoli = nascita di problematiche alla base della futura crisi del modello urbano (carenza di servizi, disoccupazione, inquinamento) a Citt à e campagna negli anni ’ 70 e ’ 80

24 rapida ed inaspettata ripresa di interessi culturali ed economici verso contesti rurali. Interesse non al lavoro nei campi, ma ai valori e stili di vita tradizionali b

25 perdita delle garanzie che anni prima avevano spinto l’individuo a lasciare le campagne e le montagne: posto di lavoro, assistenza sanitaria, pensioni ecc… contesto urbano e tempo urbano = percepiti come negativi a Gli anni ’ 90: la crisi

26 di fronte al profondo malessere che mette in discussione certezze e valori = nuovo interesse verso la tradizione recupero di pratiche e credenze della dimensione rituale popolare attraverso forme diverse b

27 Pendolari Società complesse: sistema societario formato da più formazioni sociali, culture, modi di produzione, organizzazione politica che interagiscono tra loro (L. Gallino). Pendolari = si muovono regolarmente tra formazioni sociali differenti, es. insegnanti, studenti Pendolarità determina attenzione a cultura locale e riproposta di feste e cerimonie

28 Alcuni esempi di rivitalizzazione di beni culturali da parte dei “pendolari” Il gruppo spontaneo di Magliano Alfieri (CN) nasce nel Tra i beni DEA rivitalizzati rientrano: la questua delle uova, il cantarmaggio, il carnevale e la creazione di un museo dei soffitti in gesso piemontesi

29 Video: Il Faber Teater presenta lo spettacolo “Donne e Patriarchi” Video: la complessità della tradizione

30 Cosa sono i beni DemoEtnoAntropologici (DEA) Sottoinsieme della cultura Tutte le conoscenze, credenze, modelli di comportamento e prodotti di un gruppo umano Fanno riferimento alla nostra società e alle differenze nella struttura sociale (di classe, di reddito, di accesso alle risorse ecc) Studio delle culture delle classi popolari o subalterne

31 La natura dei beni DEA BENI MATERIALI Manufatti e altri beni “tangibili” BENI IMMATERIALI Patrimonio orale =canti, racconti, feste, immaginario Divisione tra beni materiali e immateriali non sempre netta netta I beni DEA sono parte del nostro patrimonio culturale

32 Dove si trovano i beni DEA? 1 Musei etnografici ed ecomusei (beni materiali) Sistema di raccolta e catalogazione dei vari reperti (schede BDM) 2 Territorio (beni materiali e immateriali) Raccolta con mezzi audiovisivi e catalogazione (schede BDI)

33 Da cosa nasce l’interesse per i beni DEA? Patrimonio culturale/paesaggistico Patrimonio culturale = appartenente alle classi agiate

34 1800. Grandi Esposizioni Universa:li spostamento di interesse dai beni “aulici” a quelli popolari Timore della crescente industrializzazione Maggiore interesse verso testimonianze materiali inserite nel paesaggio: nascono i siti culturali

35 Il punto di vista legislativo 1 Beni DEA = attenzione da parte del Ministero per i Beni culturali nel Legge n “Tutela delle cose di interesse artistico e storico” : giro di boa nei confronti dei beni DEA: Ministero per i Beni Culturali emana il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio: patrimonio culturale e paesaggistico hanno uguale importanza

36


Scaricare ppt "PERCORSO 1: MEMORIE, LUOGHI, TERRITORI IL CALENDARIO CONTADINO Corso di Antropologia Culturale GIOVEDI 17 OTTOBRE 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google