La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio 20061 La riforma del sistema educativo Ricadute sull’organizzazione sui curricula sulla metodologia didattica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio 20061 La riforma del sistema educativo Ricadute sull’organizzazione sui curricula sulla metodologia didattica."— Transcript della presentazione:

1 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio La riforma del sistema educativo Ricadute sull’organizzazione sui curricula sulla metodologia didattica Domenico Sugamiele

2 Ciofs-FMA 3-4 gennaio Il nuovo quadro costituzionale Istruzione e formazione professionale Istruzione come MACROMATERIA che comprende l’Istruzione e la formazione professionale UN UNICO SISTEMA EDUCATIVO Internamente articolato in due sottosistemi Legge 53 del 2003

3 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio ISTRUZIONE Politiche del lavoro Legge n. 30 Legge n. 53 Sistema di Istruzione e Formazione professionale Istituti Scolastici e Centri/Agenzie formative FORMAZIONE PROFESSIONALE Sistema Produttivo Il nuovo quadro costituzionale Integrazione dei sistemi e delle politiche

4 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio I principali riferimenti legislativi  Regolamento sull’autonomia DPR 275/99  Legge 62 sulla parità e disposizioni per l’accreditamento delle sedi formative  I decreti legislativi attuativi della legge 53 Diritto – dovere Alternanza scuola – lavoro Servizio Nazionale di Valutazione Formazione degli insegnanti Decreto legislativo sul secondo ciclo

5 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio Risvolti normativi dei D. L.vi  I riferimenti per la Programmazione delle scuole e le responsabilità istituzionali Profilo Educativo Culturale e Professionale (PECUP) Indicazioni nazionali Indicazioni regionali Obiettivi specifici di apprendimento (OSA) Piani di studio personalizzati Standard minimi formativi Portfolio personale – libretto formativo - Europass

6 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio La centralità della persona  La legge 53/03 afferma che il sistema di Istruzione e di IeFP conseguono i loro scopi se hanno come fine  “la crescita e la valorizzazione della persona umana, nel rispetto dei ritmi dell’età evolutiva, delle differenze e delle identità di ciascuno e delle scelte educative della famiglia, nel quadro della cooperazione tra scuola e genitori,  in coerenza con il principio di autonomia delle istituzioni scolastiche e secondo i principi della Costituzione”

7 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio La flessibilità  Rendere effettivo il diritto all’istruzione e alla formazione per almeno dodici anni, fino al diciottesimo anno di età.  Flessibilità strutturale: sistema unitario ma differenziato opzioni di ingresso e di uscita pluralità dei percorsi e dei soggetti formativi: modalità, durata e luoghi diversificati  Flessibilità interna ai percorsi quote opzionali e facoltative  Orientamento continuo e personalizzazione attraverso il tutorato, il portfolio delle competenze, il riconoscimento dei crediti e la reversibilità delle scelte in coerenza con gli strumenti di certificazione europei: EUROPASS.

8 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio Personalizzazione e orientamento  Circolarità tra istruzione e formazione, tra istruzione formale, non formale e informale  L’azione educativa si sviluppa in relazione al progetto di vita della persona  Promuovere l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita senza un prima : la formazione generale e un dopo: la formazione professionale (aggiunta specialistica)

9 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio Il decreto legislativo sul secondo ciclo D. lgs. 226 del 17 ottobre 2005  Capo I - Delinea gli aspetti comuni dei due sistemi del secondo ciclo  Capo II - Definisce il sistema liceale (le norme generali)  Capo III - Definisce il sistema della Istruzione e Formazione Professionale (i livelli essenziali di prestazione)  Capo IV - Adeguamento del Primo ciclo e innovazioni curriculari  Capo V - Delinea il processo di attuazione e di concertazione con le Regioni

10 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio Riferimenti normativi D. L.vo 2° ciclo Art.1 c 15. I percorsi del sistema dei licei e quelli del sistema di istruzione e formazione professionale possono essere realizzati in un’unica sede, anche sulla base di apposite convenzioni tra le istituzioni scolastiche e formative interessate. Ognuno dei percorsi di insegnamento-apprendimento ha una propria identità ordinamentale e curricolare. I percorsi dei licei inoltre, ed in particolare di quelli articolati in indirizzi …, possono raccordarsi con i percorsi di istruzione e formazione professionale costituendo, insieme, un centro polivalente denominato “Campus” o “Polo formativo”. ……..

11 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio Riferimenti normativi D. L.vo 2° ciclo ELEMENTI UNIFICANTI PER I DUE SOTTOSISTEMI DIRITTO - DOVERE PECUP AUTONOMIA PERSONALIZZAZIONE COMPARAZIONE DEI TITOLI A LIVELLO EUROPEO

12 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio Riferimenti normativi D. L.vo 2° ciclo ELEMENTI CARATTERIZZANTI I DUE SOTTOSISTEMI  P er il sistema dei Licei Norme Generali Profili specifici per gli indirizzi Indicazioni nazionali (OSA) Quadri orari Titoli di studio (tabelle di confluenza)  Per il Sistema di IeFP Livelli essenziali delle prestazioni Individuazione delle figure relative ad aree professionali Standard minimi formativi relativi alle competenze di base Standard minimi relativi alle strutture Comparazione europea dei titoli professionali ECTS ECTS

13 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio Dal PECUP al Progetto dell’Offerta Formativa  Cambiano i modi, i luoghi, i tempi, gli strumenti di apprendimento nella prospettiva della lifelong learning Più soggetti Pluralità di percorsi e opzioni (fino ai 21 anni) Alternanza scuola lavoro Apprendistato LARSA Livello scolastico Livello territoriale Il portfolio /libretto delle competenze - EUROPASS

14 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio I LARSA – Laboratori di recupero e sviluppo degli apprendimenti  I LARSA rappresentano strumenti di intervento da utilizzare sia in ambito di scuola che di territorio.  Sono riferibili prevalentemente ad ambienti diversi dalla classe: Gruppi di livello Attività programmate in fase di passaggio Interventi per soggetti in situazione di difficoltà e di deprivazione formativa e lavorativa: persone o gruppi non inseriti in percorsi istituzionali; giovani privi di licenza media.

15 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio Programmazione regolativa della domanda e dell’offerta  Integrazione delle politiche territoriali di istruzione, formazione e lavoro  Laboratori di orientamento e interventi di accompagnamento  Sviluppo del raccordo con il sistema delle imprese  Intercettazione dei bisogni formativi  Alternanza scuola-lavoro  Apprendistato  Servizi di raccordo tra domanda e offerta di lavoro (accreditamento per l’intermediazione)  Raccordo con i Servizi per l’impiego e la Borsa Lavoro  Anagrafi regionali e nazionale (diritto – dovere)

16 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio L’organizzazione in rete  La rete di governo regionale Per la pianificazione dell’offerta formativa territoriale Come elemento regolatore delle interazioni tra gli enti locali e le istituzioni scolastiche e formative  La rete dell’offerta formativa opera principalmente sulla funzione tecnica dell’istruzione e formazione in particolare sull’innovazione pedagogico - didattica, sull’ampliamento dei piani di studio, sulla diversificazione dei percorsi formativi, sulle politiche della prevenzione della dispersione e dell’orientamento.  Le reti tecnico - gestionali, interne al sistema istruzione e formazione. Per ottimizzare le risorse e per gestire congiuntamente servizi.

17 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio ATS di CFP Agenzie formativ e Gestione Risorse Istituzioni scolastich e Servizi per l’impiego GOVERNO DELLA RETE Reti: di Scuole reti miste Struttura di monitoraggi o Associazion i sociali Associazioni di Imprese Centri per l’orientamento La rete dell’offerta formativa

18 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio L’organizzazione di rete  Creare uno spazio intenzionale perché la semplice interazione non sempre produce azioni pedagogiche  Processo intenzionale degli attori. Obiettivi Relazioni tra gli attori Processi da gestire Le risorse umane: management di rete e di progetto; tutor,.. Sistema di governo: convenzioni, accordi,…

19 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio L’organizzazione di rete  I percorsi dei Licei e di IeFP possono essere realizzati in una unica sede conservando la specificità di ciascun percorso.  Autonomia in relazione all’identità di ciascuna istituzione  Mantenere e sostenere il pluralismo  Sviluppare la Ricerca sul territorio

20 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio I problemi dell’organizzazione di rete  Governance: parcellizzazione regionale?  Integrazione dei percorsi  Finanziamenti: Licei responsabilità dello Stato IeFP responsabilità delle Regioni (ruolo del FSE) Creazione di un unico fondo regionale

21 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio Campus o Polo?  Il Decreto li assimila come sinonimi ma in verità non lo sono.  Schematizzando Il “Campus” nasce per sviluppare la partecipazione degli allievi e delle famiglie. Il riferimento è a contesti territoriali vari. Il centro è la personalizzazione. Il “Polo formativo” nasce per privilegiare la centralità dell’impresa. Il riferimento principale è a contesti produttivi di filiera; distretti, Patti territoriali, etc,,.

22 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio Pianificazione di istituto  Il Regolamento sull’autonomia ha ampliato gli spazi di manovra di due dimensioni fondamentali per la pianificazione delle attività didattiche: Il tempo Il gruppo classe  Autonomia didattica: flessibilità del curricolo ancora scarsa, soprattutto in alcuni indirizzi

23 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio Gli spazi di flessibilità dei tempi e dei gruppi (DPR 275/99)  Articolazione modulare del monte ore annuale  Definizione di unità di insegnamento non coincidenti con l’unità oraria di lezione  L’attivazione di percorsi didattici individualizati  L’articolazione modulare di gruppi provenienti anche da classi diverse  L’aggregazione delle discipline in aree disciplinari  Gli adattamenti del calendario scolastico  Organizzazione plurisettimanale dell’orario complessivo e delle singole discipline

24 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio Nuova organizzazione del tempo  Coerenza tra tempo di insegnamento e tempo di apprendimento.  Ridurre l’eccessivo frazionamento delle ore di lezione perché crea: Un aumento della pressione emotiva Aumenta il tempo dello studio individuale  Evitare di concentrare al mattino le attività di insegnamento “fondamentali” e inserire attività facoltative e opzionali.  Diversificazione delle metodologie

25 Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio Il gruppo e la classe  Offrire al giovane una pluralità di situazioni di lavoro pertinenti e stimolanti per il suo progetto di auto formazione.  Gruppi di livello organizzati su tutto il curricolo  Classi aperte (opzioni facoltative)  Classi “grandi”: programmare alcune lezioni anche per platee molto vaste di studenti. Utilizzare competenze di un insegnante anche per più classi insieme.


Scaricare ppt "Domenico Sugamiele Ciofs-FMA 3-4 gennaio 20061 La riforma del sistema educativo Ricadute sull’organizzazione sui curricula sulla metodologia didattica."

Presentazioni simili


Annunci Google