La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Gruppi e movimenti Definizione di gruppo Caratteristiche fondamentali dei gruppi di interesse La teoria pluralista dei gruppi e la critica di Olson.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Gruppi e movimenti Definizione di gruppo Caratteristiche fondamentali dei gruppi di interesse La teoria pluralista dei gruppi e la critica di Olson."— Transcript della presentazione:

1

2 1 Gruppi e movimenti Definizione di gruppo Caratteristiche fondamentali dei gruppi di interesse La teoria pluralista dei gruppi e la critica di Olson Schmitter: pluralismo e neocorporativismo Definizione di movimento Prospettive teoriche nello studio dei movimenti Classificazione e tipologie di movimenti

3 2 Riferimenti storici al fenomeno dei gruppi Le gilde (Medio evo) Le corporazioni (i Comuni italiani) I gruppi professionali (XIX secolo) I sindacati (XIX e XX secolo) Le organizzazioni di interessi (XX secolo)

4 3 I gruppi: definizioni dalla letteratura Bentley [1908]: un gruppo coincide con ogni sezione della società che agisca o tenti di agire Truman [1951]: Qualsiasi gruppo che, sulla base di atteggiamenti condivisi, presenta domande ad altri gruppi della società Almond e Powell [1978]: Individui legati da comuni preoccupazioni e interessi, che sono consapevoli di questo legame Enfasi sull’interesse Enfasi sull’atteggiamento Enfasi sull’appartenenza

5 4 Definizione empirica di gruppo di interesse Un gruppo di interesse può essere definito come un insieme di persone, organizzate su basi volontarie, che mobilita risorse per influenzare le decisioni e le conseguenti politiche pubbliche. Caratteri: L’organizzazione del gruppo (di solito), formalizzata da apposite norme L'aggregazione è volontaria La partecipazione è libera.

6 5 Caratteristiche fondamentali dei gruppi di interesse Struttura organizzativa Modalità di azione Obiettivi Risorse

7 6 Funzione dei gruppi di interesse (Almond, Powell 1966) La funzione principale dei gruppi è l’articolazione degli interessi ossia la formulazione della domanda politica 4 forme o modalità di articolazione degli interessi

8 7 Classificazione basata sulla struttura organizzativa: Gruppi di interesse anomici Gruppi di interesse non associativi Gruppi di interesse istituzionali Gruppi di interesse associativi

9 8 Le modalità di azione Forme di azione “deboli” e/o convenzionali (comunicazione, contatti, informazione) Forme di azione forti e/o non convenzionali (campagne presso l’opinione pubblica, ricorsi in giudizio, corruzione, finanziamento campagne elettorali, scioperi, marce, sit-in etc.)

10 9 Gli obiettivi Gruppi di difesa di interessi oggettivi (categorie occupazionali, appartenenze etniche) versus gruppi fondati sull’espressione di preferenze morali (gruppi filantropici, umanitari etc.) Gruppi di interesse pubblico versus gruppi di interesse speciale

11 10 Le risorse a disposizione dei gruppi Risorse numeriche (la dimensione della membership) La rappresentatività Risorse economico-finanziarie Risorse conoscitive (l’expertise) Collocazione strategica nel processo produttivo

12 11 Argomenti a favore e contro i gruppi di interesse La teoria pluralista dei gruppi L’approccio di Olson

13 12 La teoria pluralista dei gruppi La presenza dei gruppi come fonte di : 1)Equilibrio. La pluralità dei gruppi garantisce equilibrio fra forze contrastanti. La sfida dei gruppi attivi porta alla mobilitazione dei gruppi latenti 2)Socializzazione. La vita nelle associazioni educa all’interazione con gli altri. Le appartenenze multiple facilitano la tolleranza reciproca 3)Autonomia della società dallo stato. I gruppi esprimono la capacità della società di organizzarsi dal basso. La funzione essenziale dello Stato è la mediazione fra i diversi interessi

14 13 La critica di Olson 1)I gruppi a difesa di interessi generali sono difficili da organizzarsi a tutto vantaggio dei gruppi a difesa di interessi particolaristici 2)Nell’insieme le organizzazioni e collusioni di interessi particolari riducono l’efficienza e il reddito aggregato delle società in cui operano e moltiplicano le divisioni nella vita politica. 3)Le coalizioni (di interessi) a fini distributivi abbassano la capacità di una società di adottare nuove tecnologie e di riallocare risorse in risposta al mutare delle condizioni, riducendo il tasso di crescita economica. La loro crescita accresce la complessità della regolazione, il ruolo dello Stato e la complessità delle intese e modifica la direzione dell’evoluzione sociale

15 14 Pluralismo [Schmitter, 1974] Un sistema di rappresentanza degli interessi dove le unità costitutive sono organizzate in numero indefinito, in competizione tra loro, volontarie, non strutturate gerarchicamente, non necessariamente riconosciute o organizzate dal governo, e non esercitano il monopolio della rappresentanza Attori politici Decisioni politiche 

16 15 Forme di pluralismo Il lobbysmo negli Usa Il Partisan pluralism (Gb) Il clientelismo (paesi mediterranei)

17 16 Neo-corporativismo [Schmitter 1974] Un sistema di rappresentanza di interessi dove le unità costitutive sono organizzate in numero limitato di categorie non competitive, strutturate gerarchicamente, differenziate funzionalmente, riconosciute, se non organizzate dal governo, non competitive tra loro, che esercitano complessivamente il monopolio della raprresentanza Gruppo AGruppo B governo

18 17 Logica dei membri nel pluralismo e nel neocorporativismo a)Pluralismo: Struttura organizzativa frammentata e povera di risorse, che deve fare affidamento sulle sue risorse, poco capace di sviluppare programmi di lungo periodo b)Neocorporativismo: associazioni forti e integrate, ricche di risorse, relativamente indipendenti dai membri e capaci di sviluppare prospettive di lungo termine

19 18 Logica dell’influenza nel pluralismo e nel neocorporativismo a)Pluralismo: i gruppi esercitano influenza attraverso varie forme di pressione, ma non vi sono rapporti strutturati.(Lobbying) b)Neocorporativismo: un sistema istituzionalizzato di interazioni attribuisce alle associazioni ruoli particolari nell’elaborazioni e soprattutto nella realizzazione delle politiche pubbliche (Concertazione)

20 19 La partecipazione politica attraverso i movimenti Il concetto di movimento sociale si riferisce a …reti di interazioni prevalentemente informali basate su … …credenze condivise e solidarietà che si mobilitano su … …tematiche conflittuali attraverso … … l’uso frequente di varie forme di protesta

21 20 La partecipazione politica attraverso i movimenti I movimenti sono fenomeni collettivi di gruppo, ossia fenomeni nei quali i partecipanti, a differenza dei fenomeni collettivi di aggregato, come le mode, i boom, le manifestazioni di panico etc, sperimentano variazioni in se stessi e nel modo di rapportarsi agli altri. (Alberoni 1981)

22 21 Quattro prospettive teoriche nello studio dei movimenti Smelser: una prospettiva “struttural- funzionalista” Alberoni: il movimento come modalità specifica di trasformazione sociale Touraine: il movimento come causa delle contraddizioni (ribaltamento della prospettiva funzionalista) Tilly: lo squilibrio di potere e i movimenti

23 22 Chi è più probabile che partecipi a un movimento ? Chi è più probabile che si attivi per primo ? Alberoni: “I membri delle classi minacciate di declassamento e quelli delle classi in ascesa hanno in comune la delusione nei riguardi di un ordine in cui avevano creduto per cui, nell’impossibilità di realizzarsi, sono trascinati ad esplorare strade alternative”. Occorre distinguere coloro che danno inizio ad un movimento da coloro che se ne avvantaggiano. Melucci: La leadership del movimento e comunque i settori che danno l’avvio al movimento non sono individui “periferici” in assoluto ma piuttosto individui collocati alla periferia del centro con risorse sufficienti a garantire l’attivazione

24 23 Melucci: una classificazione dei movimenti basata sugli obiettivi 1)Movimenti rivendicativi: obiettivo è imporre mutamenti nelle norme, nei ruoli e nelle procedure di assegnazione delle risorse socio-economiche 2)Movimenti politici: obiettivo è incidere sulle modalità di accesso ai canali di partecipazione politica e alterare i rapporti di forza “politici”. 3)Movimenti di classe: obiettivo è capovolgere l’assetto sociale, trasformare il modo di produzione. I Movimenti no-new global ?

25 24 Tarrow: Tipologia dei movimenti basata sul rapporto con le istituzioni Livello di opposizione alle istituzioni ParzialeTotale Tipo di rapporto con le istituzioni ConflittualeMovimenti espressivi Movimenti integralisti PacificoMovimenti riformisti Movimenti comunitari


Scaricare ppt "1 Gruppi e movimenti Definizione di gruppo Caratteristiche fondamentali dei gruppi di interesse La teoria pluralista dei gruppi e la critica di Olson."

Presentazioni simili


Annunci Google