La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LO SVILUPPO SOCIALE dott.sa Chiara Mazzanti Università degli Studi di Bologna.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LO SVILUPPO SOCIALE dott.sa Chiara Mazzanti Università degli Studi di Bologna."— Transcript della presentazione:

1 LO SVILUPPO SOCIALE dott.sa Chiara Mazzanti Università degli Studi di Bologna

2 Punti Principali  Lo sviluppo sociale  I teorici dello sviluppo sociale  Relazioni e interazioni  La persona e i suoi sistemi  La prima infanzia: dalla nascita alla conquista di un “dialogo”, l’interazione tra pari e lo sviluppo di sé  L’età prescolare: sviluppo dell’identità di genere e delle relazioni tra pari  L’età scolare: sviluppo morale  L’età preadolescenziale e adolescenziale: sviluppo dell’identità e il ruolo del gruppo

3 LO SVILUPPO SOCIALE SECONDO SCHAFFER Lo sviluppo sociale concerne “il modo in cui i bambini interagiscono con gli altri, e quindi gli schemi di comportamento, i sentimenti, gli atteggiamenti e i concetti manifestati dai bambini in relazione alle altre persone e al modo in cui questi diversi aspetti variano durante la crescita”. Schaffer (1996)

4 LO SVILUPPO SOCIALE LO SVILUPPO DEL SE’ LO SVILUPPO DELLA INTERAZIONE CON GLI ALTRI

5 SVILUPPO DEL SÉ E DELL’IDENTITÀ SVILUPPO MORALE INTERAZIONI CON GLI ALTRI (FAMIGLIA – COETANEI) SVILUPPO SOCIALE SVILUPPO COGNITIVO SVILUPPO EMOTIVO

6 I TEORICI DELLO SVILUPPO SOCIALE Teorie psicodinamiche (psicoanalisi) Teorie psicodinamiche (psicoanalisi) Teoria dell’attaccamento di Bowlby Teoria dell’attaccamento di Bowlby Teoria di Piaget Teoria di Piaget Teoria storico-culturale di Vygotskij Teoria storico-culturale di Vygotskij Teoria socio-culturale di Bruner Teoria socio-culturale di Bruner Teoria dell’apprendimento sociale di Bandura Teoria dell’apprendimento sociale di Bandura Teoria etologica Teoria etologica Teoria della mente Teoria della mente Teoria ecologica dello sviluppo di Bronfenbrenner Teoria ecologica dello sviluppo di Bronfenbrenner Teoria dei sistemi dinamici Teoria dei sistemi dinamici

7 FASCE D’ETA’ PRIMA INFANZIA (0-2/3 anni) PRIMA INFANZIA (0-2/3 anni) ETA’ PRESCOLARE o PRIMA FANCIULLEZZA (4-6 anni) ETA’ PRESCOLARE o PRIMA FANCIULLEZZA (4-6 anni) ETA’ SCOLARE O FANCIULLEZZA (6-10 anni) ETA’ SCOLARE O FANCIULLEZZA (6-10 anni) PREADOLESCENZA E ADOLESCENZA (10-11 fino all’età adulta) PREADOLESCENZA E ADOLESCENZA (10-11 fino all’età adulta)

8 RELAZIONI INTERAZIONI E TRANSAZIONI INTERAZIONI (Hinde, 1976) INTERAZIONI (Hinde, 1976) RELAZIONI (Orizzontali e Verticali)(Hinde, 1976) RELAZIONI (Orizzontali e Verticali)(Hinde, 1976) TRANSIZIONI (Coerenti e non) (Sameroff, 1975) TRANSIZIONI (Coerenti e non) (Sameroff, 1975)

9 LA PERSONA E I SUOI SISTEMI

10 IL MODELLO DEI SISTEMI ECOLOGICI di BROFENBRENNER (1979) processo-persona-contesto A1A2 B C D MICROSISTEMA MESOSISTEMA ESOSISTEMA MACROSISTEMA

11 MOMENTO STORICO- CULTURALE GRUPPO CLASSE INSEGNANTI ED EDUCATORI MONDO EXTRA-SCOLASTICO (LAVORO) FAMIGLIA (FRATELLI/SORELLE) e le RETI SOCIALI MULTIPLE IL BAMBINO

12 PRIMA INFANZIA

13 Interazione madre-bambino Dalla nascita alla conquista di un “dialogo”: la costruzione delle prime relazioni (cfr. lezioni della Prof.ssa Nicoletti)

14 LO SVILUPPO DEL SÉ

15 Il Sé Un’entità ipotetica, è una “teoria” che ognuno di noi sviluppa su chi siamo e come ci inseriamo nella società. Un’entità ipotetica, è una “teoria” che ognuno di noi sviluppa su chi siamo e come ci inseriamo nella società. Questa “teoria” si modifica costantemente durante l’infanzia alla luce dello sviluppo cognitivo e dell’esperienza sociale. Questa “teoria” si modifica costantemente durante l’infanzia alla luce dello sviluppo cognitivo e dell’esperienza sociale. La sua funzione è quella di definirci, di integrare le diverse esperienze che facciamo. La sua funzione è quella di definirci, di integrare le diverse esperienze che facciamo.

16 Aspetti del Sé IL CONCETTO DI SÉ: l’immagine che i bambini costruiscono si di se stessi (sono una bambina generosa, sono mancina) IL CONCETTO DI SÉ: l’immagine che i bambini costruiscono si di se stessi (sono una bambina generosa, sono mancina) LA CONSAPEVOLEZZA DI SÉ: la comprensione da parte dei bambini che ognuno è un essere distinto, un’entità separata da tutte le altre, dotato di un’identità propria LA CONSAPEVOLEZZA DI SÉ: la comprensione da parte dei bambini che ognuno è un essere distinto, un’entità separata da tutte le altre, dotato di un’identità propria LA STIMA DI SÉ: l’aspetto valutativo del Sé che risponde alla domanda “Quando sono buono?” e che si riferisce al valore e alla competenza che l’individuo percepisce in relazione a sé. LA STIMA DI SÉ: l’aspetto valutativo del Sé che risponde alla domanda “Quando sono buono?” e che si riferisce al valore e alla competenza che l’individuo percepisce in relazione a sé.

17 Sviluppo del Sé Lo sviluppo del Sé è strettamente legato allo sviluppo della comprensione dell’altro.

18 I teorici dello studio del sé James (1882): Introduzione del Sé James (1882): Introduzione del Sé Mead (1935): Altro generalizzato (gioco semplice e gioco organizzato) Mead (1935): Altro generalizzato (gioco semplice e gioco organizzato) Lewis e colleghi (Lewis e Brooks-Gunn 1979; Lewis, 1990): Sé categorico che organizza l’esperienza e Sé esistenziale che consente al bambino l’attività di autoriflessione. Lewis e colleghi (Lewis e Brooks-Gunn 1979; Lewis, 1990): Sé categorico che organizza l’esperienza e Sé esistenziale che consente al bambino l’attività di autoriflessione.

19 Modello di trasformazione e sviluppo delle relazioni di Lewis (Genta, 2005) Interazione (0-4 mesi) M-B / B-O / B-A Sviluppo del Sé (15-18/24 mesi) Autoriconoscimento Pronomi Personali Gioco di Finzione Sviluppo del Sé (15-18 mesi in avanti) Attaccamento Amicizie Comportamenti Sociali Empatia Condivisione Sviluppo Cognitivo Componente Affettiva

20 Interazione tra pari 3 mesi: ci sono i primi segni di consapevolezza sociale (Field, 1979, Fogel, 1979). 3 mesi: ci sono i primi segni di consapevolezza sociale (Field, 1979, Fogel, 1979). 6 mesi: sorrisi, toccare e propendono verso gli altri bambini (Hay, Nash & Pedersen, 1983). 6 mesi: sorrisi, toccare e propendono verso gli altri bambini (Hay, Nash & Pedersen, 1983). Bambini più grandi: vanno a carponi verso altri bambini (Vandell & Mueller, 1980). Bambini più grandi: vanno a carponi verso altri bambini (Vandell & Mueller, 1980). 2 anni: iniziano delle vere e proprie interazioni, man mano che l’età cresce ne aumenta il numero e la complessità (Howes, 1987, Bronson, 1981). 2 anni: iniziano delle vere e proprie interazioni, man mano che l’età cresce ne aumenta il numero e la complessità (Howes, 1987, Bronson, 1981).

21 ETA’ PRESCOLARE

22 Età Prescolare Esperienza di nuovi microsistemi: nido e scuola dell’infanzia Esperienza di nuovi microsistemi: nido e scuola dell’infanzia Autonomia Autonomia Iniziativa Iniziativa Autoregolazione Autoregolazione Teoria della mente Teoria della mente Sviluppo dell’identità di genere Sviluppo dell’identità di genere Sviluppo delle relazioni tra pari (amicizia) Sviluppo delle relazioni tra pari (amicizia)

23 Età Prescolare Relazioni con i coetanei, una nuova immagine delle relazioni fra pari e la cultura dei coetanei (cfr. Genta; Corsaro). Relazioni con i coetanei, una nuova immagine delle relazioni fra pari e la cultura dei coetanei (cfr. Genta; Corsaro). Sviluppo delle relazioni e il ruolo dei fratelli (cfr. Dunn). Sviluppo delle relazioni e il ruolo dei fratelli (cfr. Dunn). Cooperazione e Competizione. Cooperazione e Competizione. Tipologie e funzioni di gioco (cfr. capitolo di Smith in Genta, 2005). Tipologie e funzioni di gioco (cfr. capitolo di Smith in Genta, 2005). Autoregolazione. Autoregolazione. Tipologia di relazioni: amicizia/antipatia, bullismo/vittimizzazione, accettazione/rifiuto sociale. Tipologia di relazioni: amicizia/antipatia, bullismo/vittimizzazione, accettazione/rifiuto sociale. Status sociale e competenza sociale. Status sociale e competenza sociale.

24 Due nuovi microsistemi NIDO NIDO - Esperienze di distacco dalla famiglia - Nuove figure di riferimento - Prime esperienze di “gruppo” (6-7 bambini) SCUOLA DELL’INFANZIA - Esperienze di distacco dalla famiglia - Nuove figure di riferimento - Esperienze di gruppo (20-25 bambini)

25 Sviluppo dell’identità di genere

26 Studi sulle differenze di genere La differenza di genere è un fattore critico nell’organizzare il comportamento sociale dei bambini. In particolare per quanto riguarda: La scelta dei giocattoli La scelta dei giocattoli La scelta dei compagni di gioco La scelta dei compagni di gioco Lo stile relazionale Lo stile relazionale

27 Teorie sulla tipizzazione sessuale Teorie biologiche: hanno enfatizzato i fattori biologici. Teorie biologiche: hanno enfatizzato i fattori biologici. Teorie psicoanalitiche: hanno enfatizzato i fattori psicologici come l’identificazione con il genitore dello stesso genere. Teorie psicoanalitiche: hanno enfatizzato i fattori psicologici come l’identificazione con il genitore dello stesso genere. Teorie dell’apprendimento sociale: hanno enfatizzato i fattori sociali ed educativi es. i modelli osservati e i rinforzi ricevuti. Teorie dell’apprendimento sociale: hanno enfatizzato i fattori sociali ed educativi es. i modelli osservati e i rinforzi ricevuti. Teoria cognitiva di Kohlberg e la Teoria dello schema di genere di Martin: hanno enfattizato i fattori cognitivi. Teoria cognitiva di Kohlberg e la Teoria dello schema di genere di Martin: hanno enfattizato i fattori cognitivi.

28 Relazioni con i coetanei

29 Relazioni con i pari Con il crescere dell’età le relazioni con i coetanei diventano sempre più frequenti, complesse e ricche. Prima infanzia: verso i 2 anni e mezzo-3 i bambini tendono ad imitare i compagni e l’interazione non è ancora coordinata. Prima infanzia: verso i 2 anni e mezzo-3 i bambini tendono ad imitare i compagni e l’interazione non è ancora coordinata. Età prescolare: le interazioni sono coordinate e vi è la comparsa del gioco di finzione. Età prescolare: le interazioni sono coordinate e vi è la comparsa del gioco di finzione. Fanciullezza: le interazioni diventano sempre più complesse e caratterizzate dalla segregazione di genere. Fanciullezza: le interazioni diventano sempre più complesse e caratterizzate dalla segregazione di genere. Adolescenza: i pari assumono un ruolo critico, soprattutto rispetto allo sviluppo dell’identità di genere. Adolescenza: i pari assumono un ruolo critico, soprattutto rispetto allo sviluppo dell’identità di genere.

30 Dinamiche relazionali fra pari Processi di cooperazione e processi di competizione (Charlesworth, 1988; 1996) Processi di cooperazione e processi di competizione (Charlesworth, 1988; 1996) Gerarchie di dominanza relativamente stabili (Blurton-Jones, 1972; McGrew, 1972; Strayer & Strayer, 1976) Gerarchie di dominanza relativamente stabili (Blurton-Jones, 1972; McGrew, 1972; Strayer & Strayer, 1976)

31 Studi sui fratelli (Judy Dunn) Una miscela di complementarietà e di reciprocità. Una miscela di complementarietà e di reciprocità. Analisi delle conversazioni: dialogo caratterizzato da racconti su scherzi, situazioni buffe, sentimenti (lessico psicologico). Analisi delle conversazioni: dialogo caratterizzato da racconti su scherzi, situazioni buffe, sentimenti (lessico psicologico). Regole sociali: possesso, imparzialità, condivisione, alternanza di ruoli. Regole sociali: possesso, imparzialità, condivisione, alternanza di ruoli. Fattori: età, genere, temperamento e carattere di ciascuno. Fattori: età, genere, temperamento e carattere di ciascuno.

32 RELAZIONI FRA PARI BULLISMO - VITTIMIZZAZIONE AMICIZIA ACCETTAZIONE - RIFIUTO

33 AMICIZIA UNA RELAZIONE DUREVOLE FRA DUE PERSONE CARATTERIZZATA DA: LEALTA’INTIMITA’ MUTUO AFFETTO

34 FATTORI CHE DETERMINANO L’AMICIZIA 1)Ipotesi dell’ATTRAZIONE PER COMPLEMENTARITA’ Scegliamo come amici le persone che possiedono attributi e caratteristiche che noi non possediamo, ma che Desidereremmo possedere. In questo caso l’amico è una persona da ammirare, da cui imparare e, nei casi più estremi, addirittura da idealizzare. 2)Ipotesi dell’ATTRAZIONE PER SIMILARITA’ (Omofilia) Scegliamo come amici le persone che sono più simili a noi Cfr. Tani, Rossi e Smorti (2005); Bukowski (2004); Aboud e Mendelson (1996)

35 L’AMICIZIA E LE SUE ASSOCIAZIONI CON ALTRI ASPETTI DELLO SVILUPPO Benessere generale Benessere generale Cfr. Bukowski e Sandberg (1999); Dunn (2002); Hartup e Abecasis (2002) Opportunità di un maggior sviluppo cognitivo e del linguaggio Opportunità di un maggior sviluppo cognitivo e del linguaggio Cfr. Gresham e Reschly (1987) Aumento del comportamento prosociale Aumento del comportamento prosociale Cfr. Costin e Jones (1992) Opportunità di protezione dal rischio di vittimizzazione Opportunità di protezione dal rischio di vittimizzazione Cfr.Schwartz, Dodge, Pettit, Bates e John (2000) Cfr.Schwartz, Dodge, Pettit, Bates e John (2000) Supporto nel passaggio dalla scuola dell’infanzia alla scuola primaria Supporto nel passaggio dalla scuola dell’infanzia alla scuola primaria Cfr. Berndt (1989); Ladd et al. (1996)

36 Bambini con precoci esperienze di vittimizzazione o situazioni croniche di rifiuto hanno un maggior rischio di incorrere in vari problemi quando crescono: a) Assenze ingiustificate a scuola b) Problemi emozionali (ansia e depressione) c) Comportamenti antisociali Cfr. B. Kochenderfer-Ladd (2003); Parker et al. (1995) QUANDO I BAMBINI NON OFFRONO AMICIZIA, MA VITTIMIZZAZIONE e RIFIUTO CRONICO

37 ETA’ SCOLARE

38 Età scolare Amicizia Amicizia Sviluppo Morale Sviluppo Morale Autostima: con lo sviluppo del Sé emergono le autovalutazioni che contribuiscono alla formazione dell’autostima. Autostima: con lo sviluppo del Sé emergono le autovalutazioni che contribuiscono alla formazione dell’autostima.

39 L’amicizia in età scolare - L’ingresso nella scuola primaria aumenta notevolmente le possibilità d’interazione con i coetanei ( Hartup, 1983). - Vi è un aumento delle capacità di comunicare informazioni e significati. - Vi è un aumento delle capacità di collaborare e condividere le abilità. - Vi è uno sviluppo delle competenze emotive e della capacità di leggere gli stati emotivi altrui. - Vi è un aumento della stabilità delle relazioni. -Modello di Selman: stadio 1 e 2 l’amicizia come aiuto unilaterale, natura soggettiva del legame, iniziale considerazione delle caratteristiche psicologiche dell’altro, cooperazione in circostanze favorevoli, capacità di coordinare diversi punti di vista, iniziale consapevolezza della reciprocità del rapporto. In generale, le interazioni tra coetanei nel corso dello sviluppo tendono a diventare più frequenti, intense, complesse, intime e coesive.

40 Teorie sullo sviluppo morale Teorie psicoanalitiche: il Super-Io come interiorizzazione delle regole. Teorie psicoanalitiche: il Super-Io come interiorizzazione delle regole. Teorie dell’apprendimento sociale: l’apprendimento delle regole avviene per imitazione dei modelli. Teorie dell’apprendimento sociale: l’apprendimento delle regole avviene per imitazione dei modelli. Teorie cognitiviste: Piaget e Kohlberg in cui lo sviluppo cognitivo è strettamente connesso a quello morale. Teorie cognitiviste: Piaget e Kohlberg in cui lo sviluppo cognitivo è strettamente connesso a quello morale.

41 PREADOLESCENZA E ADOLESCENZA

42 Preadolescenza e adolescenza Periodo di transizione Periodo di transizione Sviluppo puberale e connessa percezione corporea Sviluppo puberale e connessa percezione corporea Lo sviluppo stadiale dell’identità personale secondo Erikson Lo sviluppo stadiale dell’identità personale secondo Erikson Contesti relazionali: famiglia e coetanei. Contesti relazionali: famiglia e coetanei.

43 Lo sviluppo dell’identità di Erikson Secondo Erikson lo sviluppo dell’identità avviene attraverso il susseguirsi di crisi psicosociali che possono incorrere in un esito adattivo o disadattivo. I fattori che influenzano lo sviluppo dell’identità possono essere legati alle: funzioni dell’Io, alle modalità di adattamento, alle relazioni interpersonali e alle caratteristiche socioculturali. I fattori che influenzano lo sviluppo dell’identità possono essere legati alle: funzioni dell’Io, alle modalità di adattamento, alle relazioni interpersonali e alle caratteristiche socioculturali. L’identità dell’Io media i rapporti tra Es e Super- Io. L’identità dell’Io media i rapporti tra Es e Super- Io.


Scaricare ppt "LO SVILUPPO SOCIALE dott.sa Chiara Mazzanti Università degli Studi di Bologna."

Presentazioni simili


Annunci Google