La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA RELAZIONE PRECOCE MADRE-BAMBINO: DATI OSSERVATIVI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA RELAZIONE PRECOCE MADRE-BAMBINO: DATI OSSERVATIVI."— Transcript della presentazione:

1 LA RELAZIONE PRECOCE MADRE-BAMBINO: DATI OSSERVATIVI

2 LA COMUNICAZIONE NELLA DIADE MADRE-BAMBINO RAPPORTO MADRE-BAMBINO: OLTRE LA TEORIA DELLATTACCAMENTO APPROCCIO INTERATTIVO-COGNITIVISTA COMUNICAZIONE PRECOCE NELLA DIADE: TREVARTHEN, HOPKINS PROSPETTIVE FUTURE: ANALISI DEI FRAME INTERATTIVI - FOGEL

3 PRESUPPOSTI GENERALI COMPORTAMENTO SOCIALE DIADICO PREDISPOSIZIONE SOCIALE INNATA ASPETTI TEMPORALI DELLA INTERAZIONE (TURN TAKING – VEDI SUZIONE)

4 PROSPETTIVA INTERATTIVO- COGNITIVISTA (seconda metà anni 70) MADRE-BAMBINO SISTEMA APERTO AUTOREGOLANTESI (NON CONTINUITA) PRIME INTERAZIONI SOCIALI FONDAMENTO SVILUPPO MENTALE (ACQUISIZIONE SCHEMI DI INTERAZIONE)

5 PROCESSI I PROCESSI COINVOLTI NELLE PRIME INTERAZIONI SONO UNA FASE NECESSARIA PER LO SVILUPPO FUTURO (EMOTIVO – COGNITIVO-LINGUISTICO) AINSWORTH, 1974 BRUNER, 1983 PAPOUSEK E PAPOUSEK, 1987

6 COMUNICAZIONE IN INTERAZIONE

7 COMUNICAZIONE PRECOCE BIDIREZIONALITA (TREVARTHEN, 1979) PROCESSO CHE CONSENTE DI RISPONDERE IN MODO CONTINGENTE ALLALTRO

8 I COMPORTAMENTI DELLA INTERAZIONE CONTATTO OCCHIO A OCCHIO SORRIDERE VOCALIZZARE NEL PICCOLO BABYTALK

9 INTERSOGGETTIVITA PRIMARIA

10 INTERSOGGETTIVITÀ PRIMARIA

11 INTERSOGGETTIVITA SECONDARIA

12 INTERSOGGETTIVITÀ SECONDARIA

13 PROSPETTIVA INTERATTIVO- COGNITIVISTA (seconda metà anni 70) MADRE-BAMBINO SISTEMA APERTO AUTOREGOLANTESI (NON CONTINUITA) PRIME INTERAZIONI SOCIALI FONDAMENTO SVILUPPO MENTALE (ACQUISIZIONE SCHEMI DI INTERAZIONE)

14 BIDIREZIONALITA NELLA COMUNICAZIONE DA TRE MESI IN POI Processo che consente di rispondere in modo CONTINGENTE al comportamento dellaltro

15 CAPACITA COGNITIVE E COMUNICATIVE APPRESE CO-ORIENTARE LO SGUARDO (BRUNER, 1977) INSERIRSI IN TURNI COMUNICATIVI (KAYE, 1982)

16 COMUNICAZIONE PRECOCE SVILUPPO FUTURO BAMBINO MADRE PERCEZIONE DEL CONTROLLO (CONSAPEVOLEZZA DI CONTING.)

17 INTERAZIONE INTERAZIONE SOCIALE DIDATTICA Preadattamento Psicobiologico Intuitive parenting INDIVIDUO COMPETENTE ( MADRE) Motivato a dividere con ……… INDIVIDUO MENO COMPETENTE (BAMBINO) Motivato ad acquisire nuove conoscenze COMUNICAZIONE NON VERBALE DIALOGICA SIMBOLICA PAPOUSEK E PAPOUSEK, 1987

18 CO-ORIENTARE SGUARDO Relazione Triadica: Madre-Bambino-Oggetto Adulti mezzo per ottenere Oggetto (persona-oggetto) Proto-imperativa Oggetto per ottenere Attenzione adulto (oggetto-persona) Proto-dichiarativa) Camaioni, 1995

19

20 TEORIA DEI SISTEMI DINAMICI E UN SISTEMA DI CODIFICA DEL COMPORTAMENTO DESIGNATO A COGLIERE LE DINAMICHE DEL PROCESSO DI COMUNICAZIONE INTERPERSONALE

21 COMUNICAZIONE (FOGEL) SISTEMA DINAMICO SOCIALE LA COMUNICAZIONE SI EVOLVE CONTINUAMENTE FRAME INTERATTIVI COLLEGATI ALLE PROSSIMITA E ALLA SEPARAZIONE

22 COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE, SE E CULTURA ASPETTI DELLO SVILUPPO RELAZIONALE COMUNICAZIONE MEZZO PER DEFINIRE SE STESSI AGLI ALTRI COMUNICAZIONE CHE CONDUCE ALLA COMPRENSIONE DI SE E CO-COSTRUZIONE CREATIVA DEI PARTECIPANTI

23 COMUNICAZIONE RAPPORTO PERCEZIONE-COGNIZIONE (vedi competenza percettiva del neonato) PERCEZIONE REALTA NEONATO ADEGUATA (non confusione) MODULO COMPONENTE SISTEMA COGNITIVO (antecedente a pensiero e linguaggio) Butterworth, 1992

24 COMUNICAZIONE Bambini Parte Attiva nel Sistema Culturale Neonati hanno Senso di sé attraverso Comunicazioni con Ambiente Senso di sé nei primi 4-6 mesi non come riconoscimento (sé riflessivo) Non come comprensione concettuale Ma sé fisico e relazionale

25 BAMBINI PARTE ATTIVA NEL SISTEMA CULTURALE SENSO DI SE ATTRAVERSO COMUNICAZIONI CON AMBIENTE SENSO DI SE NEI PRIMI 4-6 MESI A LIVELLO FISICO E RELAZIONALE

26 COMUNICAZIONE PROCESSO CONTINUO (FOGEL) COMUNICAZIONE SIMMETRICA COMUNICAZIONE ASIMMETRICA COMUNICAZIONE UNILATERALE COMUNICAZIONE COERCITIVA COMUNICAZIONE NON REGOLATA

27 COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE E UN PROCESSO CONTINUO CO-REGOLAZIONE AZIONE DINAMICA CHE CREA UN AGGIUSTAMENTO RECIPROCO DELLE PROPRIE AZIONI A QUELLE DEL PARTNER


Scaricare ppt "LA RELAZIONE PRECOCE MADRE-BAMBINO: DATI OSSERVATIVI."

Presentazioni simili


Annunci Google