La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Idee per l uso di Alice nello studio dell italiano L2 Prof. Lucia Pallaver.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Idee per l uso di Alice nello studio dell italiano L2 Prof. Lucia Pallaver."— Transcript della presentazione:

1 Idee per l uso di Alice nello studio dell italiano L2 Prof. Lucia Pallaver

2 Lentrata nella scuola italiana di alunni extracomunitari e/o non italofoni è in continua crescita da almeno dieci anni. Lapprendimento da parte di essi della lingua italiana come L2 ( lingua straniera seconda) è una delle sfide che molti docenti si trovano ad affrontare ogni giorno. Esistono in rete moltissimi materiali e programmi specifici di diverso genere. Premessa Lapprendimento dell Italiano L2

3 Italiano L2 in aula di informatica Durante lanno scolastico 2006/2007 presso l I.C di Budrio è stata sperimentata una modalità un po diversa dalla solita nellapprendimento di italiano L2, con luso di software di didattica interattiva. Sono stati usati i CD del Progetto Marconi scaricabili dalla home page del sito del provveditorato di Bologna ma anche I giochi interattivi delliprase ( ) e Imparolando, un CD di apprendimento sia scritto che audio.

4 Uso dei programmi interattivi con Alice Per lapprendimento di italiano L2: Usare la funzione lezione per illustrare agli alunni come agire con la tastiera : fondamentale VEDERE, per un ragazzino appena arrivato, come muoversi, anche solo per sapere dove cliccare!

5 Illustrare in play lesercizio, se comune a tutti, poi passare al lavoro autonomo. Intervento continuo del docente in aiuto. Molti esercizi sono a riempimento: lallievo deve scegliere, fra molte possibilità, quella corretta. ( es. concordanza fra articolo singolare plurale, femminile maschile con i nomi assegnati ), aggettivo nelluso corretto in quel contesto linguistico, sinonimo, etc.

6 Dopo il lavoro autonomo dellalunno, che si ripete molte volte in maniera giocosa e divertente ( applausi se la risposta è corretta, punteggi, etc.) lapprendimento linguistico non può dirsi concluso. Lesperienza didattica dellanno scorso mi ha insegnato che a questo punto è necessario un lavoro di consolidamento, in cui le nozioni apprese giocando e divertendosi vengono rafforzate, scrivendo e ripetendo molte volte il costrutto, a voce e per iscritto, in contesti ed applicazioni diverse.

7 Consolidamento e correzione In fase rossa, di aiuto, lalunno scrive in Word o Writer le frasi assegnate. Dalla postazione docente si controlla e si interviene, correggendo non tutti gli errori, ma solo i più rivelatori della fase di interlingua che lapprendente sta attraversando. In fase aiuto si mostra lerrore e, con levidenziatore e copia incolla, si fa vedere la frase corretta. Lapprendente poi riscrive e controlla. Ciò può essere fatto in scansione anche se gli alunni stanno lavorando, come è successo, su differenti CD e su livelli molto diversi fra loro.

8 Uso del laboratorio linguistico Quando un ragazzo ha un livello di conoscenza linguistica molto scarsa si può partire dal lessico, ad esempio si possono: Inviare files di immagini e nomi ( es. quelli di Ivana Sacchi) e in seguito si può fare partire un file sonoro associato alle immagini; lallievo ascolta con la cuffia e registra poi la propria pronuncia delle parole, più volte. In seguito il ragazzo le riscrive Monitoraggio continuo del docente in tutte le fasi Controllo del lavoro svolto Possibilità di vedere e osservare con attenzione, da parte del docente, gli errori degli alunni, che vanno esaminati come fasi positive e intermedie dellapprendimento più che come sbagli.

9 Il monitoraggio- fase rossa Nellapprendimento di una lingua straniera - come litaliano L2 – è molto importante porre attenzione alle varie fasi dellinterlingua; infatti lo apprendente impara anche attraverso ipotesi ed approssimazioni successive, molto rivelatrici del suo imparare la nuova lingua. Monitorare e correggere nel modo giusto gli errori, intervenendo dove e se necessario, è molto importante, e la fase rossa e la scansione sono fondamentali.

10 Nel caso di lavori individuali Nel caso in cui vi siano allievi di diverso livello nella conoscenza della lingua italiana, Alice permette di vedere e controllare lattività di ciascuno. Nel caso di files scritto – audio – grafici, risulta comoda la funzione di ritiro compiti Non sono riuscita ad esplorare Alice come laboratorio linguistico vero e proprio, ma sicuramente può dare strumenti validi nellascolto e registrazione dei files sonori

11 Uso di Alice / files di registrazione Utilissimo luso del laboratorio in caso di lingue fonologicamente non trasparenti come linglese Alice è sicuramente u tile anche per la pronuncia nel caso di apprendenti di lingua madre spagnola ( confusione fonemi b e v), tramite invio di files audio, immagini, dettati, esercizi di pronuncia e dialogo

12 In sintesi Alice, molto utile e funzionale come laboratorio linguistico, può essere usata con profitto nellapprendimento dellitaliano L2 per stranieri, perché la modalità di insegnamento è simile. Nellesperienza fatta a Budrio si è unita la didattica interattiva, motivante e divertente, alle possibilità offerte dai programmi di scrittura, congiunte con le possibilità di intervento e monitoraggio di Alice. Con la consulenza di glottodidatti specializzati nellinsegnamento di italiano L2 credo che si potrebbe utilizzare Alice al meglio.

13 Altre possibilità Uso di programmi didattici interattivi di geografia, matematica, storia. Esistono molti software, per molte età – dalla primaria – alle superiori ( matematica e fisica ). Usare questi software per una didattica più accattivante, con la quale lalunno si diverte ed impara, è agevole con Alice, che da un monitoraggio continuo della situazione, utilissimo soprattutto se gli esercizi e i livelli sono diversi.


Scaricare ppt "Idee per l uso di Alice nello studio dell italiano L2 Prof. Lucia Pallaver."

Presentazioni simili


Annunci Google