La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Andrea Debernardi LA LINEA E LA RETE I problemi di esercizio ferroviario riscontrati lungo la linea di adduzione derivano dalla sottovalutazione delle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Andrea Debernardi LA LINEA E LA RETE I problemi di esercizio ferroviario riscontrati lungo la linea di adduzione derivano dalla sottovalutazione delle."— Transcript della presentazione:

1 Andrea Debernardi LA LINEA E LA RETE I problemi di esercizio ferroviario riscontrati lungo la linea di adduzione derivano dalla sottovalutazione delle problematiche esistenti nel sottostante nodo di Torino. I programmi di sviluppo del trasporto ferroviario a scala regionale e metropolitana consentono di prevedere un forte addensamento della circolazione nellintorno del nodo, che viene a costituire il vero collo di bottiglia del sistema. TORINO GENOVA MILANO IMPEGNO POTENZIALITA RESIDUA

2 Andrea Debernardi IL PASSANTE FERROVIARIO DI TORINO Le problematiche relative al nodo ferroviario di Torino debbono tener conto degli interventi in corso di realizzazione, ed in particolare del Passante Ferroviario, che attraverserà la città da Nord a Sud, e che verrà completato nel giro di 4-6 anni. Il nuovo tunnel ferroviario sostituirà totalmente i binari oggi esistenti in superficie.

3 Andrea Debernardi GLI ISTRADAMENTI ORBASSANO-MILANO La realizzazione del passante ferroviario, ed il contestuale potenziamento dei servizi di trasporto regionale e metropolitano, comporteranno seri vincoli allistradamento di treni merci dalla linea della Valsusa e dallinterporto di Torino-Orbassano verso Milano. Il transito di treni merci allinterno del tunnel urbano porrà infatti problemi di sicurezza e di interferenza con la circolazione dei treni passeggeri di breve, media e lunga percorrenza.

4 Andrea Debernardi CRESCITA DEL TRAFFICO MERCI E VINCOLI AL NODO DI TORINO Viste queste premesse, il nodo di Torino rischia, già allorizzonte 2010, di trasformarsi nel vero collo di bottiglia del sistema. I vincoli al nodo rischiano di rendere impossibile il conseguimento dellobiettivo strategico di crescita del traffico ferroviario, con saturazione del valico storico allorizzonte 2035.

5 Andrea Debernardi IL PROBLEMA DELLE MANOVRE NELLINTERCONNESSIONE DI TORINO OVEST Per ovviare ai problemi di istradamento fra Torino-Orbassano e Milano, prevedibili già nel breve periodo, sarebbe necessario che linterconnessione di Torino Ovest avesse funzionalità bidirezionale, in modo da consentire laggiramento del nodo metropolitano. Tale previsione non sembra essere stata presa sinora in seria considerazione né dal Ministero, né da RFI.

6 Andrea Debernardi INTERVENTI PRIORITARI In effetti, se si considerano i tempi di realizzazione del tunnel del Musiné-Gravio (21 km), lindivisibilità funzionale della linea di gronda rischia di tradursi in un vincolo temporale alla piena funzionalità del nodo di Torino. In unottica di corretta programmazione degli investimenti, la vera priorità sembrerebbe essere rappresentata dalla realizzazione della cintura ferroviaria di Torino.


Scaricare ppt "Andrea Debernardi LA LINEA E LA RETE I problemi di esercizio ferroviario riscontrati lungo la linea di adduzione derivano dalla sottovalutazione delle."

Presentazioni simili


Annunci Google