La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dott.ssa Daniela Ramaglioni1 Corso di Laurea in Infermieristica Diritto del Lavoro Università degli studi di Roma Tor vergata Centro di Formazione e di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dott.ssa Daniela Ramaglioni1 Corso di Laurea in Infermieristica Diritto del Lavoro Università degli studi di Roma Tor vergata Centro di Formazione e di."— Transcript della presentazione:

1 Dott.ssa Daniela Ramaglioni1 Corso di Laurea in Infermieristica Diritto del Lavoro Università degli studi di Roma Tor vergata Centro di Formazione e di Studi Sanitari Padre Luigi Monti Dott.ssa Daniela Ramaglioni

2 2 IL DIRITTO DI SCIOPERO

3 Dott.ssa Daniela Ramaglioni3 Per sciopero si intende lastensione collettiva dal lavoro, di lavoratori dipendenti per: Tradizionale mezzo di lotta sindacale, può considerarsi la principale forma di autotutela dei lavoratori Rivendicare diritti Motivi salariali protesta solidarietà

4 Dott.ssa Daniela Ramaglioni4 Art. 40 Costituzione: Il diritto di sciopero si esercita nellambito delle leggi che lo regolano. La dottrina ha collocato lo sciopero tra i diritti soggettivi pubblici per cui non sono ammessi ostacoli al suo esercizio né da parte dellordinamento né da parte del datore di lavoro

5 Dott.ssa Daniela Ramaglioni5 EVOLUZIONE STORICA DELLO SCIOPERO Sciopero come reato (cod Zanardelli) fino al 1889 Sciopero come libertà ( tranne il periodo fascista) Codice Rocco. Sciopero come diritto costituzionale

6 Dott.ssa Daniela Ramaglioni6 La titolarità del diritto di sciopero Dopo Costituzione si identificò il sindacato come il soggetto esclusivamente titolare del diritto di sciopero. Dottrina e giurisprudenza ritengono invece, che la titolarità spetti al singolo lavoratore.

7 Dott.ssa Daniela Ramaglioni7 Astensione lavoratori autonomi Solo lavoratori subordinati o anche autonomi? Processo espansivo: avvicinamento lavoro autonomo e subordinato Il diritto allestensione di lavoro spetta quindi a tutti quei lavoratori con nuove forme di contratto oggi in vigore. ( non conta rapp. giuridico, ma sottoprotezione sociale)

8 Dott.ssa Daniela Ramaglioni8 Dallautoregolamentazione alla legge Sciopero nei servizi pubblici essenziali ( grande dibattito) Contraddizione tra Costituzione (sciopero come diritto) e norme penali ( sanzioni cod Rocco) Lordinamento, in mancanza di abrogazione ha demandato alla Corte Cost e al giudice ordinario, il compito di adattare le norme di carattere penale e definire modalità diritto di sciopero

9 Dott.ssa Daniela Ramaglioni9 CORTE COSTITUZIONALE Comparazione tra interesse da tutelare con lo sciopero, e gli altri interessi aventi pari rilievo costituzionale Distinzione tra servizi pubblici (esercitabile) e servizi pubblici essenziali ( sanzionabile) Serie di sentenze che hanno disciplinato per molti anni il diritto di sciopero

10 Dott.ssa Daniela Ramaglioni n 46 e successiva 1969 n 31: sfugge al giudice lindividuazione di prestazioni indispensabili di cui bisogna garantire continuità in caso di sciopero Erogazione di servizi di interesse generale non richiede sempre lesclusione diritto di sciopero per tutti i lavoratori di quel settore È sufficiente che alcuni di essi consentano lesercizio in misura tale da assicurare un minimo di prestazioni

11 Dott.ssa Daniela Ramaglioni11 Lelaborazione del concetto di servizio pubblico essenziale passa attraverso questo accurato lavoro svolto dalla Corte 1976 n 222 la Corte stabilì che non tutti i servizi dovessero essere riconosciuti come ugualmente indispensabili per la collettività.

12 Dott.ssa Daniela Ramaglioni12 Questa sentenza distinse i servizi dotati del requisito dellessenzialità da quelli che tale requisito non avevano ( non necessari per il cittadino) In tale sentenza la Corte considerò essenziale i servizi, in ragione del preminente interesse generale che soddisfano. Disciplinare lo sciopero nei servizi pubblici essenziali non fu facile: trovare equilibrio tra diritto sciopero e salvaguardare interessi preminenti (diritto alla vita, alla salute….)

13 Dott.ssa Daniela Ramaglioni13 Diritto di sciopero: evoluzione normativa Art 40 Costituzione Varie sentenze della Corte Legge 146/1990 ( prima vera legge che dà concreta attuazione al precetto costituzionale)

14 Dott.ssa Daniela Ramaglioni14 Scioperi selvaggi: ripetute astensioni dal lavoro che portarono allemanazione della legge Come si arrivò alla legge 146/90 Orientamento favorevole dei sindacati: scioperi continui nel campo dei servizi pubblici, per i danni arrecati ai cittadini, rischiavano di ledere la solidarietà collettiva

15 Dott.ssa Daniela Ramaglioni15 L. 146/90 art 1: Contemperare lesercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali con il godimento dei diritti della persona Diritto alla vita e alla salute Diritto alla libertà e alla sicurezza Diritto alla libertà di circolazione Diritto allassistenza e previdenza sociale Diritto allistruzione Diritto alla libertà di comunicazione

16 Dott.ssa Daniela Ramaglioni16 Tutela della vita, salute libertà e sicurezza persona e dellambiente Servizi della sanità, igiene, protezione civile, raccolta e smaltimento rifiuti, tossici, approvvigionamento prodotti energetici, bene di prima necessità Assistenza e previdenza sociale Pagamento retribuzioni e pensioni

17 Dott.ssa Daniela Ramaglioni17 Istruzione pubblica Continuità servizio asili nido, scuole materne ed elementari, scrutini finali ed esami conclusivi Libertà comunicazione Poste, telecomunicazioni, informazione radiotelevisiva Libertà di circolazione Trasporti pubblici urbani, extraurbani, ferroviari, aerei.

18 Dott.ssa Daniela Ramaglioni18 La legge si prefigge lo scopo di contemperare diritto di sciopero e godimento diritti persona; la tecnica usata è il sistematico rinvio alla fonte negoziale Ne discende il formarsi di una pluralità di fonti di disciplina dello sciopero Disposizioni di legge Accordi collettivi Delibere Commissione di garanzia Ordinanze di precettazione

19 Dott.ssa Daniela Ramaglioni n 83: viene riformata la legge 146/90, potenziando e migliorando gli strumenti a disposizione della vecchia legge Si potenzia il metodo preventivo ( negli accordi sui servizi indispensabili devono esserci procedure di conciliazione e raffreddamento) Si inaspriscono le sanzioni Maggiori poteri alla commissione di garanzia

20 Dott.ssa Daniela Ramaglioni20 COMMISSIONE DI GARANZIA Composta da 9 membri, designati dai presidenti di Camera e Senato Professori universitari ed esperti in diritto del lavoro e sindacale Si avvalgono di consulenze di esperti Valuta lidoneità delle prestazioni indispensabili Per consentire composizione controversia, può differire la data dello sciopero Dirime controversie su accordi o codici autoregolamentazione Segnala autorità competente precettazione situazioni di sciopero che può creare pericolo

21 Dott.ssa Daniela Ramaglioni21 Le condizioni per lesercizio del diritto di sciopero

22 Dott.ssa Daniela Ramaglioni22 Le regole dello sciopero: condizioni Esperimento prima dello sciopero di procedure di raffreddamento e di conciliazione da farsi presso Ministero Lavoro o Prefettura ( conflitti di rilievo nazionali o locali) Osservanza di un preavviso minimo, non inferiore a 10 gg per predisporre erogazioni indispensabili e attivare tentativi di composizione del conflitto

23 Dott.ssa Daniela Ramaglioni23 Rispetto di misure dirette a consentire lerogazioni delle prestazioni indispensabili Obbligo di dare informazioni circa lo sciopero almeno 5 gg prima La legge vieta il cd effetto annuncio e stabilisce che la revoca spontanea dopo la proclamazione dello sciopero costituisce forma sleale di azione sindacale

24 Dott.ssa Daniela Ramaglioni24 Il contenuto degli accordi o dei contratti collettivi Prestazioni indispensabili assicurate in caso di sciopero Le procedure di raffreddamento e di conciliazione obbligatorie per entrambi le parti da tentare prima della proclamazione dello sciopero. Obbligo di rarefazione: osservanza di interventi minimi tra le astensioni. (macchinisti, capistazione, autisti)

25 Dott.ssa Daniela Ramaglioni25 La precettazione Col termine precettazione sintende il provvedimento col quale la competente autorità impone il termine di uno sciopero Viene adottata ogni volta che ci sia il fondato pericolo di pregiudizio grave ai diritti della persona costituzionalmente garantiti derivante dallinterruzione del funzionamento del servizio

26 Dott.ssa Daniela Ramaglioni26 La legge si applica ai servizi essenziali di pubblica utilità e si estende anche ai lavoratori autonomi, professionisti o piccoli imprenditori quindi a privati che gestiscano tali servizi Nei casi di inosservanza cè una sanzione pecuniaria, per ogni giorno di violazione che può arrivare allarresto per interruzione di pubblico servizio Servizi pubblici essenziali: sicurezza, salute, alimentazione, trasporti, previdenza sociale, istruzione e libertà di comunicazione.

27 Dott.ssa Daniela Ramaglioni27 Il procedimento di precettazione può essere attivato: Su segnalazione della Commissione di garanzia Dalle autorità competenti ( Presidente consiglio, Prefetto)

28 Dott.ssa Daniela Ramaglioni28 La tipologia delle sanzioni Nei confronti dei lavoratori, la sanzione è di natura disciplinare, ma non possono portare modificazioni definitive del rapporto ( es licenziamento) Nei confronti delle associazioni sindacali sono fissati dei parametri di oscillazione 2582 a 25822

29 Dott.ssa Daniela Ramaglioni29 Lavoratori Le sanzioni disciplinari per i lavoratori che non ottemperino alla precettazione, sono in genere di natura pecuniaria e possono arrivare alla sospensione del servizio (temporanea).

30 Dott.ssa Daniela Ramaglioni30 Le nuove regole per il diritto di sciopero

31 Dott.ssa Daniela Ramaglioni31 Arrivano sciopero virtuale, referendum obbligatorio e multe ai lavoratori Indire una giornata di protesta, capace di bloccare bus, treni ed aerei sarà più difficile e in alcuni settori sarà richiesta una adesione preventiva da parte del lavoratore

32 Dott.ssa Daniela Ramaglioni32 Piccole sigle: referendum consultivo tra i lavoratori prima degli scioperi 50/%: è la percentuale che le sigle sindacali devono avere di rappresentanza per proclamare uno sciopero Comunicazione di un congruo anticipo per la revoca dello sciopero con lobiettivo di eliminare i danni provocati dalleffetto annuncio

33 Dott.ssa Daniela Ramaglioni33 Commissione di garanzia Viene trasformata in Commissione per le relazioni di lavoro ed avrà il compito di verificare leffettivo grado di partecipazione agli scioperi. Si avvarrà di strutture e personale del ministero del lavoro. La commissione avrà competenze di natura arbitrale e conciliativa

34 Dott.ssa Daniela Ramaglioni34 Lo sciopero virtuale Previsto per determinate categorie professionali, le quali, per la peculiarità del loro lavoro in caso di sciopero possono determinare limpossibilità di erogare il servizio principale Un lavoratore dichiara lastensione dal lavoro, ma in realtà presta la sua attività, perdendo però la retribuzione. Questa viene destinata a fini sociali

35 Dott.ssa Daniela Ramaglioni35


Scaricare ppt "Dott.ssa Daniela Ramaglioni1 Corso di Laurea in Infermieristica Diritto del Lavoro Università degli studi di Roma Tor vergata Centro di Formazione e di."

Presentazioni simili


Annunci Google