La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le esperienze dei Pediatri italiani Gian Vincenzo Zuccotti 61° Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Montecatini Terme, 29 settembre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le esperienze dei Pediatri italiani Gian Vincenzo Zuccotti 61° Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Montecatini Terme, 29 settembre."— Transcript della presentazione:

1 Le esperienze dei Pediatri italiani Gian Vincenzo Zuccotti 61° Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Montecatini Terme, 29 settembre

2 Rapporto 2005 Unicef 10 dicembre 2004 I dati sulla condizione dei bambini nel mondo continuano ad essere allarmanti: - 75% dei bambini con diarrea non riceve una adeguata terapia reidratante - 60% di bambini con polmonite non riceve antibiotici - 1/3 di tutti i bambini non riceve le vaccinazioni considerate essenziali per l'infanzia - 61% dei neonati non viene allattato esclusivamente al seno - la malnutrizione continua ad essere alla base del 50% delle principali cause di morte

3 Rapporto 2005 Unicef 10 dicembre 2004 Continua, in particolar modo, ad essere disatteso l'obiettivo, che i capi di molti governi delle Nazioni Unite si erano prefissati nel 2000 con la Millennium Declaration, di ridurre di due terzi la mortalità infantile nel mondo entro il 2015 Obiettivo ancora molto lontano dal momento che ogni anno continuano a morire nel mondo più di dieci milioni e mezzo di bambini di età inferiore ai 5 anni

4 Indagine conoscitiva sugli interventi organici in corso da parte di istituzioni pediatriche italiane a favore dellassistenza pediatrica dei paesi in via di sviluppo Principale responsabile delliniziativa: _____________________________________ Tema principale: ________________________________________________________ Ente promotore: _________________________________________________________ Altri enti che partecipano alliniziativa: ____________________________________ Paese (o paesi) nel quale lintervento si esplica: ____________________________ Data di inizio dellintervento: _____________________________________________ Per quanto tempo ancora si prevede di proseguire lintervento: ______________ Riassunto sulle caratteristiche dellintervento Tipologia dellintervento:Assistenza Formazione Ricerca Modalit à di svolgimento: _________________________________________________________________________ Impegno finanziario annuo dell ente promotore: ___________________________ Sostegno finanziario da parte di altri enti italiani: ___________________________ Caratteristiche del rapporto con gli enti o le autorit à locali: _________________________________________________________________________ Risultati obiettivi finora ottenuti in termini sanitari : _________________________________________________________________________ Prospettive future : _________________________________________________________________________ Eventuale commento finale: _________________________________________________________________________

5 Schede ricevute = %

6 Paesi d intervento: AFRICA = 8

7 Paesi d intervento: ASIA = 4

8 Paesi d intervento: EUROPA = 6

9 Paesi d intervento: SUD AMERICA = 3

10 Paesi d intervento: CENTRO AMERICA = 1

11 Inizio dellintervento …………………………… anni = 3 6 anni = 22

12 Assistenza e formazione personale: 10 Formazione in Medicina e Pediatria: 6 Lotta malnutrizione e promozione della salute: 5 Trasmissione verticale HIV: 4 Sviluppo Emato-oncologia pediatrica: 3 Sviluppo Cardiochirurgia pediatrica: 2 Sviluppo Nefrologia pediatrica: 1 Emergenze umanitarie: 1 T emi principali = 8

13 Tipologia dellintervento ASSISTENZA: 21/25 FORMAZIONE: 20/25 RICERCA: 13/25

14 Tipologia dellintervento Assistenza + Formazione + Ricerca: 9/25 Assistenza + Formazione: 8/25 Assistenza + Ricerca: 2/25 Formazione + Ricerca: 2/25 Assistenza: 2/25 Formazione: 1/25

15 Principali Enti promotori Università : Brescia,Milano, Modena/Reggio Emilia, Napoli, Roma, Sassari, Torino, Trieste Ospedali: Gaslini, Valduce, Burlo Garofolo, Amedeo di Savoia, S. Giovanni- Bellinzona, S.Donato, FBF Isola Tiberina Regioni: Liguria, Lombardia, Piemonte Ministeri: Affari Esteri Fondazioni/Associazioni: G.Gaslini, ASEOP, CESVI, CNH, Rotary, Bambini Cardiopatici nel mondo, Bambino Nefropatico, OASI, S.C.D.P. UNDP (ONU), Medicus Mundi, BNL

16 Impegno finanziario annuo Enti Promotori 16/ (r ) Altri Enti 8/ (r ) Tot

17 Impegno finanziario annuo Enti Promotori 16/25 Altri Enti 8/16

18 1. Assistenza e formazione personale 2. Formazione in Medicina e Pediatria 3. Lotta malnutrizione e promozione della salute 4. Trasmissione verticale HIV 5. Sviluppo Onco-ematologia, Nefrologia e Cardiochirurgia 6. Emergenze umanitarie Risultati raggiunti

19 Risultati raggiunti.1 Assistenza e formazione personale 1. Migliaia di bambini raggiunti dall assistenza e controllo sociale 2. Miglioramento della qualit à delle cure, del management sanitario, formazione di medici e di infermieri locali sulle principali problematiche pediatriche

20 1. Assistenza e formazione personale 2. Formazione in Medicina e Pediatria 3. Lotta malnutrizione e promozione della salute 4. Trasmissione verticale HIV 5. Sviluppo Onco-ematologia, Nefrologia e Cardiochirurgia 6. Emergenze umanitarie Risultati raggiunti

21 Risultati raggiunti.2 Formazione in Medicina e Pediatria Avviata una Facoltà di Medicina Formati medici ed infermieri locali su specifici settori (neonatologia, onco- ematologia, nefrologia, cardiologia) sia con corsi in loco che con stage formativi in Italia

22 1. Assistenza e formazione personale 2. Formazione in Medicina e Pediatria 3. Lotta malnutrizione e promozione della salute 4. Trasmissione verticale HIV 5. Sviluppo Onco-ematologia, Nefrologia e Cardiochirurgia 6. Emergenze umanitarie Risultati raggiunti

23 Risultati raggiunti.3 Lotta malnutrizione e promozione della salute Riduzione mortalità per malnutrizione Riduzione mortalità perinatale Aumento della copertura vaccinale

24 1. Assistenza e formazione personale 2. Formazione in Medicina e Pediatria 3. Lotta malnutrizione e promozione della salute 4. Trasmissione verticale HIV 5. Sviluppo Onco-ematologia, Nefrologia e Cardiochirurgia 6. Emergenze umanitarie Risultati raggiunti

25 Risultati raggiunti.4 Trasmissione verticale HIV Numerose gravide screenate per linfezione da HIV e trattate con Nevirapina, col proprio neonato, se trovate positive

26 1. Assistenza e formazione personale 2. Formazione in Medicina e Pediatria 3. Lotta malnutrizione e promozione della salute 4. Trasmissione verticale HIV 5. Sviluppo Onco-ematologia, Nefrologia e Cardiochirurgia 6. Emergenze umanitarie Risultati raggiunti

27 Risultati raggiunti.5 Onco-ematologia Cardiochirurgia Nefrologia Creati nuovi reparti 4 reparti di onco-ematologia + 1 DH + 1 residence per le famiglie, 1 reparto di nefro-urologia Sviluppo di quelli già esistenti con lacquisizione di nuove apparecchiature Assistiti centinaia di bambini con cancro, con patologie renali e cardiache (alcuni già sottoposti ad intervento chirurgico)

28 1. Assistenza e formazione personale 2. Formazione in Medicina e Pediatria 3. Lotta malnutrizione e promozione della salute 4. Trasmissione verticale HIV 5. Sviluppo Onco-ematologia, Nefrologia e Cardiochirurgia 6. Emergenze umanitarie Risultati raggiunti

29 Risultati raggiunti.6 Emergenze umanitarie Assistenza sanitaria di primo livello alle popolazioni interessate e riattivazione ospedali con punto nascita

30 Prospettive future.1 E emersa, in maniera unanime, la necessità di creare strategie sempre più integrate sul territorio allo scopo di dare, insieme alla popolazione locale, continuità agli interventi I Centri sono consapevoli che per raggiungere obiettivi che si traducano in cambiamenti duraturi ed efficaci nelle diverse realtà nazionali e locali, sono necessarie molte risorse e un lavoro coordinato tra le varie parti che intervengono

31 Prospettive future.2 Dare continuità alle iniziative Coinvolgimento diretto SIP Rafforzamento culturale area pediatrica Progetti di gemellaggio con altre specialità pediatriche Allargamento interventi sanitari Apertura di nuovi reparti (cardiochirurgia…..) Fondi

32 Unicef 2005 L'infanzia continua ad essere un'esperienza brutale per la metà dei bambini del mondo"

33 ELENCO CENTRI ResponsabilePaeseDal Amoretti C, Ferlito SAlbania/ Sri Lanka1999/2005 Balli FZimbabwe2003 G. Crupi Moldavia 2004 Frigiola A, Giamberti A Camerun 2001 Feleppa FTogo2000 Giovannini MCambogia 2001 Greco L Uganda 2003 Iacobini MSocotra (Yemen) 2005

34 ResponsabilePaeseDal Istituto Giannina GasliniItalia Jankovic M, Rovelli A Serbia-Montenegro1994 Maccabruni MArgentina 2000 Masera GNicaragua1986 Musumeci SBurkina Faso 2000 Neonatologia/TIN Brescia Burkina Faso 2002 Paolucci P, Bagni E Paraguay1999 ELENCO CENTRI

35 ResponsabilePaeseDal Panizon F, Paolucci P Angola 2004 Panizon F Angola2001 Pesaresi M, Tenore AZimbabwe2000 di Rovasenda, ManteroRwanda 2004 Sereni F, Edefonti A, Marra G Nicaragua 2000 Somaschini MMalawi 2002 ELENCO CENTRI

36 ResponsabilePaeseDal Soranzo ML, Santini B Burkina Faso1999 Tamburlini G Brasile Yugoslavia, Albania, Romania Russia, Moldavia, Kazakhistan Pediatri di famiglia per i bambini di Capo Verde Capo Verde ELENCO CENTRI

37 GRAZIE


Scaricare ppt "Le esperienze dei Pediatri italiani Gian Vincenzo Zuccotti 61° Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Montecatini Terme, 29 settembre."

Presentazioni simili


Annunci Google