La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sociologia Autunno 2006 I modelli teorici contemporanei e non.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sociologia Autunno 2006 I modelli teorici contemporanei e non."— Transcript della presentazione:

1 Sociologia Autunno 2006 I modelli teorici contemporanei e non

2 Auguste Comte ( ) È il primo ad aver utilizzato il termine sociologia La biologia studia uomo-natura, la sociologia studia uomo- cultura,storia Sociologia studia società come è ora (come ordine) e nel divenire (come progresso) Nel progresso (progresso delle capacità intellettuali) Legge dei 3 stadi della storia dellumanità Teologico dove prevalgono i sacerdoti Metafisico dove prevalgono i filosofi Positivo dove prevalgono gli industriali e gli scienziati (importante il valore dellattività produttiva) Legge che esamina il rapporto fra linsieme delle esigenze materiali e lazione per soddisfare le esigenze Conquista Difesa Lavoro – questultima provoca la dimensione morale (instinto sociale)

3 Auguste Comte ( ) Statica sociale (aspetti della società che sono costanti) Le strutture costanti Istituzioni politiche e religiose (attività: controllo) Famiglia Linguaggio Come si mantiene lunità nella società? Famiglia – valore sentimento (unità elementare) Stato/città – valore attività produttiva/politica Religione o morale I poteri sociali Quello materiale (ricchi e potenti) – fondato sulla forza Quello intellettuale (scienziati, filosofi, poteri) – fondato sulla ragione Quello morale (donne) – fondato sullaffetto

4 Herbert Spencer Levoluzione viene vista come fatto biologico Al centro della società non cè la famiglia benché lindividuo che compone la società (individualismo) Lunità sociale (individuo) è condizionato da Fattori esterni (es. Clima, territorio) Fattori interni (fattori fisici, emotivi, intellettuali) Lorganismo sociale è coordinato da Linguaggio Segni, sentimenti e pensieri Lo stato, la burocrazia sono visti come nemico Lesito dellevoluzione è positivo (ciò viene anche visto da Comte)

5 Emile Durkheim ( ) È il primo che ha definito la sociologia come scienza e la ha inserita nella disciplina accademica Lui si colloca con le teorie olistiche (società come organismo – sui generis - sopra individui) Metodo sociologico: per spiegare un fenomeno sociale bisogna trovarne la causa e la funzione (lo scopo) La società forma lindividuo in base a strutture e valori che lo fanno agire in un determinato modo in quellepoca e in quella società La causa è da ricercare nel passato La funzione è da ricercare nel rapporto con qualche finalità sociale Il fatto sociale deve essere ricercato nella società e non nellindividuo dato che lindividuo va compreso grazie alla società e la spiegazione quindi va ricercata nella società. Le regole/norme che sono presenti nella società devono essere accolte dallindividuo e guidano la vita collettiva Modello funzionalista dove lindividuo deve assimilare le regole per mantenere lordine e per essere integrato nella società. In questo modo la società può sopravvivere Se non ci fosse la società con lordine, lindividuo sarebbe in preda alle guerre per soddisfare i propri desideri illimitati Lindividuo è in uno stato di indeterminatezza (negativo) e la società è in uno stato di determinatezza (positivo)

6 Emile Durkheim ( ) Forme di solidarietà: prima gli individui erano simili tra di loro e erano su un livello di stesse credenze e sentimenti comuni ora la solidarietà è data da una suddivisione del lavoro (industrializzazione) e ci dovrebbero essere più regole e un esaltazione dellindividualismo (ritira questa sua idea e dice che ci devono essere forme di istituzionali più adeguate) Ricerca delle cause del suicidio Egoistica: individuo non/scarsamente integrato nella società Anomica: rapidi cambiamenti sociali e carenza di norme Altruistica: dettata dalle norme sociali esempio kamikaze islamici Causa: scarsa o molta integrazione dellindividuo nella società Il potere politico/dello stato viene visto solamente come motore della giustizia e mantenitore della ordine sociale La funzione della religione può essere studiata grazie a gruppi più primitivi – rafforzamento del sentimento di appartenenza ad un gruppo

7 Karl Marx ( ) La storia evolve in base a contraddizioni e conflitti costanti. Questa evoluzione è determinata dalle risorse materiali e dai rapporti di produzione. In più ci sono rappresentazioni culturali e sistemi normativi nella società. Tutto questo fa esplodere le contraddizioni e nascerà la società comunista e morirà il capitalismo. Il potere va allo stato e la classe operaia sarà cosciente del suo sfruttamento Le classi sociali sono fatte di individui che appartengono a una classe in base alla nascita e alle scelte relative al lavoro Classi in sé: individui appartengono alla classe ma non ne sono coscienti Classi per sé: individui sono coscienti di appartenere alla classe X Nella classe si sviluppa la coscienza di classe: rivoluzioni per promuovere un cambiamento (proletari contro capitalisti) Perché il proletariato? Non è contaminato dalla proprietà privata

8 Karl Marx ( ) Le ideologie (religione, filosofia, ecc.) sono dannose dato che sostengono chi è al potere (capitalismo). Alle ideologie viene contrapposta la teoria di Marx dato che è oggettiva e fondata su analisi empirica Loggetto delluomo è la produzione e lui deve vedere la sua produzione (il risultato) Nella società capitalistica ciò non è possibile a causa Della proprietà privata Delleconomia di scambio Si forma una situazione di alienazione Linfluenza di Marx: contro il funzionalismo e più attenzione ai conflitti sociali

9 Max Weber ( ) Non condivide lidea olistica (società come agire congiunto degli individui), non è un positivista e analizza il rapporto tra società ed economia La sociologia deve capire lagire sociale dellindividuo Lagire deve essere collegato ad un senso oggettivo che può essere composto da ogni significato Non viene visto come senso lagire uniforme es. aprire un ombrello quando piove Oppure un agire passivamente influenzato dallagire di altri es. trasportato in una folla da altra gente Non è solo soggettivo ma anche sociale Il senso muta nel tempo (non resta sempre uguale) Lindividuo deve essere relativamente autonomo, razionale e capace di decisione Lagire di altri individui è di riferimento per lindividuo Elemento della reciprocità: ci sono aspettative comuni a tutti in una società e se agisco ho da portare le conseguenze I diversi tipi dellagire sociale dellindividuo Razionale rispetto allo scopo: modello mezzi-fini; losservatore: bisogna riconoscere le finalità (per losservatore variante più prevedibile di altre) Razionale rispetto al valore: agire dettato da credenze dove non hanno un importanza le conseguenze; losservatore: bisogna conoscere la relazione con il valore (per losservatore variante più prevedibile di altre)

10 Max Weber ( ) Affettivo: agire dettato dai sentimenti; losservatore: difficile da capire bisogna mettersi nei panni dellaltro tradizionale: agire dettato dalle abitudini acquisite es. buona educazione; losservatore: deve conoscere lambito culturale altrimenti non spiegabile I tipi non sono divisi in modo totale (nel reale ci sono solo tipi misti) ma un tipo a prevalenza nellagire. Nellagire non esiste mai una piena consapevolezza ma una semi- coscienza o incoscienza Se desideriamo spiegare i processi sociali allora si devono considerare più fattori e non solo uno. Weber afferma la connessione fra religione protestante e capitalismo (religione dice di reinvestire per avere sempre guadagni più grandi). Quindi inizialmente lo scienziato deve affermare la sua ipotesi (influenza dei valori dello scienziato) verificare lipotesi (metodo empirico di ricerca) Tipi ideali di potere Potere tradizionale: potere che è radicato grazie a tradizioni da sempre nella società Potere carismatico: potere di una singola persona con carisma Potere legale: potere legato alla credenza nelle leggi Ci può essere un consenso sociale ma anche un conflitto (agire contro) in modo pacifico o violento La religione è lo strato sotto a quello della società La burocrazia è vista come limitatore alla libertà dellindividuo

11 Georg Simmel ( ) È ritenuto quello più contemporaneo ed è contrario allidea olista e non è un positivista. Dice che lagire sociale (ogni individuo agisce e questo mette in relazione gli individui tra di loro) fa in modo che ci sia lunità sociale La conoscenza non è lo specchio della realtà poiché lindividuo ricostruisce la realtà. La forma di conoscenza che si afferma nella società è quella più vicina al reale Esiste un rapporto tra idee e strutture sociali, le idee vengono condizionate e possono condizionare la situazione economica. Le idee sono creative e non sono solo un riflesso delle condizioni sociali (Simmel va contro Marx) Simmel vuole spiegare come si formano le unità sociali (es. unità comunità XY). Divide le forme di relazione che si stabiliscono tra individui in Contenuto quindi scopo, interesse, ecc. Forma quindi in quale modo interagiscono gli individui tra di loro La crisi della società moderna si può analizzare grazie a più fattori/cause, uno di questi è il denaro Loperaio non conosce più la destinazione ultima del suo prodotto e ciò è un problema

12 Georg Simmel ( ) Il denaro da un valore (anche di scambio) al prodotto ma il prezzo del prodotto non può delineare il rapporto tra valore (non in moneta) e desiderio. Si tende a apportare al valore (non monetario) il valore in denaro del prodotto. Lindividuo si sente insicuro Il rapporto fra individuo e società è un rapporto che include i seguenti aspetti Aspetto individuo nella società Aspetto individuo che non si rinchiude nella società Proprio questultimo aspetto fa in modo che ci siano tensioni nel rapporto e che lindividuo non è mai totalmente integrato nella società La crisi della modernità è data dalla predominanza dello spirito oggettivo a quello soggettivo (ciò provoca la regressione della cultura). In questepoca si mostra in modo intero la tensione del rapporto tra individuo e società

13 Vilfredo Pareto ( ) Si colloca per il positivismo e ha una influenza notevole sulla teoria sistematica di Talcott Parsons. Si è dedicato per tanti anni alleconomia e poi si dedica alla sociologia Perché lagire umano è dettato per maggior parte da impulsi non razionali (Pareto desidera cogliere la totalità dellagire) Pareto isola nelle sue opere il riferimento ad altri contemporanei Non crede che la società possa riformarsi radicalmente. Ci saranno sempre pochi al potere e il governo (pochi élite saranno al potere) dovrà orientare le masse e mantenere lordine Cosa è la metodologia sociale La sociologia deve analizzare ma non può giudicare (non ricerca verità assolute) Le analisi vengono fatte in modo empirico (vere fino a prova contraria) Problema delle fonti della ricerca sociale e condizionamento soggettivo p.es. passioni dellautore Lazione umana è composta da elementi soggettivi e da quelli oggettivi Azione logica: coincidenza tra fine soggettivo e fine oggettivo (rare nella realtà)

14 Vilfredo Pareto ( ) Azione non logica: non esiste coincidenza tra fine soggettivo e fine oggettivo Primo tipo: non esiste né un fine oggettivo né uno soggettivo es. azioni che un individuo compie automaticamente Secondo tipo: non esiste un fine oggettivo ma esiste uno soggettivo es. la magia Terzo tipo: esiste un fine oggettivo ma non esiste uno soggettivo es. azioni fisiologiche come quelle degli animali Quarto tipo: esiste un fine oggettivo e uno soggettivo ma questi non coincidono tra di loro es. voglio di creare una società capitalistica e con le mie azioni ne creo una comunista Lindividuo cerca sempre di razionalizzare le azioni non logiche (la razionalizzazione viene chiamata anche derivazioni) quindi Ci sono nuclei non logici Dai nuclei partono diversi rami di interpretazioni logiche Queste interpretazioni si formano in base al uso nel tempo (agli abiti che gli uomini portano in quel tempo) Le azioni non logiche hanno un artificio logico per giustificarle Una tendenza costante nelle azioni non logiche è il residuo. Residuo = modi di fare consolidati nella cultura. Ci sono 6 classi di residui Porre in relazione fattori diversi – fa in modo che ci sia creatività Conservare le relazioni già esistenti Residui in relazione con la socialità – stanno sotto le derivazioni Residui legati allintegrità dellindividuo - stanno sotto le derivazioni Residui sessuali - stanno sotto le derivazioni Cè una ambivalenza tra la necessità di agire diversamente e di tenere uguale lagire sociale Nel sistema sociale la parte più importante sono i residui dato che determinano lagire sociale. Le derivazioni indicano che ci sono altre forze nella società

15 Talcott Parsons ( ) Si riferisce alla funzione (vedi Durkheim) e sviluppa la teoria struttural-funzionalista con laiuto dellantropologia culturale (esame del mondo di rappresentare/comprendere la realtà allinterno di un gruppo sociale) focalizzandosi sulle società primitive che hanno uneconomia di sopravvivenza e il problema di coesione della società Bronislaw Malinowski: la cultura aiuta a risolvere i problemi dellindividuo nel soddisfare i propri bisogni (anche quelli primari) tramite cooperazione e consumazione di beni (= funzione) Alfred R. Radcliffe-Brown: la funzione per lui non è più collegata alla biologia ma è un attività parziale che contribuisce allattività totale. Non vede solo causa – effetto ma una relazione di dipendenza tra fattori naturali e culturali. Un bisogno può essere soddisfatto da più funzioni e una funzione può essere soddisfatta da più bisogni. Anche Parsons va in questa direzione Itinerario intellettuale di Parsons: distinzione in 3 periodi 1o periodo: si ricollega alla tradizione sociologica di Weber, Durkheim e Pareto ma anche a Malinowski e a Radcliffe-Brown 2o periodo: formula la sua teoria sullazione e sul sistema sociale 3o periodo: applica la sua teoria alla realtà sociale

16 Talcott Parsons ( ) La teoria dellazione sociale Influenze: Parsons non crede che lo studio debba essere fatto in modo empirico – i concetti sono immutabili/universali Influenza di Weber: lagire è dotato di senso (razionale) e tiene conto dellagire altrui Influenza di Durkheim: lagire individuale è mosso da desideri egoistici. Importante sono le regole e lorientare lindividuo verso i valori della società Influenza da Pareto: alcuni individui stabiliscono delle relazioni, hanno fini comuni e grazie a questo nascono gruppi Lazione sociale è composta dai seguenti elementi Lattore sociale (individuo o gruppo) La situazione nella quale si sviluppa lazione Lordine simbolico ovvero le regole, i modelli culturali che orientano lagire Il risultato dellazione Il sistema dellazione è composto da attore, situazione, ordine simbolico e altri attori Il sistema dazione può essere analizzato dallinterno/dal rapporto che ha con lesterno ma anche dagli scopi/mezzi a disposizione. Ci sono 4 prerequisiti funzionali che ogni sistema deve risolvere per sopravvivere (AGIL) Adattamento da parte del sistema allesterno - Adaptation Conseguimento degli scopi prescelti - Goal Mantenimento delle strutture latenti grazie alla stabilità di valori, norme, modelli di comportamento. Latenti perchè la cultura influenza lagire come un istinto naturale - Latency Integrazione equilibrando gli elementi del sistema –Integration Allinterno di questa divisione ce nè un altra che ha al suo interno la sociologia con nuovamente la sottodivisione in economico, politico, socializzazione e comunità (sono i 4 sottosistemi)

17 Talcott Parsons ( ) Il sistema della personalità: lagire dellindividuo deve mantenere lequilibrio sociale e il sistema sociale a sua volta deve andare incontro ai bisogni dellindividuo Il sistema della cultura: per orientare le attività dellindividuo si prendono dalla cultura i diversi modello di comportamento es. leggi Il ruolo allinterno della società (es. ruolo del padre) è un modello di comportamento e diventa un punto di incontro allinterno del sistema sociale, del sistema della personalità con il sistema cultura Le modalità fondamentali dellagire Azione che comporta affetto anche in modo formale (es. rapporto medico-paziente) Lautore si orienta verso finalità di tipo personale o verso finalità di interesse collettivo Lautore sceglie criteri di carattere generale o criteri connessi a situazioni particolari (es. il giudice applica la legge uguale per tutti-il padre e il suo rapporto con il figlio) Lautore instaura rapporti con altri per le loro capacità oppure per avere rapporti con persone (es. chiamo un elettricista-parlo con un coetaneo) Combinando i modelli in modo diverso fra di loro si hanno diverse forme di azione Si possono trovare delle stesse tendenze nellevoluzione della società e nellevoluzione biologica. Sulla base dei 4 sottosistemi la società cambia in base a: Un crescente universalizzazione dei valori di base es. valore della democrazia Ogni ambito si specializza nelle sue funzioni I diversi sottosistemi hanno una relazione reciproca crescente Nella situazione attuale si intensifica levoluzione e ciò aumenta la libertà individuale e luguaglianza sociale

18 Il neofunzionalismo A partire dagli anni 80 si è tentato di riprendere la prospettiva teorica di Parsons correggendola Luhmann ha sostituito la teoria struttural- funzionalista con funzional-strutturalista (primato alla funzione) Alexander ripropone i concetti di azione e ordine sociale inserendo caratteri come il non-razionale. Lui afferma che ogni teoria deve avere al suo interno i due concetti sopra nominati. Critica: Parsons ha sottovalutato le fonti di conflitto della struttura nella società contemporanea

19 Lo strutturalismo Cosa è la struttura? Sono le norme che reggono il sistema sociale. Il senso di queste norme è dato solo se si trovano in quella posizione nella struttura. Senza struttura lunità sociale non può esistere La visione strutturalista di Michel Foucault ( ) ha come concetto essenziale lepistème (forme discorsive in un epoca determinata). Questo epistème nelle epoche passate era concentrato sul razionalismo, nellepoca attuale si consuma la fine dellindividuo. La storia è un susseguirsi di fratture epistemologiche (inizio di un altra epoca) che non possono essere previste Non cè la razionalità assoluta e nelle diverse epoche ci sono razionalità diverse. La razionalità nel periodo del razionalismo classico viene vista come un operare conforme a un fine. Nasce la divisione tra ragione e follia, la seconda non viene apprezzata dato che non ha un efficienza produttiva (fine). Foucault critica la concezione che abbiamo della follia e quella che abbiamo sulla razionalità Per avere nuove forme di razionalità dobbiamo aprirci alla pazzia. Foucault difende i pazzi come Max fece con il proletariato e anche lui critica il potere che per lui è una rete produttiva (induce al piacere, forma il sapere, produce discorsi). Quindi non basta più vedere nel potere lapparato dello stato, bisogna analizzare i vari meccanismi di controllo che sono nelle prigioni, nei manicomi, ecc. Nessuno può contrastare il potere dato che anche esso è un prodotto del potere. Quello che deve essere distrutto è lordine sociale

20 La teoria critica Si sviluppa a partire dal Momento storico: rivoluzione classi operaie, fascismo, IIa guerra mondiale. Nella critica allIlluminismo gli autori cercano di trasformare la società grazie alla sociologia e non di limitarsi a una registrazione neutrale dei fenomeni Max Horkheimer: la ricerca sociale deve collegare i fenomeni tra di loro e non analizzarli uno ad uno Leconomia inflenza la vita psichica dellindividuo Lindividuo agisce per essere riconosciuto dalla società e per ricevere sicurezza allinterno della società La teoria di Hurkheimer e di Adorno si sviluppa come analisi del processo di razionalizzazione nella società di oggi – origine storica va ricercata nellIlluminismo Cose positive dellIlluminismo: libertà è indispensabile Cose negative dellIlluminismo: libertà dalla magia e dalle superstizioni per la ragione sulla natura e sulle cose. Ciò porta ad un importanza primaria della necessità produttiva che pilota tutti gli altri bisogni dellindividuo e altri vengono oscurati come bontà, solidarietà, felicità Adorno: lui va contro la razionalità legata al dominio con la dialettica negativa. La dialettica non va pensata chiusa in unidentità ma va pensata come la possibilità di qualcosa che non può essere chiuso nel pensiero. Per Adorno la conoscenza ha il compito di stabilire prospettive dove il mondo possa rilevare le proprie fratture come apparirà un giorno agli occhi del messia.

21 La teoria critica Marcuse: lui propone una sostituzione del modello di razionalità strumentale con la concezione estetica della vita. I principi di piacere e di realtà devono lasciare spazio alla espansione dei bisogni umani Nasce una nuova società dove ci sarà lunione erotica delluomo con la natura e le potenzialità delluomo e della natura potranno evolversi in libertà. Ciò può avvenire grazie allo sviluppo industriale che cè stato (soddisfazione dei bisogni primari delluomo è già avvenuto). Come è la nuova società? Prospettiva utopica (come in Foucault) Forze sociali sono quelle emarginate che hanno conservato estraneità nei confronti del potere La distruttività per Freud è nellistinto delluomo e per Marcuse è nella repressione eccessiva causata dallordine culturale. La cultura può conciliarsi con il principio del piacere es. liberazione della sessualità.

22 Linternazionismo simbolico La teoria di George Herber Mead ( ) verrà poi definita linternazionalismo simbolico si avvicina al funzionalismo e allo strutturalismo ed è una continuità della teoria di Weber (agire sociale). Si focalizza sulla costruzione della soggettività e sui significati simbolici Al centro cè il problema della costruzione dei soggetti sociali (self), emerge la dimensione del pensiero (mind) e si forma lorganizzazione sociale (society). Queste 3 dimensioni sono considerate un tuttunico Un atto sociale ha parti esterne e interne alla società. Come si comporta lindividuo va capito analizzando anche la società Gesto: comunicazione di significati comuni a diversi individui di uno stesso gruppo (gesto interiorizzato). Si scatena come reazione ad uno stimolo, ha un carattere automatico e non intenzionale Se il gesto si trasforma in volontà allora nasce il linguaggio Senza gesto ne linguaggio non ci sarebbe neanche il pensiero. Quindi cè una relazione tra interno ed esterno Un gesto generalizzato è quando lindividuo può oggettivare il significato del gesto e non deve attendere la reazione dellaltro individuo Quando lindividuo sceglie il significato e controlla la comunicazione abbiamo linserzione della mente

23 Linternazionismo simbolico Sé per Mead significa che lindividuo si considera per quello che viene considerato dagli altri Costruzione del Sé: quando il bambino è piccolo tende ad assumere ruoli diversi imitando gli adulti. Poi impara a giocare in base alle regole convenzionali e così percepisce se stesso come unità e si vede in base a come lo vedono gli altri. Quindi latteggiamento della comunità è importante per il rapporto che lindividuo ha con se stesso. La coscienza si riferisce al campo di esperienza e lautocoscienza si riferisce agli altri individui Il sé viene diviso in Io è percepibile solo come un personaggio storico dallindividuo (non attuale) Me sono gli atteggiamenti degli altri che lindividuo assume Il punto dincontro tra lindividuo e la società avviene nel ruolo (insieme di modelli di comportamento). Lideale è che un individuo appartenga a più gruppi sociali

24 Le teorie dellazione sociale Jurgen Habermas è stato influenzato da Weber, da Mead e dalla teoria funzionalista e neofunzionalista Agire di tipo strumentale: legato alla logica del dominio e alla manipolazione tecnica Agire di tipo comunicativo: individui razionali discutono liberamente relativamente a scelte legate al mondo della loro vita Non sempre è volta alla comunicazione tra due individui come scambio consensuale, ma anche alla manipolazione delle coscienze Il mondo della vita: in esso si sviluppano le comunicazioni e i processi dellagire volti alla comprensione Grazie allinterazione tra il mondo della vita e la comunicazione da un lato e lagire di tipo strumentale e il sistema sociale dallaltro si tende ad inserire sistemi nel mondo della vita e nella comunicazione. Ciò provoca i mali nella società del tardo capitalismo (società moderna)

25 Le teorie dei sistemi sociali Il concetto di sistema ha subito grandi trasformazioni grazie alla teoria generale dei sistemi Concetto di relazione è centrale (vedi anche nello strutturalismo la dipendenza tra gli oggetti relativamente alla posizione e alle relazioni) Niklas Luhmann critica Parsons Il concetto della riduzione della complessità: rapporto sistema- ambiente-mondo. Il mondo è una complessità indeterminabile, lambiente è le possibilità determinabili presenti in una situazione, il sistema è la selezione di alcune possibilità e la negazione delle altre Il senso è ogni forma per definire il reale e fa in modo di ridurre il mondo e lambiente Rapporto sistema-ambiente: lambiente ha una più grande complessità e il sistema ha un ordine più grande Il rapporto tra individuo e società viene interpretato nel rapporto tra i sistemi psichici e i sistemi sociali. Il sistema psichico mette a disposizione la propria complessità per fare nascere un altro sistema - questa relazione è reciproca e si chiama interpenetrazione La comunicazione non avviene solo tramite il linguaggio ma anche tramite mezzi di comunicazione come p. es. amore, verità, denaro I sistemi di interazione sono caratterizzati dalla percezione quindi si tratta della presenza fisica di qualcosa. I sistemi societari sono caratterizzati dalla comunicazione. Luno non può esistere senza laltro

26 Alfred Schutz ( ) Influenza da parte di Weber (teoria dellazione sociale) Schutz desidera sviluppare lanalisi dei processi e delle strutture del mondo-della-vita grazie alla comunicazione, ai segni simbolici e alle istituzioni sociali Lui critica Weber dato che Non ha distinto tra significato dellosservatore, significato dellagente e significato dellinterlocutore Lagire comprende la consapevolezza e la volontarietà. Inoltre bisogna distinguere tra motivi causali e quelli finali Si deve distinguere tra senso soggettivo e quello oggettivo Si deve distinguere tra mondo ambiente (relazione io-tu-egli) e mondo dei contemporanei (noi-voi-loro). Nel mondo contemporaneo è anche presente la nostra conoscenza del mondo contemporaneo. Questa conoscenza avviene tramite la nostra esperienza e lapprendimento da altri e si chiama tipizzazione

27 Erving Goffmann ( ) Influenza di Mead e Parsons Ciò che mantiene il Sé è il sistema nel quale viene costruito il personaggio che rappresenta un ruolo I rituali sono molto importanti per la costruzione degli individui e dei gruppi Lindividuo non si identifica totalmente con il suo ruolo ma mantiene una distanza che gli da un certo potere/imprevedibilità Goffmann studia quelle situazioni in cui a causa di un evento/comportamento le regole vengono rimesse in discussione. Ciò non è voluto dal soggetto/individuo ma è provocato dalla situazione


Scaricare ppt "Sociologia Autunno 2006 I modelli teorici contemporanei e non."

Presentazioni simili


Annunci Google