La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Darwin: 1809-2009 200 anni dalla nascita del biologo che ha cambiato la scienza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Darwin: 1809-2009 200 anni dalla nascita del biologo che ha cambiato la scienza."— Transcript della presentazione:

1 Darwin: anni dalla nascita del biologo che ha cambiato la scienza

2 La teoria di Darwin (teoria della evoluzione per selezione naturale) è ancora oggi il concetto centrale della biologia moderna. Charles Darwin (rivoluzionario riluttante), ha modificato profondamente la nostra visione del mondo naturale e del ruolo delluomo nella natura.

3 LIDEA PERICOLOSA DI DARWIN 1.le specie si trasformano nel corso del tempo 2.siamo tutti legati gli uni agli altri da una parentela genealogica 3.l'enorme diversità di forme di vita presenti sulla Terra deriva da processi naturali (selezione naturale) in atto da milioni di anni, e tuttora in corso Poche persone hanno cambiato il mondo con il potere di unidea

4 LA SCIENZA HA BISOGNO DI TEORIE Per capire i dati che osserviamo abbiamo bisogno di teorie LA TEORIA DI DARWIN SPIEGA MOLTISSIMI DATI La teoria evoluzionista permette di collocare le osservazioni delle scienze naturali in un contesto unitario ed interpretabile LA TEORIA DI DARWIN E STATA CONFERMATA A 150 anni dalla sua pubblicazione la teoria di Darwin non solo è ancora valida ma è via via diventata la spina dorsale della moderna biologia PERCHE DARWIN E COSI IMPORTANTE?

5 Il mondo prima di Darwin In Inghilterra, prima della nascita di Darwin, la COME GLI SCIENZIATI CONSIDERAVANO IL MONDO VIVENTE Le specie erano considerate separate e immutabili sin dalla loro creazione. Le specie erano considerate separate e immutabili sin dalla loro creazione. La Terra era ritenuta troppo giovane (6.000 anni di vita) per aver permesso alle specie di evolversi. La Terra era ritenuta troppo giovane (6.000 anni di vita) per aver permesso alle specie di evolversi. Gli esseri umani erano ritenuti al di sopra e al di fuori della natura in virtù di facoltà ritenute eccezionali e uniche. Gli esseri umani erano ritenuti al di sopra e al di fuori della natura in virtù di facoltà ritenute eccezionali e uniche. Queste opinioni riflettevano la visione composta e senza tempo della natura delletà vittoriana. CONTESTO CULTURALE La maggior parte degli inglesi viveva in comunità contadine. La maggior parte degli inglesi viveva in comunità contadine. I viaggi lontano dal proprio luogo natio erano rari. I viaggi lontano dal proprio luogo natio erano rari. La vita di tutti i giorni assomigliava a quella delle generazioni precedenti. La vita di tutti i giorni assomigliava a quella delle generazioni precedenti. Il mondo era concepito come eterno e immutabile. Il mondo era concepito come eterno e immutabile. La stabilità dellordine naturale delle cose garantiva l'ordine sociale. IL MONDO PRIMA DI DARWIN

6 CHI ERA CHARLES DARWIN? 1809Nasce a Shrewsbury 1826Il padre lo ritira da scuola per scarso rendimento Facoltà di Medicina, Università di Edimburgo Facoltà di Teologia, Università di Cambridge

7 1831 Invitato a partecipare al viaggio naturalistico del Beagle 1831 Il Beagle salpa da Plymouth … senzombra di dubbio, il più importante evento della mia vita …

8 LA ROTTA DEL Beagle Il Beagle salpò per un viaggio intorno al mondo con lo scopo di mappare le coste dellAmerica meridionale. Darwin era a bordo come naturalista della spedizione per raccogliere informazioni sulla geologia, la vita marina, le piante, gli animali terrestri e sui popoli che il Beagle potesse incontrare.

9 Un nuovo mondo

10 1839 Pubblica Il viaggio di un naturalista intorno al mondo 1842 Decide di non pubblicare le sue teorie sulla trasmutazione 1836 Il Beagle rientra a Plymouth 1839 Nozze con Emma Wedgwood

11 Down House, nella campagna del Kent, è stata, per 40 anni, il suo rifugio, lo studio, la serra, il laboratorio di ricerca e il nodo di una vasta rete di scambi scientifici. Una vita di lavoro: Down House Down House The sand walk

12 Gli strumenti scientifici Lo schedario Le lettere LO STUDIO

13 1.I colleghi naturalisti non le avrebbero accettate 2. Gli allevatori avrebbero trovato il volume troppo noioso da leggere 3. Gli atei lo avrebbero usato per i loro scopi malvagi 4. La chiesa lavrebbe disprezzato 5. Non intendeva essere etichettato come ateo 6. Avrebbe tradito la famiglia a cui doveva così tanto MOTIVI PER NON PUBBLICARE LE PROPRIE IDEE SULLA TRASMUTAZIONE DEI VIVENTI (1842)

14 LA TEORIA DI DARWIN 1.In ogni popolazione ci sono differenze tra i singoli individui (variabilità) 2. Questa variabilità è, almeno in parte, ereditaria 3. Alcune di queste variazioni consentono agli individui di generare più discendenti di altri, nellambiente in cui vivono (selezione naturale, fertilità differenziale e mortalità differenziale) 4. Le caratteristiche degli individui che lasciano più discendenti si diffondono nella popolazione (adattamento) discendenti si diffondono nella popolazione (adattamento) (Una semplice spiegazione per la diversità della vita sulla Terra)

15 Esiste una variabilità (in parte ereditaria)

16 Verdi 5/15= 33% Nel contesto ambientale in cui si trovano, individui diversi hanno fertilità o mortalità diverse

17 Verdi (si nascondono meglio)= 5/15= 33% Nel contesto ambientale in cui si trovano, individui diversi hanno fertilità o mortalità diverse

18 Le caratteristiche degli individui che lasciano più discendenti si diffondono nella popolazione: adattamento Verdi= 4/8= 50%

19 Cosa è la VARIABILITA? I membri di una qualunque specie raramente sono identici gli uni agli altri sia allesterno che al loro interno. I membri di una qualunque specie raramente sono identici gli uni agli altri sia allesterno che al loro interno. Gli organismi di una popolazione variano per dimensioni, colore, capacità di resistere alle malattie, ecc. Gli organismi di una popolazione variano per dimensioni, colore, capacità di resistere alle malattie, ecc. Queste differenze sono spesso il risultato di mutazioni casuali o errori di copia che insorgono quando le cellule si dividono e gli organismi si sviluppano. Queste differenze sono spesso il risultato di mutazioni casuali o errori di copia che insorgono quando le cellule si dividono e gli organismi si sviluppano. Quando un organismo si riproduce, questo trasferisce il proprio DNA (linsieme di istruzioni) alla progenie. Quando un organismo si riproduce, questo trasferisce il proprio DNA (linsieme di istruzioni) alla progenie. Poichè molte caratteristiche sono codificate nel DNA, la progenie eredita anche le variazioni (mutazioni di caratteri) dai loro genitori. Poichè molte caratteristiche sono codificate nel DNA, la progenie eredita anche le variazioni (mutazioni di caratteri) dai loro genitori.

20 Lambiente non riesce a sostenere una crescita illimitata delle popolazioni. Poichè le risorse sono limitate, sopravvivono meno individui di quelli che vengono al mondo. Gli individui più efficienti nel trovare il cibo, nellaccoppiarsi con un partner, e nellevitare i predatori avranno maggiori probabilità di sopravvivere e trasmettere i loro geni (DNA) ai discendenti. Video: Guarda la selezione naturale allopera. Sperimenta da solo come funziona levoluzione. Sperimenta da solo come funziona levoluzione. SELEZIONE: Sopravvivenza e Riproduzione

21 La lotta per la sopravvivenza provoca una diminuzione della popolazione La lotta per la sopravvivenza seleziona i più adatti La prole è sovrabbondante rispetto alle risorse Ogni popolazione presenta un certo grado di variabilità. La variabilità è dovuta al caso e si eredita Le fasi della teoria della evoluzione per selezione naturale applicata a una popolazione di topi I più adatti allambiente sono quelli che riescono a sfruttare meglio le caratteristiche di quellambiente e non quelli migliori o più forti

22 La SELEZIONE NATURALE Soltanto una piccola frazione degli individui che teoricamente potrebbero vivere in un dato ambiente in realtà nasce e riesce a sopravvivere. Soltanto una piccola frazione degli individui che teoricamente potrebbero vivere in un dato ambiente in realtà nasce e riesce a sopravvivere. Darwin chiama la selezione naturale il processo di sopravvivenza dei favoriti (più adatti allambiente). Darwin chiama la selezione naturale il processo di sopravvivenza dei favoriti (più adatti allambiente). La selezione naturale è il processo grazie al quale lambiente premia gli individui meglio adattati con la sopravvivenza e un maggiore successo riproduttivo generando molti discendenti ugualmente bene adattati allambiente. La selezione naturale è il processo grazie al quale lambiente premia gli individui meglio adattati con la sopravvivenza e un maggiore successo riproduttivo generando molti discendenti ugualmente bene adattati allambiente. Dopo diverse generazioni gli individui meglio adattati a quel particolare ambiente predominano, la natura ha eliminato gli individui più svantaggiati e la popolazione si è evoluta (modificata). Dopo diverse generazioni gli individui meglio adattati a quel particolare ambiente predominano, la natura ha eliminato gli individui più svantaggiati e la popolazione si è evoluta (modificata). La selezione naturale è il meccanismo che fa sì che le popolazioni di organismi viventi si evolvano con il tempo. La selezione naturale è il meccanismo che fa sì che le popolazioni di organismi viventi si evolvano con il tempo.

23 Adattamento: caratteristica che contribuisce allintegrazione dellorganismo con lambiente. Ladattamento è il risultato della selezione naturale. ADATTAMENTO ESEMPI DI ADATTAMENTO Piccole variazioni possono influenzare la probabilità di sopravvivenza e di riproduzione di un individuo. Es: differenze nel colore aiutano gli insetti a mimetizzarsi e nascondersi ai predatori. Es: una vista più acuta aiuta un predatore ad avvistare la preda. Es: una colorazione brillante del piumaggio aumenta le probabilità di un pavone maschio di attrarre una partner.

24 Adattamento: caratteristica fisica o comportamento che rende lorganismo più idoneo a vivere nel suo ambiente 1. Il lepidottero notturno Biston betularia, la farfalla delle betulle, ha labitudine di sostare di giorno sul tronco di questi alberi. 2. Di questa farfalla esistono due varianti, una chiara e una scura. 3. Prima della rivoluzione industriale il 99% delle Biston era chiara, alla fine dellOttocento divennero prevalenti le farfalle di colore scuro. 4. Mentre la Biston chiara si mimetizza, sfuggendo ai predatori, sulla corteccia chiara, la Biston nera si mimetizza meglio sulle cortecce scure Biston betularia Variante scura Variante chiara

25 SU QUALI PROVE SI BASA LA TEORIA DI DARWIN?

26 Losservazione che gli arti anteriori di questi quattro mammiferi presentano la stessa architettura di base, si spiega con lesistenza di un antenato comune da cui tutti discendono. ARTO ANTERIORE MAMMIFERI ossa del metacarpo falangi balena pipistrello cavallo uomo omero ulna radio ossa del carpo ossa del metacarpo falangi

27 Le somiglianze decrescono col progredire dello sviluppo STADI SUCCESSIVI DELLO SVILUPPO EMBRIONALE DI ALCUNI VERTEBRATI pesceanfibiomaialeuomo

28 I FOSSILI Resti di organismi vissuti nel lontano passato (conchiglie, ossa)Resti di organismi vissuti nel lontano passato (conchiglie, ossa) Tracce o impronte conservatesi in rocce sedimentarieTracce o impronte conservatesi in rocce sedimentarie (impronte di conchiglie) (impronte di conchiglie)

29 I fossili presenti negli strati rocciosi più superficiali sono più simili agli organismi attualmente viventi sul pianeta di quelli contenuti negli strati rocciosi più profondi. ammonite strati rocciosi più superficiali sono più recenti strati rocciosi più profondi sono più antichi GEOLOGIAPALEONTOLOGIA felce arborea maf250-65maf T. rex maf

30 PROCESSI DI FOSSILIZZAZIONE MummificazioneMummificazione CarbonificazioneCarbonificazione MineralizzazioneMineralizzazione InclusioneInclusione ImprontaImpronta

31 FOSSILIZZAZIONE PER INCLUSIONE inclusione in ambra Inclusione in ghiaccio- permafrost inclusione in ambra

32 FOSSILIZZAZIONE PER MUMMIFICAZIONE (disidratazione) dromedario (vivo) dromedario sepolto nella sabbia (mummificato) Piante carbonificate FOSSILIZZAZIONE PER CARBONIZZAZIONE (resti vegetali)

33 LEUSTHENOPTERON aveva una forma molto simile a quella di un pesce moderno, ma nelle sue pinne già esistevano le ossa precursori del braccio e delle zampe dei futuri animali a 4 zampe. Il TIKTAALIK fece un altro passo verso le forme terrestri di vita con ossa del polso e delle dita che gli consentirono di tirarsi su e far affiorare il capo dalle pozze di acqua bassa, in cui preferiva vivere. Lo scheletro indica che probabilmente respirava sia attraversi branchie, come lEusthenopteron, e attraverso una struttura simile al polmone, come il successivo Ichthyostega e gli anfibi moderni. LICHTYOSTEGA sviluppò delle zampe ancora più forti con cui poteva manovrare attraverso la fitta vegetazione nel suo habitat paludoso. DAI PESCI AGLI ANFIBI

34 Tutti gli organismi conosciuti traducono allo stesso modo, nelle proteine, linformazione contenuta nei loro acidi nucleici. Tutti i viventi hanno qualcosa in comune

35 …. questo è senza dubbio il lavoro più importante della mia vita. Fin da principio ebbe un grande successo. Le 1250 copie della prima edizione furono vendute tutte nel primo giorno della pubblicazione…. LOrigine delle specie per selezione naturale (1859)

36 1859 Pubblica Lorigine delle specie 1860 Dibattito ad Oxford (Darwin non interviene) 1871 Pubblica Lorigine delluomo 1882 Muore a Down House Huxley Wilberforce Darwin

37 Un fatto è unosservazione ripetutamente confermata. Che i viventi si siano evoluti da antenati comuni e continuino ad evolversi è un fatto, non una teoria. Esempi di evoluzione in azione: Parassiti resistenti al DDTParassiti resistenti al DDT Biston betulariaBiston betularia Batteri e antibiotici (TBC)Batteri e antibiotici (TBC) Influenza aviariaInfluenza aviaria LEVOLUZIONE E UN FATTO

38 Evoluzione in azione: linfluenza aviaria Avian Avian H5N1 Human

39 Avian H5N1 L influenza aviaria è una malattia respiratoria causata da un virus (H5N1) che colpisce uccelli selvatici (anatre, cigni, trampolieri, gabbiani)e domestici (polli, tacchini, anatre). L influenza aviaria è una malattia respiratoria causata da un virus (H5N1) che colpisce uccelli selvatici (anatre, cigni, trampolieri, gabbiani) e domestici (polli, tacchini, anatre). Evoluzione in azione: linfluenza aviaria In genere i virus aviari non colpiscono l'uomo, eccetto alcune varianti virali (variabilità) tra cui il più recente è proprio H5N1. Il virus H5N1 infetta luomo che vive a stretto contatto con uccelli infetti, ma non si trasmette ancora da uomo ad uomo. Pertanto, così com'è oggi, non può causare una pandemia (diffusione mondiale della malattia nell'uomo). Il virus H5N1 potrebbe causare una pandemia se si modificasse (evoluzione) eacquisisse la capacità di trasmettersi velocemente da uomo ad uomo, come succede per il virus influenzale umano stagionale. Il virus H5N1 potrebbe causare una pandemia se si modificasse (evoluzione) e acquisisse la capacità di trasmettersi velocemente da uomo ad uomo, come succede per il virus influenzale umano stagionale. Questo è un evento possibile ma imprevedibile (casuale), cioè allo stato delle cose, non sappiamo se avverrà, né come o quando avverrà.


Scaricare ppt "Darwin: 1809-2009 200 anni dalla nascita del biologo che ha cambiato la scienza."

Presentazioni simili


Annunci Google