La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dalla parte dei bisogni dei cittadini Modelli organizzativi, risorse e strategie per promuovere la salute in Sicilia Maria Daniela Falconeri Catania 27.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dalla parte dei bisogni dei cittadini Modelli organizzativi, risorse e strategie per promuovere la salute in Sicilia Maria Daniela Falconeri Catania 27."— Transcript della presentazione:

1 Dalla parte dei bisogni dei cittadini Modelli organizzativi, risorse e strategie per promuovere la salute in Sicilia Maria Daniela Falconeri Catania 27 Ottobre 2008

2 Bisogno Il fatto, la condizione di mancare o di non poter disporre di quanto è necessario, utile, opportuno per soddisfare determinate esigenze, per conseguire un fine o per realizzare un intento

3 La salute come diritto Stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia (OMS, 1948) e risorsa Consente di condurre una vita produttiva e soddisfacente a livello individuale, sociale ed economico Elemento basilare per una crescita economica sostenibile

4 Popolazione siciliana: abitanti (49% maschi, 52% femmmine) Tasso di natalità: 10.1/1.000 (nazionale: 9.5/ 1.000) Aspettativa di vita: 78.0 (maschi); 82.9 (femmmine) Dati demografici

5 Immigrati che vivono in Sicilia: Sbarchi clandestini nel 2006: 477 ( persone: maschi, femmmine, bambini) Immigrazione

6 Tassi di mortalità per patologia/ abitanti 1.Malattie cardiovascolari (42.9 maschi; 30.9 femmine) 2.Tumori (27.7 maschi; 15.3 femmine) 1° trachea, bronchi e polmoni - maschi 1° mammella – femmine 2° colon retto /m. e f. 3.Malattie respiratorie (7.92) per i maschi Diabete (3.89) per le femmine Epidemiologia

7 Determinanti di salute Politici Economici Ambientali Sociali Biologici Genetici Comportamentali Accesso ai servizi

8 Utopia? Lei è all'orizzonte. Mi avvicino di due passi, lei si allontana di due passi. Cammino per dieci passi e l'orizzonte si sposta dieci passi più in là. Per quanto io cammini, non la raggiungerò mai. A cosa serve l'utopia? Serve proprio a questo: a camminare Las palabras andantes, Eduardo Galeano

9 Promozione della salute Il processo che consente alle persone di esercitare un maggior controllo sulla propria salute e di migliorarla Carta di Ottawa, 1986

10 Eguali opportunità e risorse Creare ambienti e contesti favorevoli Rafforzare lazione delle comunità Costruire una politica pubblica per la tutela della salute Sviluppare le capacità personali e sociali Riorientare i servizi sanitari Approccio intersettoriale integrato Azioni strategiche

11 Contesto e sfide Socio-Sanitarie Evoluzione demografica Transizione epidemiologica Impatto dellimmigrazione Efficacia e Appropriatezza Evoluzione della tecnologia medica Impatto delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione Domanda crescente e contrazione delle risorse Razionalizzazione della spesa Riequilibrio dei settori e nuova organizzazione dei servizi

12 Bisogni dei cittadini Informazione Educazione Offerta di servizi appropriati Accessibilità Continuità dellassistenza Accoglienza Comunicazione, ascolto, relazione, sostegno Qualità della cura Comfort …

13 Le esigenze poste dal cambiamento Chiarezza della Mission Empowerment challenging patient Umanizzazione dei servizi Aspetti qualitativi, organizzativi e relazionali Governo delle innovazioni e sistemi gestionali integrati Standard elevati di prestazioni erogate Appropriatezza Razionalità economica

14 Capacità di comunicazione efficace Sostenibilità Integrazione, multidisciplinarietà propensione al teamwork Accountability Potenziamento e razionalizzazione degli interventi formativi e di sviluppo delle professioni Le esigenze poste dal cambiamento

15 Quale formazione per il cambiamento?

16 Azioni utili a promuovere salute - Centrate sui cambiamenti individuali - sulle modifiche ambientali - sulle modifiche organizzative - sulle relazioni favorevoli alla crescita di potenzialità personali e collettive

17 La spirale della pianificazione Analisi fabbisogno e definizione obiettivi Pianificazione sistema di valutazione Pianificazione e attuazione programma educativo Valutazione

18 Macroinsiemi di capacità Cultura epidemiologica e di metodologia della ricerca sociale ed educativa Progettualità e rigore metodologico Analisi e valutazione di efficacia

19 Macroinsiemi di capacità Individuazione e costruzione di reti utili al cambiamento Interazione, negoziazione, gestione gruppi Costruzione di alleanze Razionalità costruttiva per assecondare e guidare il cambiamento

20 Empowerment for Health Professionisti Capacità Competenze Autonomia decisionale Responsabilità Gestione informazione Accountability Cittadini Asimmetria informativa Forza contrattuale Aspettative e richieste Conflittualità Contenzioso Stakeholder Coinvolgimento Sensibilizzazione Partecipazione

21 Gli obiettivi per il cambiamento Rispondere ai bisogni, come alle motivazioni del singolo e dellorganizzazione Valorizzare competenze e ruoli professionali Arricchire gli schemi concettuali Agevolare il confronto con la complessità Rendere valutabili e comparabili i risultati Facilitare la divulgazione e la condivisione delle buone pratiche

22 ANALISI FABBISOGNI PROGRAMMAZIONE REALIZZAZIONE EVENTI ANALISI CONTESTO Per un vero sistema di sviluppo professionale continuo Una programmazione legata al contesto

23 Percorso integrato di formazione-azione Offerta dei servizi sanitari, comunicazione e bisogni dei cittadini: lUmanizzazione per la tutela della salute Il progetto del CEFPAS

24 Presupposti Centralità del cittadino e del paziente Necessità di riqualificazione dellofferta dei servizi Esigenza di interventi sinergici da parte dei principali attori del SSR Coinvolgimento dei portatori di interesse

25 Finalità Far convergere gli sforzi verso un progetto di sistema sostenibile, che valorizzi il ruolo del cittadino, che possa far leva sul coinvolgimento e sulle motivazioni dei professionisti e che sia applicabile alla realtà operativa

26 Obiettivo generale Sviluppare competenze organizzative specifiche e distintive per un approccio globale e integrato al percorso di cura e assistenza, attento ai reali bisogni del cittadino ed alla sostenibilità del sistema

27 Obiettivi della formazione/azione Produrre specifici progetti e ipotesi di lavoro Valorizzare competenze ed esperienze del SSR Impostare nuovi percorsi assistenziali centrati sul paziente Collegare qualità tecnica, organizzativa e relazionale Sviluppare un approccio integrato alla qualità della cura Creare le condizioni per un rapporto di fiducia e di orientamento alle scelte Qualificare il lavoro professionale ed il benessere organizzativo

28 Lapporto innovativo Lavorare su più fronti, ricercando sinergie attraverso una serie di azioni che coinvolgono : - i professionisti (formazione e responsabilizzazione) - i cittadini singoli e associati (informazione, comunicazione e ascolto) - le organizzazioni (nuove modalità di lavoro) - i sistemi di responsabilità (valutazione) - gli stakeholder (progettualità di rete)

29 Impianto progettuale A) Fase formativa 1 percorso master + offerte modulari e seminari specifici anche per operatori esterni al master B) Fase organizzativa Progetti su commessa e sperimentazione sul campo; monitoraggio e verifica risultati C) Fase informativa Confronto tra professionisti, cittadini e stakeholders

30 Risultati attesi Indirizzi operativi su ambiti prioritari per lIstituzione regionale (commitment) Impegno aziendale nello sviluppo di esperienze e nellintroduzione di innovazioni organizzative Sinergie tra Regione e Aziende Partecipazione dei cittadini e comunicazione con gli stakeholder

31 Risultati attesi Coinvolgimento nellesperienza formativa di 430 operatori in poco più di un anno Coinvolgimento operativo di almeno 7 realtà organizzative Capitalizzazione e diffusione best practices Superamento della frammentazione nei percorsi di cura

32 Alcune riflessioni conclusive… La metafora della mongolfiera per vincere la gravità Etica, Evidenze ed Esperienze sono i cardini sui quali devono fondarsi la Formazione, la Pratica clinica e lEducazione alla salute La Promozione della Salute non richiede competenze di nicchia ma professionalità in rete

33 Vincere la gravità Promuovere la salute non è solo educare non è solo prevenire ma impegno comune a conoscere per rendere responsabilmente vivibile ogni condizione umana: è abilità alla vita Dove le barriere sostituiscono le relazioni sarà difficile costruire un modello condiviso –anche se plurale – di educazione alla salute Marco Trabucchi

34 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Dalla parte dei bisogni dei cittadini Modelli organizzativi, risorse e strategie per promuovere la salute in Sicilia Maria Daniela Falconeri Catania 27."

Presentazioni simili


Annunci Google