La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Policy Tools Gli strumenti di policy. Il ciclo di vita di una politica pubblica Attuazione Limplemen- tazione Risultati La valutazione retroazione Adozione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Policy Tools Gli strumenti di policy. Il ciclo di vita di una politica pubblica Attuazione Limplemen- tazione Risultati La valutazione retroazione Adozione."— Transcript della presentazione:

1 Policy Tools Gli strumenti di policy

2 Il ciclo di vita di una politica pubblica Attuazione Limplemen- tazione Risultati La valutazione retroazione Adozione Lapprovazio- ne formale Il problema La formazione dellagenda Formulazione Lelaborazione delle soluzioni

3 Strumenti Possiamo immaginare una cassetta degli attrezzi, dove possono essere pescate – a seconda del caso – gli utensili (le misure) disponibili per affrontare il problema e raggiungere gli obiettivi desiderati. Quali sono le leve che i policy-maker possono usare per fare una politica pubblica? Per affrontare uno specifico problema pubblico è possibile scegliere tra una pluralità di strumenti Gli strumenti non sono neutrali. Ogni strumento dà risultati parzialmente diversi Ogni strumento ha pregi e difetti. La scelta dello strumento o del mix di strumenti è una faccenda delicata e importante

4 Una prima classificazione Il bastone Regolazione alta bassa coercizione La carota Incentivi e disincentivi I sermoni Persuasione

5 Strumenti coercitivi Strumenti misti Strumenti volontari Coinvolgimento dello stato basso alto Erogazione diretta Impresa a controllo pubblico Regolazione Regolazione Tasse e tariffe Aste per i diritti di proprietà Sussidi (o contributi) Informazioni o esortazioni Mercati Organizzazioni volontarie Famiglie e comunità Una seconda classificazione (Howlett e Ramesh) stato inerventista stato minimo

6 Strumenti volontari Lo stato rinuncia a intervenire facendo affidamento allazione volontaria delle persone, al loro spirito di iniziativa, alla solidarietà che esiste in alcune sfere (famiglia, comunità) Sussidiarietà orizzontale (art. 118 c.4 cost.) Stato, Regioni … Province e Comuni favoriscono lautonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà

7 Famiglia e comunità Svantaggi Probabili diseguaglianze: non tutti hanno una famiglia alle spalle, le famiglie intervengono soltanto a favore dei loro cari Un carico eccessivo per le donne Vantaggi Nessun costo per lo stato o quasi Servizi più personalizzati e non burocratizzati Servizi di cura, assistenza, sanitari, aiuti economici ecc. che vengono offerti spontaneamente dalle famiglie (o dalle comunità). Questi servizi possono sostituire quelli offerti dallo stato Le famiglie come ammortizzatore sociale

8 Volontariato Svantaggi Lavorano su piccola scala. Non possono affrontare problemi particolarmente complessi Trasformazione del volontariato: contributi pubblici. Ambiguità di molte associazioni di volontariato Vantaggi Nessun costo per lo stato (almeno in linea di principio) Interventi più rapidi, motivati e personalizzati Servizi universalistici (ma con possibili diseguaglianze territoriali) Crescita della solidarietà nella società Organizzazioni benefiche, volontariato sociale o ambientale (Crocerossa, Caritas, protezione civile, volontari per lambiente ecc.) Questi servizi possono sostituire quelli offerti dallo stato

9 Mercato Svantaggi Fallimenti del mercato: beni pubblici, beni meritevoli Iniquità Vantaggi Efficienza, concorrenza Fornitura di beni e servizi privati Il numero di beni e servizi considerati privati e tendenzialmente affidato al mercato è cresciuto negli ultimi anni (con differenze da paese a paese): trasporti ferroviari e aerei, comunicazioni (telefonia fissa e mobile, tv, poste), sanità, servizi pubblici (acqua, rifiuti, energia), istruzione.

10 Strumenti coercitivi Gli strumenti coercitivi vincolano iazione degli individui o delle imprese.

11 Regolazione Svantaggi è rigida; generale e astratta, può non adattarsi a casi specifici e generare risultati non voluti il controllo delladempimento è costoso, difficile e spesso insufficiente (nel caso di regolazione economica) interferisce con il mercato e può generare inefficienze Vantaggi è relativamente (anche se apparentemente) semplice per i policy makers comportamenti standardizzati e prevedibili poco costosa (salvo per il controllo) Prescrizione di comportamenti da parte dello stato Norma + sanzione regolazione economica, regolazione sociale, regolazione ambientale, altro (p.es. traffico), norme penali ecc.

12 Imprese a controllo pubblico Svantaggi Difficile controllo sulle società da parte dei governi Ingerenze politiche Vantaggi Evita, per lo stato, le difficoltà della regolazione Genera profitti e quindi entrate per i governi Imprese a capitale interamente pubblico o a partecipazione pubblica Vendono beni e servizi sul mercato Permettono allo stato di regolare un settore attraverso il controllo diretto (monopolio naturale, alti investimenti, ecc.) Strumento in diminuzione in Italia: privatizzazioni (ma con molte eccezioni)

13 Erogazione diretta Svantaggi Ingerenze politiche Rigidità Assenza di concorrenza, dilatazione dei costi Vantaggi Bassi costi di transazione Invece di regolare un settore, lo stato lo gestisce direttamente (scuole, università, polizia, esercito, ospedali, parchi, strade, previdenza sociale, assistenza)

14 Strumenti misti Gli strumenti misti combinano le caratteristiche degli strumenti volontari con quelle degli strumenti coercitivi Permettono al governo di influire (in modo più o meno forte) sui comportamenti dei privati, pur lasciando a questi ultimi la decisione finale

15 Informazione e esortazione Svantaggi Spesso non è sufficiente, andrebbe accompagnata da altri struementi Vantaggi Costi bassi, sia per lo stato sia per i cittadini Se funziona, evita altri interventi più costosi o più coercitivi Diffusione di informazioni: p.es. dati statistici, rapporti, documenti, studi ecc. Consentono agli attori privati di orientarsi di conseguenza Esortazioni: campagne di stampa o pubblicitarie, p.es. sullAids, sulla droga, sulla salute, sulla violenza sessuale ecc.

16 Sussidi Svantaggi Costano Difficile individuare correttamente la platea dei beneficiari e lentità del sussidio Sono difficili da eliminare, una volta raggiunto lo scopo Rischi di distribuzione a pioggia Vantaggi Sono efficaci nel promuovere comportamenti che gli attori sono già disposti a tenere Lasciano liberi i soggetti privati Ampia base di consenso (non trovano oppositori) Trasferimento in denaro a cittadini, imprese o organizzazioni, per facilitare lo svolgimento di attività desiderabili: contributi diretti, agevolazioni fiscali, voucher o buoni per acquistare servizi, prestiti agevolati

17 Aste per i diritti Svantaggi Speculazione Iniquità Vantaggi ci si assicura che lemissione non sarà superiore al limite previsto e si incoraggiano comportamenti virtuosi entrano risorse nelle casse dello stato flessibilità Creare un mercato (con i suoi vantaggi) dove non cè Mettere allasta i diritti di emisisone di una sostanza inquinante (p.es. CO 2 ) o i diritti di uso dellautomobile in unarea urbana Mercato secondario dei diritti

18 Tasse e tariffe Svantaggi Difficile stimare lentità della tassa Problemi di equità Vantaggi Sono facili da mettere in atto perché lasciano ai privati la scelta di quale comportamento tenere Favoriscono la riduzione di certi consumi, mentre con la regolazione si ottiene solo un certo livello predeterminato Le imposte sono strumenti tipicamente coercitivi (regolativi), ma possono essere usati anche come strumenti misti per disincentivare certi comportamenti (p.es. alcool, tabacco, smaltimento rifiuti indifferenziati, carbon tax, pedaggio per circolare in città)

19 Strumenti coercitivi Strumenti misti Strumenti volontari Coinvolgimento dello stato basso alto Regolazione Erogazione diretta Impresa a controllo pubblico Tasse e tariffe Aste per i diritti di proprietà Sussidi (o contributi) Informazioni o esortazioni Mercati Organizzazioni volontarie Famiglie e comunità La linea di tendenza degli ultimi ventanni E nei prossimi venti?


Scaricare ppt "Policy Tools Gli strumenti di policy. Il ciclo di vita di una politica pubblica Attuazione Limplemen- tazione Risultati La valutazione retroazione Adozione."

Presentazioni simili


Annunci Google