La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Tesi di Laurea di Liliana Amodio UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLT Á DI LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE POLITICHE, GIURISPRUDENZA, INGENERIA, ECONOMIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Tesi di Laurea di Liliana Amodio UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLT Á DI LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE POLITICHE, GIURISPRUDENZA, INGENERIA, ECONOMIA."— Transcript della presentazione:

1 Tesi di Laurea di Liliana Amodio UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLT Á DI LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE POLITICHE, GIURISPRUDENZA, INGENERIA, ECONOMIA Corso di laurea interfacoltà in Comunicazione Interculturale e Multimediale BUIO IN SALA, SI COMINCIA. CINEMA E PUBBLICITA Relatore: Chiar.mo Prof. Anton Peter Margoni Correlatore: Chiar.mo Prof. Nuccio Lodato

2 IL MEZZO CINEMA Grave crisi Nascita e sviluppo TV Caduta delle presenze cinema e del numero delle strutture cinematografiche 1993: primo aumento delle presenze al cinema 1994: 100 milioni di presenze costruzione di nuovi e recupero di vecchi impianti cinematografici 1998: effetto Titanic – in Italia 113 milioni di presenze al cinema! 11% in Italia e ben 10 titoli italiani tra i maggiori incassi) 2007 – 114 milioni di presenze (+11% in Italia e ben 10 titoli italiani tra i maggiori incassi) 2008 – Per lItalia -4% e 109 milioni di biglietti staccati Dalla fine degli anni 50 agli inizi degli anni 90 Dagli inizi degli anni 90 ad oggi

3 2009 FRANCIA con più di 200 milioni di presenze GRAN BRETAGNA con 173 milioni di presenze GERMANIA con 146 milioni di presenze ITALIA con 108,3 milioni di presenze

4 LA RINASCITA DEL MEZZO MOTIVI: migliore qualità dei film prodotti; migliore promozione degli stessi; rinnovamento degli impianti cinematografici Multisala Multiplex Megaplex o + 15 o + Schermi schermi schermi Spagna e Gran Bretagna leader nei Multiplex CONSEGUENZE: diminuzione del numero di cinema (concentrazione nelle grandi aree metropolitane); aumento del numero di schermi; scomparsa delle sale di 2^ e 3^ visione; aumento degli incassi, ultimamente anche grazie ai film in 3D, il cui biglietto costa di più.

5 EVOLUZIONE COSTANTE: I CAMBIAMENTI 1.Luogo cinema. Monosala multisala multiplex megaplex 2.Accesso al cinema. Orari nuovi e più rigidi, ticketing, prenotazione 3.Fruizione del film. Maggiori comfort, perfezione delle immagini e dellacustica, elaborazione digitale, effetti 3D e Dolby surround 4.Nuovi generi (Pixar, fantasy, saghe e puntate...), sempre più film open target 5.Cinema italiano. A tutti i livelli 6.Ritmo delle uscite dei film

6 IL CINEMA DI DOMANI. IPOTESI E PREVISIONI SPETTACOLARIZZAZIONE E MEGACINEMA Novità tecnologiche, il 3D, esperienze plurisensoriali, cinema interattivo; Pubblico sempre più giovane – dai 15 ai 40 anni; Sempre meno sale in città e sempre più sale in periferia.

7 LE INDAGINI SUL CINEMA 2007AUDIMOVIE Mission MISURARE LAUDIENCE DEGLI SPOT PROGRAMMATI PRIMA DEI FILM Upa – utenti pubblicità AssoComunicazione, Unicom – agenzie di comunicazione FCP – concessionarie di pubblicità Associazioni di esercenti cinema

8 RICERCA CINETEL: INDAGINE QUANTITATIVA Rilevazione dei biglietti staccati nelle singole sale, a livello di comune. Campione: schermi attivi complessi cinematografici differenti città; Raccolta dati: ogni sera al termine degli spettacoli, inclusi sabato, domenica e festivi; Aggiornamento e relativa pubblicazione delle informazioni raccolte: mensilmente da parte di Audimovie.

9 DATI CINETEL ULTIMI DUE ANNI: 2008 = = BIGLIETTI STACCATI 2009 = = BIGLIETTI STACCATI

10 RICERCHE AUDIMOVIE Per rilevare 1.La percezione dellofferta cinematografica, 2.Le motivazioni di fruizione e i criteri di scelta 3.Il vissuto del cinema e della pubblicità al cinema 4.I profili socio demografici della popolazione cinematografica 5.Il ricordo pubblicitario attinente Ricerca qualitativa motivazionale Ricerca quali-quantitativa continuativa Ricerca coincidenziale sul ricordo Ricerca 2010 GFK EURISKO

11 1) RICERCA QUALITATIVA MOTIVAZIONALE I risultati E cambiato il modo di intendere il cinema (non più solo visione di un film); sempre più multisala e contesto; momento di socializzazione e di aggregazione. Per definire lesperienza del cinema, emergono variabili diverse: letà (giovanissimi, giovani, adulti e maturi); il sesso; la provenienza dalla città o dallhinterland.

12 La percezione dellofferta nel proprio territorio è soddisfacente. La programmazione durante lanno, infatti, appare varia e ricca, anche destate. Alcune critiche: prezzo del biglietto, e altri piccoli inconvenienti (schermi piccoli, visioni poco nitide, code alle casse, incertezza sullorario del film).

13 Presenze cinema, sul Totale campione (la popolazione italiana 14+: ) Negli ultimi 12 mesi = (38,5%) Negli ultimi 30 giorni = (17,9%) Negli ultimi 15 giorni = (10,5%) Negli ultimi 7 giorni = (6,1%) 2) RICERCA QUALI-QUANTITATIVA CONTINUATIVA I risultati quantitativi di dicembre 2009

14 I risultati qualitativi: il vissuto degli italiani per il cinema Lesperienza più scelta per la fruizione personale, famigliare e con amici del proprio tempo libero. La presenza di prodotti di marca allinterno del film viene notata da più della metà dei frequentatori cinema che si giudicano indifferenti e non disturbati da questo tipo di pubblicità.

15 PUBBLICITA AL CINEMA E RICORDO Il ricordo di un messaggio pubblicitario Il ricordo di un messaggio pubblicitario: spontaneospontaneo: % di intervistati che ricorda la campagna pubblicitaria spontaneamente; aiutato di prodotto o di prodotto/marca:aiutato di prodotto o di prodotto/marca: % di intervistati che ricorda la campagna con il solo stimolo del prodotto o con lo stimolo sia del prodotto sia della marca attinente:attinente: % degli intervistati che ricorda correttamente almeno un elemento della campagna analizzata, anche con laiuto di suggerimenti di prodotto e di marca; scorretto:scorretto: gli elementi ricordati appartengono alla campagna di un altra marca; ricordo parzialmente scorretto:ricordo parzialmente scorretto: alcuni degli elementi ricordati appartengono a una campagna precedente della stessa marca.

16 3) RICERCA COINCIDENZIALE SUL RICORDO I risultati del 2008 Il 27% ca. degli spettatori è in grado di descrivere spontaneamente ed esattamente i messaggi pubblicitari visti al cinema (ricordo attinente); Quasi il 60% degli spettatori riconosce esattamente il prodotto e la marca pubblicizzati al cinema; Quasi il 70% degli intervistati dichiara un gradimento positivo della pubblicità vista al cinema.

17 Metodo tradizionale: lintervista Metodo tradizionale: lintervista. interviste personali: costose e lunghe; le interviste telefoniche: problemi di rappresentatività, soprattutto sulle nuove famiglie, che tendono a non dotarsi di telefono fisso; le interviste via internet: problemi di rappresentatività, stante ancora la modesta penetrazione di internet e la concentrazione solo in alcuni segmenti. Nuovo metodo: il Panel Dialogatore panel di famiglie e di individui; nuovo strumento del dialogatore, con collegamento bi-direzionale per la trasmissione in tempo reale di testi, questionari, file audio e video. 4) 2010: UNA NUOVA RICERCA SUGLI SPETTATORI CINEMA

18 GLI OPERATORI DEL MERCATO IN ITALIA, ATTUALMENTE: OPUS SIPRA MOVIEMEDIA 70% DELLE PRESENZE TOTALI AL CINEMA

19 SIPRA NATA NEL 1926 MEZZI PIATTAFORME Radio Tv Web Cinema Analogica Digitale terrestre Satellitare Mobile 520 schermi in 6 circuiti 2 CIRCUITI MULTIPLEX 4 CIRCUITI STAR 100 sale ciascuno 80 sale ciascuno IL CINEMA SIPRA

20 MOVIEMEDIA NATA NEL 2006 CIRCUITI - PLAYERS Warner Village (fino alla fine del 2009) Giometti Cinema Cineplex Cinelandia 169 STRUTTURE 43 MULTIPLEX

21 OPUS NATA NEL 1950 SEDI STRUTTURE PER BTL E DIGITALE CIRCUTI Milano Roma Opus Due – eventi e promozioni Opus Lab – contenuti digitali e web UCI Cinemas – 24 multiplex, 257 schermi, 11 milioni di presenze allanno UGC – 4 multiplex, 69 schermi, 4 milioni di presenze allanno dal 2010,THE SPACE Cinemas (Medusa Multicinema + Warner Village) - 24 strutture, 242 schermi

22 IL CIRCUITO OPUS Schermi su tutto il territorio nazionale dei quali : 489 digitali 103 a pellicola 50 in 3D 542 Multiplex In Italia: 1030 sale in concessione Opus gestisce il 53% del totale delle sale e il 60% della presenze totali Il 68% delle presenze Audimovie transita nei Multiplex

23 LOFFERTA OPUS PER LA PIANIFICAZIONE PUBBLICITARIA 1.Pubblicità ON SCREEN = 1/2 break, per un totale di 10/14 minuti di pubblicità

24 2.Pubblicità BELOW THE LINE 1.Cinedomination 2.Expo Car 3.One to One 4.Lounge Corner 5.Info movie (Totem Exclusive) 6.Special Event 7.Promoseat 8.Free Standing 9.Digital Signage 10.Spectacular 11.Ticket 12.Spot Interattivo 13.Floor Graphic 14.Gratta e Vinci

25 3. Le Azioni Tattiche Cineposter Segui il film Super spot Mr. O

26 CONCLUSIONI: perché il cinema? Perché un grande pubblico in Italia dovrebbe continuare a scegliere di andare al cinema? Perché unazienda per pubblicizzare il proprio prodotto o servizio, dovrebbe preferire il cinema agli altri media?

27 IL CINEMA TRASMETTE UNEMOZIONE SENZA PARI Luogo dellimmedesimazione Lo spettatore sceglie di spendere per lasciarsi emozionare dalle immagini e dalle storie raccontate Le emozioni provate rimangono anche dopo luscita dalla sala

28 IL CINEMA NON HA RIVALI NEL RICORDO SPONTANEO rilassatezza e ricettività Particolare stato danimo dello spettatore cinema di massima rilassatezza e ricettività, che contraddistingue il mezzo dagli altri luoghi out of home 4,7% Il valore di ricordo spontaneo medio della campagna cinematografica raggiunge il 4,7%

29 IL CINEMA GODE DI UN PUBBLICO ESCLUSIVO TARGET DELLO SPETTATORE CINEMA Giovane (14-44) Dinamico Istruito, di cultura medio alta Di buone/ottime capacità di spesa CRITERI E ORIENTAMENTI DI ACQUISTO DELLO SPETTATORE CINEMA Attento alle nuove tecnologie Acquista di impulso Attratto dalla marca Potenzialmente molto influenzabile dalla pubblicità QUINDI


Scaricare ppt "Tesi di Laurea di Liliana Amodio UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLT Á DI LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE POLITICHE, GIURISPRUDENZA, INGENERIA, ECONOMIA."

Presentazioni simili


Annunci Google