La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Micaela Cavalli La conoscenza dellambiente 1) Cartografia Prima Esercitazione di Cartografia 1.1) Misurare il pavimento di unaula, la posizione della porta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Micaela Cavalli La conoscenza dellambiente 1) Cartografia Prima Esercitazione di Cartografia 1.1) Misurare il pavimento di unaula, la posizione della porta."— Transcript della presentazione:

1 Micaela Cavalli La conoscenza dellambiente 1) Cartografia Prima Esercitazione di Cartografia 1.1) Misurare il pavimento di unaula, la posizione della porta e scrivere le misure Dividere le misure ottenute per 10, per 20 per 50, per 100 e per 1000 (anche con la calcolatrice) Calcolare le equivalenze delle misure ottenute, in modo da eliminare leccesso di zeri nei numeri decimali Mettere i dati trovati in una tabella Disegnare la piantina della classe nelle scale 1:10, 1:50 e 1:100, posizionando la porta e trovando il modo di raffigurare i particolari piccoli (ATTENZIONE : si calcolano prima le dimensioni del foglio occorrente) 1.2) Misurare gli arredi della classe: banchi,cattedra, piano di seduta delle sedie, eventuale armadio Effettuare le operazioni di calcolo e di tabulazione fatte precedentemente Disegnare gli arredi nelle piantine precedentemente fatte e colorarli ( come e dove collocarli ? con quali riferimenti ?) Esporre i disegni in classe. 1.3) Misurare uno spazio allaperto che sia piccolo, ben delimitato e di forma non troppo complicata (Importante: può anche essere fuori dalla mura scolastiche ma deve essere allaperto) Effettuare tutte le operazioni fatte precedentemente Fare anche un disegno libero dellambiente prescelto Disegnare una sezione trasversale (orizzonte o transetto) Fare una ricerca lessicale dei termini di questo ambiente Introdurre, se se ne ha la possibilità luso della bussola Fare unesercitazione di percorso rettificato lungo i contorni di questo spazio ( attenzione a: colonne di cemento armato, pali segnaletici di metallo,lampioni e oggetti metallici in genere) 1.4) Misurare le pareti dellaula, se non lo si è fatto prima,e prendere le misure delle finestre Effettuare tutte le operazioni di calcolo e di disegno fatte precedentemente Comporre il modello tridimensionale della classe in cartoncino, se la manualità lo permette 1.5) Identificare su una mappa cittadina il percorso casa scuola Ricostruire a memoria, disegnandolo, il percorso casa-scuola, Confrontarlo con le mappe cittadine esistenti e con una carta al della zona:quali zone non vi sono ancora raffigurate? Fare una ricerca sui nomi delle strade attraversate 1.6) Far costruire una casetta in cartoncino o in compensato (Suggerimenti per i docenti: se non avete mai costruito nemmeno un cubo in cartoncino esercitatevi prima )

2 2) IL TERRENO (SUOLO): quali sostanze lo compongono? 2.1)Domande introduttive -Stai toccando un campione di terreno. Che cosa potresti percepire? -Immagina di esaminare un campione di terreno al microscopio. Che cosa potresti trovare? -Nel terreno ci potrebbero essere sostanze chimiche? Perché? -Il terreno potrebbe contenere acqua ? Perchè e come? -Se noi riscaldiamo tantissimo il terreno (lo arrostiamo) cosa potrebbe succedere dopo un quarto dora? E dopo unora? -Hai mai sentito questi odori ? che cosa ti ricordano? OdorisinoMi ricordano Terriccio bagnato Fieno Pino/abete Gasolio bruciato Legno tagliato di fresco Legno bruciato Funghi Lana bruciata

3 2.2) Esperimento :arrostire il terreno Materiali Bilancia da cucina Pentolino Carta alluminio Fornello Terriccio ( da orto,da giardino o da bosco) Sabbia, possibilmente da cantiere Procedimento ·Toccare il terriccio e cercare di descrivere cioò che si percepisce ·Pesare 100 g di terriccio ·Foderare il pentolino con la carta alluminio in triplo strato ·Versare al suo interno il terreno pesato ·Ripesare il tutto e scrivre il peso rilevato ·Accendere il fornello e posarvi sopra il pentolino con il terreno ·Osservare cosa succede dopo 5 minuti :perché si formano delle nuvolette di vapore ? ·Rilevare cosa succede dopo 15 minuti e dopo 30 minuti ( Per i docenti : fare attenzione che prima bruciano la sostanze proteiche, poi, superati i 200° bruciano le parti vegetali contenenti lignina e si può arrivare alla formazione di braci; si sentono perciò due distinte ondate di cattivo odore) ·Spegnere il fornello e lasciar raffreddare il pentolino fino a poterlo ripesare (non spegnere le eventuali braci con acqua) ·Osservare come é diventato il terreno ·Lasciarlo raffrreddare ( aspettare eventulamente il giorno dopo), pesarlo e toccarlo nuovamnete.Cos è cambiato ? ·Ripetere lo stesso procedimento con la sabbia

4 Domande conclusive Osservare i campioni di sabbia e di terreno arrostiti, sia ad occhio nudo sia con la lente dingrandimento Toccarli con le mani, annusarli e descrivere le sensazioni percepite ·Che cosa si osserva? ·Quali differenze si rilevano? ·A cosa serve questo esperimento? ·Perché si sente tanta puzza? ·Cosa rimane nel terreno dopo averlo arrostito ? ·Perchè lesperimento fatto viene utilizato tuttora come pratica agricola ? ·Perché la sabbia è cambiata pochissimo ? ·(per i docenti) ?Come collegare questo esperimento con leducazione ambientale? Osservazioni E molto utile che lesperimento appena descritto sia preceduto o seguito dal prossimo esperimento che ha lo scopo di far percepire i singoli odori emessi dalle sostanze bruciate.La sequenza delle sostanze bruciate é studiata per permettere di passare da odori relativamente tenui e gradevoli ad odori più forti e sgradevoli che saturano lambiente di lavoro e i recettori olfattivi più a lungo. Per quanto riguarda le fibre tessili utilizzate, il saggio alla fiamma è ancora la prima prova di riconoscimento che i periti tessili eseguono per deterrminare la composizione di un tessuto; questa informazione Si possono fare collegamenti con le pratiche agricole delle popolazioni nomadi che abitano nelle foreste

5 2.3) Riconoscimento di alcune sostanze tramite il saggio alla fiamma 2.3.1) Domande iniziali ·- Scrivere il nome di tre sostanze che non hanno odore. ·- Quale differenza potrebbe esserci tra un buon odore e un odore sgradevole? ·- Il riconoscimento degli odori gradevoli e sgradevoli é istintivo o ci viene insegnato da qualcuno? ·- Un odore sgradevole é una cosa neutra o può essere un avvertimento ? Perché? ·- Come fa un odore ad arrivare al naso? ·- Come fa lodore del rosmarino ad arrivare al naso? ·- Come fa lodore di carne arrostita ad arrivare al naso? ·- Come si può riconoscere lodore del rosmarino? ·- Perchè lodore delle sostanze bruciate é diverso da quello delle sostanze di partenza? ·- Qual è la differenza tra un odore un sapore?

6 2.3.2) Esperimento Materiale occorrente per un gruppo di lavoro : -un frammento di carne o prosciutto -una gugliata di filo di seta commerciale -una gugliata di filo di cotone -una gugliata di filo di lana -un pezzetto di carta -uno stuzzicadenti -un rametto di rosmarino -due pinzette metalliche da sopacciglia o da dissezione -un bunsen (oun fornelletto da campeggio o una candela provvista di basamento)

7 Procedimento: 1. Accendere il bunsen o candela 2. Bruciare lentamente il pezzetto di carta tenuto con la pinzetta ed annusare lodore emanato 3. Bruciare lentamente lo stuzzicadenti tenuto con la pinzetta, annusare lodore emanato e confrontarlo con il precedente 4. Bruciare lentamente il filo di cotone tenuto con la pinzetta, annusare lodore emanato e confrontarlo con il precedente 5. Bruciare lentamente il rametto di rosmarino tenuto con la pinzetta, annusare lodore emanato e confrontarlo con il precedente 6. sciacquarsi le mani, senza sapone e annusarle 7. Bruciare lentamente il filo di seta tenuto con la pinzetta, annusare lodore emanato e confrontarlo con il precedente 8. Bruciare lentamente il filo di lana tenuto con la pinzetta, annusare lodore emanato e confrontarlo con il precedente 9. Bruciare lentamente il frammento di carne tenuto con la pinzetta, annusare lodore emanato e confrontarlo con il precedente

8 Riportare le osservazioni nella tabella seguente: Materiale Odore Carta Stuzzicadenti Cotone Rametto di rosmarino Seta Lana Carne A cosa potrebbe servire questo esperimento?

9 3) LESPLORAZIONE DELLAMBIENTE DOMESTICO Nellambiente domestico ogni giorno si eseguono lavori e avvengono trasformazioni che sono inquadrabili nel mondo delle scienze. Ecco alcuni esempi: - la conservazione, la trasformazione e la cottura dei cibi - la pulizia degli ambienti e dei vestiti - la pulizia di se stessi - lutilizzo di farmaci - losservazione dei comportamenti degli animali domestici - il funzionamento di acqua,luce, gas, telefono Si possono eseguire una serie di osservazioni per esplorare i diversi aspetti dei prodotti che entrano in casa, utilizando il più possibile le percezioni sensoriali Si possono anche costrure schede di utilizzo dei vari prodotti, utilizzando gli schemi proposti per costruire le schede di sicurezza nelle industrie e nei laboratori. Questultimo materiale può essere condiviso con il resto della classe e potrebbe addirittura essere utilizzato per un lavoro in compresenza o per produrre schede consultabili. Parecchi libri di testo contengono esperimenti utili sullargomento, ma alcuni di quelli proposti sono solo pensati e, messi in pratica, non vengono mai. E sempre necessario provarli prima. Alcuni, tuttavia, sono descritti accuratamente e sono ben realizzati. Un esperimento interessante é il riconoscimento delle polveri e delle farine, che ha una valenza didattica notevole negli istituti professionali ad indirizzo alberghiero

10 3.1) Riconoscimento polveri e farine Materiali per i docenti ·Contenitori chiudibili per le polveri (bottigline di vetro o di plastica,quadrati di carta alluminio bicchieri di plastica coperti da carta alluminio) ·3 – 4 farine ( di grano, di riso, di ceci, di mais, di castagne, fecola di patate) ·sale fine ·zucchero ·borotalco al mentolo ll docente preparerà per ogni gruppo di lavoro una serie di contenitori contrassegnati in vario modo che contengono già i campioni delle polveri da esaminare. Gli allievi non devono nè vedere nè conoscerne il contenuto. Materiali per gli allievi: ·tre / quattro campioni di polveri fini ·un bicchiere contenente un po dacqua ·tre/quattro bicchieri vuoti o quadratino di carta dalluminio ·attrezzo per mescolare ( cucchiaino, stuzzicadente, spatoletta o altro)

11 Procedimento: - prelevare una piccola quantità della prima polvere, toccarla, annusarla e decidere, in base allodore se assaggiarla o no ( nessun campione é tossico) - ripetere lo stesso procedimento con le altre polveri - mescolare una piccola quantità di polvere con un po dacqua, annusarla, e assaggiarla - descrivere le sensazioni provate e identificare le polveri PolveriAsciuttabagnataChe cosè ? Polvere a Polvere b Polvere c Polvere d

12 4) Scheda di rilevamento delle caratteristiche dei prodotti/ materiali SICUREZZA Raccolta ed organizzazione delle informazioni generali sui prodotti chimici di uso domestico Censimento degli agenti chimici che si trovano in casa Gestione della situazione oggettiva Identificazione degli agenti chimici pericolosi Analisi di campo: Esercitazioni Ambienti di lavoro Identificazione della scala di rischio SegnaleticaProtocollo di comportamento Soggetti esposti al rischio Addestramento e formazione Precauzioni Caratterizzazione dellesposizione Gestione delle emergenze Al posto del termine agenti chimici si sostituisce la dicitura prodotti/materiali.


Scaricare ppt "Micaela Cavalli La conoscenza dellambiente 1) Cartografia Prima Esercitazione di Cartografia 1.1) Misurare il pavimento di unaula, la posizione della porta."

Presentazioni simili


Annunci Google