La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La patologia vascolare nel cardiopatico: la dimensione del problema Maurizio Baroni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La patologia vascolare nel cardiopatico: la dimensione del problema Maurizio Baroni."— Transcript della presentazione:

1 La patologia vascolare nel cardiopatico: la dimensione del problema Maurizio Baroni

2 Nel mondo ci sono 17 milioni di morti allanno per cause cardiovascolari

3 Epidemiologia Mortalità Malattia 17 milioni 128 milioni Cardiovascolare totale Ipertensione arteriosa FumoIpercolesterolemia Sovrappeso e obesità

4 Heart and Stroke Statistical Update, Dallas, Tex. American Heart Association, 2002 A Malattie cardiovascolari B Tumori C Incidenti D Malattie croniche delle basse vie respiratorie E Diabete Mellito F Influenza, Polmonite Mortalità (in migliaia) Principali cause di morte negli Stati Uniti

5 Age Mortality Rate per 100,000 Cause di morte nella donna National Center for Health Statistics. Vital Statistics of the United States. Vol II-Mortality; Part A; National Cancer Institute. SEER Cancer Statistics Review ; CAD Stroke Lung cancer Breast cancer Colon cancer Endometrial cancer

6 Uomini Donne Età (anni) Mortalità per cardiopatia ischemica in % (dati del 1988) Mortalità per cardiopatia ischemica nella popolazione generale, in base alletà e al sesso

7 Trend di mortalità cardiovascolare Deaths in thousands MalesFemales Years *United States: mortality. AHA Heart and Stroke Statistical Update; 1998.

8 Dati di Mortalità: Unione Europea Malattie del sistema cardiocircolatorio 43% Suicidi ed incidenti 5% Altre cause 20% Cancro 26% Malattie del sistema respiratorio 6%

9 Epidemiologia (ITALIA) morti per cause cardiovascolari infarto miocardico stroke

10

11 Laterotrombosi è la principale causa di morte nel mondo 1. The World Health Report, 2000, WHO Geneva, Mortalità (%) *Cardiovascular disease, ischemic heart disease and cerebrovascular disease. Worldwide defined as Member States by WHO Region (African, Americas, Eastern Mediterranean, European, South-East Asia and Western Pacific)

12 Quadri clinici di aterotrombosi TIA Stroke ischemico Angina pectoris IMA Claudicatio Ischemia critica, dolore a riposo, gangrena, necrosi Morte Improvv. cardiaca

13 Incremento della prevalenza di Manifestazioni aterotrombotiche Età della popolazione > millioni ( 5.1% dal 1997) millioni ( 13.9% dal 1997) Infarto Miocardico Stroke ischemico *projected populations of people aged over 50 years, and estimated prevalence of myocardial infarction and ischemic stroke cumulated in 14 countries: Belgium, Canada, Denmark, Finland, France, Germany, Italy, Netherlands, Norway, Spain, Sweden, Switzerland, UK, USA Prevalenza * millioni ( 12.8% dal 1997) 1. Guillot F, Moulard O. Circulation 1998; 98(abstr suppl 1): millioni ( 32.7% dal 1997) 7.1 millioni ( 11.8% dal 1997) 8.4 millioni ( 31.6% dal 1997)

14 Incidenza di Infarto Miocardico Acuto e Stroke ischemico 4R USA 1 Francia 2,3 Italia 2 Regno Unito 4 Incidenza annua per 100,000 abitanti 1 American Heart Association. Heart and Stroke Facts, 1995 Statistical Supplement. 2 WHO MONICA Project. Circulation 1994;90: Giroud et al. Int J Epidemiol 1991;20: ; Giroud. Ann Cardiol Angeiol 1994;43: Stevens and Raftery. Heath Care Needs Assessment, National Health Service, IMA Stroke ischemico

15 Percentuale della popolazione Prevalenza della cardiopatia ischemica nella popolazione generale, in base alletà e al sesso Heart and Stroke Statistical Update, Dallas, Tex. American Heart Association, 2002)

16 Epidemiologia Cardiopatia ischemica (Italia) Nuovi eventi coronarici: uomini donne Eventi coronarici: uomini donne Infarti miocardici:

17 Epidemiologia Ictus (Italia) Terza causa di morte dopo malattie cardiovascolari e neoplasie: 10-12% nuovi casi di ictus: 80 % nuovi episodi e 20 % recidive Incidenza aumenta con letà: > 65 anni 6.5 % 75 % ictus oltre 75 anni Mortalità in fase acuta 30% Invalidità grave residua 40% sopravvissuti: principale causa di invalidità Aumento dei casi di ictus: nel 2008 circa Soggetti che hanno avuto un ictus e ne sono sopravvissuti:

18 La mortalità per cardiopatia ischemica in pazienti con pregresso ictus è circa % Pazienti sintomatici sottoposti a intervento di endoarteriectomia carotidea hanno una mortalità a 10 anni per cardiopatia ischemica del % Vasculopatia cerebrale e cardiopatia ischemica

19 USA e in Europa si stimano 6.3 milioni di soggetti con diagnosi di AP Lattuale prevalenza sarebbe di 18.5 milioni pari al 9.5% della popolazione > 50 anni Incidenza e prevalenza di claudicatio incrementano con letà – Prevalenza in maschi di 45–50 anni è pari all 1% – Prevalenza è di 3–3.5% in maschi di > 50 anni – Trend simile nelle donne, incremento con letà Molto più comune negli uomini che nelle donne – Un numero doppio di uomini di età > 50 anni presenta claudicatio (3.5% e 2%, rispettivamente) Epidemiologia Arteriopatie Periferiche

20 0 Esiti degli eventi di CHD per anno (%) >1,1 1,4% 1,1-1,011,0-0,910,9-0,71 3,8% <0,70 ABI Leng GC et al., BMJ 1996; 313: Malattia vascolare periferica e cardiopatia ischemica Edinburgh Artery Study

21 Outcome a lungo termine delle Arteriopatie Periferiche ( Peripheral Arterial Disease PAD) 1. Ouriel K. Lancet 2001; 358: 1257–64. Cause di morte: 55% malattia coronarica 10% malattia cerebrovascolare 25% non-vascolari < 10% altre vascolari

22 Aneurisma aorta addominale 12° causa di morte pazienti (Europa) pazienti (Italia) > 60 anni Incidenza: 2-4 % (4-8 % uomo; % donna) Rischio di rottura dipende dalle dimensioni: < 5 % a 1 anno 25 % a 5 anni se < 5 cm 20 % a 1 anno 95 % a 5 anni se > 7 cm

23 Aneurisma aortico addominale e cardiopatia ischemica Pazienti asintomatici sottoposti a intervento per aneurisma dellaorta addominale hanno una mortalità a 10 anni per cardiopatia ischemica del 20 %

24 Coesistenza di malattie vascolari in pazienti con aterotrombosi Adattata da TransAtlantic Inter-Society Consensus Group, J Vasc Surg 2000; 31:S16 Malattia vascolare periferica 12% 33%15% 5%14% 13% Malattia coronarica 19% 30%25% 4%12% 7% Malattia cerebrale Malattia cerebrale Malattia coronarica 8%3% Aronow & Ahn CAPRIE

25

26 Fattori di rischio di mortalità

27 Rischio di eventi coronarici maggiori uguale a quello di cardiopatia ischemica accertata (>20% per 10 anni) ATP III: equivalenti di rischio di cardiopatia ischemica Altre forme cliniche di malattia aterosclerotica –malattia vascolare periferica (PAD) –aneurisma aortico addominale (AAA) –aterosclerosi carotidea Diabete Fattori di rischio multipli * Adult Treatment Panel III. NIH publication *Determinati tramite il punteggio di rischio ATP III Framingham

28 ESC: Condizioni cliniche associate Malattia cerebrovascolare - ictus ischemico - emorragia cerebrale - ischemia cerebrale transitoria Malattia cardiaca - infarto miocardico - angina - rivascolarizzazione miocardica - scompenso cardiaco Malattia renale - nefropatia diabetica - insufficienza renale - proteinuria Malattia vascolare periferica - aneurisma aorta addominale - claudicatio intermittens Retinopatia avanzata - emorragie ed essudati - papilledema

29 Fumo IperglicemiaObesità Ipertensione Dislipidemia Rischio cardio vascolare globale

30 Rischio CARDIOVASCOLARE globale I fattori di rischio interagiscono comportando un aumento moltiplicativo del rischio cardiovascolare Per ridurre il RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE è necessario identificare e trattare i principali fattori di rischio coesistenti nello stesso paziente

31 Treat global risk, treat aggressively


Scaricare ppt "La patologia vascolare nel cardiopatico: la dimensione del problema Maurizio Baroni."

Presentazioni simili


Annunci Google