La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Annalisa Ingaramo Scuola Secondaria Inferiore Sezione ANISN Piemonte.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Annalisa Ingaramo Scuola Secondaria Inferiore Sezione ANISN Piemonte."— Transcript della presentazione:

1 Annalisa Ingaramo Scuola Secondaria Inferiore Sezione ANISN Piemonte

2 CRONACA E SCIENZA A SCUOLA La motivazione......per la realizzazione della connessione tra la nuova conoscenza da acquisire e la struttura conoscitiva già esistente....occorre che lo studente voglia di fatto, e nel momento opportuno, mettere in relazione il contenuto dellapprendimento con la sua matrice cognitiva. La struttura di un contenuto di apprendimento va considerata in relazione con lesperienza continuata,, con i fenomeni economici, sociali e naturali. [M. Pellerey. PROGETTAZIONE DIDATTICA. 1983] Non soltanto un opportunità didattica, ma un dovere

3 COSTRUIRE LA CONOSCENZA Lo studente prende coscienza del proprio percorso di apprendimento e costruisce, passo dopo passo, la propria conoscenza. Si sono annotate le parole non note e gli interrogativi emersi su un quaderno e, man mano, aggiornato con le definizioni e le risposte.

4 CHE COSE UN TERREMOTO?... un terremoto o sisma è una vibrazione della crosta terrestre dovuto ad un improvviso sprigionamento di energia... [SCIENZA E NATURA. Loescher 2002] -Mi accorgo della vibrazione se utilizzo un sensore o se valuto gli effetti -Lenergia ha origine da un punto, ma si propaga su tutto il banco

5 COME SI PROPAGA LENERGIA? Onde sismiche COME HA ORIGINE LENERGIA? - Le rocce che formano la parte più esterna del pianeta Terra si comportano come il ramo, ma è necessaria molta più forza per spezzarle. POSSO PREVEDERE QUANDO SI SPEZZERA? POSSO PREVEDERE DOVE SI SPEZZERA? CHE COSA CREA LA FORZA CHE SPACCA LE ROCCE?

6 POSSO MISURARE QUESTA ENERGIA? La scala Mercalli –Cancani - Sieberg misura lintensità di un terremoto sulla base dei danni e degli effetti prodotti dallo stesso La raccolta delle informazioni deve essere effettuata direttamente da squadre di operatori o dalla raccolta dei questionari macrosismici che chiunque può compilare. POSSO SEMPRE MISURARE LINTENSITA DI UN SISMA? 1° Grado Impercettibile Scossa rilevata solo dai sismografi installati sopra l'epicentro. 2° Grado Lievissima Scossa rilevata dai sismografi installati a pochi chilometri dall'epicentro. Non viene avvertita dalla popolazione. 3° Grado Lieve Scossa considerata generalmente di assestamento, rilevata dai sismografi ubicati in un raggio di circa 10 chilometri dall'epicentro. Normalmente non viene percepita dalla popolazione. 4° Grado Moderata Sossa percepita solo ai piani più alti degli edifici, e rilevata dai sismografi posti a una distanza non superiore ai 100 chilometri. 5° Grado Media intensità Scossa che riesce a far oscillare i lampadari e far cadere qualche soprammobile nella zona direttamente interessata. Viene rilevata dai sismografi in un raggio di 200 chilometri dall'epicentro. 6° Grado Forte Scossa che provoca crepe nelle pareti e giunge a far suonare le campane a causa dell'oscillazione della struttura dei campanili. Rilevata dai sismografi distanti fino a 600 chilometri dall'epicentro. 7° Grado Molto Forte Scossa che può far crollare qualche edificio e provocare vittime. I sismografi la rilevano anche a distanza di 1000 chilometri dall'epicentro. 8° Grado Distruttiva Scossa che provoca crepe sul terreno, il crollo di diversi edifici, di campanili e che può provocare la caduta di massi dalle pareti delle montagne. 9° Grado Altamente distruttiva Crolla il 60% degli edifici. Nei laghi l'acqua si intorbidisce e si formano delle onde che si infrangono con forza sulla riva. Lo stesso dicasi per le acque dei mari. 10° Grado Fortemente distruttiva Distruzione totale degli edifici. Le rotaie dei treni si deformano, i ponti e le dighe possono crollare. Nel terreno si aprono larghe crepe. 11° Grado Catastrofica Catastrofe. I rilievi franano a valle e si aprono crateri nel terreno. 12° Grado Ampiamente catastrofica Distruzione di tutto quanto esiste in superficie in un raggio di chilometri dall'epicentro. ?

7 ATTRIBUISCI IL GRADO DI INTENSITA AI SISMI DESCRITTI DALLE SEGUENTI TESTIMONIANZE Fortissimo spavento. Danni con numerose crepe alle abitazioni e crollo di intonaci, cornicioni soprattutto a Salò e Val Sabbia. Fortunatamente solo 9 feriti lievi. Il giorno dopo si contano 600 persone con abitazioni lesionate che attendono verifiche sull'agibilità delle abitazioni. Avvertito un rumore sordo prolungatosi per oltre 15 secondi seguito da un forte movimento ondulatorio durato circa dieci secondi. Già al piano terra ondeggiano lampadari ed ogni cosa appesa, con oscillazioni anche molto evidenti. Al sesto piano del grattacielo dicono che si poteva osservare il movimento delle pareti, un acquario s'è svuotato quasi completamente dall'acqua che vi era contenuta. Crepe nei muri. Cigolio del letto per 5-6 secondi. Sto lavorando al PC e appena passata mezzanotte ho sentito una lieve scossa ondulatoria, a mio parare prolungata (più di dieci secondi di sicuro).....il palazzo è molto alto (8 piani), ha circa 40 anni... Informazioni ricavate dal sito Mercoledi 29 Dicembre h. 23:40:40 ora italiana. EPICENTRO e AREE ISOSISMICHE UNO STESSO TERREMOTO PUO AVERE INTENSITA DIFFERENTI? UNO STESSO TERREMOTO PUO FARE REGISTRARE INTENSITA DIFFERENTI? Commenta la frase: Gli effetti di un terremoto dipendono dal grado di intensità del sisma ?

8 SISMOGRAFOSISMOGRAMMA SCALA RICHTER e MAGNITUDO Immagini tratte dal libro che cosa sono i terremoti e come possiamo difenderci Ferrari, Midoro, Ott, Stucchi SEI I DUE TERREMOTI SONO STATI REGISTRATI DALLO STESSO SISMOGRAFO EQUIDISTANTE DAI DUE EPICENTRI. QUALE DEI DUE HA AVUTO MAGNITUDO MAGGIORE E QUALE INTENSITÀ MAGGIORE? ?

9 DOVE E QUANDO SI VERIFICANO I TERREMOTI? Con laiuto di un atlante e utilizzando la latitudine e la longitudine, individua sulla carta gli epicentri dei terremoti avvenuti nellultima settimana

10 OBIETTIVI - I terremoti non sono eventi rari - I terremoti di alta magnitudo non sempre causano disastri -I terremoti non sono distribuiti uniformemente sulla superficie del pianeta

11 ORIGINE DEI TERREMOTI MARGINI DI PLACCA E MOVIMENTO Confronto con la dislocazione dei vulcani

12 COME E POSSIBILE EVITARE CHE I TERREMOTI CAUSINO CATASTROFI? QUANDO la terra di nuovo tremerà scritto negli astri non sta, ma DOVE dirti potrò perchè facilmente lo so! DOVE E AVVENUTO UN TERREMOTO CERTAMENTE NE ACCADRA UNALTRO VITTIME ROTTURA DI EQUILIBRI ECONOMICI E SOCIALI TRAUMI PSICOLOGICI Se ti dicessero che nella tua città sta per avvenire un terremoto, che cosa faresti? Si salverebbero vite umane, ma non si eviterebbe la distruzione del sistema sociale ed economico RIFLETTIAMO...Quali sono i danni che può causare un terremoto? Brain storming Morti Distruzione case Caduta ponti Povertà Malattie Distruzione scuole Distruzione fabbriche Furti Paura Frattura rocce

13 LUOMO NON PUO INTERVENIRE SULLE FORZE CHE CAUSANO UN TERREMOTO PREVISIONEPREVENZIONE COMPLESSAINEFFICACE NON COSTRUZIONE IN ALCUNE REGIONI COSTRUZIONI ANTI SISMICHE LIMITAZIONI ALLA CRESCITA EDILIZIA COSTOSE NECESSITA DI MAPPE SISMICHE Prima 1980

14 PERICOLO, VULNERABILITA E RISCHIO Istanbul Lago Vittoria Madrid Mosca Gola di Olduvai Rift valley Rio de Janeiro San Francisco Tokyo In quali di queste località è possibile che si verifica una catastrofe sismica?

15 TERREMOTI IN PIEMONTE E LEGISLAZIONE La regione è interessata da una sensibile attività sismica, generalmente modesta come intensità, ma notevole come frequenza. ZONAZIONE AI SENSI DEL DM 4/02/1982 ZONAZIONE AI SENSI DELLORDINANZA PCM N.3274/2003 ZONAZIONE AI SENSI DEL DM 4/02/1982 I terremoti dal 1300: Le carte sismiche del Piemonte:


Scaricare ppt "Annalisa Ingaramo Scuola Secondaria Inferiore Sezione ANISN Piemonte."

Presentazioni simili


Annunci Google