La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Capitolo IX. La moneta La definizione e le funzioni della moneta: mezzo di scambio, riserva di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Capitolo IX. La moneta La definizione e le funzioni della moneta: mezzo di scambio, riserva di."— Transcript della presentazione:

1 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Capitolo IX. La moneta La definizione e le funzioni della moneta: mezzo di scambio, riserva di valore, unità di conto, mezzo per trasferire il valore nel tempo Il ruolo della banca centrale, delle banche e degli altri intermediari finanziari La definizione di domanda e offerta di moneta, le loro relazioni con il tasso di interesse e la determinazione dellequilibrio

2 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Che cosè la moneta? Insieme delle monete e delle banconote (circolante) Depositi bancari Altri strumenti finanziari (a seconda dellampiezza della definizione di moneta)

3 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Le funzioni della moneta Mezzo di scambio Unità di conto Riserva di valore

4 Caratteristiche della moneta Le funzioni della moneta sono state assolte nel corso dei secoli da diversi beni (conchiglie, bestiame, oro) aventi però le comuni caratteristiche di: divisibilità, trasferibilità, non deperibilità e generale accettazione come mezzo di pagamento. Nei moderni sistemi economici la moneta-merce è stata sostituita dalla moneta-segno, rappresentata dalle banconote emesse dalla Banca Centrale,che hanno corso legale, imposto cioè con legge dello Stato.

5 Il valore della moneta Il valore della moneta è il suo potere di acquisto, cioè la quantità di beni che si può acquistare in un dato momento con una data quantità di moneta ed è quindi strettamente correlato con il prezzo delle merci. Quindi A = 1/p. Quando aumenta il livello dei prezzi p, il valore della moneta A diminuisce e viceversa.

6 Teoria quantitativa della moneta Secondo tale teoria il valore della moneta varia in senso inverso alle variazioni della sua quantità. Nella formulazione originaria di Fisher MV = PQ, Dove M è la quantità di moneta in circolazione, V la velocità di circolazione della moneta, P il livello generale dei prezzi e Q la somma delle quantità di beni scambiati. Supponendo che V e Q (numero di transazioni che corrisponde ad una situazione di piena occupazione) siano costanti nel breve periodo, il livello dei prezzi varia in senso direttamente proporzionale alle variazioni della quantità di moneta e questultima non ha alcuna influenza sulle variabili reali delleconomia.

7 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Che ruolo svolgono le banche e le altre istituzioni finanziarie? La voce più importante nellofferta di moneta è data dai depositi bancari Le banche hanno un ruolo cruciale nel sistema monetario

8 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Le banche Si distinguono in Banche commerciali (banche al dettaglio) Banche di affari (banche di investimento, banche allingrosso)

9 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Le passività bancarie Si distinguono in Depositi a vista Depositi vincolati Certificati di deposito Operazioni di pronti contro termine Sono rappresentate dai depositi: infatti i clienti hanno la facoltà di richiedere le somme depositate e le banche hanno il dovere di restituirle

10 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Le attività bancarie Si distinguono in Circolante e conto presso la banca centrale Prestiti a breve termine – prestiti monetari (al tasso LIBOR) – repo (accordi di riacquisto) Prestiti a lungo termine (a scadenza fissa, scoperti e mutui) Sono rappresentate dai crediti delle banche nei confronti di terzi

11 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Redditività e liquidità La redditività di una banca si misura con il profitto medio per denaro raccolto o valore dellattivo La liquidità di una banca è misurata dal tasso di liquidità (il rapporto tra attività liquide e attività totali) La liquidità di unattività è data dalla facilità con cui può essere convertita in moneta senza sostenere costi

12 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Il rapporto di adeguatezza del capitale È una misura del capitale detenuto dalla banca in cui le attività sono ponderate sulla base del loro grado di rischio quanto più rischiosa è un'attività tanto maggiore è la quantità di capitale che la banca dovrebbe detenere CAR = (capitale Tier 1 + capitale Tier 2)/attività ponderate per il rischio Capitale Tier 1: riserve bancarie di utili non distribuiti e azioni ordinarie Capitale Tier 2: azioni privilegiate Attività ponderate per il rischio: valore delle attività bancarie ciascuna ponderata per un fattore di rischio

13 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 L'equilibrio tra redditività e liquidità Quanto più unattività è liquida tanto meno è redditizia e viceversa Gli obiettivi di liquidità e redditività sono in contrasto tra loro Le banche devono mantenere una parte del proprio attivo in contanti o in forma liquida devono fissare un tasso di liquidità ottimale

14 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 L'equilibrio tra redditività e liquidità Per conciliare i due obiettivi contrastanti della liquidità e della redditività le banche possono ricorrere al mercato secondario vendendo un'attività prima della sua scadenza In questo modo le banche possono colmare il maturity gap (cioè la differenza nella scadenza media dei prestiti e dei depositi) per fini di liquidità e mantenerlo per fini di redditività.In generale, tanto maggiore è questo gap, tanto più elevata è la redditività.

15 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 La cartolarizzazione È una pratica resa possibile dalla presenza di un mercato secondario e ha come effetto la riduzione del tasso di liquidità con cui le banche pensano di dover operare e l'aumento del maturity gap.

16 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 La cartolarizzazione Una banca vende i propri mutui prima della scadenza a una società veicolo (un'entità giuridica in genere creata dalla stessa istituzione finanziaria venditrice) La società veicolo finanzia l'acquisto dei mutui attraverso l'emissione di titoli detti collateralised debt obligation (CDO) Gli acquirenti delle CDO ottengono un profitto se il rendimento di questi titoli è pari a quello atteso

17 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Pericoli del mercato secondario Se tutte le banche pensano di poter operare con un tasso di liquidità inferiore il sistema bancario sarà meno liquido con la possibilità di un'espansione eccessiva del credito in periodi di espansione economica In caso di fallimento di una banca vi è il rischio di un effetto domino su sull'intero sistema bancario

18 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 La banca centrale Svolge due compiti vitali nelleconomia Esercita la vigilanza sullintero sistema bancario Provvede allofferta di moneta e conduce la politica monetaria

19 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Le funzioni della banca centrale La banca centrale Emette banconote Agisce come banca – per il governo – per le altre banche – per le banche centrali estere È agente del Tesoro nellemissione dei titoli del debito pubblico Fornisce la liquidità necessaria alle banche agendo come prestatore di ultima istanza Vigila sull'attività delle banche e delle altre istituzioni finanziarie Attua la politica monetaria e del tasso di cambio

20 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Lofferta di moneta Base monetaria in senso stretto (circolante)+Depositi a vista =M1 M2 + pronti contro termine e titoli obbligazionari a breve termine (fino a 2 anni)= M1+ Depositi vincolati, certificati di deposito = M2 MONETA IN SENSO AMPIO, M3

21 Canali di creazione della base monetaria Altre banche (richiesta di finanziamenti alla Banca Centrale) Tesoro (il suo fabbisogno finanziario può essere coperto con il ricorso al c.c. di tesoreria presso la B.C. Estero (un surplus o un deficit della bilancia dei pagamenti si traduce in un aumento o distruzione di base monetaria) Altri settori in cui avvengono operazioni atipiche

22 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 La moltiplicazione della moneta Le banche possono aumentare lammontare dei loro depositi attraverso un processo noto come moltiplicazione della moneta

23 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 La moltiplicazione della moneta: un esempio Esiste un solo tipo di passività: i depositi Esistono due tipi di attività: conto di tesoreria presso la banca centrale, crediti verso clienti Il coefficiente di riserva obbligatoria (pari al tasso di liquidità) è uguale al 10% Lo stato aumenta la spesa pubblica in misura pari a 10 con assegni emessi sul suo conto presso la banca centrale

24 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Il bilancio del sistema bancario (iniziale) ATTIVOPASSIVO Depositi100 Depositi presso la banca centrale 10 Prestiti90 TOTALE100TOTALE100

25 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Il bilancio del sistema bancario (dopo il deposito aggiuntivo) ATTIVOPASSIVO Depositi100 Depositi presso la banca centrale 10 Nuovi depositi10 Nuovi depositi presso la banca centrale 10 Prestiti90 TOTALE110TOTALE110

26 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Leffetto cumulato del deposito aggiuntivo Il tasso di liquidità è ora pari a 20/110>10% È possibile dare a prestito 9 unità di moneta I soldi vengono spesi e i venditori li depositano presso le proprie banche (lammontare dei depositi nel sistema bancario è ora pari a 119). Una volta effettuata la compensazione il saldo presso la banca centrale rimane inalterato Il tasso di liquidità è pari a 20/119, quindi 8,1 unità di moneta possono essere date a prestito e così via Alla fine del processo lofferta di moneta è aumentata di 100

27 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Il bilancio del sistema bancario (effetto cumulato) ATTIVOPASSIVO Depositi100 Depositi presso la banca centrale 10 Nuovi depositi 10 Nuovi depositi presso la banca centrale 10 Nuovi depositi (successivi) 90Prestiti90 Nuovi prestiti90 TOTALE200TOTALE200

28 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Il moltiplicatore dei depositi Un aumento iniziale dei depositi comporta un incremento dellofferta di moneta pari allammontare dellaumento per il moltiplicatore dei depositi Il moltiplicatore dei depositi è pari al reciproco del tasso di liquidità l Moltiplicatore dei depositi=1/l Nel nostro esempio con un tasso di liquidità pari al 10%, il moltiplicatore dei depositi è pari a 10 (10x10=100)

29 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 La moltiplicazione della moneta in pratica Nei fatti il processo di moltiplicazione non è così semplice Il tasso di liquidità delle banche può variare nel tempo I clienti possono non prendere a prestito tutto il credito offerto Può essere difficile calcolare il tasso di liquidità Parte del contante potrebbe essere prelevato dalle banche

30 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Cosa fa aumentare lofferta di moneta? Le banche decidono di ridurre il tasso di liquidità Il settore privato non bancario decide di tenere meno contanti Disavanzo del settore pubblico Afflusso di fondi dallestero CREAZIONE DI CREDITO ESPANSIONE DELLA BASE MONETARIA

31 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 La relazione tra offerta di moneta e tasso di interesse La teoria monetaria spesso assume che lofferta di moneta sia esogena (non dipendente dal tasso di interesse) Tasso di interesse Offerta di moneta MoMo

32 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 La relazione tra offerta di moneta e tasso di interesse Sembra plausibile ipotizzare che lofferta di moneta sia endogena Tasso di interesse Offerta di moneta MoMo Se, a partire dallequilibrio, aumenta la domanda di moneta, aumenta anche il tasso di interesse. Infatti se le banche hanno liquidità disponibile o se possono operare con un tasso di liquidità inferiore saranno incentivate a creare nuova moneta

33 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Quanta moneta domandiamo? Si distinguono tre moventi che spingono gli individui a domandare moneta 1.Movente transazionale 2.Movente precauzionale 3.Movente speculativo

34 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 La relazione tra domanda di moneta e tasso di interesse SALDO MONETARIO ATTIVO È dato dalla somma della domanda di moneta con movente transazionale e precauzionale La sua determinante principale è il livello del reddito nazionale (Y) Serve più moneta per i maggiori consumi SALDO MONETARIO INATTIVO È dato dalla domanda di moneta con movente speculativo La sua principale determinante è il tasso di interesse (r) Infatti il prezzo di unattività finanziaria è inversamente correlato al tasso di interesse. Se il prezzo dei titoli è basso, il tasso di interesse è elevato gli individui preferiranno investire e detenere meno moneta

35 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Domanda totale di moneta La domanda totale di moneta in funzione del tasso di interesse (dato Y) individua la curva della preferenza per la liquidità

36 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 La curva della preferenza per la liquidità È decrescente rispetto a r Una variazione del tasso di interesse provoca un movimento lungo la curva Una variazione del reddito nazionale provoca uno spostamento della curva Domanda di moneta r Md0Md0 Md1Md1 Y1>Y0Y1>Y0

37 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Lequilibrio sul mercato della moneta Si ha equilibrio quando la domanda di moneta uguaglia lofferta di moneta r M MdMd rere MeMe MoMo

38 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Laggiustamento allequilibrio Se r 1 >r e cè un eccesso di offerta di moneta. Gli individui la utilizzeranno per acquistare obbligazioni r M MdMd rere MeMe MoMo Il prezzo delle obbligazioni aumenta e quindi il tasso di interesse diminuisce fino a che non si raggiunge lequilibrio r1r1 ECCESSO DI OFFERTA

39 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Il collegamento tra mercato della moneta e mercato dei beni Sono due i canali attraverso i quali un aumento dellofferta di moneta provoca un incremento della domanda, e quindi del reddito: il tasso di interesse il tasso di cambio

40 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Il meccanismo di trasmissione del tasso di interesse 1.Laumento dellofferta di moneta porta a un eccesso di moneta al tasso di interesse corrente, che determina una diminuzione del tasso di interesse di equilibrio 2.La diminuzione del tasso di interesse incentiva le imprese a investire 3.Allo stesso tempo essa incoraggia i consumatori a spendere e disincentiva il risparmio Tutto ciò determina un aumento della domanda aggregata

41 Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Il meccanismo di trasmissione del tasso di cambio 1.Un aumento dellofferta di moneta determina un maggiore acquisto di attività finanziarie o beni esteri con un conseguente aumento della domanda di valuta estera 2.Esso determina un aumento della domanda di titoli esteri con una conseguente diminuzione del tasso di interesse, che rende più convenienti le attività finanziarie estere e scoraggia la domanda di titoli nazionali da parte dei residenti allestero. Per questo motivo il tasso di cambio diminuisce (la valuta nazionale si deprezza) 3.Per via di questa riduzione i residenti allestero domandano più beni nazionali (aumentano le esportazioni) e si riduce la domanda di beni esteri (diminuiscono le importazioni) Tutto ciò determina un aumento della domanda aggregata


Scaricare ppt "Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Capitolo 9 Capitolo IX. La moneta La definizione e le funzioni della moneta: mezzo di scambio, riserva di."

Presentazioni simili


Annunci Google