La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA DOCENTE: VALENTINO VECCHI VALENTINO STRATEGIE DI IMPRESA ANNO ACCADEMICO 2012 – 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA DOCENTE: VALENTINO VECCHI VALENTINO STRATEGIE DI IMPRESA ANNO ACCADEMICO 2012 – 2013."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA DOCENTE: VALENTINO VECCHI VALENTINO STRATEGIE DI IMPRESA ANNO ACCADEMICO 2012 – 2013

2 Presentazione del corso Numero di crediti formativi: 6 Numero di crediti formativi: 6 Durata corso: 48 ore Durata corso: 48 ore Orari: Orari: Martedì /Mercol Frequenza: NON obbligatoria Frequenza: NON obbligatoria Modalità di esame: scritto + orale Modalità di esame: scritto + orale Libro di testo: Grant, Lanalisi strategica per le decisioni aziendali, il Mulino, terza edizione, 2006 Libro di testo: Grant, Lanalisi strategica per le decisioni aziendali, il Mulino, terza edizione, 2006 Materiale didattico integrativo: slide Materiale didattico integrativo: slide

3 Obiettivi del corso Illustrazione dei concetti basilari, degli schemi e delle tecniche da utilizzare nellambito della gestione strategica delle imprese e finalizzati allassunzione di decisioni migliori o comunque più razionali

4 Contenuti del corso Definizione di strategia Definizione di strategia Analisi dellambiente e del settore Analisi dellambiente e del settore Analisi della concorrenza Analisi della concorrenza Analisi delle risorse e competenze aziendali Analisi delle risorse e competenze aziendali Lorganizzazione dellimpresa Lorganizzazione dellimpresa Il vantaggio competitivo Il vantaggio competitivo Ciclo di vita del settore Ciclo di vita del settore

5 Parti del testo da non studiare (leggere) Capitolo 2 Capitolo 2 Capitolo 4 paragrafo 4.3 Capitolo 4 paragrafo 4.3 Capitolo 5 paragrafo Capitolo 5 paragrafo Capitolo 7 paragrafo 3 Capitolo 7 paragrafo 3 Capitolo 8 paragrafo 4 Capitolo 8 paragrafo 4 Dal capitolo 11 a seguire Dal capitolo 11 a seguire

6 Cosè la gestione strategica? La gestione strategica dellimpresa è il sistema di decisioni (strategiche) da assumere nellambito della conduzione aziendale al fine di conseguire un vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti ed ottenere performance superiori

7 L essenza della gestione strategica PERFORMANCE SUPERIORI AI CONCORRENTI REDDITIVITA > COSTO DEL CAPITALE CONSEGUIMENTO VANTAGGIO COMPETITIVO A COSA SERVE LA STRATEGIA? INDIVIDUAZIONE SETTORI/SEGMENTI REMUNERATIVI

8 Lanalisi strategica alla base della gestione strategica cè l analisi strategica, il cui scopo è quello di individuare le fonti di profitto per limpresa favorendo lassunzione di decisioni strategiche che sfruttino adeguatamente tali fonti

9 Le decisioni strategiche Sono importanti Sono importanti Richiedono grossi impieghi di risorse Richiedono grossi impieghi di risorse Sono difficilmente reversibili Sono difficilmente reversibili

10 I fondamenti delle strategie di successo Profonda comprensione dellambiente esterno (dinamiche competitive e tendenze evolutive) Profonda comprensione dellambiente esterno (dinamiche competitive e tendenze evolutive) Valutazione obiettiva delle risorse e competenze Valutazione obiettiva delle risorse e competenze Obiettivi semplici, strategicamente coerenti e di lungo termine Obiettivi semplici, strategicamente coerenti e di lungo termine Implementazione efficace (capacità di cogliere le opportunità derivanti dal contesto ambientale valorizzando le risorse e le competenze aziendali) Implementazione efficace (capacità di cogliere le opportunità derivanti dal contesto ambientale valorizzando le risorse e le competenze aziendali)

11 La strategia vincente…… …….deve essere consona alle condizioni dellambiente interno ed esterno, in grado di creare un vantaggio competitivo sostenibile e capace di generare un miglioramento delle performance

12 analisi strategica analisi dellambiente interno analisi dellambiente esterno Le due direttrici dellanalisi strategica

13 analisi dellambiente esterno S.W.O.T. analysis analisi dellambiente interno OPPORTUNITA(opportunities) MINACCE(threats) PUNTI DI FORZA (strengths) PUNTI DI DEBOLEZZA (weaknesses)

14 Lattuale orientamento strategico (prodotti, mercato, clienti, tecnologia) consente di crescere? Lattuale orientamento strategico (prodotti, mercato, clienti, tecnologia) consente di crescere? I cambiamenti nel mercato e a livello competitivo migliorano o minano le prospettive aziendali? I cambiamenti nel mercato e a livello competitivo migliorano o minano le prospettive aziendali? Esistono nuovi mercati geografici e/o gruppi di clienti ai quali limpresa dovrebbe rivolgersi? Esistono nuovi mercati geografici e/o gruppi di clienti ai quali limpresa dovrebbe rivolgersi? Quali quelli da abbandonare? Quali quelli da abbandonare? I cambiamenti tecnologici celano opportunità o minacce? I cambiamenti tecnologici celano opportunità o minacce? Oltre la SWOT:analisi esterne

15 A cosa aspira limpresa? Quale posizione intende assumere allinterno del settore? A cosa aspira limpresa? Quale posizione intende assumere allinterno del settore? Limpresa sarà in grado di soddisfare gli stakeholder nei prossimi anni? Limpresa sarà in grado di soddisfare gli stakeholder nei prossimi anni? Le risorse e le competenze dellimpresa sono ben sfruttate? Ci sono modalità di sfruttamento alternative o complementari? Le risorse e le competenze dellimpresa sono ben sfruttate? Ci sono modalità di sfruttamento alternative o complementari? Quali risorse e competenze occorrono per lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi o per lavvio di nuove attività? Quali risorse e competenze occorrono per lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi o per lavvio di nuove attività? Lorientamento tecnologico dellimpresa è adeguato? Lorientamento tecnologico dellimpresa è adeguato? Oltre la SWOT:analisi interne

16 Alcune definizioni di strategia Determinazione delle finalità e degli obiettivi di lungo periodo di unimpresa e attuazione delle linee di condotta e allocazione delle risorse necessarie alla realizzazione di tali obiettivi Alfred Chandler

17 Alcune definizioni di strategia La strategia è il fondamento di obiettivi, finalità o scopi, comprende le politiche e i programmi atti al raggiungimento di tali obiettivi ed è espressa in modo tale da definire il settore allinterno del quale limpresa agisce o dovrà agire ed il tipo di impresa che è o dovrà essere Kenneth Andrews

18 Alcune definizioni di strategia Una strategia è il modello o lo schema che coordina gli obiettivi, le politiche e le linee di condotta principali di unorganizzazione in una sintesi unitaria e coerente. Una strategia ben formulata consente di ordinare e distribuire le risorse di unorganizzazione secondo una disposizione unica ed attuabile, fondata sulle sue competenze e i suoi limiti interni, sulla capacità di prevedere le mutazioni dellambiente e le relative mosse di avversari intelligenti James Brian Quinn

19 Alcune definizioni di strategia Tutto ciò che concerne la strategia di business è, in una parola, il vantaggio competitivo. Il solo scopo della pianificazione strategica è quello di consentire allimpresa di raggiungere, nel modo più efficiente possibile, un vantaggio sostenibile sui propri concorrenti. La strategia aziendale implica dunque un tentativo di alterare una forza dellimpresa connessa con quella dei suoi concorrenti nella maniera più efficiente Kenichi Ohmae

20 Oltre la definizione…… Obiettivo principale della strategia è garantire che la gestione aziendale determini un rendimento del capitale maggiore del suo costo

21 dove competere? strategia di gruppo (corporate) Gli interrogativi strategici come competere? strategia di business (competitiva) individuazione dei settori e dei mercati con tassi di profitto superiori alla media individuazione delle modalità competitive che determinando un vantaggio (competitivo) rispetto ai concorrenti garantiscono remunerazioni superiori al livello medio del settore

22 strategia realizzata strategia deliberata (top-down) (top-down) Il processo iterativo di formulazione delle strategie secondo Mintzberg strategia emergente (bottom-up) (bottom-up)

23 Strategie emergenti e deliberate STRATEGIE DELIBERATESTRATEGIE EMERGENTI Si sviluppano dall'alto verso il basso Si sviluppano dal basso Nascono dalle decisioni manageriali Nascono da processi di apprendimento Sono considerate un prodotto non modificabile Sono considerate un processo in continua evoluzione Sono esplicite e preordinate Sono implicite ed emergono dal confronto tra direttive ex- ante e comportamento ex-post Risentono degli equilibri di potere e delle routine organizzative Rompono equilibri di potere e routine organizzative

24 Il processo di emergenza pianificata Direzione Generale Esplicitazione mission e principi di business Definizione obiettivi di risultato e budget degli investimenti Direzione Unità di Business Piani operativi implementazione Aggiustamenti e adattamenti

25 I vantaggi derivanti dalladozione dei processi strategici Visione prospettica Visione prospettica Coerenza e qualità delle decisioni (processi razionali, condivisione di conoscenze, applicazione di strumenti analitici) Coerenza e qualità delle decisioni (processi razionali, condivisione di conoscenze, applicazione di strumenti analitici) Coordinamento (comunicazione, coinvolgimento, motivazione) Coordinamento (comunicazione, coinvolgimento, motivazione)


Scaricare ppt "UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA DOCENTE: VALENTINO VECCHI VALENTINO STRATEGIE DI IMPRESA ANNO ACCADEMICO 2012 – 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google