La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le Politiche Europee e Nazionali di Ricerca nel Settore Alimentare Luigi Rossi Co-chairman della PT Italian Food for Life e Direttore del Dipartimento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le Politiche Europee e Nazionali di Ricerca nel Settore Alimentare Luigi Rossi Co-chairman della PT Italian Food for Life e Direttore del Dipartimento."— Transcript della presentazione:

1 Le Politiche Europee e Nazionali di Ricerca nel Settore Alimentare Luigi Rossi Co-chairman della PT Italian Food for Life e Direttore del Dipartimento Biotecnologie, Agroindustria e protezione della Salute - ENEA CONVEGNO ITALIAN FOOD FOR LIFE PER UNA NUOVA PARTNERSHIP TRA INDUSTRIA E RICERCA FIERA DI PARMA, 8 MAGGIO 2008

2 Luigi Rossi - ENEA Analisi critica del sistema agro-alimentare Punti di forza: -Le dimensioni del settore industriale nazionale -La Piattaforma Tecnologica nazionale Food for Life e la sinergia con altre PT in itinere (Plants for the future, SusChem) -La ricognizione delle competenze nella ricerca pubblica Punti di debolezza: La polverizzazione del sistema produttivo La frammentazione della ricerca agro-alimentare La limitata presenza di strutture di R&ST interne al sistema delle imprese Le difficoltà nel trasferimento tecnologico e nelladozione delle tecnologie innovative

3 Luigi Rossi - ENEA Trasformare i punti di debolezza in Opportunità Le imprese possono produrre innovazione anche in assenza di un proprio settore di R&ST interno attraverso: la collaborazione con il sistema pubblico della R&ST lo stimolo delle Associazioni di Imprese e/o imprese clienti e/o fornitrici il monitoraggio dei risultati scientifici presenti in letteratura, in internet o nei brokerage events

4 Luigi Rossi - ENEA Riferimenti programmatici e strumenti finanziari Unione Europea -VII PQ Alimentazione, agricoltura e biotecnologie / Bio-economia -Piattaforme Tecnologiche Food for life, Plants for the future, SusChem, etc. -PAC MSE - Programma Industria 2015/Made in Italy - Sistema Agro-alimentare MUR - PNR (in predisposizione) - Quadro Strategico Nazionale (PON, POR, etc.) - FIRST - Fondo per gli Investimenti per la Ricerca Scientifica e Tecnologica - Centri di Competenza Tecnologica Iniziative interministeriali - Min. Salute, MIPAAF, MSE, MUR Consorzio per la ricerca sulla qualità e la sicurezza degli alimenti Altri riferimenti programmatici - MIPAAF, MATTM Iniziative Regionali (modalità e criteri per il finanziamento)

5 Luigi Rossi - ENEA Necessità di una Politica Nazionale della Ricerca applicata allagro-alimentare Enabling Technologies Tecnologie dellinformazione e comunicazione (ICT) Materiali avanzati ed intelligenti Biotecnologie Nanotecnologie CIBO SALUTE AMBIENTEENERGIA

6 Luigi Rossi - ENEA FP7 – PROGRAMMA QUADRO UE Finanzia la Ricerca e lo Sviluppo tecnologico europeo - Area tematica 7FP-KBBE "Prodotti alimentari, agricoltura, pesca e biotecnologie" Obbiettivi: - INNOVAZIONE - COMPETITIVITA' - CRESCITA Modalità: - COOPERAZIONE tra Imprese & Università/Centri di Ricerca - COPERAZIONE "INTERNAZIONALE" - DIFFUSIONE dei risultati della Ricerca - FORMAZIONE e MOBILITA' dei Ricercatori.

7 Luigi Rossi - ENEA LITALIA & IL FP7 – Programma Quadro UE Italia :da sempre riferimento internazionale per la Qualità e la Tipicità dei prodotti alimentari nonchè per il "gusto italiano" - Occasione per incrementare: Innovazione di processo e di prodotto competitività internazionale crescita delle esportazioni e collaborazione Imprese & Univ./Enti Ric.. livello internazionale (almeno 3 Paesi) finanziamenti europei alla Ricerca - ETP & ITP (es. Food for Life) : supporto per agevolare rapporto Imprese, Università/Enti di Ricerca, visione di insieme e di indirizzo strategico.

8 Luigi Rossi - ENEA Chi decide i Topic da pubblicare ed il testo? La COMMISSIONE EUROPEA Sentito il COMITATO DI PROGRAMMA

9 Luigi Rossi - ENEA In base a quali criteri di priorità il Comitato di Programma valuta i Progetti? - Internazionalità - Interesse generale - Emergenze attuali o criticità prevedibili - Eccellenza idea progettuale... - Eccellenza partecipanti - Progetti "singoli" e coerenti con linee guida - Presentati da più Delegazioni - Presentati da più Enti Istituzionali

10 Luigi Rossi - ENEA

11

12

13

14

15 Come aumentare le possibilità di successo delle proposte presentate o partire senza possibilità di successo CHIAREZZA, PRECISIONE & SINTESI I valutatori non sono "esperti" di tutti gli aspetti del progetto; proporsi come Valutatori Qualità Scientifica: solo parte dei Criteri di valutazione Progetti scritti nell'ultimo mese non passano l!! COMPETIZIONE MOLTO SELETTIVA È finanziato un solo progetto per topic Un ottimo progetto può anche arrivare secondo ma.... un progetto discreto non verrà mai finanziato!

16 Luigi Rossi - ENEA Come incrementare in Italia la collaborazione Imprese/Università per lattivazione di Progetti FP7 Eliminare le attuali remore sui temi "riservatezza" e "proprietà intellettuale" con: accordi ad hoc previsti dal FP7 progetti di innovazione in area pre-competitiva supportare le imprese, in particolare le PMI, nelle complesse pratiche burocratiche

17 Luigi Rossi - ENEA Progetto, elemento centrale Ovvero: come la ricerca incontra limpresa si passa di fatto dalla cultura della distinzione alla cultura dellintegrazione si contribuisce a superare il problema della frammentazione e della duplicazione delle strutture di ricerca si promuove la collaborazione e la sinergia tra le strutture pubbliche di ricerca

18 Luigi Rossi - ENEA Nel Progetto si definiscono chiaramente con i Partner: gli obiettivi di comune interesse e le modalità di incontro e di collaborazione le attività da realizzare le risorse finanziarie il collegamento con il territorio lutilizzo e la valorizzazione dei risultati la formazione professionale relativa al progetto

19 Luigi Rossi - ENEA Quadro Strategico Nazionale per la politica regionale di sviluppo La nuova politica regionale unitaria è finanziata da risorse aggiuntive nazionali e comunitarie per un totale di 122 miliardi di euro nel periodo Le risorse regionali e nazionali attingono al Fondo Aree Sottoutilizzate (FAS) definite già dalla Legge Finanziaria 2007 che ne ha stabilito, oltre lentità pari a circa 63 miliardi di euro, anche la settennalizzazione e limpegnabilità dal 1° anno. Circa l85% sarà destinato alle otto Regioni del Mezzogiorno ed il restante 15% alle undici Regioni e alle due Province Autonome del Centro-Nord. Alla macroarea Mezzogiorno andranno, complessivamente, circa 100 miliardi di euro mentre ai territori del Centro-Nord circa 19,5 miliardi di euro.

20 Luigi Rossi - ENEA Quadro Strategico Nazionale per la politica regionale di sviluppo LE PRIORITA

21 Luigi Rossi - ENEA Quadro Strategico Nazionale per la politica regionale di sviluppo Priorità 2. Promozione, valorizzazione e diffusione della Ricerca e dellInnovazione per la competitività Obiettivi generali Rafforzare e valorizzare lintera filiera della ricerca e le reti di cooperazione tra il sistema della ricerca e le imprese, per contribuire alla competitività e alla crescita economica. Promuovere e sostenere la massima diffusione e lutilizzo di nuove tecnologie e servizi avanzati. Innalzare il livello delle competenze e delle conoscenze scientifiche e tecnologiche nel sistema produttivo e nelle Istituzioni.

22 Luigi Rossi - ENEA Quadro Strategico Nazionale per la politica regionale di sviluppo Gli obiettivi specifici sono otto: Qualificare in senso innovativo lofferta di ricerca, favorendo la creazione di reti fra Università, Centri di Ricerca e il mondo della produzione e sviluppando meccanismi a un tempo concorrenziali e cooperativi in grado di assicurare fondi ai ricercatori più promettenti. Valorizzare competenze e funzioni di mediazione per superare i limiti di tipo relazionale e organizzativo tra gli attori del sistema della ricerca e dellinnovazione. Aumentare la propensione delle imprese a investire in ricerca e innovazione, sviluppando unofferta diversificata e innovativa di strumenti finanziari. Valorizzare il capitale umano per favorire processi di ricerca e innovazione, promuovendo lattrazione di investimenti, talenti e lassorbimento di risorse umane da parte del sistema delle imprese e favorendo una migliore e più intensa interazione fra queste ultime e le Università e i Centri di Ricerca e di Sviluppo Tecnologico. Valorizzare la capacità di ricerca, trasferimento e valorizzazione dellinnovazione da parte delle Regioni tramite la cooperazione territoriale. Sviluppare contenuti, applicazioni e servizi digitali avanzati e accrescerne la capacità di utilizzo, laccessibilità e la fruibilità anche attraverso adeguata promozione dellofferta. Sostenere la promozione di servizi pubblici moderni e rafforzare i processi di innovazione della Pubblica Amministrazione nei confronti delle nuove Tecnologie dellInformazione e Comunicazione. Garantire a cittadini, imprese e Pubblica Amministrazione laccesso alle reti, riducendo il divario infrastrutturale riguardante la banda larga nelle aree remote e rurali (aree deboli/marginali).

23 Luigi Rossi - ENEA Quadro Strategico Nazionale per la politica regionale di sviluppo Per le Regioni dellobiettivo Convergenza è stato approvato il PON - Programma Operativo Nazionale RICERCA E COMPETITIVITA Nel complesso al PON sono state assegnate risorse comunitarie FESR pari a Euro e pubbliche nazionali di pari importo da destinare ad interventi a favore delle Regioni dellobiettivo Convergenza (Campania, Sicilia, Puglia, Calabria) coerenti con le finalità delle Priorità del QSN: Promozione, valorizzazione e diffusione della Ricerca e dellinnovazione per la competitività; Competitività dei sistemi produttivi e occupazione; Apertura internazionale e attrazione di investimenti, consumi e risorse. Sono destinate alla attuazione delle politiche centrali ulteriori 7.759,4 Meuro, che portano a circa 14 miliardi di Euro la dotazione pubblica comunitaria e nazionale da destinate al sostegno della ricerca e della competitività nelle aree sottoutilizzate, di cui oltre il 92% da spendere nelle Regioni della Convergenza.

24 Luigi Rossi - ENEA PON - Programma Operativo Nazionale RICERCA E COMPETITIVITA Lobiettivo è quello di individuare le tecnologie chiave per ciascuna delle aree tecnologico-produttive giudicate strategiche e di tentare di stimare il loro potenziale di utilizzo nelle quattro Regioni Convergenza.

25 Luigi Rossi - ENEA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FESR REGIONE EMILIA-ROMAGNA La strategia del Programma si declina attraverso i seguenti obiettivi specifici: 1. rafforzare la rete della ricerca industriale e del trasferimento tecnologico e favorire la creazione di TecnoPoli per la competitività; 2. favorire la crescita delle imprese attraverso processi di innovazione; 3. promuovere la competitività energetica e la qualificazione energetico-ambientale e logistica; 4. valorizzare e promuovere il patrimonio ambientale e culturale della Regione a sostegno dello sviluppo socio-economico ed in quanto potenziale per lo sviluppo del turismo sostenibile. Il primo obiettivo specifico rafforzare la rete della ricerca industriale e del trasferimento tecnologico e favorire la creazione di TecnoPoli per la competitività ha un ruolo centrale per tutta la strategia regionale, individuando nella ricerca e sviluppo, nel trasferimento tecnologico, nella creazione di imprese innovative i fattori chiave del cambiamento. Questo obiettivo specifico vede quindi, in primo luogo, lesigenza di aumentare lintensità di rapporti tra il mondo della ricerca scientifica e tecnologica e il sistema produttivo. In questa stessa direzione si sono concentrati i più recenti sforzi di programmazione ed intervento della Regione attraverso il proprio Programma per la Ricerca Industriale, lInnovazione e il Trasferimento Tecnologico (PRRIITT). Nellanalisi di contesto è stata avviata una rete di nuove strutture espressamente dedicate alla ricerca di interesse industriale ed al trasferimento tecnologico, attualmente costituita da oltre 50 tra Laboratori di ricerca industriale e Centri per linnovazione.

26 Luigi Rossi - ENEA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FESR REGIONE EMILIA-ROMAGNA Le strutture previste puntano a rafforzare la componente della conoscenza nellambito del sistema produttivo regionale e si concentrano intorno ad alcune grandi tematiche tecnologiche di interesse industriale della Regione: lalta tecnologia meccanica - la principale - che si articola sui temi della progettazione avanzata, sui materiali innovativi e nanotecnologie, sulla meccatronica e microelettronica; lagroindustria e la sicurezza alimentare; le costruzioni, i materiali edili e le tecnologie del costruire e dellabitare; il risparmio energetico, le fonti energetiche alternative e le tecnologie ambientali; le tecnologie dellinformazione e della comunicazione per lo sviluppo dei servizi a banda larga e del multimediale; le scienze della vita e le tecnologie per la salute.

27 Luigi Rossi - ENEA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FESR REGIONE EMILIA-ROMAGNA

28 Luigi Rossi - ENEA Consorzio Italiano per la Ricerca sulla Qualità e la Sicurezza degli Alimenti Per far fronte alla crescente complessità del sistema agro-alimentare e dei problemi connessi allo stesso (qualità, salubrità e sicurezza degli alimenti, nuove tendenze nellalimentazione, impatto dellalimentazione e degli alimenti sulla salute, protezione dei consumatori, tecnologie di produzione, trasformazione e conservazione, etc.), nei principali Paesi europei si è andata consolidando la tendenza al RAFFORZAMENTO DELLE STRUTTURE DI RICERCA tramite operazioni di accorpamento e razionalizzazione, UNIFICANDO, IN SOSTANZA, LE ATTIVITA INDIRIZZATE ALLA RICERCA SUI PROCESSI DI PRODUZIONE A QUELLE CONCERNENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Fonte: Protocollo di intenti per la costituzione del Consorzio per la Ricerca sulla Qualità e la Sicurezza degli Alimenti.

29 Luigi Rossi - ENEA Consorzio Italiano per la Ricerca sulla Qualità e la Sicurezza degli Alimenti I Ministeri della Salute, delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, dell'Università e della Ricerca, dello Sviluppo Economico hanno espresso parere favorevole alla realizzazione di un'iniziativa di livello nazionale finalizzata a promuovere lo sviluppo del sistema di ricerca nazionale sulla qualità e la sicurezza degli alimenti, autorizzando le istituzioni di rispettiva competenza a procedere alla costituzione di un organismo finalizzato a tale obiettivo. (da: Protocollo di intenti per la costituzione del Consorzio per la Ricerca sulla Qualità e la Sicurezza degli Alimenti) Partecipanti al Consorzio: Istituto Superiore di Sanità (ISS) Istituto Nazionale per la Ricerca sugli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) Consiglio della Ricerca Agricola (CRA) Ente per le Nuove tecnologie. l'Energia e l'Ambiente (ENEA) Stazione Sperimentale per l'industria delle Conserve Alimentari (SSICA) Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI) Istituti Zooprofilattici Sperimentali (IIZZSS) Federazione Italiana dell'Industria Alimentare (FEDERALIMENTARE) Partecipanti al Consorzio: Istituto Superiore di Sanità (ISS) Istituto Nazionale per la Ricerca sugli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) Consiglio della Ricerca Agricola (CRA) Ente per le Nuove tecnologie. l'Energia e l'Ambiente (ENEA) Stazione Sperimentale per l'industria delle Conserve Alimentari (SSICA) Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI) Istituti Zooprofilattici Sperimentali (IIZZSS) Federazione Italiana dell'Industria Alimentare (FEDERALIMENTARE)

30 Luigi Rossi - ENEA Grazie per lattenzione Luigi Rossi


Scaricare ppt "Le Politiche Europee e Nazionali di Ricerca nel Settore Alimentare Luigi Rossi Co-chairman della PT Italian Food for Life e Direttore del Dipartimento."

Presentazioni simili


Annunci Google