La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Metodologia della Ricerca Sociale a.a. 2013-2014 Seconda esercitazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Metodologia della Ricerca Sociale a.a. 2013-2014 Seconda esercitazione."— Transcript della presentazione:

1 Metodologia della Ricerca Sociale a.a Seconda esercitazione

2 Esercizio 1 Lo sviluppo umano Lo sviluppo umano è «un processo di ampliamento delle possibilità umane che consenta agli individui di godere di una vita lunga e sana, essere istruiti e avere accesso alle risorse necessarie a un livello di vita dignitoso, nonché di godere di opportunità politiche economiche e sociali che li facciano sentire a pieno titolo membri della loro comunità di appartenenza» (Definizione UNDP)

3 Esercizio 1 Le dimensioni dello sviluppo umano Sviluppo umano Possibilità di avere una vita lunga e sana Possibilità di accedere alla conoscenza Possibilità di avere accesso a un livello di vita dignitoso

4 Esercizio 1 Gli indicatori dello sviluppo umano Sviluppo umano Possibilità di avere una vita lunga e sana Speranza di vita alla nascita Possibilità di accedere alla conoscenza Alfabetizzazione Scolarizzazione Possibilità di avere accesso a un livello di vita dignitoso PIL pro capite, a parità di potere d’acquissto (Speranza di vita in anni – 25) / (85-25) % di adulti alfabetizzati Tasso di scolarizzazione nei tre cicli di studio per la popolazione corrispondente PIL=Consumi+Spesa statale + Investimenti + (Esportazioni – Importazioni)

5 Esercizio 2 Il benessere equo e sostenibile Il progetto per misurare il benessere equo e sostenibile – nato da un’iniziativa del Cnel e dell’Istat – si inquadra nel dibattito internazionale sul cosiddetto “superamento del Pil”, stimolato dalla convinzione che i parametri sui quali valutare il progresso di una società non debbano essere solo di carattere economico, ma anche sociale e ambientale, corredati da misure di diseguaglianza e sostenibilità. Questo sito offre strumenti d’informazione sul progetto e consente a cittadini, istituzioni, centri di ricerca, associazioni, imprese di contribuire a definire “che cosa conta davvero per l'Italia”.

6 Esercizio 2 Il benessere equo e sostenibile: istruzione e formazione L’istruzione, la formazione e il livello di competenze influenzano il benessere dei soggetti e aprono opportunità altrimenti precluse. L’istruzione non ha solo un valore intrinseco ma influenza il benessere dei soggetti in modo diretto. I soggetti con livello di istruzione più alto hanno un tenore di vita più elevato e hanno maggiori opportunità di trovare lavoro, vivono di più e meglio perché hanno stili di vita più salutari e hanno maggiori opportunità di trovare lavoro in ambienti meno rischiosi. Inoltre, a livelli più elevati di conseguimento in termini di istruzione e formazione corrispondono livelli più elevati di accesso e godimento consapevole dei beni e dei servizi culturali, e una partecipazione attiva al processo di produzione nei settori della cultura e della creatività.

7 Esercizio 2 Il benessere equo e sostenibile: le dimensioni riferite a istruzione e formazione Istruzione formale. Intrapresa nelle scuole e nelle università è il pilastro principale delle competenze che i soggetti acquisiscono durante l’arco della vita. Formazione continua. I soggetti continuano ad acquisire competenze durante tutto l’arco della vita, in particolare al lavoro ma anche attraverso le attività svolte nel tempo libero. La partecipazione degli adulti ad attività formative è un elemento importante di miglioramento delle proprie competenze. Livelli di competenze. Istruzione e formazione sono indicatori del potenziale in termini di capitale umano ma non danno indicazioni sulle competenze reali della popolazione; per questo è necessario misurare le competenze realmente acquisite e il loro impatto sul benessere individuale. Partecipazione culturale. Rappresenta una fonte importante di “apprendimento casuale” collocandosi in un continuum con l’istruzione e la formazione, e influisce direttamente e positivamente sulla soddisfazione per la vita.

8 Esercizio 2 Il benessere equo e sostenibile: indicatori riferiti a istruzione e formazione DimensioneNome indicatoreDefinizione Istruzione formale Partecipazione alla scuola dell’infanzia Soggetti con almeno il diploma superiore Soggetti che hanno conseguito un titolo universitario Uscita precoce dal sistema di istruzione e formazione Giovani che non lavorano e non studiano (Neet) DimensioneNome indicatoreDefinizione Istruzione formale Partecipazione alla scuola dell’infanzia Bambini di 4-5 anni che frequentano la scuola dell’infanzia / bambini di 4-5 anni *100 Soggetti con almeno il diploma superiore Popolazione di anni che hanno completato almeno la scuola secondaria di II grado / popolazione di anni *100 Soggetti che hanno conseguito un titolo universitario Popolazione di anni che hanno conseguito un titolo universitario / popolazione di anni *100 Uscita precoce dal sistema di istruzione e formazione Popolazione di anni che hanno conseguito solo la licenza media e non sono inseriti in un programma di formazione / popolazione di anni *100 Giovani che non lavorano e non studiano (Neet) Popolazione di anni né occupata e né inserita in un percorso di istruzione o formazione / popolazione di anni *100

9 DimensioneNome indicatoreDefinizione Formazione continua Partecipazione alla formazione continua Livello di competenze Livello di competenza alfabetica degli studenti Livello di competenza numerica degli studenti Soggetti con alti livelli di competenza informatica Partecipazione culturale Esercizio 2 Il benessere equo e sostenibile: indicatori riferiti a istruzione e formazione DimensioneNome indicatoreDefinizione Formazione continua Partecipazione alla formazione continua Soggetti di anni che hanno partecipato ad attività di istruzione (formal education) e formazione (non-formal education) / popolazione di anni *100 Livello di competenze Livello di competenza alfabetica degli studenti Punteggio ottenuto nelle prove di competenza alfabetica funzionale degli studenti delle classi II della scuola secondaria di secondo Grado (Invalsi) Livello di competenza numerica degli studenti Punteggio ottenuto nelle prove di competenza numerica degli studenti delle classi II della scuola secondaria di secondo grado (Invalsi) Soggetti con alti livelli di competenza informatica Soggetti di 16 anni e più che sanno svolgere almeno 5 operazioni al computer tra le 6 elencate / popolazione di 16 anni e più Partecipazione culturale Indicatore sintetico sul livello di partecipazione culturale Basato sull’aggregazione dei seguenti indicatori: -Soggetti che hanno visto videocassette o DVD negli ultimi 12 mesi; -Percentuale di soggetti che nei 12 mesi precedenti l’intervista si sono recate almeno una volta a: cinema, teatro, musei e mostre, siti archeologici, monumenti, concerti; - Percentuale di soggetti che leggono il quotidiano almeno una volta a settimana; - Percentuale di soggetti che hanno letto almeno un libro nei 12 mesi precedenti l’intervista; - Percentuale di soggetti che leggono abitualmente qualche rivista; Basato sull’aggregazione dei seguenti indicatori: -Soggetti che hanno visto videocassette o DVD negli ultimi 12 mesi; -Percentuale di soggetti che nei 12 mesi precedenti l’intervista si sono recate almeno una volta a: cinema, teatro, musei e mostre, siti archeologici, monumenti, concerti; - Percentuale di soggetti che leggono il quotidiano almeno una volta a settimana; - Percentuale di soggetti che hanno letto almeno un libro nei 12 mesi precedenti l’intervista; - Percentuale di soggetti che leggono abitualmente qualche rivista;

10 Qual è il grado di soddisfazione professionale dei componenti di una determinata unità produttiva? Esercizio 3 La soddisfazione lavorativa Soddisfazione lavorativa: “uno stato emozionale piacevole o positivo derivante dalla valutazione del proprio lavoro o delle proprie esperienze di lavoro” (Locke, 1969, p. 314).

11 Economica (remunerazione, pensione, benefits, servizi, tutela) Simbolica (interesse per il lavoro, stima, prestigio, potere, rispetto) Relazionale (rapporti con i colleghi e i superiori) Organizzativa (ambiente di lavoro, servizi, materiali, supporti, carico di lavoro) Esercizio 3 Dimensioni della soddisfazione lavorativa

12 Esercizio 3 Dalle dimensioni della soddisfazione lavorativa agli indicatori Soddisfazione lavorativaEconomicaI1I..SimbolicaI.. RelazionaleI.. OrganizzativaI..In

13 ECONOMICA Possibilità di contare sulla stabilità lavorativa Adeguatezza della retribuzione alle esigenze personali Possibilità di contare su una pensione adeguata Adeguatezza della retribuzione al lavoro effettivamente svolto SIMBOLICA Possibilità di fare carriera Possibilità di valorizzare il percorso di studi svolto Possibilità di svolgere attività interessanti Riconoscimento del valore della propria attività all’interno dell’ambiente lavorativo Riconoscimento del valore della professione svolta all’esterno dell’ambiente lavorativo RELAZIONALE Qualità delle relazioni con i superiori Qualità delle relazioni con i colleghi ORGANIZZATIVA Autonomia decisionale nella scelta di modalità e procedure Comfort dell’ambiente di lavoro Possibilità di conciliare i tempi di vita privata e lavoro Possibilità di usufruire di strumenti adeguati alle mansioni svolte Autonomia nella gestione di tempi e ritmi di lavoro Dimensioni e indicatori della soddisfazione lavorativa Soddisfazione per…

14 Indicatori della soddisfazione lavorativa: definizione operativa Quanto sei soddisfatto dell’adeguatezza della retribuzione alle tue esigenze personali? Per nulla Del tutto □1 □2 □3 □4 □5 □6 □7 □8 □9 □10 □ Del tutto □ Molto □ Abbastanza □Poco □Per Nulla Nel caso di indicatori che richiedano l’interrogazione diretta dei soggetti lo stato sulla proprietà rappresenta il dato empirico.


Scaricare ppt "Metodologia della Ricerca Sociale a.a. 2013-2014 Seconda esercitazione."

Presentazioni simili


Annunci Google