La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Responsabilità e compiti nel progetto pilota 3. Ruolo del Gruppo di Lavoro (D.M. 436/MR) Individuazione scopi e caratteristiche del SNVI; definizione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Responsabilità e compiti nel progetto pilota 3. Ruolo del Gruppo di Lavoro (D.M. 436/MR) Individuazione scopi e caratteristiche del SNVI; definizione."— Transcript della presentazione:

1 Responsabilità e compiti nel progetto pilota 3

2 Ruolo del Gruppo di Lavoro (D.M. 436/MR) Individuazione scopi e caratteristiche del SNVI; definizione del SerVal (compiti, strumenti, struttura organizzativa, tempi, risorse); simulazione del 1° modello (pp ); revisione del modello pp1; simulazione del 2° modello (pp ); revisione del modello pp2; simulazione del 3° modello (pp ).

3 Ruolo Ministro Approvazione del pp3; richiesta di mantenere il riferimento nazionale per gli apprendimenti (campione probabilistico); definizione degli obiettivi del SerVal per il : –discipline (italiano, matematica, scienze); – classi (II e IV elementare, I media, I e III superiore) (indicazioni della riforma).

4 Compiti del GdL Informazione con Direzioni regionali e INValSI; definizione partecipazione: adesione libera; definizione strumenti con esperti e INValSI; definizione piano di campionamento con INValSI; definizione restituzione dati (elaborazioni, documenti).

5 Ruolo e compiti dellINValSI 1/3 Piano di campionamento: –criteri di campionatura; –selezione scuole; –selezione della classe allinterno delle scuole; informazione (sito progetto pilota); gestione organizzativa: –raccolta adesioni scuole con Dr (scheda elettronica);

6 Ruolo e compiti dellINValSI 2/3 –raccolta adesioni scuole campione con Dr; –formazione dei referenti delle Dr e degli IRRE; –supporto alla formazione; –definizione periodo somministrazione; –stampa prove (anche per soggetti con disabilità visiva e minoranze linguistiche);

7 Ruolo e compiti dellINValSI 3/3 –realizzazione materiale di supporto (pieghevole, elenchi, manuali, ecc.); – spedizione prove scuole; –supporto scuole durante fase somministrazione con Dr; –definizione controllo di qualità somministrazione a cura delle Dr; – ritiro scuole prove compilate; –immissione dati; elaborazione dati su indicazione del GdL.

8 Ruolo e compiti Direzioni regionali 1/2 (referenti regionali) Informazione; collaborazione con lINValSI organizzazione: –promozione adesione scuole, in particolare scuole campione; –individuazione scuole per sperimentazione somministrazione informatica; –individuazione scuole con studenti disabilità visiva; –organizzazione della formazione;

9 Ruolo e compiti Direzioni regionali 2/2 (referenti regionali) –organizzazione della somministrazione nella propria regione; –supporto alle scuole durante somministrazione; controllo di qualità della somministrazione (regolare esecuzione delle procedure) con particolare attenzione alle scuole campione; collaborazione con le scuole per analisi risultati.

10 Ruolo e compiti dei formatori provinciali formazione dei coordinatori con particolare attenzione ai coordinatori delle scuole campione; corso di formazione con lo scopo di: –fare conoscere il progetto in tutti i suoi aspetti; – assicurare il funzionamento delle operazioni di somministrazione prove; –organizzare la somministrazione con la DirReg nella propria regione; conoscenza accurata del ruolo coordinatore e procedure somministrazione.

11 Corso formazione coordinatori 1/4 Presentazione del progetto pilota e dei suoi obiettivi (esempi dei risultati del pp1 e dei dati restituiti alle scuole); sensibilizzazione ad una partecipazione consapevole degli studenti (riservatezza e non anonimato); scelta dei somministratori con dirigente scolastico (insegnante non della classe, ovvero rotazione degli insegnanti in servizio il giorno della somministrazione nelle classi partecipanti alla rilevazione); presentazione del ruolo del coordinatore e dei suoi compiti, compilazione degli elenchi studenti;

12 Corso formazione coordinatori 2/4 esclusioni (solo a livello elaborazione dati) e codice esclusioni; presenza studenti con disabilità visiva stessi strumenti ma in formato opportuno; presentazione procedure di somministrazione; garanzia delle stesse condizioni di misura: necessità di leggere le istruzioni ed utilizzare lo stesso linguaggio;

13 Corso formazione coordinatori 3/4 conservazione delle prove in un luogo sicuro; necessità di riportare i codici sulla copertina delle prove (etichette autoadesive con i codici a barre); controllo dei materiali e modalità di restituzioni materiali stessi (preparazione pacco e rinvio entro 3 giorni); conservazione copia elenchi; preparazione degli studenti ai test.

14 Corso formazione coordinatori 4/4 Per le scuole del campione: –somministrazione cartacea delle prove nella classe selezionata dallINValSI e comunicata scuola e Dr; –necessità di raggiungere il 90% di presenza degli studenti (tasso di rispondenza), eventuale sessione di recupero (strategie di recupero presenze) solo per gli assenti; –riconsegna degli strumenti tempo più lungo (una settimana – dieci giorni).


Scaricare ppt "Responsabilità e compiti nel progetto pilota 3. Ruolo del Gruppo di Lavoro (D.M. 436/MR) Individuazione scopi e caratteristiche del SNVI; definizione."

Presentazioni simili


Annunci Google