La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE LAUREA MAGISTRALE IN TURISMO, TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE 1 - lezioni AA 2012-2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE LAUREA MAGISTRALE IN TURISMO, TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE 1 - lezioni AA 2012-2013."— Transcript della presentazione:

1 POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE LAUREA MAGISTRALE IN TURISMO, TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE 1 - lezioni AA

2 QUALCHE DATO SUL TURISMO ITALIANO - Italiani che hanno effettuato almeno una vacanza allanno- 1959: 11,3%; 1965: 21%; 1975: 35,4%; dopo gli anni 80: >50%. -Italiani in vacanza allestero – 1965: 4,1%; 1975:10,2%; dopo gli anni 80: 25%. -Arrivi stranieri in Italia – 1950: 5 ml (20% degli arrivi mondiali); 1960: 11ml (16%); oggi: 43ml (5° a livello mondiale. -Occupati: 2,2 ml ; incidenza PIL : 9 %.

3 CARATTERISTICHE DEL TURISMO OGGI - 1 I viaggi sono diventati più brevi Il turismo si presenta come un consumo con una bassa elasticità rispetto allandamento economico. Lintermediazione perde sempre più peso: aumentano i viaggi autoorganizzati (70% dagli italiani; 51% tedeschi; 44% inglesi). La tecnologia ha influenzato il comportamento di viaggio (internet, amici, pochi media e guide)

4 CARATTERISTICHE DEL TURISMO OGGI - 2 Aumento dellagriturismo (in Italia , +144% delle strutture, +180% dei posti letto dal 2000 al 2010). Aumento dei B & B (in Italia ). Cresce la domanda di turismo lento: lo spostamento rientra nella vacanza (turismo veloce: la distanza tra punto di partenza e punto di arrivo è una variabile trascurabile). Aumenta la domanda di turismo culturale declinato in vari modi.

5 LE SPECIFICITA DELLOFFERTA TURISTICA ITALIANA DI INDISCUTIBILE VALORE MA …. Patrimonio artistico e culturale. Produzione agroalimentare e enogastronomica. Paesaggio. Valore dellaccoglienza. Struttura imprenditoriale. Coordinamento pubblico/privato.

6 I TEMI DA AFFRONTARE SECONDO IL TCI - 1 Accessibilità La questione Sud Innovazione tecnologica Famiglie, anziani e disabili Priorità ai servizi

7 I TEMI DA AFFRONTARE SECONDO IL TCI - 2 Sviluppo durevole e sostenibile Puntare sui giovani Qualità Il turista al centro Nuovo impulso alla promozione e alla commercializzazione del prodotto (strategie comuni tra enti, istituzioni, privati).

8 CITTA E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE LOCALI – Fondazione Res RISORSE LOCALI: patrimonio di beni culturali ed ambientali; di conoscenze legate al progresso scientifico e di sapere diffuso, radicato in specializzazioni produttive, che contribuiscono a definire lidentità di un luogo. E importante valutare come le città riescano a operare come trasformatrici efficaci delle risorse locali e come generatori di nuove risorse.

9 GLOBALIZZAZIONE E DELOCALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA La delocalizzazione è in crescita ma riguarda prevalentemente le attività più semplici e più sensibili al costo del lavoro. Essa coinvolge in misura minore – per il momento- le attività più complesse, legate alla concezione di nuovi prodotti di qualità, al design, allorganizzazione dei processi e alla fornitura di servizi più sofisticati.

10 STRATEGIE COMPETITIVE In generale, la ricerca di innovazione e di qualità, la spinta alla differenziazione dei prodotti e dei servizi, come strategie competitive volte a contrastare la concorrenza di costo, danno invece un maggior rilievo alle città, quali luoghi privilegiati di una molteplicità di funzioni cruciali nellofferta di economie esterne materiali e immateriali.

11 GLOBALIZZAZIONE E CONSUMI La stessa globalizzazione determina la formazione di gruppi sociali più istruiti e con redditi più elevati nei paesi emergenti. Si può ipotizzare che questi soggetti contribuiranno sensibilmente ad alimentare una domanda di consumo di qualità, sia per i prodotti ad elevata tecnologia, sia per beni nei quali la componente simbolica e i legami con specifiche tradizioni di saper fare e di identità territoriali sono importanti.

12 QUALCHE DATO Secondo i dati sul commercio estero forniti dal WTO, dal 2000 al 2010 le importazioni di prodotti manifatturieri da parte dei paesi BRIICS sono quasi quadruplicate (+377%) a fronte di una crescita del commercio mondiale del 111%. Questa tendenza appare ancora più accentuata se si considerano alcuni settori dellalta tecnologia. Se il commercio internazionale di questi beni ha un andamento molto simile a quello dei prodotti manifatturieri (+ 96%), nei BRIICS le importazioni di tali beni ammontano al +474%.

13 GLOBALIZZAZIONE E TURISMO Le grandi trasformazioni economiche e sociali in corso alimenteranno una domanda turistica crescente volta a fruire dei beni culturali e storico-artistici nelle città dei paesi avanzati.

14 QUALCHE DATO Secondo i dati dellOrganizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO), tra il 1990 e il 2010 i flussi turistici mondiali sono aumentati del 116 %, passando da 435 a circa 940 milioni di turisti anno. Di questi, circa la metà ha visitato i 23 paesi a economia avanzata, la restante parte (47%) ha scelto di visitare paesi emergenti. Nel 2010 lEuropa ha accolto circa il 50% dei flussi turistici mondiali. LItalia mostra unattrattività inferiore alla media europea (+82,2%)

15 LE COMPONENTI DELLE RISORSE LOCALI - 1 Il patrimonio naturale e culturale legato alla storia lunga e ai caratteri naturali del territorio. Le conoscenze scientifiche derivano da politiche pubbliche che hanno determinato gli insediamenti di università e centri di ricerca. Il sapere diffuso frutto dellaccumulazione di competenze in attività che hanno a lungo caratterizzato le relazioni tra le comunità locali e il mercato.

16 LE COMPONENTI DELLE RISORSE LOCALI - 2 Nelle città e nelle aree vaste che su di esse gravitano, queste risorse sono spesso compresenti e ne definiscono lidentità specifica. Queste risorse si prestano a stabilire una base competitiva che combina insieme identità e tradizione con innovazione.

17 OPPORTUNITA DATE DALLE RISORSE LOCALI NEI PS La domanda crescente di beni di consumo di qualità e i nuovi flussi turistici aprono importanti opportunità per i PS, perché consentono di sottrarsi alla concorrenza di costo in produzioni manifatturiere tradizionali. Si tratta di una prospettiva di particolare rilevanza per lItalia, ma ancora di più per il Mezzogiorno.

18 BIBLIOGRAFIA Trigilia C. e Casavola P. (a cura di), 2012 Fondazione Res, La nuova occasione. Città e valorizzazione delle risorse locali, Donzelli, Roma. Consiglio italiano per le scienze sociali, 2012 Libro bianco sul governo delle città italiane, De Matteis G. (a cura di) 2011 Le grandi città italiane. Società e territori da ricomporre, Marsilio, Venezia.

19


Scaricare ppt "POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE LAUREA MAGISTRALE IN TURISMO, TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE 1 - lezioni AA 2012-2013."

Presentazioni simili


Annunci Google