La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La relazione di consulenza 9 dicembre 2008 Annunciata Maccarana.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La relazione di consulenza 9 dicembre 2008 Annunciata Maccarana."— Transcript della presentazione:

1 La relazione di consulenza 9 dicembre 2008 Annunciata Maccarana

2 Le forme dellaiuto Azione diretta Dare informazioni Dare feedback Insegnamento Formazione al comportamento Dare consigli (consulting) Relazione daiuto Counseling Psicoterapia

3 Dare consigli (consulting) Il processo di consulting inizia con la percezione, da parte del cliente,di realizzare il cambiamento desiderato. Il processo di consulenza chiarisce le esigenze e definisce il metodo per ottenere i risultati desiderati. Il potere del tecnico Il potere del medico Il potere del consulente

4 Quando ci si avvale di un consulente tecnico? È già stata accertata la competenza e lesperienza del consulente È chiaro il bisogno e lesigenza di soddisfarlo Sono note le condizioni dofferta del servizio

5 Quando ci si avvale di un consulente medico? Si avverte il bisogno ma non si sa fare diagnosi corretta e non si sa come porvi rimedio Si conoscono i sintomi Si è disposti ad accettare la diagnosi e ad attenersi alla terapia

6 Quando ci si avvale di un consulente puro? Si soffre ma non conosce lorigine del disagio e non si sa come curarlo Non si conosce la varietà dellofferta dei servizi o non si sa a chi rivolgersi Il consulente è il solo a sapere quale forma dintervento può funzionare

7 Per dare consigli occorre: Possedere competenze e conoscenze specialistiche Approccio volto al risultato Capacità analitiche Approccio proattivo Capacità di comunicazione Tenacia Integrità Spirito dinnovazione Capacità di gestione del processo di consulenza

8 Le basi del potere del consulente Potere dellesperienza Potere di collegamento Potere dellinformazione Potere della legittimazione Potere di riferimento Potere di ricompensa

9 la prestazione professionale di una persona (e/o gruppo, organizzazione) che, avendo accertata esperienza e pratica in una materia, consiglia e assiste il proprio cliente nello svolgimento di atti, fornisce informazioni e pareri. Compito del consulente è quindi, una volta acquisiti gli elementi che il cliente possiede già, di aggiungervi quei fattori della sua competenza, conoscenza e professionalità che possono promuoverne sviluppi nel senso desiderato Definizione di consulenza (da Wikipedia)

10 La relazione di consulenza Relazione che si propone come finalità quella di aiutare una ridefinizione dei problemi per renderli, rispetto al cliente, più affrontabili consiste conseguentemente di un lavoro di esplicitazione delle esigenze e nel far venire fuori dallaltro, in parte, la soluzione del problema E sostanziale il rapporto di fiducia

11 ...richiede di aprire, non chiudere empatia accettazione non giudizio trasparenza genuinità congruenza del consulente della relazione

12 Capacità di base ascolto dellaltro comprensione degli atteggiamenti e delle preoccupazioni dellaltro comunicazione gestione dellansia stare nel ruolo: consulenza dimensionata non strafare occupare gli spazi

13 O B I E T I V O B I E T I V O ACCOGLIMENTO GESTIONE CONGEDO assicurarsi della soluzione dell'esigenza verificare eventuali tappe successive consolidare il clima positivo e la fiducia creare un clima favorevole suscitare una reazione positiva trasmettere affidabilità comprendere l'esigenza del Cliente costruire sintonia relazionale individuare soluzioni presentarsi al Cliente individuare e risolvere consolidare il rapporto Le fasi della relazione

14 Lascolto attivo Comunicare lascolto Ascoltare Lascolto non può essere solamente passivo La comprensione dellaltro richiede sollecitazioni, esplicitazioni, concessione di spazi LASCOLTO E UN PROCESSO A DUE VIE

15 Lascolto attivo è una tecnica che permette di : Aumentare le informazioni condivise fra due o più interlocutori Accrescere la sintonia fra gli interlocutori stessi anche comunicando lintenzione di capire prima di formulare giudizi

16 Come? Uso di domande Tecniche di riformulazione Tecniche di ricapitolazione Empatia Linguaggio di precisione

17 Uso di domande Quando comunico devo tenere presente : Le domande di precisione sono utili uper mettere a fuoco la natura dellesigenza e i dati che è necessario conoscere per risolverla uper raccogliere le informazioni al fine di colmare il dislivello di conoscenza COSA SO PER CAPIRE COSA MI MANCA COSA MI SERVE SAPERE

18 Tipologia di domande Domande aperte Imprecisioni Domande di specificazione Domande di approfondimento Raccolta dati Domande chiuse e aperte Domande di allargamento ?

19 Tecniche di riformulazione Verificare di avere compreso Ripetere quello che è stato detto dallaltro parafrasando e usando termini e concetti diversi per verificare che si sta intendendo la stessa cosa Eliminare la negatività Riformulare quanto detto dallaltro per esempio eliminando tutti i termini e gli accenti che trasmettono negatività così da rendere neutra la sua dichiarazione Come ?Obiettivo Comunicare allinterlocutore: di aver ascoltato di aver rielaborato di voler capire

20 Tecniche di riformulazione Ricapitolare significa riassumere e ribadire i punti essenziali della comunicazione per : Comunicare allaltro che lo si sta ascoltando Sottolineare i punti salienti della comunicazione e rafforzarne il ricordo Chiarire e concordare le conseguenze pratiche e operative della comunicazione

21 Empatia Per entrare in sintonia relazionale con laltro è importante : COMUNICARE CON EMPATIA le parole che dice le emozioni che prova Mettersi nei panni dellaltro per sentire : COMUNICARE EMPATIA Comunicare allaltro la propria attenzione attraverso : atteggiamento aperto messaggi di conferma

22 Il linguaggio di precisione Il linguaggio di precisione è una tecnica di ascolto attivo utile quando si vuole : Raccogliere informazioni chiare, precise, definite e circoscritte Comprendere situazioni in modo inequivocabile Fornire informazioni che siano messaggi chiari e comprensibili Applicando questa tecnica si lavora sulla mancanza di precisione

23 Tipologie di imprecisione Mancanza di collocazione spaziale Mancanza di collocazione temporale Verbi di necessità Mancanza della misura Verbi di impossibilità Mancanza di soggetto

24 Le domande di precisione SOGGETTO Tutti quelli con cui ho parlato mi hanno detto che è possibile Con chi ha parlato, in particolare? COLLOCAZIONE SPAZIALE Ovunque vada non riesco ad ottenere risposta Quando dice ovunque a quale ente si riferisce ? MISURA DI RIFERIMENTO Ho provato a telefonare molte volte Quante volte esattamente ?

25 Le domande di precisione Da quando ho fatto presente il problema, non si sono mai fatti trovare Con mai intende neanche una volta in tutti questi mesi ? COLLOCAZIONE TEMPORALE NECESSITÀ E IMPOSSIBILITÀ Non posso portarvi il certificato Intende che è impossibilitato a farlo ?


Scaricare ppt "La relazione di consulenza 9 dicembre 2008 Annunciata Maccarana."

Presentazioni simili


Annunci Google