La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Razza e Impero sono parole chiavi del Fascismo fin dalle origini: Il fascismo rappresenta il prodigio della razza italiana, che si ritrovava, si riscatta,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Razza e Impero sono parole chiavi del Fascismo fin dalle origini: Il fascismo rappresenta il prodigio della razza italiana, che si ritrovava, si riscatta,"— Transcript della presentazione:

1 Razza e Impero sono parole chiavi del Fascismo fin dalle origini: Il fascismo rappresenta il prodigio della razza italiana, che si ritrovava, si riscatta, che vuol essere grande (18 giugno 1923) Roma è sempre, e domani e nei millenni, il cuore potente della nostra razza (24 giugno 1923) IL NUOVO ORDINE MEDITERRANEO

2 Nei riguardi della politica interna il problema di scottante attualità è quello razziale. Anche in questo campo noi adotteremo le soluzioni necessarie. Coloro i quali fanno credere che noi abbiamo obbedito a imitazioni, o peggio a suggestioni, sono dei poveri deficienti ai quali non sappiamo se dirigere il nostro disprezzo o la nostra pietà. Il problema razziale non è scoppiato allimprovviso come pensano coloro i quali sono abituati a bruschi risvegli, perché sono abituati ai lunghi sonni poltroni. E in relazione con la conquista dellimpero: perché la storia ci insegna che gli imperi si conquistano con le armi ma si tengono col prestigio. E per il prestigio occorre una chiara severa coscienza razziale che stabilisca non soltanto delle differenze, ma delle superiorità nettissime. Il problema ebraico non è dunque che un aspetto di questo fenomeno. (18 settembre 1938)

3 Il nuovo ordine mediterraneo: Il fascismo si proponeva di: organizzare limpero utilizzando come modello limpero romano: obiettivo di Mussolini nellespansione territoriale era proporsi come guida, organizzare lo spazio conquistato imponendo ai popoli sottomessi il diritto e la cultura fascista (oltre ovviamente a sfruttare le risorse economiche dei paesi occupati)

4 Il nuovo ordine mediterraneo: Lidea base era quella di affiancare nella costruzione del nuovo ordine la Germania hitleriana lItalia per il Mediterraneo il 3° reich per lEuropa la crisi economica internazionale in Italia aveva inoltre favorito tendenze belliciste e imperialiste, già implicite nella dottrina fascista le politiche di occupazione dellEuropa mediterranea devono quindi essere inserite a pieno titolo nella storia del regime fascista dellItalia e della seconda guerra mondiale

5 LIMPERO FASCISTA Il testo scolastico Il secondo libro del fascista del 1940 (anno XVIII dellera fascista) recita: Il popolo italiano è, per sua natura e in conseguenza della sua storia, un popolo colonizzatore Per lItalia, colonie non sono semplicemente territori da sfruttare, ma da popolare e da civilizzare

6 LIMPERO Costruzione di uno stato razziale che risulta in antitesi con limpero Romano che fondava la sua forza nel continuo cambio di strategia di conquista a cui il regime si ispirava. Condizione di sudditanza degli africani. Divieto di matrimoni misti. La colonizzazione di Roma fascista viene vista come occupazione di territori stranieri, che conduce ad una violenta sottomissione dei popoli.

7 AFRICA Produzione immediata di istituzione militari, politiche e amministrative ai fini della valorizzazione economica Libia, 1934: nasce dall unificazione di Tripolitania e Circenia Etiopia : le popolazioni locali vengono considerate come razza inferiore (Levidente inferiorità di alcune razze, e specialmente di quella che sia convenuta di chiamare negroide …) ORGANIZZAZIONE DEI TERRITORI OCCUPATI

8 In Jugoslavia nei territori annessi: si cerca di realizzare la fascistizzazione delle nuove province le organizzazioni di partito sostituiscono le associazioni ricreative sociali, politiche e culturali jugoslave l introduzione affrettata della legislazione del regno e le enormi misure di italianizzazione portano al caos dell amministrazione e della giustizia

9 In Jugoslavia nei territori militarmente occupati: le principali attività sono tutte al servizio delle truppe di occupazione si assiste all insediamento di centri di assistenza cioè nuclei che favorivano l insediamento dei fasci di combattimento In entrambi solo i cittadini italiani sono ammessi alle associazioni I tribunali militari, che giudicano anche i reati penali politici degli autoctoni a danno dell esercito italiano, contribuiscono alla repressione dell opposizione.

10 NELLA JUGOSLAVIA OCCUPATA LA POLITICA DEL FASCISMO VERSO GLI SLAVI PRIMA DELLA GUERRA Difesa del confine nazionale: forte aggressività contro i nemici esterni (serbi, croati, sloveni in particolare) e interni (comunità slovene e croate nellex litorale) Distruzione dellidentità nazionale: delle popolazioni slovene e croate, ormai parte della patria italiana Aspetti Sociali: vietato luso pubblico della lingua slovena e croata, abolizione della stampa slava, chiusura dei circoli culturali. Aspetti Politici: eliminazione della libertà di stampa, abolizione delle associazioni politiche, persecuzioni agli antifascisti, controlli di polizia)

11 Classe dirigente: Persecuzione di preti, maestri e capi di villaggio slavi, sostituzione della borghesia slava con elementi di provata fede italiana. Spinte migratorie : Verso la Jugoslavia e LAmerica latina per motivi politici ed economici, ciò cambiò la composizione sociale della popolazione che aveva subito un appiattimento verso il basso.

12 LA COLLABORAZIONE Appoggio popolazione locale ragioni ideologiche ragioni legate alla sussistenza:accomodarsi con loccupante, scelta del minore dei mali Astio popolazione locale studenti: partito comunista professionisti partigiani ceti colti, intellettuali clero ortodosso jugoslavo ed ellenistico,clero cattolico Scelta collaboratori: corrente politica, minoranza etnica o religiosa in attrito con la società – aiuto di denaro e derrate alimentari

13 Jugoslavia: la tradizionale inclinazione alluso del terrore come mezzo politico genera guerra religiosa e controterrore e provoca la riemersione di bande armate bosniache, dalmate, slovene ed erzegovesi Le decisioni prese da altri stati o da altre potenze occupanti ebbero conseguenze di rilievo nei territori conquistati dagli italiani. Ad esempio, i tedeschi conclusero un accordo con i croati per il trasferimento in Croazia di circa 220 – 260 mila croati etnici residenti in Slovenia non germanizzabili. Zagabria domandò in cambio che un terzo dei serbi di Croazia (circa 250 mila) fossero trasferiti in Serbia. Laccordo portò al trasferimento in Croazia di circa 54 mila sloveni, ma a causa di esso den 17 mila persone lasciarono la zona incorporata al Reich e si rifugiarono nelle zone italiane Questi eventi lasceranno pesantissime eredità di odio etnico alla ex-Jugoslavia fino ai nostri giorni

14 INDIVIDUI SOSPETTI (e quindi schedati e controllati) Ebrei che risiedono nelle città dalmate italiane Ebrei rifugiati nelle province dalmate italiane LA POLITICA ITALIANA DEI TERRITORI OCCUPATI NEI CONFRONTI DEGLI EBREI

15 Perché gli Ebrei croati si rifugiavano nelle province dalmate italiane? Maggiore possibilità di sopravvivenza Migliori condizioni di vita Penetrare in suolo italiano significava sottrarsi alla sicura persecuzione croata Dove venivano allontanati? Consegnati agli ustascia croati In campi di concentramento nazisti in Europa orientale

16 ITALIANI BRAVA GENTE? Smentita del salvataggio umano In Croazia: antisemitismo spietato Nei territori italiani: gli Ebrei vengono riconsegnati ai Croati malgrado fosse ben nota lesistenza dei campi di concentramento e di sterminio Idea di liberarsi Dagli ebrei Dai comunisti Dai nuclei familiari di ufficiali serbi Dagli impiegati pubblici dellex Jugoslavia Come? Ritiro della tessera del pane Eliminazione dei nominativi ebraici dagli elenchi telefonici Sospensione dellinternamento


Scaricare ppt "Razza e Impero sono parole chiavi del Fascismo fin dalle origini: Il fascismo rappresenta il prodigio della razza italiana, che si ritrovava, si riscatta,"

Presentazioni simili


Annunci Google