La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COMMISSIONE MIGLIORAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 area di miglioramento scelta PROGETTAZIONE DELLA DIDATTICA E VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI Referente Prof.ssa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COMMISSIONE MIGLIORAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 area di miglioramento scelta PROGETTAZIONE DELLA DIDATTICA E VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI Referente Prof.ssa."— Transcript della presentazione:

1 COMMISSIONE MIGLIORAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 area di miglioramento scelta PROGETTAZIONE DELLA DIDATTICA E VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI Referente Prof.ssa Rossella Nocerino Elaborazione dati: Prof. Antonio Cavaliere

2 MOTIVAZIONE E OBIETTIVI LA NECESSITA’ DI MIGLIORARE L’ASPETTO DELLA VALUTAZIONE E DELLA PROGETTAZIONE DIDATTICA ERA EMERSA GIA’ DA TEMPO NEL NOSTRO ISTITUTO. L’INCONTRO CON IL TEAM DI VALUTAZIONE HA RESO TALE NECESSITA’UN OBIETTIVO COMUNE E CONDIVISO IN TUTTI E TRE GLI ORDINI DI SCUOLA L’OBIETTIVO E’ DI GIUNGERE AD UN SISTEMA DI VALUTAZIONE COMUNE, E CONDIVISO DA TUTTI I DOCENTI, A PARTIRE DA UN LAVORO DI PROGETTAZIONE DIDATTICA CHE CONSENTA ANCHE UNA RIPROPOSIZIONE DEL CURRICOLO IN BASE ALLE ESIGENZE DELL’UTENZA.

3 DISCIPLINE E CLASSI COINVOLTE ITALIANO,MATEMATICA E LINGUA STRANIERA LE ATTIVITA’ SPECIFICHE SONO STATE DESTINATE AGLI ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE E PRIME MEDIE.

4 FINALITA’ GENERALI GIUNGERE AD UN CURRICOLO D’ISTITUTO CHE RISPECCHI NELLA REALTA’CONCRETA LE ESIGENZA DELL’UTENZA E POSSA COSI’ GARANTIRE UNA MAGGIORE EQUITA’ NEGLI ESITI. POTER USUFRUIRE DI PROGETTAZIONI DIDATTICHE SUDDIVISE IN UNITA’ DI APPRENDIMENTO,CHE CONSENTANO IL CONFRONTO TRA CLASSI PARALLELE. COSTRUIRE PROVE DI VERIFICA E VALUTAZIONE PER CLASSI PARALLELE

5 LA VALUTAZIONE L’Obiettivo è quello di far passare l’idea di una valutazione orientata al miglioramento. La strada potrebbe essere facilitata se si parte dalle pratiche di autovalutazione: Quando si è dentro ai processi si ha meno paura degli esiti

6 La valutazione Ogni sistema d’istruzione e formazione, per avere garanzia di tenuta e successo, deve poter contare su una visione di valutazione che punti a promuovere il miglioramento più che a giudicare, a valorizzare gli aspetti positivi piuttosto che sottolineare quelli negativi

7 Sintesi prove somministrate comp. locale 4-10comp. globale 6succ. avvenimenti inferenze ortog. e gram sintassi

8 Le principali criticità emerse con la somministrazione della prova strutturata di italiano riguardano la capacità di fare inferenze dirette ed indirette sul testo (domande 9-11). Al di là della differenze tra le classi è essenziale riprogettare il lavoro di comprensione del testo su un metodo che favorisca lo sviluppo della capacità di fare inferenze e che possa favorire un uso consapevole delle strutture grammaticali

9 da 1 a 6 numero 7-8 misura 9 dati e prev. 10 geometria

10 da 1 a 6 numero 7-8 misura 9 dati e prev. 10 geometria Osservazioni : la V C ottiene ottimi risultati in tutte le aree > 80 % (tranne la 7). la V B ottiene ottimi risultati in quasi tutte le aree (tranne la ) la V Apoli ottiene ottimi risultati in 4 domande suff o buoni in 4 presenta insuff. Nelle risposte 7 e 10 la V Agall ottiene ottimi risultati in 4 domande suff o buoni in 4 presenta insuff. Nelle risposte 7 e 10

11 Classi V inglese Grammar 1

12

13

14

15 Prove di italiano Classi I

16

17 COMPRENSIONE DEL TESTO Nelle classi prime della Scuola Secondaria di Primo Grado è stata somministrata una prova relativa alla comprensione del testo e alla capacità di riconoscere le strutture grammaticali. I docenti hanno lavorato sulla sviluppo di una metodologia ben strutturata riscontrando le seguenti criticità:  riconoscere le tipologie testuali  inferire a partire dal testo  ricostruire il significato di una o più parti del testo RISULTANO LE AREE IN CUI GLI STUDENTI HANNO OTTENUTO I RISULTATI MENO SODDISFACENTI. Come nel caso della primaria,l’attività di comprensione dovrà essere strutturata in maniera da favorire i meccanismi di induzione e deduzione della studente. Le difficoltà riscontrate evidenziano, inoltre, una lettura non sempre attenta e consapevole.

18 Prova di Matematica Classi I

19 Domande 2,3,4, 7c Risolvere problemi,8 a,8b Relaz. e Funz 9, 10,12,13 Numeri la 1 dati e previsioni 5,6 spazio e figure

20 Matematica classi 1 media


Scaricare ppt "COMMISSIONE MIGLIORAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 area di miglioramento scelta PROGETTAZIONE DELLA DIDATTICA E VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI Referente Prof.ssa."

Presentazioni simili


Annunci Google