La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Artriti infettive. Sono flogosi articolari dovute a danno diretto o indiretto da parte di numerosi microorganismi. Larticolazione normale è notevolmente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Artriti infettive. Sono flogosi articolari dovute a danno diretto o indiretto da parte di numerosi microorganismi. Larticolazione normale è notevolmente."— Transcript della presentazione:

1 Artriti infettive

2 Sono flogosi articolari dovute a danno diretto o indiretto da parte di numerosi microorganismi. Larticolazione normale è notevolmente resistente alle infezioni. Linfezione può causare unartrite in quattro modi: -Via ematogena; -Contaminazione diretta: da una ferita, in seguito ad una artrocentesi, in seguito ad intervento chirurgico; -Estensione locale da una osteomielite (raramente); -Artrite reattiva.

3 1. Artrite acuta piogenica È unemergenza medica che se non trattata può essere minacciosa per la vita; un trattamento ritardato può provocare una grave distruzione articolare. Linsorgenza può essere insidiosa e atipica. Può essere confusa con la riaccensione di unartrite cronica preesistente, specie nellAR.

4 Artrite acuta piogenica: eziologia La maggior parte delle infezioni piogeniche è dovuta allo Stafilococco Aureo. Altri germi responsabili sono: - Streptococcus piogenes; -Haemophilus influenzae; -Pseudomonas aeruginosa; -E. Coli; -Etc …

5 Fattori predisponenti 1) Generali: -Diabete; -AR; -Leucemia; -Mielomatosi; -Trattamento immunosoppressivo; -Terapia steroidea; -Tossicodipendenza, -AIDS. 2) Locali: -Artrocentesi; -Chirurgia; -Danno articolare da artrite.

6 Caratteristiche cliniche Insorgenza: acuta nel 25% dei casi; subacuta nel resto dei casi; Più comune nei pazienti molto giovani o molto anziani; Lartrite è monoarticolare nell70% dei casi; poliarticolare nel 30%; Anca e ginocchio più frequentemente colpiti; Altre articolazioni includono: il polso, la spalla, la caviglia; Dolore nella regione articolare coinvolta esacerbato dai movimenti; Calore e tumefazione di una o più articolazioni;

7 Caratteristiche cliniche Il paziente in genere ha una compromissione delle condizioni generali; Iperpiressia; Spasmo dei muscoli periarticolari; Marcata sensibilità; Versamento; Il dolore può essere lunico segno dellinteressamento dellanca; Linteressamento del rachide è occulto.

8 Esami di laboratorio e strumentali 1) Esami ematochimici: emocromo e VES possono essere normali 2) Emoculture 3) Artrocentesi

9 Esami di laboratorio e strumentali La conta dei bianchi è in genere elevata (da meno di a più di mm³); prevalgono i polimorfonucleati( 90%); Osservazione diretta al microscopio; Colorazione di Gram : positiva nel 60-80% dei casi; Esame colturale: può evidenziare il microorganismo coinvolto; Aumento del lattato: ha scarsa specificità; Leventule presenza di cristalli (urato, pirofosfato) non esclude uninfezione come causa di uninfiammazione articolare. Artrocentesi:

10 Esami di laboratorio e strumentali 4) Modificazioni radiologiche tardive (1-2 settimane): -Osteoporosi; -Restringimento della rima articolare; -Sublussazione; -Erosioni dei capi articolari. 5) Scintigrafia ossea: rivela modificazioni prima della radiografia ed è utile nellinteressamento rachideo e nellanca.

11 Artriti settiche dovute a cause specifiche

12 Artrite gonococcica È la forma più comune di artrite infettiva in molti paesi, specie negli USA. Agente eziologico: Neisseria gonorrhoeae Assume carattere tipicamente migrante con prevalente impegno tenosinovitico e lesioni cutanee associate.

13 Artrite gonococcica: clinica 1) Prevalentemente femminile (F.M = 4:1); 2) Manifestazioni articolari: -iniziale insorgenza improvvisa; -poliartrite asimmetrica, migrante, può diventare poi unartrite mono o oligoarticolare; -versamento; -tenosinovite; 3) Manifestazioni cutanee: - papule eritematose (70%) che poi diventano vescicolo- pustolose; 4) Febbre e altre manifestazioni sistemiche; 5) Possono comparire: pericardite, meningite, osteomielite.

14 Artrite gonococcica: esami 1) Esami ematochimici: - leucocitosi; - aumento della VES; - immunocomplessi circolanti; 2) Tamponi: - genitourinari: cervicale, uretrale; - rettale; - faringeo; 3) Emocolture; 4) Artrocentesi: - Esame colturale: positivo solo nel 30% dei casi; - Aumento dei globuli bianchi.

15 Artrite gonococcica: trattamento 1)Antibiotici: -Penicillina G (fino a 10 milioni di unità/die) per via parenterale fino alla scomparsa dei sintomi, poi ampicillina (2g/die) per os, per almeno 2 settimane; -Cefuroxime o spectinomicina: se allergie alla penicillina; 2) Ricercare i contatti.

16 Artrite meningococcica Episodi sporadici ed epidemici. I bambini vengono interessati più spesso degli adulti.

17 Artrite meningococcica: clinica Esistono 3 forme: Infezione diretta delle articolazioni che causa unartrite distruttiva. In genere fa parte di una setticemia acuta meningococcica minacciosa per la vita (febbre, meningite, eritema purpurico, insufficienza surrenalica, shock settico); Artrite reattiva subacuta (coltura del liquido sinoviale negativa) senza residuo danno articolare; in genere fa parte di una setticemia meningococcica cronica; Artralgie associate a febbre senza tumefazione articolare.

18 Artrite meningococcica: esami Esami ematochimici; Tamponi faringei; Coltura liquido cefalorachidiano; Artrocentesi.

19 Artrite meningococcica: trattamento Benzilpenicillina e. v. o cloramfenicolo nei pazienti allergici alla penicillina; Il trattamento delle forme acute è urgente; Somministrare antibiotici intra-articolari solo se la coltura del liquido sinoviale è positiva; Chemioprofilassi dei contatti.

20 Micobatterio tubercolare È una delle cause più comuni di artrite infettiva; Agente eziologico: mycobacterium tubercolosis.

21 Micobatterio tubercolare: clinica - Insorgenza insidiosa; -Graduale aumento del dolore e della tumefazione; -In genere monoarticolare; -Le articolazioni più comunemente coinvolte sono lanca e il ginocchio, -Occasionalmente coinvolto il rachide, -Più comune negli immigrati e negli anziani.

22 Micobatterio tubercolare: esami Coltura del liquido sinoviale; Biopsia della membrana sinoviale per coltura ed istologia (presenza dei tubercoli); Coltura dellescreato; Campioni di urine del mattino;

23 Micobatterio tubercolare: esami Rx torace; Rx articolazioni; mostra: - fase conclamata: erosioni o aree focali di osteopenia; - fase tardiva: aree litiche alternate ad aree di neoformazione ossea con vari gradi di calcificazioni.

24 Micobatterio tubercolare: trattamento Antibiotici: - chemioterapia antitubercolare combinata, continua con 2 farmaci (isoniazide e rifampicina) per almeno sei mesi; Sinoviectomia chirurgica.

25 Malattia di Lyme (Borreliosi di Lyme)

26 Malattia di Lyme È una zoonosi caratterizzata da impegno sistemico plurifasico; fu riconosciuta per la prima volta da Old Lyme nel 1975, negli USA. Linfezione di solito insorge in estate con eritema cronico migrante, che può essere seguito da complicazioni neurologiche, cardiache e articolari. È una malattia grave e persistente, associata all HLA DR2. Lagente eziologico è una spirocheta, Borrelia burgdorferi, che viene trasmessa dalle zecche.

27 Malattia di Lyme: clinica a)Dolori articolari (60%) - Insorgono da una settimana a 2 anni dopo il morso. È presente una precoce artropatia migrante ed una tardiva oligoartropatia ricorrente con versamenti, in genere del ginocchio e di altre grosse articolazioni. Lartrite cronica compare nel 10% dei pazienti e può causare erosioni cartilaginee e ossee

28 Malattia di Lyme: clinica b) Eritema cronico migrante - Inizia come una lesione papulare o maculare, nella sede del morso, e si ingrandisce per diventare anulare, con un bordo esterno rosso ed un indurimento centrale. Le sedi iniziali sono le cosce, linguine e lascella. Sono presenti lesioni multiple nel 50% dei casi e leritema scompare in 3-4 settimane, ma può recidivare. Si accompagna a febbre, mialgie, linfoadenopatie e malessere generalizzato.

29 Malattia di Lyme: decorso clinico a) Fase precoce localizzata - sono presenti sintomi sistemici quali: febbre astenia e malessere cefalea mialgie e artralgie Lesame obiettivo evidenzia: linfoadenopatia regionale o generalizzata, epatosplenomegalia.

30 Malattia di Lyme: decorso clinico b) Fase precoce disseminata – inizia dopo un periodo variabile da giorni a mesi dalla puntura di zecca e può instaurarsi senza essere preceduta dalleritema migrante; le manifestazioni più frequenti sono cardiache e neurologiche. 1) Manifestazioni neurologiche (15%): meningoencefalite fluttuante; neuropatie dei nervi cranici e periferici; 2) Manifestazioni cardiache (8%): BAV fluttuante; Miocardite; Pericardite;

31 Malattia di Lyme: decorso clinico c) Fase tardiva – Compare a distanza di mesi o anni dallinfezione; è caratterizzata da artrite e manifestazioni neurologiche (encefalopatia, neuropatia periferica e disfunzioni cognitive).

32 Malattia di Lyme: esami 1)Esami ematochimici: -anemia, leucocitosi; -aumento di: LDH, transaminasi, VES; 2) Anticorpi anti Borrelia: - Aumento delle IgM sieriche in 3-6 settimane; - Aumento delle IgG sieriche dopo alcuni mesi dallinfezione; 3) Isolamento del microorganismo (sangue, cute, LCR).

33 Trattamento Trattamento sintomatico delle complicanze Trattamento dellinfezione: tetracicline ( mg 4 volte/ die).


Scaricare ppt "Artriti infettive. Sono flogosi articolari dovute a danno diretto o indiretto da parte di numerosi microorganismi. Larticolazione normale è notevolmente."

Presentazioni simili


Annunci Google