La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

OBIETTIVO DEL DISEGNO DI LEGGE Costruire un sistema di norme organico con il fine di: Definire con chiarezza chi propone e attua le politiche in materia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "OBIETTIVO DEL DISEGNO DI LEGGE Costruire un sistema di norme organico con il fine di: Definire con chiarezza chi propone e attua le politiche in materia."— Transcript della presentazione:

1

2 OBIETTIVO DEL DISEGNO DI LEGGE Costruire un sistema di norme organico con il fine di: Definire con chiarezza chi propone e attua le politiche in materia di Cinema e audiovisivo. Utilizzare organicamente le risorse.

3 Le norme vigenti in Italia Il settore cinema è regolato da un complesso di leggi, alcune delle quali risalgono al 1965 L'impianto legislativo attuale è confuso, frammentato e privo di una visione generale che indichi il ruolo del cinema nel rappresentare l'identità italiana Le competenze sono attribuite a diversi soggetti, tra cui organismi di diritto privato, ma senza un collegamento effettivo ed efficace, tale da garantire una coerente politica pubblica di settore

4 Attualmente sono competenti in materia: Direzione Generale Cinema del MIBACT, Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia, Cineteca Nazionale, Cinecittà Luce, Scuola Nazionale di Cinema, Ministero Sviluppo economico-Comunicazioni, Ministero dell'Interno - Polizia Postale, Ministero degli Affari Regionali, Conferenza Unificata, Ministero economia e finanze, Ministero Istruzione, Università e Ricerca, SIAE

5 1.Far muovere insieme tutto il comparto del cinema e dell’audiovisivo, senza prediligere un segmento rispetto a un altro. Ogni segmento, anche quello apparentemente meno rilevante, è fondamentale per l’economia generale. 2.L’anima industriale e quella artigianale del cinema devono procedere di pari passo, insieme senza entrare in conflitto l’una con l’altra. PRINCIPI BASE:

6 PUNTI CENTRALI DEL DISEGNO DI LEGGE n.1835

7 CENTRO NAZIONALE DEL CINEMA E DELLE ESPRESSIONI AUDIOVISIVE Un organismo con ampia autonomia che unifichi le competenze, raccolga le istanze del settore e proponga le politiche da attuare, con capacità di reazione immediata rispetto alle necessità che di volta in volta si presentano, anche in relazione ai cambiamenti tecnologici, all'evoluzione dei mercati e alle politiche europee Competenze - Articolo 4: -osservare l’evoluzione delle professioni; -contribuire al finanziamento e allo sviluppo del cinema e delle altre arti e industrie delle espressioni audiovisive nazionali e di facilitarne l’adattamento e l’evoluzione dei mercati e delle tecnologie; -controllare i ricavi operativi sulle opere cinematografiche e audiovisive; -tenere, aggiornare e rendere pubblici i registri del cinema e dell’audiovisivo; -raccogliere, conservare, restaurare e valorizzare il patrimonio cinematografico; -partecipare alla lotta contro la contraffazione e la pirateria;

8 PRELIEVO DI SCOPO : L’AUTOFINANZIAMENTO DEL MONDO DEL CINEMA. Attualmente il cinema è sostenuto dallo Stato tramite il Fus e il tax credit, i cui fondi provengono dalla fiscalità generale. Con il prelievo di scopo si vuole creare un meccanismo di determinazione delle risorse per il cinema e l'audiovisivo attraverso l'assegnazione all’”organismo competente” di una piccola quota degli proventi realizzati da chi ricava utili attraverso la diffusione di cinema e audiovisivo : televisioni, internet, telefonia e sala cinematografica. - Articolo10: “Prelievo di scopo riguardante le proiezioni” - Articolo 11: “Prelievo di scopo riguardante gli editori e i distributori di servizi televisivi” Ogni diffusore di opere cinematografiche e audiovisive dovrà destinare una piccola quota dei suoi utili a sostegno delle politiche di indirizzo e di sviluppo del settore.

9 TRASPARENZA: Totale trasparenza degli atti che riguardano l’opera cinematografica e audiovisiva, a partire dal contratto del soggettista fino a quello relativo alle eventuali vendite all’estero. - Articolo14 : La trasparenza sarà garantita attraverso la costituzione di un REGISTRO DEL CINEMA E DELL’AUDIOVISIVO presso il Centro.

10 CIRCOLAZIONE DELLE OPERE Articolo 24 : Istituzione dell' UFFICIO DI CONCILIAZIONE L’Ufficio di conciliazione si ispira al mediatore del cinema - esistente in Francia dal e ha lo scopo di vigilare sulla libera circolazione delle opere, risolvendo questioni relative ai rapporti tra distributori, programmatori ed esercenti per riequilibrare eventuali abusi di posizione dominanti.

11 CREARE E FORMARE IL PUBBLICO DI DOMANI Articolo 30 : L’educazione all'immagine nel sistema scolastico italiano

12 SANZIONI CHIARE E PROGRESSIVE Articolo 39 : “Sanzioni amministrative”. Articolo 40 : “Sanzioni penali”. Definire le sanzioni con progressivi livelli di severità, dal richiamo alla sospensione dell'attività.


Scaricare ppt "OBIETTIVO DEL DISEGNO DI LEGGE Costruire un sistema di norme organico con il fine di: Definire con chiarezza chi propone e attua le politiche in materia."

Presentazioni simili


Annunci Google