La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

VACCINI e VACCINAZIONI 2° Congresso Nazionale Torre Rossa Park Hotel Roma.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "VACCINI e VACCINAZIONI 2° Congresso Nazionale Torre Rossa Park Hotel Roma."— Transcript della presentazione:

1 VACCINI e VACCINAZIONI 2° Congresso Nazionale Torre Rossa Park Hotel Roma

2 Cosa ne pensa il pediatra di famiglia della vaccinazione anti-influenzale? Paolo Lubrano – Codroipo (UD)

3

4

5 24 gennaio 2007

6

7 ,26% o 1,9% o ,01% o 8,61% o ,37% o 1,22% o 0-4 anni >65 anni Massima incidenza settimanale di ILI Dati Influnet

8 Rischio di ospedalizzazione in base alletà (n°ricoveri in più ogni persone )

9

10 > tasso di mortalità nei bambini tasso di mortalità nei bambini< 1 anno > complicazioni (otiti e polmoniti in particolare) > complicazioni (otiti e polmoniti in particolare) > percentuale di ricoveri specie nei bambini percentuale di ricoveri specie nei bambini < 24 mesi > numero di ricadute rispetto ad altre virosi respiratorie > numero di ricadute rispetto ad altre virosi respiratorie LINFLUENZA NEI BAMBINI

11 1) soggetti di età pari o superiore a 65 anni 2) bambini di età superiore ai 6 mesi affetti da: a) malattie croniche a carico dell'apparato respiratorio (inclusa lasma di grado severo, la displasia broncopolmonare e la fibrosi cistica ), b) malattie dellapparato cardio-circolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisite c) diabete mellito ed altre malattie metaboliche d) malattie renali con insufficienza renale e) malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie f)malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV g) malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinale h) patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici LA CIRCOLARE MINISTERIALE 3) bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di sindrome di Reye in caso di infezione influenzale 4) bambini affetti da patologie neurologiche e neuromuscolari

12 5) Adulti affetti da patologie croniche, quali: a)malattie croniche a carico dell'apparato respiratorio inclusa lasma b) malattie dellapparato cardio-circolatorio c) diabete mellito ed altre malattie metaboliche d) persone che soffrono o hanno sofferto di processi oncologici e) malattie renali con insufficienza renale f ) malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie g) malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV h) malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinale i)patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici LA CIRCOLARE MINISTERIALE

13 6) donne che saranno nel secondo e terzo trimestre di gravidanza durante la stagione epidemica 7) individui di qualunque età ricoverati presso strutture per lungodegenti 8) medici e personale sanitario di assistenza 9) contatti familiari di soggetti ad alto rischio LA CIRCOLARE MINISTERIALE

14 10) soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo: - personale degli asili nido, insegnanti scuole dellinfanzia e dellobbligo - addetti poste e telecomunicazione - dipendenti pubblica amministrazione e difesa - forze di polizia incluso polizia municipale - volontari servizi sanitari di emergenza - personale di assistenza case di riposo LA CIRCOLARE MINISTERIALE 11) personale che, per motivi occupazionali, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani: - detentori di allevamenti - addetti allattività di allevamento - addetti al trasporto di animali vivi - macellatori e vaccinatori - veterinari pubblici e libero-professionisti

15

16

17

18 Figure 1. Annual numbers of doses of influenza vaccine distributed in Japan during 1970–2003. Between 1970 and 1994, almost all vaccine doses were used for mass vaccination of schoolchildren (age, 6–15 years),whereas after 1994, vaccine doses were mainly used for vaccination of young children (age, 1–4 years) and of elderly persons (age, 60–69 years). Norio Sugaya1 and Yoshinao Takeuchi 2005

19

20 Effectiveness of School-Based Influenza Vaccination Conclusions: Most outcomes related to influenza-like illness were significantly lower in intervention-school households than in control-school households. NEJM Volume 355: December 14, 2006 Number 24 JAMA 2006;296: ottobre 2006 Trivalent inactivated influenza vaccine in 6- to 23-month-old children is safe with few adverse events, according to the results of a large, population-based study (studio supportato dai CDC)

21 NEJM Volume 355: December 14,2006 Number 24 Different Approaches to Influenza Vaccination Keiji Fukuda, M.D., M.P.H., and Marie Paule Kieny, Ph.D. The planned use of influenza vaccination to induce herd immunity would mark a considerable departure from, or addition to, current approaches in most countries. Although this use could theoretically provide substantial benefits, very convincing evidence that vaccination can induce substantial levels of community protection through herd immunity will be required before such an approach is embraced widely.

22 Emerg Infect Dis. 2006;12(10) ©2006 Centers for Disease Control and Prevention (CDC) Health Benefits, Risks, and Cost-Effectiveness of Influenza Vaccination of Children Posted 11/08/2006 Conclusions: Routine annual influenza vaccination using IIV for children age 2 years not at high risk is likely to result in net health benefits, but cost-effectiveness ratios are likely to be less favorable than for children ages 6-23 months and children of any age with a high-risk condition. Cost-effectiveness among children decreases with increasing age, although risk status is more important than age in determining the economic impact of annual influenza vaccination.

23 I risultati ottenuti mostrano che la vaccinazione di bambini e ragazzi appare determinante per ridurre la diffusione dellinfezione anche in altre fascie di età, con un effetto di herd immunity attribuibile allimportante ruolo che questa fascia di età ha nella diffusione dellinfluenza, come accade durante i periodi inter-pandemici ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA SCENARI DI DIFFUSIONE E CONTROLLO DI UNA PANDEMIA INFLUENZALE IN ITALIA M. Ciofi degli Atti et al. Rapporti ISTISAN 06/33 novembre 2006

24 Molti studi recenti indicano che la vaccinazione anti-influenzale nei bambini è sicura ed efficace e che sarà fondamentale nel controllo della futura pandemia Mancano tuttavia studi ampi e conclusivi che valutino leffetto della herd immunity sulla popolazione generale. Attualmente siamo in una fase pre-pandemica, di durata non prevedibile. RIFLESSIONI

25 L OMS ha consigliato gli Stati membri, al fine di essere preparati di fronte alla pandemia, di adeguare lofferta di vaccino in modo da coprire il 33% della popolazione In Italia questo comporta un aumento delle dosi offerte dagli attuali a circa Questo numero di dosi in eccesso sarebbe più che sufficiente per vaccinare tutti i bambini tra 0 e 6 anni (come suggerito dai CDC e dallAAP)

26 Cumulative Number of Confirmed Human Cases of Avian Influenza A/(H5N1) Reported to WHO 22 January 2007 Country Total casesdeathscasesdeathscases death s cases death s cases death s casesdeaths Azerbaijan Cambodia China Djibouti Egypt Indonesia Iraq Thailand Turkey Viet Nam Total Total number of cases includes number of deaths. WHO reports only laboratory-confirmed cases. All dates refer to onset of illness.

27 Cumulative Number of Confirmed Human Cases of Avian Influenza A/(H5N1) Reported to WHO 30 December 2005 Date of onset CambodiaChinaIndonesiaThailandViet NamTotal cases death s case s deathscasesdeathscasesdeathscasesdeathscases deat hs Total Total number of cases includes number of deaths. WHO reports only laboratory-confirmed cases.

28 PROPOSTA Utilizzare i prossimi anni (anno?) prepandemici per valutare leffectiveness e il rapporto costo/ efficacia della vaccinazione anti-influenzale nei bambini sani tra 6 mesi e 4 (6) anni valutando sia gli effetti diretti che indiretti (herd immunity), anche come modello organizzativo nei confronti della futura pandemia.

29 Indicazioni alla vaccinazione anti-influenzale I compiti del Pediatra di Famiglia Migliorare la cultura tra i propri assistiti nei confronti di questa vaccinazione Vaccinare TUTTI i bambini appartenenti alle categorie a rischio, individuate dalla circolare ministeriale,anche cercando sinergie con i gli specialisti dei centri di riferimento (fibrosi cistica, diabete, emopatie, ecc.) Incentivare comunque la vaccinazione anche tra la popolazione sana, nei bambini tra 6 mesi e 4 anni specie se frequentano lasilo nido o la scuola materna compatibilmente con la disponibilità del vaccino Essere pronti ad una collaborazione attiva in caso di modifica delle strategie nazionali 1 2

30 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "VACCINI e VACCINAZIONI 2° Congresso Nazionale Torre Rossa Park Hotel Roma."

Presentazioni simili


Annunci Google