La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Il potere di fare la differenza attraverso ladvocacy e lazione Mestre 26 febbraio 2011 Elisabetta Gregoric Dottore di ricerca Responsabile Commissione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Il potere di fare la differenza attraverso ladvocacy e lazione Mestre 26 febbraio 2011 Elisabetta Gregoric Dottore di ricerca Responsabile Commissione."— Transcript della presentazione:

1 1 Il potere di fare la differenza attraverso ladvocacy e lazione Mestre 26 febbraio 2011 Elisabetta Gregoric Dottore di ricerca Responsabile Commissione Rapporti con la BPW Internazionale Delegata al tema internazionale Distretto Nord Est Italia

2 Indice Origini – Ginevra e la Lega delle Nazioni Consiglio Economico e sociale dellONU Relazioni con altre organizzazioni internazionali Lobby Europea delle donne Consiglio dEuropa Campus Unidem Conferenza OING del Consiglio dEuropa 50° anniversario della Carta sociale dei diritti delluomo Commissione permanente sulle Pari opportunità La visione della Bpw XXVII Congresso a Helsinki giugno 2011 Siti Internet

3 Le origini Nel luglio del 1919 grazie ad una felice intuizione di Lena Madesin Phillips (Anna Lena Phillips è nata il 15 settembre 1881 a Nichelino, nel Kentucky Nicholasville– Stati Uniti) nacque la National Federation of Business and Professional Womens Club (BPW USA)Nichelino, nel Kentucky Ginevra neo- nata Lega delle Nazioni Nel 1930 nacque l International Federation of Business and Professional Women e per la sua sede venne scelta Ginevra, in modo da avere il supporto e la collaborazione di donne che lavoravano alla neo- nata Lega delle Nazioni; Nazioni Unite nel 1945New York organizzazione trasformatasi in Nazioni Unite nel 1945 e trasferitasi a New York. distretto nord est 3

4 FIDAPA Federazione più numerosa del panorama internazionale Come noto, la Federazione Italiana Donne Affari Professioni e Affari è affiliata alla BPW INTERNATIONAL e, con circa socie italiane, è la Federazione più numerosa del panorama internazionale. anni , In Italia la nascita dei primi circoli risale agli anni 20 e la Federazione italiana entrò ufficialmente a fare parte della IFBPW nel 1932, assumendo il nome di FIDAPA nel assumendo il nome di FIDAPA nel 1945.

5 Lega delle Nazioni Lega delle Nazioni La scelta negli anni 30 di una sede quale Ginevra per essere collegate con le donne capaci che lavoravano alla Lega delle Nazioni, è un elemento sostanziale per capire la lungimiranza di quelle pioniere che hanno deciso di trovarsi nel posto giusto e nel momento giustonel posto giusto e nel momento giusto con la piena consapevolezza delle loro capacità e del loro ruolo in un contesto internazionale in rapida evoluzione.

6 Consiglio Economico e Sociale dellONU Il Consiglio Economico e Sociale dellOnu poteva stipulare speciali accordi con le organizzazioni non-governative che si occupavano di soggetti di sua competenza e nel 1947 (dopo due anni dalla richiesta) Status Consultivo nella categoria B (II). la IFBW aveva ricevuto lo Status Consultivo nella categoria B (II).

7 Competenze dell ONU In sintesi (come da art. 1 della Carta delle Nazioni Unite) si possono individuare tre grandi settori di competenza dell ONU: il mantenimento della pace, lo sviluppo delle relazioni amichevoli tra gli Stati fondati sul rispetto del principio delleguaglianza dei diritti e dellautodeterminazione dei popoli, la collaborazione in campo economico, sociale, culturale ed umanitario.

8 Leggi internazionali Anche se le raccomandazioni e le convenzioni dell ONU non hanno potere vincolante nei confronti degli Stati membri ad eccezione di alcuni casi, come ad es. in rif. allazione rispetto alle minacce della pace, alle violazioni della pace ed agli atti di aggressione. livello superiore alle leggi ordinarienazionali, esse sono considerate di livello superiore alle leggi ordinarie nazionali, implica a priori la volontà dello Stato di adeguarsi a quanto viene stabilito in tale sede. e lappartenenza di uno Stato ad unorganizzazione internazionale implica a priori la volontà dello Stato di adeguarsi a quanto viene stabilito in tale sede.

9 Imprinting Credo, pertanto, imprinting che questo imprinting costituisca un elemento sostanziale per capire profondamente cosa sia la BPW e quale importante ruolo stia svolgendo da oltre 80 anni per l intera umanità.

10 1947 Grazie ad una petizione presentata dalla BPW nel 1947 fu creata nell ECOSOC una Sottocommissione per lo status delle donne e, dopo un anno (grazie all ottimo lavoro svolto) questa divenne una Commissione permanente delle Nazioni Unite delle Nazioni Unite.

11 Categoria A (I) Nel 1978 la IFBW fu promossa nella categoria A(I), che permette alle rappresentanti della BPW di: parlare agli incontri del Consiglio Economico e Sociale, proporre questioni allordine del giorno, sottoporre interventi scritti di 2000 parole direttamente al Consiglio, sedere alle riunioni del Consiglio nei posti riservati alla BPW.

12 80 paesi affiliati è una delle più influenti organizzazioni femminili al mondo. Oggi, con 80 paesi affiliati e le sue relazioni internazionali, la Business & Professional Women International è una delle più influenti organizzazioni femminili al mondo. Siate fiere di appartenervi e mettetevi a sua disposizione, sulla via della gioia e delle sfide come ha scritto la past Presidente Internazionale Chonchanok Vivaran.

13 Relazioni con altre organizzazioni internazionali La BPW ha relazioni formali con l ILO – Organizzazione internazionale del lavoro Ha le sue rappresentanti permanenti nelle varie città in cui si trovano le agenzie delle Nazioni Unite: New York, Ginevra, Vienna, Parigi, Roma e Seul. La BPW ha, inoltre, le sue rappresentanti nelle Commissioni regionali: Commissione Economica per lAfrica Commissione Economica per lEuropa Commissione Economica per lAmerica Latina Commissione Economica e Sociale per Asia e Pacifico Commissione Economica e Sociale per Asia Occidentale

14 Altre relazioni lIstituto di formazione e ricerca per lavanzamento delle donne (creato nel 1975 per i paesi in via di sviluppo e di nuova indipendenza), l UNIFEM (che offre assistenza pratica e programmi utili per favorire la partecipazione delle donne nella vita economica e civile), la CEDAW (costituita nel 1979) Convenzione per leliminazione di ogni forma di discriminazione contro le donne (recente aggiunta al sistema dell ONU) l UNESCO, con programmi relativi allalfabetizzazione, alla formazione professionale e ai programmi generatori di reddito.

15 La Lobby europea delle donne (European Womens Lobby) (www.womenlobby.org) La BPW ha, altresì, una rappresentante del coordinamento europeo nel Consiglio direttivo della Lobby europea delle donne (EWL) che ha sede a Bruxelles. La EWL è la più grande alleanza delle organizzazioni femminili non governative dellUnione Europea e comprende più di organizzazioni di donne che: lavorano per la promozione delluguaglianza donne-uomini, per garantire che luguaglianza e i diritti umani delle donne siano presi in considerazione nelle politiche dell Unione Europea. Opera a favore della giustizia economica e sociale per le donne: donne nella leadership e potere decisionale, diritti umani delle donne, la violenza contro le donne, donne e diversità.

16 La Lobby europea delle donne Ha lobiettivo di influenzare la politica dello sviluppo allinterno delle istituzioni dell Unione Europea e a livello nazionale coinvolgendo gli stati membri dellUnione Europea. Dispone di uno status consultivo presso il Consiglio Economico e Sociale dell ONU e presso il Consiglio dEuropa fornisce consulenza continua con l Unione Europea ed ha contatti costanti con il Parlamento Europeo, e sviluppa il proprio programma sulla base delle materie che la Commissione Europea deve discutere. La ROAD MAP (Tabella di marcia per la parità tra donne e uomini) della Commissione Europea è stata emendata nel 2005 sulla base di quella presentata dalla Lobby europea delle donne e nel 2008 è stato stilato un primo rapporto sulla sua attuazione.

17 Bruxelles 20 maggio 2011 In occasione della Riunione delle Presidenti del BPW Europe, è stata organizzato per venerdi' 20 maggio 2011 una giornata aperta a tutte le Socie. Il programma prevede: una visita tematica alla Commissione Europea ed il pomeriggio un incontro con Esponenti della Lobby Europea e altre Personalita' istituzionali. Quanto ai costi per la registrazione alla "Giornata", saranno molto contenuti in quanto si potrà usufruire delle strutture de "La Maison des Femmes" Anche per l'alloggio sono state ottenute condizioni di favore dall'Hotel BLOOM. Aggiungasi che vi sono molte Compagnie "low cost" che volano su Bruxelles. Maggiori e precisi dettagli saranno pubblicati a breve nella pagina WEB del BPW Europa. Vi saro' grata se vorrete e potrete diffondere la notizia nei Vostri Distretti. GRAZIE Con un forte abbraccio, Enrica Bellini

18 Il Consiglio d Europa - Strasburgo (Francia) Anche in seno al Consiglio dEuropa la BPW international ha una sua rappresentante. Il CoE è la più importante organizzazione internazionale (con 46 paesi membri), che si occupa dei processi di democratizzazione e di tutela dei diritti umani da esso, infatti, è derivato il primo esperimento di tutela internazionale organica, anche di carattere giurisdizionale, dei diritti delluomo.

19 Articoli 1 e 3 L art. 1 del Trattato istitutivo del Consiglio dEuropa, dichiara che il suo scopo è quello di conseguire una più stretta unione fra i suoi membri per salvaguardare e promuovere gli ideali e i principi che costituiscono il loro comune patrimonio e di favorire il loro progresso economico e sociale. Lart. 3 aggiunge che Ogni Membro del Consiglio deve accettare il principio della preminenza del diritto e quello in virtù del quale ogni persona, posta sotto la sua giurisdizione, deve godere dei diritti delluomo e delle libertà fondamentali.

20 Convenzione europea Il Coe ha elaborato limportantissima Convezione europea per la salvaguardia dei diritti delluomo e delle libertà fondamentali firmata a Roma nel In occasione della IV Conferenza Mondiale delle Donne svoltasi a Pechino nel 1995, con la rappresentanza di 189 paesi e partecipanti, è stato stilato un documento finale c.d. la Piattaforma dazione e la Dichiarazione di Pechino è stata considerata come unagenda su cui lavorare per lempowerment delle donne. In tale contesto Boutros Boutros Ghali – lallora Segretario Generale dell Onu – disse:..l empowerment delle donne è lempowerment di tutta lumanità; i diritti umani sono i diritti delle donne e i diritti delle donne sono i diritti umani.

21 Campus Unidem Trieste Dal 2001 al 2010 a Trieste sono stati organizzati una quarantina di seminari per un totale di oltre 1000 partecipanti circa. I funzionari che partecipano ai seminari vengono selezionati dalla Commissione di Venezia in base ai loro curricula, alle loro competenze e al ruolo professionale che deve essere inerente alla tematica del singolo seminario. Ad ogni seminario partecipano persone diverse e alla fine viene chiesto ai partecipanti di valutare il programma e i docenti e di proporre delle tematiche per i successivi seminari.

22 Tematiche Campus Unidem Trieste Le tematiche sono ampie e relative ai processi di democratizzazione, del recepimento della normativa comunitaria nella legislazione interna degli Stati della riforma della pubblica amministrazione in base ai parametri europei, del rispetto dei diritti umani, i diritti delle minoranze e di molti processi inerenti all institution building.

23 Relatori ai Seminari Unidem Sono generalmente professori universitari (delle migliori università dellEuropa occidentale e orientale) e alti funzionari del Consiglio dEuropa, della Corte Europea per i Diritti dellUomo, della Commissione Europea e della Corte di Giustizia Europea.

24 Partecipanti ai seminari I partecipanti ai Seminari di Trieste sono alti funzionari dei Ministeri dei paesi dellest europeo che lavorano nei Ministeri per lIntegrazione Europea, degli Affari Esteri, degli Interni, o presso i Consigli dei Ministri o i Parlamenti. I seminari si svolgono quasi sempre in inglese e qualche volta in francese, vi partecipa una media di 25 persone ad ogni seminario.

25 Paesi Europa centro-orientale I Paesi dell Europa centro-orientale, che non sono ancora membri dell Unione Europea, e che aderiscono al programma sono: Albania, Armenia, Azerbaijian, Bielorussia, Bosnia Herzegovina, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Georgia, Macedonia, Moldavia, Montenegro, Romania, Russia, Serbia, Ucraina, Ungheria, Kazakistan, Kirghistan, Ukbekistan, Turkmenistan.

26 Formazione per formatori La particolarità di questi seminari è che sono organizzati come training for trainers (formazione per formatori) poiché al loro rientro i partecipanti devono formare a loro volta i colleghi (c.d. follow up o ricaduta).

27 funzionari In questo modo linformazione di quanto appreso nei seminari Unidem, è stata passata a funzionari ministeriali dei paesi che partecipano al programma Unidem, con lo scopo di aiutare il c.d. institution building, elemento sostanziale per promuovere la democrazia e il ruolo della legge.

28 Donne nella transizione Nelle nuove Repubbliche dellEuropa centro-orientale molte donne altamente qualificate ricoprono ruoli rilevanti nelle pubbliche amministrazioni signore che hanno potuto migliorare le proprie competenze e intervenire così in modo più incisivo nella transizione democratica dei loro paesi Il 70% (di ) dei beneficiari della formazione dei seminari Unidem di Trieste, sono state donne, pari quindi a signore che hanno potuto migliorare le proprie competenze e intervenire così in modo più incisivo nella transizione democratica dei loro paesi, obiettivo più importante dellintero progetto formativo.

29 REPORT Conferenza delle OING del CONSIGLIO DEUROPA Strasburgo 24 – 27 gennaio 2011 Eufemia Ippolito – Rappresentante della BPWI Dal 24 al 27 gennaio 2011 Conferenza delle Organizzazioni Internazionali Non Governative in qualità di rappresentante della BPWI che gode di status partecipativo presso il Consiglio dEuropa a Strasburgo. Il 2011 è stato nominato, dalle Istituzioni Europee, Anno Internazionale del Volontariato

30 Diritti Umani Durante la riunione della Conferenza delle OING è stato evidenziato il ruolo delle OING quale forza propositiva della società civile che vigila sulla salvaguardia dei Diritti Umani soprattutto nei confronti dei bambini, delle donne e dei portatori di handicap ribadendo la necessità di combattere la violenza in famiglia, a scuola, nella società.

31 La Commissione della società civile e della democrazia ha analizzato la situazione socio-economica in Europa e fra le molteplici crisi, le più gravi sono risultate essere: La crisi economica e finanziaria, che provoca un forte impatto sociale sui minori e sulle donne; La crisi della cittadinanza europea con evidente diminuzione dellesercizio della responsabilità democratica e sociale della società civile.

32 Responsabilità sociale condivisa Per sradicare la povertà sociale occorre impegnarsi concretamente nella solidarietà mondiale ed europea con particolare riguardo al sud dellEuropa. Si insiste sul concetto di responsabilità sociale condivisa. Per la partecipazione civile al processo decisionale di grande rilevanza è il codice delle buone pratiche, elaborato dalla Conferenza delle OING del Consiglio dEuropa, redatto e adottato in ottobre Il codice mira a facilitare la partecipazione attiva delle OING alla politica a livello locale, regionale e nazionale.

33 Nuovi soggetti della democrazia partecipativa Esempi di forme nuove di partecipazione consistenti nel dialogo tra cittadini – Istituzioni associazioni – gruppi sociali, dimostrando che i nuovi portatori attivi di interessi sociali, le OING, sono i nuovi soggetti della democrazia partecipativa e deliberativa e la partecipazione ha quattro livelli: INFORMAZIONE CONSULTAZIONE DIALOGO PARTENARIATO attraverso i quali la società civile deve interagire con i poteri pubblici.

34 La Commissione dei Diritti delluomo adotta la Risoluzione tesa alla costruzione, in Tunisia di uno stato di diritto democratico rispettoso del pluralismo politico e rispettoso di tutti i Diritti Umani universali e delle libertà fondamentali consacrati dal diritto internazionale.

35 50° anniversario Questanno ricorre il 50° anniversario della Carta Sociale dei Diritti delluomo, Il gruppo trasversale sulluguaglianza donne-uomini evidenzia che luguaglianza dei sessi fa parte dei Diritti Umani e che è un obiettivo della democrazia partecipativa. Si parla di trasversalità partecipativa, vale a dire che una specifica commissione sulluguaglianza debba essere presente nei vari gruppi e commissioni parlamentari per difendere i diritti delle donne atteso che luguaglianza è una questione giuridica oltre che economica e sociale: essenzialmente luguaglianza appartiene ai Diritti delluomo e fa parte integrante del lavoro del Consiglio dEuropa.

36 La Commissione Parlamentare sulle Pari Opportunità donne uomini è molto importante perché le OING hanno la possibilità di discutere e collaborare con i Parlamentari sul tema delluguaglianza. In particolare si evidenziano i risultati della Risoluzione 1635 del 2008: combattere la violenza contro le donne (convenzione del Consiglio dEuropa).

37 Convergenza E stata evidenziata una convergenza tra il programma del Consiglio dEuropa del 2011 e le azioni effettuate dalla Conferenza delle OING, come ad esempio: Leducazione alla Cittadinanza democratica e ai Diritti dellUomo visti anche nellottica dei media; Promozione ed educazione al dialogo interculturale; Promozione della buona governance attraverso il Codice delle buone pratiche per la partecipazione della società civile; Affermazione delluguaglianza donne-uomini, promozione della parità di trattamento economico donne- uomini, uguaglianza dei diritti delle persone vulnerabili.

38 La VISIONE BPW Partecipazione egualitariaPartecipazione egualitaria delle donne e degli uomini al potere e nel prendere decisioni distretto nord est 38

39 Che cosa significa essere una BPW ? Ogni donna, come cittadina, deve contribuire alla politica nazionale del suo paese, con il suo pensiero progressista e costruttivo a cui faccia seguito unazione decisa. Ogni donna deve dedicarsi a proteggere ed a promuovere gli interessi di tutte le altre donne negli affari e nelle professioni. distretto nord est 39

40 Chi sono le donne BPW ? I suoi membri sono influenti donne leader, imprenditrici, dirigenti, professioniste, artiste e giovani donne in carriera. Dal 1996 i Paesi affiliati BPW di tutto il mondo hanno aiutato più di donne a diventare economicamente indipendenti. 40

41 Che cosa fa la BPW International? La BPW International sviluppa La BPW International sviluppa il potenziale professionale e di leadership delle donne a tutti i livelli tramite il mentoring, la rete, la formazione professionale ed i programmi e progetti di empowerment economico nel mondo distretto nord est 41

42 Progetti BPW per aiutare le donne a distretto nord est 42 Acquisire una cultura di genere Inserirsi nel mondo del lavoro Avviare e promuovere la loro attività o professione Tutelare i propri diritti Superare i loro limiti Promuovere l'istruzione e la salute delle donne

43 ONU Nel 2006 è stata sostenuta una campagna per lelezione di una donna a Segretario Generale dell Onu tramite una raccolta internazionale di firme via posta elettronica. distretto nord est 43

44 Formulare lObiettivo della BPW Sviluppare il potenziale professionale e di Leadership delle donne a tutti i livelli distretto nord est 44

45 Il potere BPW di fare la differenza per la Leadership è nel riconoscere le donne leaders che contribuiscono alla prosperità dei loro paesi, delle loro comunità, delle loro imprese. distretto nord est 45

46 Il potere BPW di fare la differenza con il sostegno nel riconoscere i paesi membri che riescono, attraverso il sostegno alle iniziative delle donne, a cambiare la legislazione per le donne che lavorano. distretto nord est 46

47 Il potere BPW di fare la differenza Attraverso lazione nel riconoscere i progetti BPW validi che aiutano le donne ad aiutare se stesse distretto nord est 47

48 siti internet Oggi i sistemi elettronici ci consentono un accesso facile e veloce ad informazioni che fino a 10 anni fa erano impensabili e ci consentono di essere in un network che ci apre ogni giorno dei nuovi mondi ricchi di continue opportunità. E il network della BPW ci consente di conoscere persone, realtà, ricevere nuovi stimoli e vivere un clima fertile e vivace … anche con un semplice collegamento via internet!

49 siti internet

50 XXVII Congresso BPWI

51 Helsinki 17 – 21 giugno 2011

52 52 Grazie per lattenzione Elisabetta Gregoric Dottore di ricerca Responsabile Commissione Rapporti con la BPW Internazionale Delegata al tema internazionale Distretto Nord Est Italia


Scaricare ppt "1 Il potere di fare la differenza attraverso ladvocacy e lazione Mestre 26 febbraio 2011 Elisabetta Gregoric Dottore di ricerca Responsabile Commissione."

Presentazioni simili


Annunci Google