La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Sociologia della famiglia Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2007-2008 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 5.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Sociologia della famiglia Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2007-2008 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 5."— Transcript della presentazione:

1 1 Sociologia della famiglia Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 5

2 2 Il matrimonio e la coppia Definizione: Una unione fra un uomo e una donna realizzata in modo tale che i figli partoriti dalla donne siano riconosciuti come figli legittimi dei coniugi Il matrimonio è una struttura di genere complementare e asimmetrica

3 3 A cosa serve un matrimonio? 1- a stabilire la paternità e la filiazione legittima di conseguenza : vi è una preminenza nella finalità generativa con conseguenze specifiche per le donne 2- a creare alleanza fra gruppi con conseguente scambio delle donne, ovvero gli uomini scambiano e le donne circolano.

4 4 Le regolamentazioni del matrimonio Il matrimonio è un ambito di intensa regolamentazione e di conflitti di competenza. Dal XII secolo il controllo è della Chiesa Dal 1800 con il codice napoleonico il matrimonio è un contratto fondato su una gerarchia di genere.

5 5 Il matrimonio oggi Lamore come fonte di legittimazione del matrimonio. Ideologia dellamore romantico che convive con una forte omogamia sociale e endogamia geografica (criteri di somiglianza)

6 6 Una relazione di coppia paritaria dunque? Parità ideale e specializzazione dei ruoli, con una forte asimmetria di genere. Lideologia dellunità e dellintimità subordina lidentità sociale della donna a quella di moglie. La moglie del dipendente è utile anche alle aziende – ricerca R. Moss Kanter.

7 7 Primo passaggio: una affettività de-erotizzata Nel passaggio al matrimonio romantico, affettività resta scissa da erotismo e sessualità. La creazione di uno spazio per la coppia ha in realtà prodotto la creazione del posto della donna Es. di femminilità e morale domestica: il modello vittoriano ed il modello della sposa come madre cattolico

8 8 Secondo passaggio: unità di coppia anche erotica Sfera delleros come terreno proprio di incontro e di esistenza della coppia. la vita delluomo diviene interesse della donna e lamore della donna il sostegno e la molla della vita delluomo

9 9 Terzo passaggio: dalla fusionalità alla negoziazione Il matrimonio conversazione: trasformazioni di costume ed emancipazione femminile richiedono alla coppia continue contrattazioni su spazi, diritti, responsabilità.

10 10 Modelli di matrimonio I primi decenni del novecento sono definiti età doro della nuzialità. Anche in Italia ma con ritardo a causa della più lenta industrializzazione. Dagli anni 60 inversione di tendenza: meno matrimoni e rialzo delletà.

11 11 Modelli di matrimonio Separazione fra sessualità e procreazione e fra sessualità e matrimonio Ideale della parità tra i sessi Amore e sesso base della coppia, indipendentemente dal matrimonio Uguaglianza e dualità

12 12 Modelli di matrimonio Convivono oggi diversi modelli di matrimonio: alleanza, combinato, fusionale, simmetrico, asimmetrico, ecc. Il rapporto si costruisce e si modifica nel tempo, sulla base di circostanze interne ed esterne Una de- istituzionalizzazione socialmente accettata

13 13 Convivenze more-uxorio In continuo aumento Per le coppie eterosessuali: in alternativa al matrimonio Per le coppie omosessuali: perché non hanno alternativa Da rito di passaggio a rito di conferma soprattutto fra i giovani ma vale anche per diverse persone adulte Maggiore autonomia ed eguaglianza entro la coppia

14 14 LINSTABILITA CONIUGALE: separazioni e divorzi Andamento nel tempo: fenomeno contenuto fino agli anni 50, dal 1965 il fenomeno raddoppia, triplica in alcuni Paesi (Svezia). Comparazione con altri paesi: In Italia il divorzio viene introdotto tardi (1970) ed è ancora oggi un fenomeno meno diffuso che in altri Paesi occidentali

15 15 Tasso di divorzio in Europa, (n. divorzi x 1000 abitanti) Fonte: Council of Europe, Demographic Yearbook 2003 Italia

16 16 Regolazione giuridica: un processo a due stadi Peculiarità italiana per separazione e divorzio Separazione: è un istituto che attenua ma non elimina il vincolo coniugale, perciò lo stato civile non cambia (dal 1865) Divorzio: Decreta lo scioglimento definitivo di ununione matrimoniale già cessata con la separazione cessazione degli effetti civili (dal 1970)

17 17 Regolazione giuridica in Italia –1970: Introduzione del divorzio (da divorzio sanzione a divorzio rimedio) 1974: referendum popolare per labrogazione della legge sul divorzio 1975: riforma del diritto di famiglia (viene eliminata la separazione per colpa, sussiste ancora laddebito) –1987: Riforma del divorzio, da 5 a 3 anni di separazione per ottenere il divorzio

18 18 Che tipo di separazione si sceglie? –Consensuale: accordo tra i coniugi successivamente ratificato dal giudice con lomologazione - 85,2% dei casi (dato 1999) –Giudiziale: procedimento contenzioso promosso su domanda di uno dei due coniugi, seguito da una fase istruttoria e dal pronunciamento sentenza di separazione - 14,8% casi (dato 1999)

19 19 Fonte: Istat, 2005

20 20 Caratteristiche del fenomeno in Italia QUALI COPPIE si separano? Appartenenza di ceto (+ ceti più istruiti) Area geografica (+ centro-nord) Partecipazione al mercato del lavoro (relazione con occupazione femminile) Figli (ostacolo alla rottura del matrimonio)

21 21 Laffidamento dei figli Allinizio del 900 i figli erano prima di tutto affidati al padre... Da chi sono mantenuti? E previsto un assegno di mantenimento attraverso il quale il coniuge non affidatario contribuisce Quali relazioni mantengono con i genitori dopo la separazione e il divorzio? Molti padri abbandonano. Il ruolo del ceto sociale nel mantenimento dei rapporti padri-figli

22 22 Criteri per laffidamento –I figli vengono affidati scegliendo in base al criterio del miglior interesse del minore, dunque affidati al genitore più idoneo ad allevarli –Il giudice decide a quale coniuge affidarli e regola i rapporti con quello non affidatario (visite, contribuzione al mantenimento, istruzione ed educazione) –Il coniuge affidatario ha lesercizio esclusivo della potestà, ma le decisioni di maggiore interesse vanno prese con laltro genitore –La casa di famiglia viene solitamente assegnata al coniuge affidatario

23 23 Affidamenti dei figli in caso di separazione in Italia, 1994 e 2003 Tot. Minori affidati Affidati al padre Affidati alla madre Affido congiunto/ alternato Ad altri (val. assoluto) 6,4%92%1,2%0,4% (val. assoluto) 3,8%83,9%11,9%0,4% Fonte: Istat,


Scaricare ppt "1 Sociologia della famiglia Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2007-2008 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 5."

Presentazioni simili


Annunci Google