La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Organizzazione sociale. La maggior parte dei primati trascorrono le loro vite in grandi gruppi sociali. Nel caso della specie semi-terrestri, quali i.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Organizzazione sociale. La maggior parte dei primati trascorrono le loro vite in grandi gruppi sociali. Nel caso della specie semi-terrestri, quali i."— Transcript della presentazione:

1 Organizzazione sociale

2 La maggior parte dei primati trascorrono le loro vite in grandi gruppi sociali. Nel caso della specie semi-terrestri, quali i babbuini, vivere in grandi comunità assicura la protezione contro i predatori. Inoltre contribuisce a proteggere le risorse limitate dell'alimento. Ciò è particolarmente vero quando il cibo è costituito da frutta. I mangiatori do foglie, quali le scimmie colobo ed i langurs, tendono a formare i più piccoli raggruppamenti sociali poiché c'è poca competizione per il loro alimento. Le molto poche specie notturne di primati sono principalmente piccoli e relativamente cacciatori solitari. La maggior parte delle comunità di primati non umani sono più o meno chiuse ai contatti con i membri di altre comunità. Nella maggior parte dei casi, sono legate ad un particolare luogo e raramente si spostano dalla loro area. Questa indifferenza agli altri branchi impedisce alte concentrazioni di individui che provocherebbe il rapido esaurimento delle risorse locali. Le comunità solitamente si evitano e sono aggressive verso gli stranieri. Di conseguenza, le interazioni sociali fra i membri di branchi differenti sono solitamente molto rare, particolarmente per le femmine. Gli scimpanzé costituiscono una notevole eccezione. Quando scimpanzé di differenti branchi vengono a contatto, ci è spesso un eccitante e amichevole incontro che dura parecchie ore, in seguito a ciò, alcune delle femmine adulte cambiano gruppo. Le interazioni all'interno delle comunità di primati sono solitamente illimitate. Tutti i membri di una comunità hanno una comunicazione casuale quotidiana. Il tipo più comune di sottogruppo è costituito da una madre e dalla sua prole giovane. In alcuni primati viventi in foresta, il contatto fra i gruppi della stessa specie avviene sotto forma di un comportamento territoriale specializzato nella difesa. Invece di evitarsi, i gruppi convergono attivamente vicino al loro limite territoriale comune e fanno le esposizioni ostili. Le scimmie, gli indris, i siamangs ed i gibboni producono a questo fine vocalizzazioni particolarmente forti. Ciò è una forma essenzialmente inoffensiva di aggressione ritualizzata, intesa a intimidire i membri della comunità vicina. Tutti e quattro queste specie vivono in aree che sono solitamente così piccole che le risorse alimentari dei territori vicini possono essere viste e diventare attraenti.

3 VARIATION IN GROUP SIZE AND COMPOSITION: Group composition is determined by the following factors: 1) Mating System: One male or many males? One female or many females? monogamous: one breeding female mates with one breeding male and vice versa polyandrous: breeding females mate with more than one male and breeding males mate with only one female polygynous: breeding males mate with more than one female and breeding females mate with only one male polygynandrous: breeding males mate with more than one female and breeding females mate with more than one male

4 2) Philopatry: Who leaves the group on reaching adulthood? female philopatry (e.g. most cercopithecines) male philopatry (e.g. chimpanzees) bisexual dispersal (e.g. lemurs – the norm for primates) 3) Cohesion or Fission- Fusion: Group stays together all the time or splits into subgroups? cohesion: most diurnal & cathemeral primates fission-fusion: e.g. chimpanzees, spider monkeys, ruffed lemurs

5 Modelli di organizzazione sociale Fanno eccezione gli esseri umani dove le diverse società umana solitamente definisce uno di loro come accettabile e condanna gli altri. Soltanto il modello multimale-multifemale non viene praticato. Mentre esiste variabilità fra specie, vi è pochissima variabilità all'interno di ogni specie, che adottano generalmente solo uno dei sei modelli di base: 1. Solitari / femmina e figli (s ingle female and her offspring) 2. gruppo familiare monogamo (monogamous family) 3. gruppo familiare poliandrico (p olyandrous family) 4. gruppo costituito da un maschio e alcune femmine (o ne-male- several-female) 5. gruppo costituito da più maschi e più femmine (multimale- multifemale) 6. società di fissione-fusione (fission-fusion)

6 Social Group PatternPrimate Species Following This Pattern Single female and her offspring orangutans, some of the small nocturnal prosimians, and some humans Monogamous family groupsome New World monkeys (titi monkeys), some prosimians (indris, tarsiers, and some pottos), the small Asian apes (gibbons, siamangs), and some humans Polyandrous family groupthe smallest New World monkeys (marmosets and tamarins) and some humans One-male-several-female group hamadryas baboons, geladas, langurs, howler monkeys, gorillas, and some humans Multimale-multifemale group savanna baboons, macaques, colobus, and some New World monkeys Fission-fusion societyChimpanzees

7 Solitari / femmina e figli (single female and her offspring) È piuttosto raro. Si trova fra gli oranghi e tra alcune piccole proscimmie notturne (per esempio, il galago). I maschi adulti conducono la loro vita principalmente da soli. Hanno generalmente grandi territori, che si sovrappongono con quelli di molte femmine, con le quali vengono in contatto per l'accoppiamento.

8 Monogamous groups I gruppi monogami consistono di un maschio e di una femmina adulti con la loro prole. Quando crescono, i figli si allontanano per generare le proprie famiglie nucleari.

9 Gruppo familiare poliandrico (polyandrous groups) Le unità possono includere più di un maschio adulto, che aiuta nell'allevamento della prole e si può accoppiare con la femmina.

10 Uni-male / Multi-female groups ("harem" groups) In questi gruppi ad un solo maschio corrispondono più femmine, con cui il maschio si accoppia regolarmente. Le femmine imparentate costituiscono il nucleo stabile della comunità. Le comunità di gorilla, poco soggette al rischio di predatori, consistono di un singolo maschio adulto dominante, delle sue compagne e dei piccoli. Quando i maschi raggiungono la maturità, sono allontanati dal maschio dominante.

11 In aperta prateria, il rischio di predazione è maggiore. Le comunità sono molto grandi e spesso consistono di un certo numero di famiglie poliginiche. I maschi sono i membri dominanti, controllano le femmine sessualmente mature e proteggono la comunità dai predatori.

12 Multimale-multifemale group È il modello più comune fra i primati semi-terrestri. Non ci sono legami eterosessuali stabili. È caratteristico dei babbuini della savana, dei macachi, di alcuni colobi e delle scimmie del Nuovo Mondo. Esiste una dominanza gerarchica sia fra i maschi sia fra le femmine. Ciò tende a ridurre i contrasti all'interno della comunità. Gli individui di rango superiore vengono chiamati alfa. Fra i macachi rhesus, la posizione di ciascuno nella gerarchia determinata dal rango della madre. Le femmine restano all'interno della loro comunità natale, di cui formano il nucleo stabile, e si coalizzano per difenderla dalle altre femmine. Il loro rango rimane invariato per tutta la vita. I maschi da adulti lasciano la comunità natale. Si uniscono ad altre dove acquisiscono il livello più basso della gerarchia, per trovare compagne. I maschi alfa solitamente si accoppiano più spesso di altri. Tuttavia, le femmine più giovani si allontanano spesso furtivamente per accoppiarsi con i maschi più in basso nella gerarchia.

13 Società di fissione-fusione (fission-fusion) Le dimensioni e la composizione del gruppo cambiano periodicamente. È il modello sociale tipico degli scimpanzé, in altre specie si può solo avere il cambiamento di comunità di giovani adulti (macaca rhesus, talvolta alcuni langur e babbuini). Le femmine, particolarmente quando sono in estro, cambiano affiliazione. I maschi costituiscono il nucleo relativamente stabile della comunità poiché raramente si uniscono ad altre truppe. Anchessi tuttavia vagano occasionalmente fuori e compiono scorrerie da soli o con alcuni altri maschi. Questo modello di organizzazione sociale rende generalmente ampie le relazioni fra le comunità di scimpanzé, che riconoscono parenti ed amici in varie truppe vicine. Quando le comunità di scimpanzé si incontrano, solitamente si scambiano saluti amichevoli. Tuttavia, esistono anche conflitti tra comunità e all'interno di ogni gruppo i maschi sono spesso coinvolti in attività e macchinazioni, o intimidazioni fisiche allo scopo di salire nella gerarchia. Sviluppano alleanze di breve durata con altri maschi per il sostegno reciproco, la suddivisione del cibo e la scalata della gerarchia. Queste strategie sono efficaci e infatti non sempre i maschi più grandi e più forti si trovano in posizione gerarchica elevata.

14 Advantages of living in groups: Predator avoidance - Group defence – e.g. mobbing behaviour - "Selfish herd" dilution effect - Vigilance is shared Co-operative care of young - e.g.- paternal care in the callitrichids; - barbary macaques (care for infants in order to enhance their social status); - "aunties" relatives of mothers care for infants

15 Co-operative hunting (rare in primates) - chimpanzees hunt red colobus - baboons hunt small antelopes (although less co-operation) Potential mates in group Shared knowledge - foraging efficiency may be improved for clumped resources - learning which plants are palatable - how to manipulate foods (e.g. different tool cultures in different chimpanzee and capuchin monkey populations) - social skills Limited resources, - both mates and food, can be better defended against groups of conspecifics

16 Disadvantages of living in groups: Predation: Groups are more conspicuous to predators Competition: Competition over food and other resources (mates) is increased Diseases: Risk of infectious diseases increases

17 Female distribution and group structure: Females are primarily selected to maximise access to food resources, as the ability for a female to pass on her genes is directly linked to the number of offspring she can rear (or help to rear). Further factors are the avoidance of danger, i.e. predation, but also aggression from males towards the females and their offspring. Balancing these factors determines the ideal group structure from a female perspective.

18 Female distribution and group structure: female distribution determined by food distribution females should defend food female feeding strategies are affected by food quality, food distribution and seasonal food availability

19 Male distribution and group structure: Males are primarily selected to maximise access to females, as males will pass on more genes by fertilizing as many females as possible: male distribution determined by female distribution males should defend females

20 Male distribution and group structure: e.g. If females are feeding on evenly distributed resources like leaves, then there is little potential for monopolization by males, as the females are spread out. If females are feeding on patchily distributed resources like fruit, then there is a high potential for monopolization by males, as the females will be clumped together.

21 Riproduzione e Cure Parentali

22 Le cure parentali sono ampiamente diffuse in natura e costituiscono uno degli esempi più semplici di comportamento sociale. La condivisione di geni tra genitori e figli rende le cure parentali un mezzo efficiente per la propagazione del patrimonio genetico dellindividuo. L investimento parentale aumenta la probabilità che un figlio sopravviva fino a riprodursi, a scapito della probabilità di riprodursi del genitore. Il tempo e lenergia sono risorse limitate. È possibile avere molti figli cui dedicare poche cure (strategia r), o pochi figli con molte cure (strategia k).

23 GRAVIDANZA: generalmente lunga. INFANZIA: Fase sempre più lunga passando dalle proscimmie alluomo. FASE GIOVANILE: fino alla pubertà e oltre. FASE ADULTA: è la fase più variabile in lunghezza.

24 PARTO 1)contrazioni orizzontali dellutero allargano il canale pelvico. Questo può cominciare o meno con la rottura delle acque; 2)contrazioni longitudinali espellono linfante. È solo a questo punto che la madre può aiutare il processo di nascita piegandosi volontariamente; 3)espulsione della placenta e generalmente, dopo il terzo stadio la madre mangia la placenta (per nutrimento in un momento cruciale e per eliminare odori)

25 Differenze legate al sesso I maschi sono generalmente più giocosi e sociali, per cui la madre deve spendere più tempo con loro. Le femmine dominanti sono particolarmente aggressive nei confronti delle piccole, per cui le madri proteggono maggiormente le figlie; Poiché la principale causa di morte delle femmine piccole è laggressione da parte di femmine dominanti, le scimmie di rango inferiore hanno solitamente più figli maschi.

26 RICONOSCIMENTO I piccoli di molte specie generalmente presentano un colore del pelo differente da quello degli adulti; lodore gioca un ruolo importante nel riconoscimento dellinfante; i piccoli che si sono persi od in pericolo fanno rumore; lesperienza gioca un ruolo considerevole. Nel mondo animale, tutti i piccoli hanno grandi teste rotonde, grandi occhi, piccoli nasi, menti e gambe.

27 RIFLESSI NEONATALI AFFERRARE GATTONARE SUCCHIARE APPIGLIARSI Alcuni primati non sono i grado di farlo completamente:la madre gorilla deve aiutare il piccolo con una mano Durante i primi stadi i piccoli primati hanno qualche riconoscimento della madre, quali calore e piacere, e ne riconoscono la voce e lodore.

28 ALLATTAMENTO Lallattamento è il periodo di maggior richiesta delle energie materne. La madre ha necessità nutrizionali maggiori, in special modo di ferro e calcio. La composizione del latte varia tra specie. La durata dellallattamento può variare da pochi mesi a 3-5 anni. Anche la frequenza delle poppate varia tra le diverse specie: i piccoli dei primati fanno una poppata ogni 20 e cercano il capezzolo come conforto tra una e laltra.

29 Le scimmie allevate in isolamento o separate dalla propria madre vanno incontro alla cosiddetta sindrome da deprivazione, che comprende apatia, irrequietezza motoria, movimenti forzati, aggressività eccessiva e mal diretta. In particolare: posture sessuali infantili, rifiuto dellaccoppiamento, maltrattamento ed abuso dei piccoli fino alla loro uccisione. Un tempo si pensava che fosse la ricerca di cibo a guidare lattaccamento del piccolo alla madre, ma prevale la richiesta di sicurezza, specialmente in situazioni insolite. Gli individui cresciuti senza madre mostrano comportamenti anormali: stanno accucciati in un angolo; hanno difficoltà ad accoppiarsi: i maschi montano con un orientamento sbagliato; le femmine tendono a rifiutarsi; se hanno una gravidanza, le femmine generalmente rifiutano i piccoli mandandoli via, anche con violenza (nonostante i maltrattamenti i piccoli sviluppano attaccamento nei confronti della madre); le madri migliorano il comportamento con i figli successivi: imparano dallesperienza.

30 Gli elementi della cultura: idee, memi, mnemi, semi…

31 Le modalità di apprendimento: individuale; sociale: per imitazione; per insegnamento diretto. Secondo gli psicologi sperimentali, identificazione, comprensione dell'obiettivo, conoscenza di sfondo sono condizioni necessarie per l'imitazione. Al contrario, secondo Frans de Waal, è dubbio se vi sia la comprensione degli obiettivi: Le motivazioni sottostanti l'apprendimento sociale affonderebbero le radici nelle emozioni sociali e nel conformismo.

32 Lapprendimento sociale si avvale della: 1.Comunicazione non verbale, o linguaggio corporeo, o zoosemiotica; 2.Comunicazione verbale; 3.Comunicazione scritta.

33 Una continuità tra lanimale e luomo è stata rintracciata nella funzione comunicativa del corpo: nel cosiddetto linguaggio non verbale o linguaggio corporeo. Thomas Sebeock (1963), linguista e antropologo delluniversità dellIndiana, ha studiato i sistemi di segnali nelle specie animali: le espressioni facciali, i gesti, le posture, lutilizzo dello spazio, la prossemica, lolfatto e le emissioni sonore, e li ha classificati con il termine zoosemiotica. Studi più recenti hanno classificato i comportamenti comunicativi di animali e uomini in base al principio esplicativo e unificatore della teoria dellevoluzione. Ma già Darwin (The expression of the emotions in man and animals, 1872) aveva mostrato una continuità dagli animali alluomo nelle espressioni delle emozioni. Liscrizione della comunicazione umana nella filogenesi permette di fare ipotesi sui meccanismi di adattamento degli esseri umani.


Scaricare ppt "Organizzazione sociale. La maggior parte dei primati trascorrono le loro vite in grandi gruppi sociali. Nel caso della specie semi-terrestri, quali i."

Presentazioni simili


Annunci Google